• Home
  • Step 3
  • 026 – Il Tempo – Prendi coscienza del tuo Tempo (2 parte)

026 – Il Tempo – Prendi coscienza del tuo Tempo (2 parte)

Questo articolo è disponibile anche in formato Audio, se desideri ascoltarlo clicca qui

Pagina 1 su 7

Per potersi evolvere in questa dimensione bisogna prendere coscienza del proprio Tempo.

Nell’attuale vita moderna l’evoluzione spirituale sta venendo soffocata dall’eccessiva frenesia che tutti scelgono di avere sin da giovani. Senza che ce ne rendiamo conto, i nostri anni di vita ci vengono portati via e noi, del tutto ignari, permettiamo che questo accada perché non abbiamo tempo di riflettere su quello che sta succedendo. Ogni giorno rincorriamo il tempo concedendogli il lusso di soffocare le nostre menti. Non c’è tempo! Le nostre Coscienze stanno rischiando di morire!

La cognizione del tempo è molto importante per renderti conto se stai sprecando troppe possibilità della tua vita o se la stai consumando abbastanza bene. La strana repellenza che ci viene quando pensiamo al Tempo non è normale, tantomeno l’angoscia che ci viene pensando di non avere tempo, proprio mentre ne stiamo sprecando un sacco. Principalmente dobbiamo concentrarci sul comprendere come usare il nostro tempo affinché non voli via senza che nemmeno ce ne rendiamo conto; infatti, osservando il tempo, ti renderai più cosciente di quali siano i meccanismi che te lo fanno sprecare e disperdere in un lampo.
Chiariamo sin da subito che dobbiamo smettere di giustificarci ogni giorno e persino ogni anno con la solita scusa: “Io lavoro e non ho tempo per fare altro”. Tutti lavoriamo e tutti abbiamo 24 ore di tempo, è inutile fingere di essere diversi e di essere gli unici al mondo a non avere tempo: siamo tutti nello stesso casino. La differenza sta nel decidere di utilizzare il “poco” tempo che ci rimane per fare qualcosa di utile e produttivo, invece di sprecarlo a non fare niente, per lamentarci poi di averne troppo poco ed essere gli unici a patire questa sofferenza. Non a caso, quando ti rendi conto di avere troppo tempo, accendi la tv o ti distendi al letto prima che scocchi l’ora, perché non sai come consumare il tempo di troppo. Questo succede perché non hai le idee chiare su ciò che vuoi fare della tua vita. Sapendo quindi che non sei l’unico a lavorare e non sei l’unico ad avere poco tempo giornaliero a disposizione, riconosci che le scuse le stai dando a te stesso, perché di fatto non devi fare il favore a nessuno: se sprechi tempo è solo un problema tuo. Il fatto che ogni giorno cerchi scuse per giustificarti con te stesso non lo trovi un po’ strano? Perché la tua mente si impegna così tanto a giustificarti di non avere tempo, a farti credere che sia giusto passare le giornate dal lavoro al divano, dalla sedia al letto? Di sicuro perché non è la tua Coscienza a parlare, ma la voce di qualcosa che vuole tenerti molto basso e sottomesso.

Se decidi di superare l’idea che tu non possa mai fare nulla nella vita perché lavori, cosciente di doverlo fare per te stesso e non per fare un favore agli altri, allora puoi riflettere su cosa vorresti dalla tua vita. Era questo il futuro che sognavi? Tutto ciò che hai sempre desiderato si limitava all’alzarsi presto la mattina e tornare tardi la sera per via del lavoro, senza concludere nient’altro? Se la tua visione della vita è limitata a questo, allora non c’è altro da aggiungere. Se invece sei convinto che il lavoro ti serva per mantenerti e avere la possibilità economica di concretizzare i tuoi reali desideri, ma che non sia lo scopo della tua vita, allora è un passo in avanti. Ciò non toglie che il lavoro che fai potrebbe piacerti e anche molto, ma questo non significa che non potrai mai fare nient’altro nella vita. Questo discorso non deve farti venire strane idee, ma farti comprendere che, oltre al lavoro, puoi avere altri motivi per svegliarti presto la mattina. In fondo, il motivo per cui rimani a dormire sino a tardi l’unico tuo giorno di riposo, o per cui ogni giorno lo passi a perdere tempo quando potresti fare altro, è perché non hai alcun motivo che ti spinga ad agire, non hai idea di che cos’altro fare. Risolvendo il problema di fondo risolverai la maggior parte dei problemi. In seguito, parleremo di come riuscire ad avere tempo per realizzare il tuo progetto, lavoretto, hobby o quello che vuoi fare durante le ore libere della giornata.

Iniziamo con il toglierci dalla testa il gravissimo blocco di credere che bisogna fare subito tutto o niente, perché in tutti questi anni di vita non hai risolto niente con quest’idea, quindi inizia a renderti conto che sia sbagliata. Tutti vorremmo tutto e subito, ma questo non è fattibile, perché per ogni cosa ci vuole tempo.

Pagina 2 su 7

Sarebbe come decidere di rimandare la meditazione a quando avremo 70 anni, sapendo che così, stando in pensione, avremo tempo di meditare per 20 ore al giorno senza altri impegni, così da evolverci in un batter d’occhio. Davvero ci credi? Oppure ti rendi conto che è un rimando assolutamente inutile e folle, perché a 70 anni, se ci arrivi, non starai di certo pensando a meditare, ma avrai ben altri pensieri per la testa. Per la stessa ragione non rimandare i tuoi progetti a “quando sarai libero”, perché quando sarai libero, se mai lo sarai, avrai ben altri progetti e idee e non è detto che ne realizzerai qualcuna. Proprio come non rimanderesti la meditazione ai 70 anni, non rimandare i tuoi lavoretti o idee di oggi all’anno prossimo, perché è certo che non le farai. Questo è uno spreco, perché tu non sei stato creato come una macchina che non ha futuro, ma sei nato per poter scegliere di diventare qualcuno. Prendi in mano la tua vita e diventa cosciente dell’età che hai: non vedi come passano veloci gli anni? Non senti quel vuoto, quella mancanza, che nonostante tutto manchi ancora qualcosa? Non soffocare quel sentimento ma ascoltalo, comprendilo, perché ha molto da dire. Rispetta il tuo tempo perché non è molto, usalo per realizzare i tuoi desideri: abbi desideri! Accorgiti di quanto sia vuota la vita senza desideri, che senso ha vivere?

Tu solo puoi sapere cosa desideri, ci sono tantissime cose che potresti voler fare, dai lavoretti più piccoli in casa a desideri più grandi rinchiusi nel cassetto che hai sempre ignorato per paura di non essere all’altezza. Sarebbe inutile iniziarli tutti insieme, non riusciresti a contenerli, perciò prendine uno sentendo quale in questo momento potrebbe essere il più giusto e poi deciditi a realizzarlo: fallo per te stesso. Non devi rendere conto a nessuno di quali siano i tuoi desideri, non importa se agli altri non interessano o se potrebbero screditarteli, sono i tuoi e vale la pena realizzarli. Pensa a quel lavoretto che da tanto volevi fare, perché è arrivato il momento di spezzare la catena dei rimandi. Sia chiaro, rimane una tua scelta decidere di agire ora, o rimandare ancora: ciò che conta è che tu ti senta a posto con te stesso. Se senti un vuoto che non sai come colmare, allora metti da parte le tue maschere e renditi conto che stai sprecando molto tempo della tua vita che potresti sfruttare seriamente. Quando hai deciso quale progettino iniziare, renditi cosciente e accetta una volta per tutte che non puoi pretendere tutto e subito, ma devi fare un pochino per volta per ottenere alla fine un progetto concluso. Non puoi fare tutto e subito, non ci riesci ed è inutile rimandare, convinto che un giorno avrai i super poteri di concludere i progetti rimandati da anni in un singolo minuto. Piuttosto inizia già da ora, così, lavorando un po’ ogni giorno, riuscirai a concludere il progetto tra qualche mese, o anche fosse a fine anno intanto lo avrai finito, al contrario di quanto sarebbe successo se non avessi mai incominciato. Non avere fretta, non ti porterà a nulla, esattamente come non ti ha mai portato a nulla il rimando continuo. Datti un tempo limite per concludere il progetto, motivandoti così a lavorarci un pochino ogni giorno, in modo tale da riuscire a mantenere la costanza e non sprecare tempo. Abbi progetti e inizia da ora a lavorarci, perché le soddisfazioni che arriveranno a progetto concluso saranno meglio del previsto. Ora che hai un progetto, inizia una nuova abitudine nella tua routine.

Quindi impara ad avere rispetto del tuo tempo. Quando torni a casa dal lavoro non buttarti subito nel divano, perché più riposi, più avrai voglia di riposare e di sprecare tempo. Non c’è tempo per poltrire!
Ogni volta che ti butti sul divano, stai decidendo di perdere almeno mezz’ora di tempo, poi vedrai di avere “soltanto” un’oretta libera e così deciderai di sprecare anche quella perché troppo poca per iniziare qualche lavoretto. Ogni giorno si ripete la stessa storia. Inizia a contare i mesi rimasti che compongono questo anno, per renderti conto se vuoi davvero sprecare un altro anno della tua vita. Probabilmente stai leggendo questo articolo quando sarà già giugno o luglio, pensando che ormai sei arrivato a metà anno e non ci sia più tempo di iniziare un progetto, che sia meglio aspettare a gennaio dell’anno prossimo. Perché quest’idea? Perché ti è stata imposta. Se guardi i fatti, gennaio non ha nulla di speciale in più di quanto potrebbe avere un agosto o un novembre.

Pagina 3 su 7

Il fatto di rimandare a gennaio è solo un metodo inconscio che ci hanno inserito per farci rimandare tutto l’anno all’anno prossimo, così che già da febbraio inizieremo a pensare che ormai non sia più inizio anno, quindi che non ci sia più tempo per iniziare una nuova abitudine. Toglitelo dalla testa. Iniziare a gennaio non ti offre nessun bonus o miglioramento in più, in realtà non ti offre proprio niente di nuovo. Perciò non guardare quanti mesi sono passati ma guarda quanti mesi hai ancora a disposizione per concludere qualcosa di buono entro l’anno. Non prenderlo come uno scherzo, guarda realmente quanti mesi ancora hai a disposizione e inizia subito un tuo progetto o un lavoro che rimandavi da tanto, perché in tutti questi mesi puoi realizzare qualcosa di molto bello!

Prendendo coscienza del tempo che hai a disposizione, inizia a rispettarlo per te stesso, scegliendo di utilizzare ogni giorno quell’oretta che possiedi libera, per concretizzare qualcosa di buono. Il tuo desiderio chiaramente potrebbe anche essere spirituale, ma sto dando per scontato che, oltre all’ora di meditazione che dedichi ogni giorno, tu abbia anche altre idee che siano spirituali e materiali, perché sii certo che il tempo ce l’hai, devi solo iniziare a sprecarne di meno. Se prendi davvero una decisione simile, ti renderai conto di come il tempo inizierà a sbucare fuori durante il giorno, lasciandoti la possibilità di sfruttarlo oppure di sprecarlo, convinto ormai che ora hai tanto tempo e puoi concedertelo. In realtà, ciò che ti mancava non era il tempo ma la motivazione di usare bene il tempo che avevi. Tutti hanno la giornata piena di impegni e occupano dalle 8 alle 12 ore giornaliere al lavoro, ma ci sono altre 12 ore che puoi decidere di usare. Nessuno ti impedirebbe di dormire, ma se tu avessi una forte e bella motivazione, ti alzeresti prima o dormiresti qualche oretta in meno senza nessuna fatica, perché avresti il desiderio di utilizzare quelle ore per fare qualcosa di molto più produttivo. Poi vedresti che, se avessi una vera motivazione per concretizzare un obiettivo che a te piace tanto, o che ti sarà utile con l’andare del tempo, non sarà più così stancante alzarti prima o evitare di perdere tempo sul divano facendo finta di riposare, perché sapresti bene che al risveglio non ti sentiresti riposato, bensì più stanco di prima. Quindi, ciò che ti manca è la motivazione: se hai quella, hai la forza di fare qualunque cosa.

Ma perché, anche quando vorresti davvero occuparti di un tuo progetto, il tempo sembra volarti via a tal punto da non avere nemmeno il tempo di iniziarlo? Ecco dove inizia questo argomento: perché qualcosa o qualcuno ti sta manipolando il Tempo. Inizierai a comprendere davvero bene i programmi e i metodi che gli altri utilizzano su di te solo quando tu per primo inizierai a praticarli, rendendoti conto che la teoria della manipolazione del Tempo non è poi così lontana e riconoscerai di saperlo fare tu stesso. Nella prossima parte di questo tema ti spiegherò come velocizzare e rallentare il Tempo. Prima di tutto comprendi gli effetti che questo comporta.

È necessario dividere il Tempo collettivo dal Tempo personale per comprendere più a fondo i loro meccanismi. Il tempo di massa interessa tutti ed è per tutti uguale, salvo eccezioni; poi c’è il tempo personale, ovvero la dimensione temporale che appartiene soltanto a te. Alcuni decidono di manipolare il tempo collettivo, andando a influenzare tutte le persone contemporaneamente; altri decidono di mirare più agli individui, colpendo solo quelle persone che hanno deciso di bersagliare. Stai capendo quindi che il tempo può essere influenzato da te quanto da altri, perché non c’è regola e non c’è principio morale: chi è potente decide cosa fare, chi non si protegge viene sottomesso. Quando imparerai a manipolare il tempo sarai capace di influenzare sia il tuo che quello degli altri; questo non significa che sia giusto o sbagliato, stiamo parlando di cosa potresti fare se lo volessi. Il mio obiettivo è di insegnarti quante più tecniche possibili perché tu le utilizzi a fin di bene e per aiutare anche gli altri, ma bada bene, mi interessa soprattutto che le utilizzi, almeno iniziando per te stesso. Avere una mente psichica e non sfruttare le sue capacità è davvero inutile, non avrebbe alcun senso ed è per questo che ho creato l’Accademia: per dare un senso alle persone dotate di capacità molto potenti, insegnando loro come utilizzarle.

Pagina 4 su 7

In questi ultimi decenni il Tempo collettivo sta venendo manipolato tantissimo ed è velocizzato a più non posso per evitare che le persone abbiano tempo per Riflettere, perché questo le porterebbe poi a decidere di praticare. Non avendo tempo per riflettere, non avranno tempo per riconoscere di voler iniziare ad evolversi. In alcuni precisi anni il tempo è stato velocizzato ancor di più. Infatti potresti aver notato, se non stavi dormendo troppo, come nel 2012 il tempo sia volato troppo rapidamente, velocizzando anche il 2013 e facendo durare questi due anni come un soffio: probabilmente nemmeno ti ricordi tanto bene cosa hai fatto o ti è successo nel dettaglio nel 2012, a differenza invece di qualche altro anno. Questo non è un bene ma è accaduto per una grossa manipolazione temporale collettiva che ha colpito tutti, velocizzando il tempo per farcelo fuggire di mano. È proprio questo il termine esatto: fuggire di mano. Infatti starai notando anche ora come il tempo non sia mai abbastanza e finisca troppo in fretta, sebbene nel 2017, potrebbe sembrare più normale; invece nel 2012 e nel 2013 volava così in fretta che non riuscivi a tenerlo stretto, era troppo veloce. Anche nel 2015 ci sono stati periodi, specialmente in primavera e in estate, in cui il tempo stava venendo velocizzato troppo, quindi abbiamo agito con le pratiche adatte per rallentarlo e rimetterlo in sesto. Questo è un punto fondamentale perché il tempo viene manipolato da chi lo sa manipolare, e sinché tutti ci rifiuteremo di farlo per chissà quale timore, il tempo e il mondo saranno sempre sotto il comando di mani oscure. Per questa ragione, se loro velocizzano il tempo noi dobbiamo intervenire per calmarlo, rimettendolo a posto. Se non lo facciamo, semplicemente vinceranno loro e noi non avremo più tempo per una seconda possibilità. Saper riconoscere gli anni in cui il tempo è passato troppo veloce o gli anni in cui è passato lento è fondamentale per comprendere gli andamenti, ma non ti potresti accorgere di nulla se continuassi a vivere nel tuo mondo di fissazioni e ossessioni e non guardassi la realtà per vedere cosa sta succedendo. Il tempo viene continuamente manipolato e dobbiamo intervenire prima che diventi troppo tardi. Per questa ragione è fondamentale che inizi a riflettere sugli anni attivamente e non solo quando ormai sono conclusi, perché è troppo facile dare un commento distaccato e privo di senso quando ormai tutto è finito. Bisogna invece riflettere sull’anno specialmente quando si è dentro, diventando coscienti più e più volte durante l’arco annuale di quale periodo si stia percorrendo, di quali siano le influenze che si stanno subendo e a cosa ci vorrebbero condurre. Inizia quindi già da ora a contare i tuoi anni e a farci caso. Rifletti su questo periodo e, più volte durante questi mesi, rifletti sul presente: ti aiuterà ad accorgerti degli avvenimenti attuali e a subire meno le loro influenze sulla tua vita.

Il tempo collettivo viene manipolato affinché tutti gli umani subiscano gli stessi ritmi frenetici e non si rendano conto della troppa velocità, reputandola poi normale perché “succede a tutti”, nonostante di normale non ci sia proprio nulla. Influenzare il tempo collettivo sembra molto difficile; in realtà, purtroppo o per fortuna, è meno complesso di quanto sembri, essendo esso – come già spiegato in precedenza – multiversale, perciò non è strutturato in un’unica linea retta. In altre parole, esso è malleabile. Dopodiché, abbiamo il tempo più privato, ovvero quello di ognuno di noi. È come se il Tempo collettivo fosse un orologio molto grande, e il Tempo personale fosse un piccolo orologio che appartiene solo a noi e che può cambiare il verso delle lancette senza per forza influenzare il grosso orologio di massa. Il nostro tempo personale non è da confondere con la nostra percezione del tempo, perché noi potremmo credere che il tempo stia scorrendo abbastanza nella norma o addirittura lentamente; nel frattempo, però, se ti venisse chiesto di fare qualcosa, la tua risposta sarebbe: “Non ne ho il tempo!”, perché solo sotto riflessione ti accorgeresti del reale ritmo del tuo tempo. Come per le esperienze psichiche, ti accorgi del reale andamento del tempo solo se ti interessi personalmente a sapere come sta andando, sfruttando le tecniche che ti ho insegnato. Altrimenti continuerai a rimanerne una vittima e a non accorgerti mai di niente. Il tempo personale è ancora più facile da influenzare rispetto a quello di massa nonostante, come già detto, non sia troppo complesso nemmeno quello. C’è da sapere che le manipolazioni temporali non durano poco, ma cessano solo quando qualcun altro manipola il tempo per farlo tornare normale. Talvolta lo si può influenzare inconsciamente, ma se si vuole ottenere un grandissimo effetto bisogna necessariamente fare uso delle tecniche psichiche.

Pagina 5 su 7

Certamente bisogna anche considerare caso per caso, perché se il tempo scorre in fretta mentre si è in momenti Low, o scorre in fretta mentre si sta praticando tecniche psichiche, i motivi sono decisamente differenti. Ti sarà già capitato (ma forse non te ne sei reso conto) che mentre meditavi o praticavi qualche tecnica di A.C.D., sembrava che il tempo fosse passato velocissimo e ti sei ritrovato a concludere 30 minuti di sessione come se ne fossero passati soltanto 5. In questo caso è un ottimo segno. Durante il Tour di A.C.D. è tipico: pratichiamo per due ore di fila senza sosta e sembra che siano passati 10 minuti, così per ogni sessione, poi facciamo una pausa in cui ci raccontiamo quanto vissuto e le esperienze accadute, e ricominciamo a praticare per ore e ore. Ogni tour sembra durare sempre troppo poco, per quant’è bello e travolgente. In questo caso è un ottimo segno perché le tecniche sono così gradite e forti che modificano il tempo facendolo sembrare velocissimo da quanto si era concentrati in quel che si faceva. Al contrario, quando si pratica senza voglia e senza motivazione, il tempo sembra non passare mai. Infatti se stai meditando e pensi che la mezzora non finisca mai, quasi come se ti annoiassi, non è affatto un buon segno, perché significa che sei troppo incosciente e ti devi allenare di più. Quest’ultima cosa, infatti, accade perché non ti stai godendo il tempo e non vedi l’ora che la tecnica finisca. Ti sarà anche capitato che, magari, inserivi un mix della durata di 30 per meditare e, per esempio, iniziavi a meditare alle 13.30, ma alla fine del mix di 30 minuti e di cui sei sicurissimo della sua durata, l’orologio non indicava le 14.00 come sarebbe dovuto essere, bensì le 14.15, oppure anche le 14.30 e sei certo di non esserti addormentato e di non esserti confuso, come se i 30 minuti del mix non coincidessero con i 30 minuti del tempo di questa dimensione. Altre volte capita che, passati i 30 minuti dopo aver iniziato la meditazione alle 13.30, anziché ritrovarti alle 14.00, guardando l’orologio ti segna le 13.55 o addirittura le 13.15, pertanto molto più avanti o addirittura più indietro. Com’è possibile? Ovviamente hai modificato il tempo! Può accadere benissimo, perché sei andato così profondo che hai modificato, inconsciamente, il tempo intorno a te. Ti sei come rinchiuso in una bolla dove per te il tempo passava diversamente da come è passato per gli altri e questo è accaduto grazie alla potenza della meditazione. Renditi conto di quanto potere abbia in questa dimensione nonostante sia una sessione così tranquilla e semplice. Comunque il trascorrere di una mezzora lentamente o velocemente non significa che tutta la giornata si svolga allo stesso modo. Infatti, se durante la meditazione il tempo ti trascorre troppo lentamente e finisci per annoiarti, non significa che sia un buon segno perché il tempo lento, ma al contrario, significa che percepisci ciò che stai facendo in modo noioso e non finisce mai; nonostante ciò, durante la giornata ti lamenti di non avere tempo. Ma come? Dici che durante la meditazione il tempo è lentissimo e sembra non passare mai, ma durante il giorno non hai tempo? Questa è la percezione del tempo, un po’ come quando si è a scuola e il professore sta interrogando e i minuti sembrano non scorrere mai. La percezione personale del tempo non deve essere confusa con il reale procedimento del tempo.

Al contrario delle situazioni che accadono solo mentre si pratica, analizziamo le situazioni di tutta la giornata. Ti sarà capitato tante volte di iniziare la giornata guardando l’orario delle 08.00 che diventavano subito le 12.00 e, dopo venti minuti, riguardando l’orologio, risultavano essere le 14.00, o dopo un’ora, invece di essere le 15.00, erano già le 19.00. Quante volte ti sarà capitato? Tantissime, perché non essendo cosciente del tempo, questo scorre troppo velocemente e non si ha il modo di utilizzarlo. È tutto studiato apposta per farci morire dormienti. È inutile lamentarsi: o agisci o taci.
Il punto è che ci stanno manipolando il tempo per impedirci di accorgercene, così da correre dalla mattina alla sera senza avere il tempo di fare caso a quello che ci sta succedendo. Oltre questo, ci impongono di sprecarlo. Infatti, abbiamo tutti lo stesso problema, ma c’è chi decide di fare qualcosa per cambiare il sistema e chi rimane fermo a lamentarsi; tuttavia, se hai tempo per lamentarti, dovresti usarlo invece per agire. Ci hanno inserito il programma di pensare di fare le cose senza invece alzarci e farle davvero, stando fermi per ore a pensare a quello che si vorrebbe fare senza iniziare a compiere nulla, terminando la giornata senza aver concluso niente. Dopo tutto questo (di cui ancora non ho detto nulla…), ci inseriscono tutti i programmi per farci sprecare tempo, come la voglia di stare sui grandi social network ore e ore senza nemmeno un vero motivo, di guardare video su youtube, anche quelli che non ci interessano, di guardare la tv o stare sul divano a giocare con le app del telefono soltanto per sprecare le ore libere che abbiamo.

Pagina 6 su 7

Attenzione, non voglio dire che per utilizzare bene il tempo si debba soltanto meditare e che se non mediti 10 volte al giorno allora stai sprecando tempo, o che se hai 2 ore libere devi per forza occuparle sempre e solo esclusivamente con 4 meditazioni; però, se hai 2 ore libere e sai che hai molte cose da fare, anziché pensare a cosa dovresti fare, fallo e basta. Devi pulire casa? Fallo ora anziché rimandare a stasera, perché stasera avrai tempo di fare qualcos’altro. Se agisci ora, stasera non ci sarà bisogno di dover scegliere cosa fare, perché la prima scelta sarà già stata eliminata e avrai tempo per fare dell’altro. Presta però attenzione alle scuse anti-spiritualità, perché pur di non praticare o di non realizzare progetti ben più importanti ti verrà ad esempio quella strana e improvvisa voglia di pulire casa, tutti i giorni!

I programmi che ci sono stati imposti per sprecare il tempo sono sempre di più e dobbiamo prestarci attenzione, siccome sono distrazioni inutili ma molto persuasive. Rimandiamo all’infinito azioni e mansioni che avremmo potuto fare nel presente, sapendo che più rimanderemo, più diventerà pesante farle e meno ne avremo voglia. Sarà una catena continua sino ad arrivare al giorno in cui, anziché metterci un’oretta, ci impiegheremo 3 giorni per concludere lo stesso lavoro, se parliamo di un compito semplicissimo. Abbiamo la bruttissima abitudine di guardare l’orario ogni 3 secondi e ricordarci che il tempo passa, e nel frattempo diciamo: “Non vedo l’ora che sia tal giorno, che il tempo passi veloce perché devo fare quella cosa”, e nel frattempo non concludiamo nulla sino ad allora. Già dalla mattina non vediamo l’ora che sia sera, la sera non vediamo l’ora che sia il giorno dopo, e così via giorno dopo giorno; durante il mese di gennaio pensiamo a quando sarà aprile, ad aprile non vediamo l’ora che sia agosto, ad agosto aspettiamo con ansia che arrivi settembre anziché goderci il momento, a settembre aspettiamo con ansia dicembre… già da maggio mettono le pubblicità sugli zaini nuovi per far pensare ai ragazzi che settembre sia già alle porte; ogni volta è la stessa storia. È mattina e diciamo: “Non vedo l’ora che sia l’ora di pranzo” e finito il pranzo diremo: “Non vedo l’ora che ci sia la merenda\la pausa caffè\la conclusione delle ore lavorative”. Anche quando c’è un Tour, anziché prepararti da settimane o mesi prima e metterti a meditare di più per arrivare all’incontro più forte e cosciente possibile, sprechi il tuo tempo aspettando il Tour con ansia, senza fare nient’altro che aspettare. Gli anni passano, noi invecchiamo e la morte diventa sempre più probabile.

Ci obbligano a pensare agli anni futuri ossessionandoci anche sulle più piccole cose, abituandoci sin da piccoli attraverso la società a pensare a quando saremo adulti, a quando saremo diplomati, a quando avremo lavoro, a quando non avremo lavoro, a quando saremo sposati, a quando avremo figli, a quando arriverà la pensione… Già da ragazzini ci abituano a pensare ai nostri ultimi anni di vita, in modo tale da avvicinarli sempre di più, da avvicinare la nostra morte di coscienza. In altre parole, non facciamo altro, giorno dopo giorno, che sprecare il nostro tempo a pensare al futuro immaginario e avvicinare la nostra morte reale. Facciamo credere ai bambini che essere adulti sia fantastico ma nel frattempo gli diciamo a parole: “Non crescere mai perché essere adulti è brutto”, ma nel frattempo gli facciamo pesare il fatto che essi non possano fare nemmeno la più minima e piccola scelta perché sono piccoli e quindi immaturi e incapaci di fare scelte, e intanto gli imponiamo le nostre regole che spesso e volentieri, anziché farli evolvere, li fanno invece cadere nel sonno ancor più profondo. I bambini, di conseguenza, non vedranno l’ora di diventare adulti buttando via la loro giovinezza cercando di imitare il più possibile gli adulti ma, come programma, quando lo diventeranno, si lamenteranno e diranno: “Vorrei tornare bambino”, come gli è stato tramandato e così ripeteranno la stessa filastrocca ad altri bambini. A qualunque età e in qualunque momento ci sarà sempre qualcosa di cui lamentarsi. Sono piccole cose ma che unite distruggono la mente e l’anima, quanto una sigaretta piccina piccina che crea danni invisibili, e che ti fanno dire: “Ma cosa vuoi che succeda!” ma nello stesso tempo ti stanno uccidendo sempre più a fondo, creandoti un tumore dalla morte invisibile. Infine, giorno dopo giorno, ci facciamo notare a vicenda quanto stiamo invecchiando e quanto tempo manca a morire, anziché ricordarci di vivere. Festeggiamo ogni anno l’anno che ci invecchia, che ci avvicina alla morte, e non l’anno che ci rende più saggi, che ci avvicina al risveglio.

Pagina 7 su 7

È notevole quanto le menti umane vengano costantemente influenzate e nessuna di esse se ne renda conto, a parte qualcuna. Il tempo è un’illusione e noi ci leghiamo estremamente ad esso, perché chi ci vuole dormienti ci obbliga a farlo. Se conoscessimo il vero significato di tempo, non ci abbasseremmo a sprecarne così tanto. Ma è questo lo scopo dei miei insegnamenti: far conoscere il significato di ciò che ci circonda a chi da sempre lo ignora. Dovremmo quindi iniziare a preoccuparci del nostro tempo, in particolar modo perché non subiamo solamente la velocità del tempo di massa, ma subiamo manipolazioni anche nel nostro tempo personale, quindi doppia velocità. Apparentemente può sembrarti meno grave di quello che è, ma se incominci ad essere più cosciente durante il giorno ti accorgi della stranezza di questo fenomeno, come se qualcuno stesse provando a portarti via la vita. Niente di più reale.

Chi ci manipola il tempo è molto più consapevole di noi e sa bene come e perché inserirci questi programmi. Chi ci manipola il tempo lo sta facendo da secoli, ma in questi ultimi decenni sta raffinando le sue armi perché gli umani sono troppo distratti dai cellulari, dai social network, da fotografare qualunque cosa viva o morta, perché l’importante è fotografare. Se tanto provano a bloccarci il Tempo, o meglio dire strapparcelo via con le forze, ci sarà un motivo molto più importante di quanto immaginiamo e dobbiamo smetterla di sottovalutarlo così tanto. Lo scopo è molto più semplice di quel che sembra: eliminare le Anime. Le anime non muoiono facilmente e tantomeno se vengono costantemente nutrite, protette e fatte evolvere. Ormai anche gli alieni hanno compreso che gli umani che si creano l’anima hanno bisogno di tempo, altrimenti, senza quest’ultimo, non riuscirebbero a crearsela né a tenersela. Attraverso il tempo le persone riflettono, fanno esperienza, si rendono conto di poter fare di più e così evolvono le proprie capacità psichiche creandosi o fortificandosi l’anima. Togli il tempo agli umani e troverai il modo per eliminare tutte le anime. Attraverso il tempo noi potremmo evolverci e dedicarne gran parte alla realizzazione dei nostri progetti e all’evoluzione delle nostre capacità mentali e psichiche facendo pratica, seguita poi da grande esperienza, ma senza prendere il comando del tempo è davvero difficile perché lui continua a scorrere e chi non pratica continua a rimanerne sottomesso. Ora che conosci il motivo e i metodi di farti scappare via il tempo in qualunque modo pur di non farti decidere di praticare e realizzarti, presta attenzione anche agli inutili perditempo che ti si presentano davanti con il solo obiettivo di distrarti da ciò che è davvero importante, e inizia a prendere delle decisioni, affinché ti rimanga più tempo ogni giorno per fare quello che gli oscuri temono tanto: far evolvere la tua anima. Rifletti sulla tua vita e pratica, perché il grande programma non vinca su di te.

Nella prossima lezione sul Tempo ti insegnerò a rallentarlo e velocizzarlo, in modo tale che potrai contrattaccare i programmi che ti hanno infilato nel sistema per farti scappare dalle mani ogni giorno e ogni anno come fosse un soffio, ma ricorda: prima di tutto devi imparare ad essere Cosciente tutti i giorni.

Fine pagina 7 su 7. Se hai gradito l’articolo, commenta qui sotto descrivendo le tue sensazioni durante la lettura o la pratica della tecnica proposta.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©
 
96+

324 Commenti

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *

Nome *
Email (opzionale)


  1. Foto del profilo di Monik

    grazie l articolo mi é piaciuto molto
    Monik

  2. Foto del profilo di Leviathan

    Direi,
    Ho la netta percezione che il tempo non esiste e io condizionamento e lontano da me.
    Passato presente futuro vivono sempre in un unico momento.
    Siamo stati siamo saremo .
    Basta vivere il momento.

  3. Foto del profilo di cruizer011

    Ripasso effettuato. Ricordo alcuni anni in cui il tempo è passato velocemente, ad esempio gli anni dopo la scuola, e altri in cui sembrava non passare mai, la maggior parte di essi tra l’infanzia e l’adolescenza. Questo articolo è stato davvero illuminante. È molto importante imparare a gestire il tempo e togliersi quella falsa convinzione di non averlo, come ci fanno credere.

  4. Foto del profilo di lak1

    …siii bellissimo grazie, non vedo l’ora di poter imparare ad agire sul tempo!!

  5. Foto del profilo di ubuntu23

    Da quando son piccola ho sempre sentito che l’orologio fosse un incastro mentale, un modo per rubarci il tempo e costringerlo tra qualche lancetta che a ritmo costante e statico impedisce alla vera natura della vita che scorre di manifestarsi. Se cominciassimo a renderci conto che le ore non esistono cosi come le conosciamo noi, ma sono solo convenzioni fasulle, allora potremmo comprendere come anche un semplice oggetto come l’orologio è capace di plasmare la nostra percezione! Sono molto affascinata dalla possibilità di dilatare il tempo così da sfruttarlo al meglio … wooooooow!

  6. Foto del profilo di Ila

    Mi è venuta la pelle d’oca nel leggere questa lezione…. La mancanza di tempo, il mio cruccio principale, ciò che mi impedisce di praticare quanto vorrei. Con la meditazione ammetto di essere riuscita ad essere riposata dormendo 4/5 ore a notte, ma non basta, ancora il tempo mi sfugge, le giornate finiscono in un lampo e le settimane sembrano diventate giorni….Qualcuno sta manipolando pesantemente il mio tempo. Devo correre ai ripari urgentemente! Grazie Angel di illuminare la nostra strada, andremmo a ‘sbattere’ con la velocità della luce!

  7. Foto del profilo di Sonia

    le giornate volano tra i vari impegni quotidiani, passano i giorni, le settimane e i mesi…sembra che il tempo scappi via senza che ce ne accorgiamo. Attraverso la meditazione possiamo modificare il nostro tempo e decidere come utilizzarlo al meglio. Grazie

  8. Foto del profilo di monicsme

    Mi sorprendi sempre con argomenti che sembrano banali. In effetti durante la meditazione spesso perdo la cognizione del tempo. Ed è vero che se guardo indietro molti anni sembrano volati via più velocemente di altri… Spero di diventare sempre più consapevole attraverso ovviamente le tecniche che insegni e la meditazione.
    Grazie!

  9. Foto del profilo di laurettaema.

    Il tempo collettivo è stato velocizzato, verissimo! tutto corre e non ce ne rendiamo conto, dobbiamo essere coscienti e attenti. Ancora fai la distinzione tra tempo di massa e tempo personale, più facilmente influenzabile. Da quanto capisco il nostro interesse o il low ci fanno percepire lo scorrere del tempo diversamente; ancora una volta si tratta di essere coscienti e molto attenti. per il nostro risveglio.

  10. Foto del profilo di Niki

    Bellissimo e interessante argomento ….allettante prospettiva riuscire a rallentare e velocizzare il tempo ….devo imparare a essere più cosciente tutti i giorni ………entusiasmante….continuo con la pratica..grazie

  11. Foto del profilo di fiamma11

    Wow, non vedo l’ora di leggere la prossima lezione sul tempo! Proprio eri mi e’ successa una cosa che prima di leggere l’articolo non mi sapevo spiegare, forse trattasi di percezione del tempo o forse no. Fatto sta che stavo meditando seguendo una guida audio sul canale youtube di acd ed ero sul chakra plesso.. dopo un millesimo di secondo sento la voce che dice concentrati sul battito del cuore..Cuore? Ma mi sono persa il passaggio da uno all’altro! come è possibile? forse non si tratta di tempo ma io ero così concentrata sul plesso che non ho piu’ ascoltato la guida o forse ho avuto un’attimo di perdita di coscenza! boh! fatto sta che questo tempo mi manca sempre! Adesso sto scrivendo e mi dico devi fare veloce per mettere su pranzo.. ma invece no mi devo “costringere” a pensare a quello che scrivo a ragionare che con le tempistiche ci sono. Per fortuna che ci sei tu Accademia che mi fai ragionare un po! Grazie sempre.

  12. Foto del profilo di Tella

    Interessante questo articolo sul tempo, infatti il tempo sembra scorrere molto veloce, in un lampo mi sono ritrovata a Marzo, passare le giornate da passivi è davvero un peccato. Chissà quante cose potremmo fare

  13. Foto del profilo di Morgana13

    Fantastico questa cosa del tempo che scorre lentamente velocemente è qualcosa che mi porto dentro da sempre ho sempre pensato di avere poco tempo e che dovessi fare qualcosa nella mia vita e dovresti imparare più il più possibile perché ho sempre avuto la sensazione di avere poco tempo sono quando sono arrivata qui in accademia ho capito veramente il perché io sentissi di avere poco tempo perché il tempo scorre molto velocemente troppo velocemente più velocemente di quanto non scorresse in passato e sapevo dentro di me inconsciamente che io avevo del lavoro da fare un lavoro che riguardava la mia crescita personale e che per quando io cercassi modi per riuscire ad evolvere mi sembrava sempre di avere poco tempo fino a quando non sono arrivata qui in accademia qui ho trovato veramente ciò che mi serve per poter crescere e ora sento che devo trovare il modo per recuperare il tempo perduto. Per me il 2012 è stato un anno velocissimo ma di cui Ricordo ogni particolare perché è stato l’anno in cui Rimasi incinta del mio ultimo figlio Il 2013 è volato 2015 e 2016 anche mentre 2017 e 2018 Per me sono stati molto lenti altri anni molto veloci del mio passato e alcuni anni che non passavano mai mi ricordo abbastanza bene e mi è successo alcune volte che durante la meditazione il tempo fosse velocissimo Soprattutto dopo aver utilizzato un mix che è diventato il mio mix abituale per le meditazioni che hai il numero 13 fatto da te Angel con quel mix mi sembra che il tempo durante la meditazione scorra velocissimo soprattutto perché riesco maggiormente a stare in un pensiero e a concentrarmi di più grazie Non vedo l’ora di poter imparare a gestirlo il tempo il mio sogno da sempre così com’è il mio sogno poter riuscire a tornare indietro nel tempo mi piacerebbe tanto poter modificare il mio passato

  14. Foto del profilo di Daenerys

    Bellissimo articolo anche questo ascoltato più e più volte di seguito….seguo un progetto da anni e sto continuando a lavorare e fare corsi per raggiungere il mio obbiettivo.. Per avere più tempo nel progetto avevo chiesto part time a gennaio al mio lavoro principale e e nel frattempo coltivavo e preparavo il progetto facendo il secondo lavoro… Poi mi sono resa conto che dovevo trovare un metodo affinché tale progetto possa essere realizzato al posto che tra 5 anni magari fra 2 ed ecco che mi è arrivato il 3 lavoro che adesso però mi impegna sia il mattino che la notte… So che questo mi toglie il tempo per fare tante altre cose eppure allo stesso tempo (giro di parole!) sento che è una fase di passaggio per realizzare il futuro e il progetto in cui io credo che caso strano coincide con l avere più tempo per fare esperienze! Molte volte però entro nel dubbio di chiedermi se tutto ciò sia manipolato dal Matrix dal low e mi chiedo spesso se ci sia un modo per modellare la materia che ovviamente non è una scorciatoia….. Sapere che il tempo può essere manipolato ed è stato accelerato e che così è stato nel 2012/2013 mi ha fatto venire i brividi perché corrisponde esattamente alla fase più cruciale della mia vita in cui ogni cosa è cambiata fuori e dentro di me…. A cavallo di quei 2 anni sono morta a me stessa e rinata completamente… Da quel momento è stato un crescendo nel mio percorso personale e spirituale una continua e incessante ricerca e domanda sul tempo..e un ulteriore periodo di minor intensità diciamo che ho effettuato “un taglio fili” di persona è avvenuto nel 2015 e anche in quel periodo mi sembrava che invece il tempo stesse come stagnando.. Ovvero non era un periodo lento ma equilibrato ma avevo la sensazione che fosse un periodo di limbo che da febbraio 2015 però è tornato a scorrere come se qualcuno avesse agito per riequilibrare, ma forse questo coincide per me è l ho vissuto tale per le mie esperienze personali… Tutto mi sembra un sogno a volte uno sbattere di ciglia e sono passati 10 anni.. Spesso osservo gli anziani ed è come se una voce dentro di me mi dicesse chiaro è forte non vivere come una macchina.. Osa apriti al mondo scopri sperimenta o sbatterai ancora le ciglia e sarà volato ancora il tempo sino ad essere come loro e piena di rimpianti di non aver fatto ciò che il tuo essere ti richiedeva.. Ti ritroverai a ricordare quanto tutte le tue paure e quelle che ti hanno messo ti abbiano impedito di capire attraverso la ricerca e le esperienze il vero motivo per cui tu sia qui… E nel frattempo la tua vita sarà trascorsa e tu non avrai seguito il tuo reale percorso…

  15. Foto del profilo di Lelith

    É davvero interessante! Hai elencato bene tutte le situazioni in cui mi ritrovo spesso.. Quando ho troppo tempo è come se ci fosse qualcosa che mi impedisce di approfittarne e usarlo nel modo giusto.
    Ogni tanto quando medito o eseguo tecniche, mi è capitato di non capire come mai l’ora fosse così avanti o indietro rispetto alla mia percezione! Molto affascinante, non vedo l’ora di leggere come fare!

  16. Foto del profilo di urusacd

    Anche a me quando iniziai a meditare ACD sembrava che durante la meditazione il tempo non passava mai, e ora invece già è migliorato!

  17. Foto del profilo di Errore

    Mi facevo domande già da piccolo sul perché le giornate a volte sembravano non finire mai! Fino a 13/14 anni pensavo anch’io che i progetti bisognasse iniziarli da Gennaio in poi, ma dopo un’importante riflessione mi sono reso conto che era stupido questo pensiero e l’ho subito distaccato. Da quel giorno in poi ho vissuto come se non ci fosse nessun capodanno, quindi iniziando progetti anche a Luglio, o in qualsiasi mese dell’anno.

  18. Foto del profilo di Battistina

    E’ scioccante rendersi conto di quanto tempo sprechiamo a non far niente.Bisogna riprendere possesso del nostro tempo,ed usarlo meglio.

  19. Foto del profilo di

    Bisogna conoscere il proprio tempo ::D

  20. Foto del profilo di Carrie

    Io cerco di trovare del tempo ogni giorno per poter fare quello che desidero, a volte ammetto non ce la faccio proprio, non per pigrizia, ma proprio perché ho veramente alcune giornate piene e certe volte riesco a meditare solo la sera per pochi minuti. Poi però recupero il giorno dopo.

  21. Foto del profilo di

    Grazie per farmi prendere coscienza e darmi conferma del fatto che il tempo sia manipolato.

  22. Foto del profilo di Valerio

    Documento essenziale per iniziare a comprendere il tema Tempo, è necessario dargli le giuste attenzioni prima che finisca, per non darla vinta agli oscuri.
    Grazie Angel!

  23. Foto del profilo di morganadyl

    Argomento molto interessante, la percezione che abbiamo del tempo mi ha sempre incuriosito, aspetto la prossima lezione sul tema

  24. Foto del profilo di reporter

    Il passare del tempo veloce in effetti non è passato inosservato. In continuazione lo diciamo. Altrettanto vero che a volte sorprendentemente il tempo sembra rallentare. Sono curiosa di sapere come si può manipolarlo. Si potrebbe risolvere chissà quante situazioni. Grazie