• Home
  • Step 2
  • 048 – Domande su Ripulire l’energia – Miglioramenti sulla pulizia personale (4 parte)

048 – Domande su Ripulire l’energia – Miglioramenti sulla pulizia personale (4 parte)

Pagina 1 su 6

Angel: Bentornati! Oggi risponderò a tutte le domande sulla Pulizia energetica personale.

Studente: Ciao Angel! Le tue lezioni arrivano sempre al momento giusto. Infatti è un po’ che trascuravo la tecnica specifica di pulizia energetica su me stesso e non mi ero reso conto della differenza che c’è fra il non farla (o farla poco) e svolgerla regolarmente. In questi ultimi giorni infatti ho preso a fare almeno un paio di sessioni quotidiane e noto una grande differenza sia internamente che a livello della mia aura (sappiamo che ci sono tecniche specifiche per l’aura ma già così la sento più pulita!). Ho preso maggiore coscienza che oltre a proteggerci è importantissimo anche ripulirci da quelle influenze che inevitabilmente incrociamo quotidianamente. Inoltre quando svolgo varie tecniche sento l’energia scorrere meglio e anche la Meditazione ne trae beneficio. Quindi grazie per tenerci sempre “sul pezzo” e ricordarci l’importanza di tutte le tecniche cosicché possiamo evolverci da veri spirituali, senza lasciare nulla al caso. Sei la miglior Maestra in assoluto.

Angel: Ciao! Sì è verissimo, la pulizia energetica ti pulisce già da sé anche l’aura e ovviamente ti migliora la Meditazione; quindi sono molto felice che te ne sia già reso conto con la pratica. Mi fa davvero piacere!

Studente: Fare E-L su se stessi o sugli altri equivale a fare pulizia energetica? O dipende dall’intento specificamente?

Angel: No, sono due pratiche differenti, puoi praticarle entrambe su una precisa persona, ma la Pulizia energetica personale è diversa dal farle una E-L, hanno due intenti e profondità diverse.

Studente: Buonasera a tutti! Volevo condividere le mie esperienze riguardo la pulizia energetica personale. Ogni volta che la svolgo mi sento più rilassata, più energica e più felice. Ho notato che mi aiuta molto a rimanere cosciente durante il giorno perché tutti i problemi o sentimenti di bassa frequenza spariscono come se in REALTÀ non esistessero davvero. E mi aiuta a rimanere positiva data la tranquillità che mi pervade durante e a fine tecnica. Ho provato ad andare oltre la tecnica, sentendo l’energia che scorre nelle vene, nei muscoli e in ogni singola parte del mio corpo e mi ha dato un sollievo enorme. Inoltre ho fatto caso anche a come mi aiuta a non sprecare tempo. Perché sembra che tutto attorno a me si “rilassi” e anche il tempo inizi a rallentare. Non so se è solo una mia impressione. Comunque avevo messo un po’ da parte questa tecnica e grazie a queste lezioni ho ripreso a praticarla. Grazie infinite!!

Angel: Questa tecnica è una di quelle che sembrano facili, e per questa ragione sembrano anche “meno importanti” da praticare, quindi c’è il rischio di lasciarla in un angolo e infine dimenticarsene. Ma in realtà è una tecnica che può aiutarti molto su tantissimi fronti, perché se capisci davvero che tutto intorno a te è energia e tutto è mosso da essa la prima cosa che fai è pensare al valore della tua energia e all’effetto che può provocare nei confronti degli altri. In altre parole se capisci come essa funziona, ti salta subito in mente che anche tu hai e sei energia, e ti chiedi come fare per migliorarla. Ecco, la Pulizia energetica è molto più che una tecnica da praticare una volta all’anno, perché se ne capisci l’utilità decidi volontariamente di praticarla molto più spesso. In questo modo avrai più fortuna, piacerai di più alla gente, avrai più probabilità di fare colpo, in qualunque settore si voglia. Oltre, ovviamente, a toglierti di dosso piccoli blocchi ed energie stagnanti, che ovviamente ti portano negatività e impedimenti nella vita di tutti i giorni e nei grandi progetti futuri.

Pagina 2 su 6

Studente: Infatti ho una grande voglia di praticarla durante la giornata! Grazie mille!

Angel: Allora ti consiglio di assecondare questa voglia! Anche pochi minuti, non sei costretta a fare tante sessioni molto durature, ma puoi svolgerle anche di pochissimi minuti, ma più spesso. Vedrai che la differenza si nota eccome…

Studente: Ciao Angel, ti volevo ringraziare per avermi spinto a fare la tecnica della pulizia energetica, intanto perché è perfetta per questo periodo che stiamo vivendo, e inoltre avevo un forte blocco nel praticarla, come un rifiuto. Ci hai sempre spiegato che questo avviene molte volte proprio sulle tecniche che ci verrebbero meglio o che in realtà ci piacciono di più, infatti così è stato! Poi per “dispetto” e per recuperare il tempo perso, ho praticato la tecnica per quasi 40 minuti e poi sono partita subito dopo con una meditazione. È stato bellissimo, adesso davvero sento l’energia pulita, infatti poi ho sentito la differenza tra l’energia del mio corpo e l’aura che invece è da pulire!

Angel: Benissimo, che hai deciso di andare contro questi pensieri e questa non-voglia, e hai deciso di praticare la Pulizia per 40 minuti! Hai subito notato la differenza, il che significa che hai agito bene, e soprattutto sei stata cosciente dopo per rendertene conto; che non è affatto scontato. Tante volte pratichiamo bene, otteniamo dei risultati, e dopo aver finito la pratica ci sconsoliamo e pensiamo di non aver fatto nessun effetto concreto… E così ci buttiamo la zappa sui piedi, perché vogliamo negare i nostri risultati seppure siano decisamente evidenti. Quindi molto bene!

Studente: Buonasera a tutti, io ho iniziato ad ascoltare spesso il tuo video della pulizia energetica mentre guido, al ritorno verso casa dopo il lavoro, soprattutto quando sento di aver fastidi vari o mi sento di essere stata colpita da negatività varie, e nonostante non sia la stessa cosa di quando la fai rilassata senza pensare ad altro, spesso noto subito notevoli miglioramenti. Peccato che mi dimentichi di rifarla con calma almeno una volta alla settimana, se non di più. Volevo sapere: è sbagliato provare a fare tecniche anche in momenti Low, ed è possibile sentire miglioramenti anche se non si è riusciti ad essere concentrati come lo si sarebbe facendo solo la tecnica? Ho un’altra curiosità… La tecnica di pulizia dell’energia hai scritto la puoi usare anche per pulire varie parti del corpo, ma resta sempre una pulizia dell’energia, perché quello è l’intento? Ed è l’intento una delle maggiori differenze tra la tecnica di pulizia energetica da quella di guarigione, o sbaglio??

Angel: No no affatto, non è sbagliato. Bisogna sempre capire qual è l’obiettivo principale. Noi dobbiamo imparare a praticare anche quando ci troviamo nel Low, quindi ad esempio mentre siamo insieme alla gente, oppure stiamo lavorando, etc. Ma è chiaro che quando pratichiamo nel Low la pratica il più delle volte è abbassata appunto dal Low che ci circonda, quindi magari perdiamo concentrazione perché qualcuno ci sta parlando, oppure non riusciamo ad alzarci molto di tonale perché siamo seduti in una posizione scomoda oppure ci stiamo muovendo e con il movimento ci deconcentriamo; ma qual è l’obiettivo principale? Se pratichi nel Low, il tuo obiettivo deve essere “allenarmi nella pratica mentre sto nel Low”, quindi non stai mirando ad ottenere chessò, esperienze dimensionali e un rilassamento profondo, ma ti stai concentrando sull’allenamento durante i momenti Low. Quando invece sei a casa, pratichi con diversi obiettivi, ovvero per superarti di livello. Provo a farti un esempio: confrontiamo la corsa che serve per fare il fiato e aumentare la resistenza, alle gare di velocità. Quando fai la corsa che serve ad aumentare la tua resistenza, la velocità è piuttosto bassa, perché l’obiettivo non è essere veloce bensì riuscire a correre per più tempo possibile senza fermarsi dalla stanchezza o per via del fiato.

Pagina 3 su 6

Ok questo è l’esempio di praticare nel Low: non pratichi per raggiungere meditazioni migliori di quelle che raggiungeresti a casa, perché è ovvio che non ci riusciresti (altrimenti ci sarebbe un problema di fondo, ovvero che a casa non pratichi affatto bene). Bensì pratichi per migliorare la tua resistenza, ovvero per aumentare la tua coscienza anche nei momenti in cui il Low cerca di sottometterti e renderti super incosciente. Quando invece fai le gare di corsa, non ti importa nulla del fiato e della resistenza: tu miri ad essere il più veloce, a correre velocissimo anche a costo di rimanere senza fiato! Queste sono le pratiche che fai a casa: ti impegni molto di più perché vuoi ottenere livelli molto più alti dalla pratica che svolgi. Il punto è che entrambi servono, perché se a volte ti alleni sulla resistenza, allora anche la velocità sarà migliore; e se ti alleni sulla velocità, anche la resistenza aumenta. Ecco perché è importante praticare anche fuori casa e non solo quando ci siamo dentro: perché se pratichi anche quando stai nel Low, quindi al lavoro, a casa di parenti, in giro con amici, etc, ti fai quella resistenza che poi migliora tantissimo la tua pratica da casa. Se invece fuori non pratichi mai, perché pensi “tanto non ci riesco”, allora ovviamente anche la tua pratica in casa avrà un limite, molto difficile da superare. Perciò è giusto praticare fuori casa e bisogna farlo anche se pensi di non riuscire o che le pratiche fuori dalla nostra abitazione siano di minor effetto… Tu non preoccuparti, pratica comunque! Purtroppo molti ancora si confondono e pensano che a questo punto possono praticare tutti i giorni quando sono fuori casa, così non c’è più bisogno di praticare quando si è dentro. Così alcuni dicono di “meditare” quando sono fuori casa, in modo che quando si trovano nella loro abitazione non debbano farlo. Questa, ovviamente, è la via che porta alla caduta. Bisogna praticare fuori casa per migliorare le pratiche dentro casa, non per eliminarle o sostituirle. Quindi ricordati bene che è importante praticare quando ti trovi nel Low, es. a lavoro o fuori casa, ma non sostituire mai le meditazioni e le varie pratiche che svolgeresti a casa, solo perché pensi di aver praticato abbastanza fuori. Finiresti per cadere molto presto! Detto ciò, fra la pratica della Pulizia energetica e la Guarigione, ci sono importanti differenze, ovviamente basate sull’intento. La guarigione energetica serve per guarire problemi di salute fisici, quindi serve a fare effetto sulla materia, sul piano fisico. La pulizia energetica non si occupa di questo, anche se ovviamente può avere, come effetto secondario, benefici sulla materia e quindi curare un problema di salute; ma il suo primo obiettivo è agire sull’energia, quindi non sul fisico, ma proprio sull’energia. Per molti risulta ancora difficile da capire e può sembrare che la propria energia sia poco importante, che l’unica cosa che conta sia la salute fisica. Ma in realtà prima bisognerebbe interessarsi alla propria energia, perché se la tua energia è rovinata, bucata o sporca, è molto molto più facile che la negatività entri e crei delle malattie che colpiranno il corpo fisico. Se invece l’energia della persona è molto pulita e compatta, è molto più difficile far ammalare il corpo fisico. Quindi tutto nasce prima dall’energia. Ovviamente stiamo parlando di malattie che si creano a causa di attacchi psichici/energetici; se invece parliamo di malattie causate della scorretta alimentazione oppure per fumo, alcool e altre sostanze che facciamo entrare volutamente nel nostro corpo, ovviamente la situazione è molto diversa e una pulizia energetica non basta per salvarci dalle malattie, in quanto non derivano da attacchi psichici ricevuti dall’esterno bensì da sostanze che noi assumiamo volontariamente e facciamo entrare nel nostro corpo. Comunque fra le due tecniche c’è un’importante differenza, che una agisce sul piano fisico e l’altra sul piano più astrale, sulle dimensioni energetiche che ti appartengono e ti compongono.

Studente: Sì, effettivamente io provo spesso a fare alcune tecniche quando sto fuori casa per imparare a praticare anche in quei momenti, anche se non è semplice a causa delle distrazioni, ma visto che noto che con alcune di queste pratiche fatte in momenti Low sento che hanno funzionato almeno un po’, spero sia un buon punto di partenza per migliorare. Grazie mille, molto chiara, ora capisco ancora di più quanto sia importante questa tecnica.

Pagina 4 su 6

Studente2: Ecco io devo imparare a praticare un po’ di più nel Low, lo faccio ma non abbastanza e perdo la concentrazione.

Studente3: Le parole di Angel sono da marchiare a fuoco!!

Studente4: Concordo! Ma non per scherzo!

Studente5: Ciao Angel! Volevo ringraziarti perché mi ha fatto veramente bene rileggere i documenti. Non so per quale strano motivo ma mi ero completamente dimenticata di questa tecnica, non la praticavo da moltissimo tempo. Ho fatto l’errore di pensare che potessi non svolgerla per concentrarmi su altre tecniche perché comunque anche la meditazione come effetto secondario, tra le altre mille cose, pulisce l’energia interna. Però rileggendo i documenti ho riscoperto l’importanza di fare una sessione specifica di pulizia! Durante la meditazione l’energia va già ad occuparsi di mille cose, quindi se facessi bene la pulizia energetica con la tecnica specifica, durante le meditazioni l’energia si concentrerebbe più su altro. E quindi non devo saltare nessuna tecnica, nemmeno questa, ed è importante almeno farla una volta a settimana fatta bene con una sessione lunga. Se non anche tutti i giorni per 5 minuti. Grazie mille!

Angel: Bravissima che te ne sei accorta e hai compreso questo “ragionamento”, che è il processo dell’energia. Più tecniche svolgi, più ognuna di esse avrà effetto maggiore su di te perché ognuna si occuperà di quel preciso obiettivo e andrà alla grande in tutte le direzioni. Se invece lasci tutte le responsabilità alla prana, per esempio praticando solo meditazione e aspettandoti che lei debba fare tutto, ovviamente quella quantità di prana dovrà dividersi in mille lavori diversi e alla fine sarà un continuo “trascinarsi avanti”, ma non è il genere di vita che dobbiamo accettare; non vogliamo solo trascinarci, ma vogliamo vivere alla grande, quindi vogliamo Evolverci e Risvegliarci. Se capisci questo, ti rendi conto che nessuna tecnica va buttata nel dimenticatoio, perché tutte sono molto importanti. Che poi non puoi praticarle tutte quante, tutti i giorni della tua vita, è ovvio: ma nessuno ti dice di praticare 30 tecniche al giorno, bensì di organizzarti per praticarne un po’ per volta a periodi; in questo modo le tieni calde tutte e non ti scordi di nessuna.

Studente5: Hai perfettamente ragione, bisogna organizzarsi bene per riuscire a farle tutte!! Grazie mille!

Studente: Ciao Angel, trovo questa tecnica per me indispensabile e mi sono resa conto di averla persa per strada. Riprendendo gli articoli mi sono ritornate alla mente le riflessioni fatte tempo fa su questa tecnica che avevo “segnalato” come vitale per me, considerando i miei punti deboli, e svolgendola costantemente ricordo benissimo l’equilibrio e la fermezza che provavo. Quindi ti ringrazio infinitamente per questo ripasso, perché ultimamente mi stavo chiedendo cosa stessi trascurando, sicuramente mi farò una lista di tecniche da seguire per far sì che non accada più di non ricordare che avrei potuto scegliere anche questa tecnica.

Pagina 5 su 6

Angel: Non è facile tenere un equilibrio delle pratiche, ma l’ordine degli step esiste per una ragione, quindi ti e vi consiglio di darci più spesso un’occhiata e praticare un po’ di tecniche con ordine. Noterete che ha un senso, e sarà più facile praticarle di quanto lo sia decidere di farlo. Serve solo la decisione di mettersi lì e praticare qualcosa di diverso dalla solita routine: presa la decisione, ti sentirai molto ispirata e praticherai meglio di quanto inizialmente pensavi!

Studente: Buonasera a tutti e ciao Angel, ti ringrazio molto per questo ripasso perché mi sta facendo riflettere molto sulla mia evoluzione che ultimamente era troppo statica, riscoprendo quanto aiuti la pulizia energetica: svolgendola quotidianamente sia su di me che sulla casa, ho potuto notare dei cambiamenti positivi sulla mia pratica. Il non pensiero e la concentrazione sono molto aumentati positivamente, comincio ad avere più ordine mentale (sempre stato uno dei miei difetti) che si riflette molto anche nei metodi di organizzazione… Riguardo alla casa l’energia sta cambiando e la cosa che mi ha molto colpito è stata che le buone notizie nel mio ambito famigliare stanno crescendo, senza contare il fatto che tutti a casa siamo molto più sereni… finora non ho potuto sperimentare la tecnica in profondità cercando di fare delle sessioni più lunghe, però capisco che ne trarrei molto beneficio quindi organizzerò delle sessioni apposta… comunque ti ringrazio ancora molto per questi documenti perché sono veramente necessari, purtroppo all’inizio del percorso dopo aver notato i grandi benefici che le tecniche ci portano, crediamo di essere invincibili e che le cose continueranno ad andare avanti bene anche senza continuare a praticare, invece senza costanza ci si ritrova al punto di partenza.. Grazie mille Angel per continuare a ricordarcelo.

Angel: Hai colto nel segno riguardo al percorso, perché appena otteniamo benefici ed effetti positivi subito ci “rilassiamo” e pensiamo che andrà tutto bene anche se rallentiamo il passo e smettiamo di praticare. Perché poi è questo il problema: diciamo a noi stessi che non stiamo praticando meno, ci stiamo solo rilassando… ma la verità è che stiamo praticando meno! E meno pratica porta meno risultati. Quindi se non pratichiamo una tecnica ovviamente quegli effetti poi nei giorni e nel tempo scompaiono. Quindi è molto importante rendersene conto e capire quale sia l’ostacolo, perché se poi lo capisci decidi di non mollare più la presa e praticare le varie tecniche senza più cadere nel tranello “apatico” che si finge “rilassante”. Molto importante è ciò che hai detto riguardo la famiglia, cioè che grazie alla pratica che svolgi durante le tue giornate, anche in casa sono più sereni nonostante fuori casa ci sia il putiferio. Non è affatto poco eh! Godiamoceli questi meriti, che non sono affatto pochi.

Studente: Grazie mille Angel per questo percorso sull’energia! Sono felice di avere questa grandissima opportunità e ti ringrazio ancora per quello che stai facendo per noi in questo periodo! Volevo condividere le mie esperienze riguardo la pulizia energetica, che è una tecnica che mi piace praticare veramente tanto, ma nonostante questo tutto spinge a farmene dimenticare o a rendermela superficiale, e ora capisco perché. Ultimamente prima di iniziare a meditare mi dedico a fare almeno 10 minuti di pulizia energetica per rilassarmi, con l’intento di assorbire tanta energia ed alzarmi di tonale, ripulendomi da energie e pensieri stagnanti, e la differenza si sente veramente tanto. Sento anche il bisogno in determinati momenti di praticarla anche all’interno di alcuni chakra per ripulirli da energie accumulate o blocchi e migliora davvero molto la salute del chakra e la qualità della meditazione, è strabiliante. Questa tecnica è molto più profonda di quello che sembra, ci sono delle volte in cui magari pratico quella guidata o con la musica e, nonostante il tempo prestabilito, finisco per trattenermi anche per mezz’ora o più, e i risultati si sentono.

Pagina 6 su 6

È una tecnica che smuove, se mantieni un buon non pensiero e ti rilassi sempre di più vai profondo e ti dimentichi del corpo fisico, non ne senti i confini ed è come se fossi tutt’uno con la prana che stai richiamando in te, una volta mi è capitato di sentirlo così forte da avere la sensazione che tutto intorno a me girasse come se ci fosse un vortice intorno. Praticandola senti che vai a muovere energie in livelli che manco pensavi di raggiungere o che ci fossero, e anche se è una sensazione a volte “sottile”, senti fin da subito che qualcosa cambia. Ho notato che andando in profondità non si finisce mai col trovare un “fondo”, la prana vuole entrare e tu non puoi che sentirti meglio… Questa tecnica mi aiuta molto quando ho difficoltà nella pratica e non solo, perché ti fa sentire vivo e la Forza della Vita. Mi rendo conto di quanto sia importante respirare prana e riempirsi di essa sempre più a fondo e lasciarla agire, perché ci libera da pesi che non siamo coscienti di avere e ci permette di evolverci ancora di più alzando la nostra vibrazione.

Angel: Benissimo! Fai molto bene a praticarla e trattenerti più del tempo prestabilito, perché significa che senti il bisogno di farlo e di sicuro ti porta grandi benefici, anche molto più di quanti inizialmente ne percepisci. Quindi ti consiglio di continuare perché ti migliora tutto, dalla meditazione alle altre varie tecniche che poi praticherai durante il giorno!

Studente: Ciao Angel! L’energia è un tema così vasto e affascinante che non finisci mai di stupirti e meravigliarti di quello che possa fare. Già solo aumentando le meditazioni giornaliere posso vedere una grande differenza su me stessa: sono più attiva, con più voglia di praticare, mi sento proprio imbattibile. E questo solo aumentando le meditazioni, immaginiamo se poi si aggiunge anche la pulizia dell’energia. Tempo fa ho potuto constatare che, quando ero giù di morale, fare più meditazioni mi aiutava tantissimo a tornare come prima, senza sentire più nulla di negativo, e anche se non arrivavano subito i risultati continuavo e dopo li ottenevo. Grazie adesso alla pulizia che sto svolgendo più spesso noto grande beneficio sul mio stato mentale positivo e ottimista nell’affrontare le sfide quotidiane, e questo grazie a questo ripasso e all’incremento di determinate tecniche come la meditazione. Adesso cerco di svolgerla almeno una volta a settimana, ma ultimamente la sto facendo più spesso, appena ne sento il bisogno. È vero che non può fare tutto la meditazione ma ci sono anche altre tecniche come la pulizia energetica o la guarigione che possono aiutarci a stare ancora meglio sia mentalmente che fisicamente. Grazie mille Angel per tutto quello che fai per noi attraverso questi percorsi, ci sono di grande aiuto!

Angel: Fai benissimo, infatti vedi già da sola i risultati e ti rendi conto di quanto sia utile. Ci sta che in alcuni periodi si preferisca praticare altro, ma non dimentichiamoci dell’importanza di questa tecnica, perché ci dà davvero molti benefici, sia per l’effetto mirato che ha, sia per tutti gli altri effetti secondari che ci porta, come appunto il miglioramento della meditazione e di tutte le altre tecniche. Quindi è importante praticarla “anche poco”, che poi è solo una cosa mentale, perché se inizi poi ti rendi conto che ti sta piacendo e finisci per compiere una bella sessione. È più la fatica di decidersi e mettersi seduti a praticare. Se però superi quell’ostacolo, poi la pratica viene da sé e ti rendi conto che è meglio di come ti aspettavi. Quindi forza!

Studente: Grazie! Che bellissima lezione Angel, mi ha messo una voglia enorme di fare pulizia energetica! Grazie mille.

Angel: Molto bene ragazzi, se non avete altre domande per oggi terminiamo qua. Ovviamente se dovessero venirvi altri dubbi potete scriverli nella pagina apposita. A presto con le prossime lezioni sull’Energia! Buonanotte.

Studente: Grazie Angel! Grazie per la lezione e per il tuo tempo!

Studente: Grazie Angel per tutto, la tua bontà è indescrivibile.

Studente: Grazie per la lezione, è stata stupenda! Buonanotte!

Studente: Buonanotte grandissima Angel! Non vedo l’ora di seguire la prossima lezione!

Studente: Grazie Angel! È stata una lezione stupenda! A presto!

Fine pagina 6 su 6. Se hai gradito l’articolo, commenta qui sotto descrivendo le tue sensazioni durante la lettura o la pratica della tecnica proposta.
Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©
40+

108 Commenti

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *

Nome *
Email (opzionale)


  1. E’ vero: la pratica durante il Low è importantissima, non tanto per l’effetto, quanto perché è una sorta di “riscaldamento” per la pratica da “rilassati” come Dio comanda. Inoltre, la pratica durante il Low ti permette di “restare sul pezzo”, migliorando – direi quasi esponenzialmente – la pratica da rilassati. Infine, non meno importante, anzi, la pratica durante i momenti LOw ti permette di essere cosciente e quindi tenere le sensorie alte o, comunque, più alte rispetto a quando si è incoscienti. Utili e molto “pratiche” le risposte sulla pulizia energetica. Grazie Angel e grazie ACD:)

  2. Grazie mille molto interessante dovrò metterla in pratica molto spesso

  3. .Le tecniche sono tante e ora mi farò un programma settimanale per eseguirle tutte per bene. E ogni volta che raggiungo un risultato penso chissà quante belle sorprese ancora mi aspettano. Per-dono, lascio andare ogni progresso per fare spazio a ulteriori belle esperienze che al momento non posso nemmeno immaginare.

    Grazie

  4. Confermo pure io di provare più equilibrio e fermezza, condivido le sensazioni e gli effetti provati dagli studenti, è una tecnica da svolgere regolarmente, non deve mai mancare. 😊 Grazie

  5. Anche io non la pratico da un po’ prediligendo la protezione devo organizzarmi meglio io ho abbastanza tempo ma ancora devo ascoltare sempre la guida .
    Basta scuse mi devo imp giare di più
    Grazie Angel

  6. Ottimo, grandissimo pur ancora da neofita l’incremento delle pratiche e dele med è un’esigenza e quando qualche giornata scappa per troppi impegni emerge chiaro come ci voglia poco per farsi distrarre più del dovuto..mi mancano ancora l’estensione luminosa e la guarigione essendo a metà percosro del 2° step , alcune pratiche stentano un pò e perciò il seganle corretto è porpio quello di intensificarle , il ritmo migliora con le pratiche in parallelo ..portarle fuori sina dagli inizi lo facevo anche per passate consocenze e permette di connettere sempre più la quotidianità al non pensiero, alla vigilanza ed al Risveglio…al non essere dormienti , questo punto ritengo sia sempre più evidente e importante da tenere in mente e quindi essere coscienti sempre più nelle ’24 ore’ …Continuum!!!

  7. Ho compreso quanto sia importante la pulizia energetica personale e la differenza tra questa e la guarigione energetica.
    Quando svolgo la pulizia pranica prima di meditare, mi aiuta a rilassarmi, a calmare la mente e a percepire maggiormente l’energia durante la meditazione.
    Devo organizzarmi meglio con le varie tecniche, dimodoché non ne trascuri nessuna.
    Grazie. ❤

  8. È proprio vero si fa più fatica a decidersi di sedersi a praticare che fare. ….Uno dei miei punti deboli è riuscire a fare una scaletta per organizzarmi. Grazie ancora di tutti gli spunti che ci offri.

  9. In effetti è una pratica che ho un po’ trascurato ultimamente
    Devo abituarmi ad allenarmi anche quando sono fuori casa o comunque immerso nel low.
    Già il fatto di pensare a farlo rappresenta sicuramente un mattone in più che si aggiunge alla costruzione….

  10. Praticare anche quando siamo nel Low è veramente utile e importante. Inizialmente non è stato semplice, se ho ottenuto certi miglioramenti è solo grazie a te Angel che ci spieghi nel migliore dei modi e ci motivi tantissimo a ripassare e praticare sempre di più. Ci stai aiutando veramente tantissimo e per me ora è fondamentale praticare anche fuori casa, è diventato proprio un bisogno e ho notato che mi sto ricordando sempre più di prendermi qualche momento per svolgere una tecnica. Grazie mille per tutto Angel! <3

  11. Una tecnica molto importante, la pratico ogni giorno per 30 minuti, dona tranquillità e libera la mente, un vero toccasana. 😃 Leggevo il commento dello studente che non la praticava per mancanza di voglia…. ecco…. a me capita con la pulizia dalle entità, infatti quando nello schema che mi sono fatta era il giorno di fare questa tecnica ne facevo un’altra al suo posto…..classico….

  12. Non è da molto che sono in questa scuola. Pratico molto a casa, ma non durante la giornata, nei momenti low. Adesso mi impegnerò a rimanere concentrata anche fuori casa. Era un’esigenza che sentivo molto, ma non avavo compreso che si possono svolgere le tecniche in qualsiasi circostanza, senza ovviamente trascurare le sessioni a casa. Grazie Angel

  13. In questo periodo sto praticando tecniche fuori casa, di più di quanto facessi prima e senza avere aspettative, vedo che i risultati si ottengono davvero! Inoltre mi sto organizzando meglio per compiere diverse tecniche durante il giorno, e tutto questo lo devo a te Angel, perché tu ce lo hai sempre detto tramite i documenti che finché non si pratica sulla propria pelle non si può comprendere a fondo il significato delle tue parole. Grazie per tutti questi utilissimi consigli!

  14. La pulizia dell’energia mi svuota delle mie paure e agitazioni. Mi calma e mi fa stare bene. Immaginare la prana luccicante dentro mi da molta carica e mi fa davvero stare bene. Non ho mai dimenticato questa pratica, la eseguo molte volte anche prima della meditazione, mi prepara alla tranquillità. Quando non mi sento tranquilla il mio pensiero va a lei e pratico subito.

  15. Interessante lezione e poi si può trovare il tempo per praticare questa tecnica tutti i giorni al fine di
    ottenere i grandi benefici,grazie.

  16. La pulizia energetica l’avevo un po’ dimenticata, ritenendo altre più importanti. Ora mi sono accorta che sbagliavo, vedrò di rimediare e non trascurarla più

  17. Penso mi sia stato davvero utile leggere questa lezione..ho sentito anche io la carica che hanno percepito gli altri studenti,e come loro mi ritrovo ad aver perso di vista le altre tecniche ,ripetendo solo la meditazione sui chakra ..eppure ricordo bene quanto mi sono sentita meglio ,con ogni altra tecnica,provvederò anche io ad un’organizzazione mentale del mio tempo,che caspita, mi sembra così poco…avevo trovato.il mio equilibrio, e una positività che non conoscevo…perciò è urgente per me riequilibrare il mio percorso usufruendo di tutte queste preziose tecniche..grazie Angel ,il ruo percorso è strutturato in una maniera che trova il modo di “riprenderti” quando perdi di vista qualcosa..sono davvero grata di aver conosciuto quest’Accademia..

  18. Leggere i commenti e le esperienze così positive degli studenti è davvero un incentivo a perseverare e a organizzarsi per cercare di fare tutto al meglio..devo imparare anch’io a fare più spesso la pulizia e alternare le altre tecniche. Grazie a tutti per queste lezioni!

  19. Ritornare al primo step ci fa porre l’attenzione su tecniche e concetti che forse ci siamo dimenticati, presi dalla voglia di imparare sempre oltre. Riprendere confidenza con la pulizia energetica mi ha fatto un gran bene, era come un tassello fondamentale che avevo perso di vista, ma in poche sessioni ne sento di nuovo l’importanza. Sia come tecnica a se stante che come preparazione alla meditazione.

  20. Questa tecnica mi dà grossi benefici però all’inizio del mio percorso mi dicevo : ma quante tecniche devo fare!non ci riuscirò mai a farle tutte!Poi organizzandoti le ore giornaliere riesco sempre a metterci una tecnica ,oggi pulizia energetica,domani rinforzo aura,dopodomani pulizia energetica della casa ecc.e così non vado in ansia.

  21. Grazie a questa tecnica sono migliorata tantissimo nel mio modo di pensare e di affrontare la mia vita Low rispetto a pochi mesi fa prima ancora di conoscere ACD agivo incoscientemente con rabbia ora invece affronto tutto in modo diverso osservando il mondo con occhi diversi e sono sempre più incredula di tutto questo e mi stupisco sempre di più di questo mio cambiamento.
    Grazie Angel

  22. Bella lezione! Anche a me piace molto questa tecnica, cerco di farla almeno 2 volte la settimana e quando mi sento giù di tono.. È tra le mie preferite

  23. La pulizia energetica è diventata a far parte della mia quotidianità, anche se volessi non praticarla per un giorno non ci riuscirei. Almeno due volte a settimana la pratico in profondità ripulendo fino all’ultima cellula del mio organismo, così come per la pulizia della casa la pratico almeno due volte a settimana. I cambiamenti si notano, li noto su di me, sul mio modo diverso di pensare, di agire e mi stupisco di come reagisco contro le influenze negative del Low e degli altri su me, se dapprima la rabbia mi portava a sbottare con impeto ora coscientemente la distacco immediatamente non avvertendo più quei spasmi allo stomaco. Tutta l’atmosfera intorno a me è cambiata perché io sono cambiata, sto cambiando e stanno cambiando inconsapevolmente tutte le persone che mi sono vicine in primis i familiari. Grazie Angel.

  24. Questa è una delle tecniche che mi ha dato più emozioni. È bellissimo percepire come ti pulisce dentro e ci si sente veramente meglio

  25. Ho notato anche io che a seguito della pulizia energetica mi sento più allegra, anche se mi capita pure con la sola meditazione. Ma trattandosi di due tecniche diverse è necessario svolgerle entrambe.
    Sono ancora un po in dubbio sull’esercitarsi fuori di casa, le tecniche di pulizia energetica e caricamento dei chakra non devono essere svolte ad occhi chiusi? Possono essere svolte anche ad occhi aperti mentre si sta facendo altro?