09 – Il Sesto Senso (1 Parte)

Pagina 1

 

 

Il sesto senso è ancora un tema tabù qui in Italia, quasi “pericoloso” da dire in pubblico perché si rischia tutt’ora di vedere persone che si gireranno verso di te per dire “ma sei pazzo???”
Togliamoci dalla testa che sia un argomento spaventoso, pericoloso e da pazzi. I pazzi sono quelli che credono che queste cose non esistano. I pazzi sono quelli che credono che parlare di questo tema porti sfortuna, negatività, o addirittura “attiri oscurità”, perché è una bella cavolata.
Tratto di sesto senso da anni, e mai mi è accaduto qualcosa di brutto perché sto sviluppando il mio sesto senso, piuttosto la mia vita è migliorata, anzi direi cambiata sempre di più, perché la sensoria non solo ti migliora, ma ti migliora a tal punto da cambiarti totalmente la vita. Il sesto senso non è qualcosa che non ti appartiene, che devi farti vendere “dal diavolo” o altre assurdità del genere. È un senso come un altro che ti appartiene da SEMPRE, ma che non ti sei mai reso conto di averlo. Il tuo sesto senso è un muscolo che non hai mai allenato e pertanto non sai usarlo. Voglio arrivare subito al dunque con te, per farti capire che forte assurdità ci viene detta e a cui la maggior parte credono.

Ora vorrei che ti alzassi in piedi e saltassi all’indietro con una capriola in aria. Perché non lo fai? “Perché non lo so fare” mi potresti rispondere; e perché non lo sai fare? Perché non ti sei mai allenato, semplicemente. Fare una capriola volante all’indietro è molto complicato perché devi allenare il tuo corpo a saper reagire perfettamente ai tuoi comandi, a non avere paura di cadere, a tenere l’equilibrio in sé e saper atterrare sempre in posizione corretta. Bisogna allenarsi e nessuno ci riuscirà mai sin dalla prima volta, perché prima di riuscirci non ci proverá semplicemente, perché ancor prima di cadere avrá paura di tentare, avrà paura di cadere, avrà paura di farsi del male e quindi non salterá. Noi stiamo tutti ad ammirare gli artisti del ballo che riescono in quest’impresa in cui pochi ci riescono: è forse qualcosa di paranormale? E’ forse stregoneria? Assolutamente no. E allora perché ci riescono in pochi? Semplice, perché in pochi si allenano seriamente, la maggior parte lasciano perdere perché non hanno voglia di affaticarsi. Eppure per noi che vediamo sappiamo che ne varrebbe la pena perché sanno fare cose favolose, eppure quando poi si tratta di agire ecco che ci tiriamo indietro. Loro hanno voluto dimostrare che è possibile fare dei salti incredibili, ballare a mezz’aria, e lo hanno dimostrato allenandosi per compiere la capriola all’indietro. Perché tu non ci riesci? Perché non ti sei mai allenato, ma se ti allenassi, se facessi i giusti esercizi per fortificare i tuoi muscoli delle gambe, delle braccia, etc, per almeno un’ora tutti i giorni, anche tu riusciresti a compiere una capriola all’indietro. La stessa identica cosa vale per il sesto senso. Il sesto senso è come un muscolo, è come fare una capriola al volo, hai paura perché temi di cadere e farti male, temi di provare dolore o di sbattere la testa, temi il peggio, ma quante persone credi che muoiano ogni giorno quando provano in palestra a fare una capriola al contrario? Al telegiornale senti dire ogni giorno “tizio morto perché faceva capriola in palestra”? No, perché col giusto allenamento ti renderai conto che puoi fare una capriola senza di certo morire. È la stessa cosa. Hai paura perché è qualcosa di nuovo per il tuo corpo, pensi di non potercela fare, temi di farti male e di provare molto dolore, ma non è così. Se segui i consigli del tuo maestro di ballo e del tuo maestro spirituale, non c’è modo che tu possa fallire in quest’impresa. E così voglio insegnarti come sviluppare questo muscolo, che chiameremo sesto senso, dedicandogli solamente un’ ora al giorno.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 2

 

 

Ho voluto farti questo esempio, perché la mia paura più grande quando iniziai questo percorso spirituale come stai facendo tu ora, era quella di farmi male, molto male, convinta che anche solo pensando a questi temi potesse arrivare qualcuno ad uccidermi. È stupido, non credi? Ma io lo credevo fermamente, ero convinta che anche solo pensare, figuriamoci parlare di questi argomenti così “segreti” con qualcun altro, potessero in qualche modo portarmi talmente tanta sfortuna, o addirittura richiamare in casa mia il “male in persona”, o chi più ne ha più ne metta, che potesse arrivare qualcuno per uccidermi. Evitavo di parlarne e addirittura di pensarci, perché avevo troppa paura.

Moltissime persone che ho conosciuto durante la mia vita non mi hanno di certo aiutato: da un amica di famiglia che diceva di vedere i morti (che brutta cosa da dire), dalla zia di una mia amica che diceva che Dio ci punirà tutti perché siamo tutti peccatori e ci aspetterà una fine terrificante, a quell’altra che diceva che vedeva satana girare in casa tutto nudo, e loro dicevano “pazza!” a me quando io nominavo la parola “sesto senso”, mi ha fatto comprendere molte cose… ma ai tempi avevo molta paura! E’ importantissimo dire che una situazione accaduta la si può descrivere in diversi modi, e a seconda di come viene descritta può suscitare sentimenti positivi o negativi nonostante la situazione rimanga comunque la stessa. Desidero subito farti un esempio. Poniamo caso che una tua amica a cui è morta la mamma, veda la mamma che cammina per casa. Magari a te potrebbe far paura il pensiero di un’ entità, ma in realtà poi rimarresti addolcita all’idea che una mamma ci tenga così tanto alla figlia, o che la figlia in fondo non senta la mancanza della mamma perché continua a vederla.. è una cosa molto dolce, molto sentimentale, è così bella che quasi smetteresti di avere paura dei fantasmi, non trovi? Se la tua amica ti dicesse “io lo so che mia mamma non mi abbandonerà mai, io la sento, la sento sempre dentro di me e la vedo quando mi sento più triste e sola!” tu ne rimarresti totalmente intenerito. Ora invece immagina che, la stessa persona con la stessa identica esperienza, anziché dirti “vedo mia mamma in casa”, ti dicesse “vedo un morto in casa”. Non ti da un’altra sensazione? E’ verissimo che la madre è morta e quindi vede “un morto” in casa sua, ma le due descrizioni della stessa identica situazione, ti danno due diversissime percezioni dell’evento. Questo perché la diversa interpretazione ha cambiato la tua prospettiva di come vedere la situazione, in altre parole ti sembra un evento bruttissimo e negativissimo, anziché un evento molto dolce e tenero. Il come si racconta una cosa, modifica tutto l’apprendimento di ciò che ne sarà. Se io ti dicessi che i cani mordono, mordono sempre, mordono di continuo, mordono a prescindere, tu non ameresti i cani perché non appena ti avvicineresti a loro ti autoconvinceresti che loro debbano obbligatoriamente morderti e questo rovinerebbe la tua esperienza. È vero che esistono alcuni cani che mordono, e allora? Ogni volta che esci di casa incontri un cane che ti strappa una gamba? Non mi sembra proprio, devi proprio essere sfigatissimo per incontrare un cane che ti morde. E allora? Uccideresti tutti i cani del mondo solo perché esistono alcuni che mordono? No? E allora perché ti vieti di sviluppare il sesto senso? Il cane viene definito addirittura il miglior amico dell’uomo, perché fedele, dolce, e nonostante possano piacerti o meno, tu li uccideresti tutti solo per paura? Non credo, se così fosse dovresti farti ricoverare urgentemente, sul serio. Oltretutto perché mordono? Perché sono stati abituati male dai loro padroni, non di certo perché sono cattivi di natura, quindi c’è sempre un motivo. Ma come sai che non tutti i cani mordono, anzi, la gran maggior parte sono affettuosi; perciò ci sono 999 motivi per coccolare un cane a confronto di 1 per odiarli, perché limitarti allo stesso modo nel sesto senso?

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 3

 

 

Ci sono 999 motivi per decidere di svilupparlo, e c’è solo un motivo per decidere di non farlo, sai qual è? È il sentire parlare le persone del sesto senso, in modo negativo perché sono ignoranti. Le persone non sono capaci di descrivere quello che è, ma descrivono quello che credono che sia. Anziché descrivere di aver visto un’ entità piangere perché stava soffrendo, ti descriveranno di aver visto satana col forcone che li voleva uccidere, nonostante non abbiano visto satana, non abbiano visto un forcone, non abbiano visto nulla che possa rappresentarlo, ma siccome si sono spaventati allora per giustificare la loro paura vanno a prendere “il peggio” di ciò che hanno interpretato e lo raccontano per sembrare più forti. In altre parole è come se tu venissi morso da un criceto e andassi a dire di essere stato morso da un leone. Non sto esagerando, sto parlando sul serio, è quello che la gente fa ogni giorno per apparire migliore di quello che è! Vede un’ entità che non lo considera minimamente, che sta vivendo la sua vita o sta facendo il suo giretto, e va a raccontarlo come se quest’entità lo avesse preso e fatto volare e sbattuto da una parete all’altra come si vede nei film, e che stava per morire ma ecco per miracolo che si è salvato. Dai siamo seri. Non sto dicendo che non esistano entità negative, certo che esistono, ma esistono molte di più quelle positive, solo che gli ignoranti si rendono conto di cosa succede solo quando questa è negativa. Succedono miliardi di cose belle ogni giorno e noi le ignoriamo; poi succede la cosa brutta ed ecco che tutta la nostra attenzione si basa su di quella. Perché non gioiamo per tutti i singoli nati tutti i giorni? E perché piangiamo per ogni morto, anche per chi non abbiamo mai conosciuto o che semplicemente viene detto al telegiornale di cui nemmeno conoscevamo l’esistenza prima di allora? Perché non ringraziamo per tutto quello che abbiamo, ma ci lamentiamo sempre per quello che ancora non abbiamo? Comprenderai sempre meglio durante questo percorso il “perché” di tutto questo, te lo garantisco. Pertanto l’unico motivo per cui ti sei allontanato sino ad oggi dal sesto senso è perché la gente a caso te lo ha raccontato in modo negativo e tu ci hai creduto. Io durante il mio insegnamento ti racconterò tutto, e davvero tutto quello che mi è accaduto, e ti stupirai del fatto che non mi è mai successo qualcosa di negativo da quando ho iniziato a meditare, anzi, sono andata spesso a cercarmela pur di avere queste esperienze “negative e mortali” di cui tanto parlano, ma più sviluppo il sesto senso più mi rendo conto che la morte è per chi non possiede il sesto senso, mentre chi lo possiede si assicura l’eterna vita. Non sto parlando certo del corpo fisico, prima o poi anche il mio corpo morirà come per tutti, ma non sarà di certo per colpa del sesto senso. In realtà non ci vuole grande intuito per capirlo: se la gente non sviluppa il sesto senso e muore per malattia, muore per dolore, muore per sofferenza, muore per sfortune accadute proprio in quel preciso momento, che cosa accadrebbe invece se lui sviluppasse il sesto senso? Probabilmente prevedrebbe gli eventi negativi e non li farebbe accadere, curerebbe le malattie, distaccherebbe i dolori e le sofferenze, e pertanto la sua morte arriverà quando maggiormente lui vorrà, e non quando lui non vorrà. Se le persone morissero di vecchiaia, sarebbero tutte molto più felici, ma sino ad oggi abbiamo notato più morti di malattia, di suicidio per via di sofferenze, di incidenti in macchina perché distratti o ubriachi, di violenze sugli altri perché manipolati dall’oscurità.

Ma cosa accadrebbe se le persone sviluppassero il proprio sesto senso? Innanzitutto ci sarebbe meno oscurità, perché se sai davvero, se conosci davvero la verità, avresti centomila motivi in meno per cui odiare le altre persone, pertanto ci sarebbe meno violenza seguite da meno morti per omicidio.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 4

 

 

Dopodiché, ci sarebbero meno morti di suicidio, perché la gente soffrirebbe molto di meno, e così ci sarebbero meno morti di malattia, meno dolori, meno atrocità. Le persone sarebbero più felici e accetterebbero la morte più tranquillamente, perché questa arriverebbe quando ormai nella vita si sarà fatto tutto, quando si sarà pronti a passare a nuova vita. Molti umani non sono pronti a morire perché non è veramente arrivata la loro ora, e quando muoiono soffrono perché sanno che non era il loro momento, ma lo hanno deciso perché non hanno sviluppato in sé la vita eterna, ovvero l’anima. Sviluppando il sesto senso ti renderai conto che non tutti possiedono l’anima, ma sviluppare il sesto senso è la precisissima via per sviluppare un’ anima. Non si può creare un’ anima senza sviluppare il proprio sesto senso. Non mi interessa convincere qualcuno della purezza del sesto senso, perché io personalmente non ci guadagno niente se tu ti evolvi, sarà una cosa tua e solo tua, ma mi interessa, se tu deciderai di proseguire con questo percorso, che tu comprenda che non c’è niente che possa farti del male se tu sviluppi il tuo sesto senso, piuttosto, tutto potrà continuare a farti del male se tu non lo sviluppi. Hai già conosciuto il peggio di questo mondo, ora è il momento di conoscere il meglio, e io voglio mostrartelo.

Sesto senso non è qualcosa di occulto che appartiene all’oscurità o alla stregoneria o alla magia; è qualcosa che appartiene a te e che hai sempre avuto dentro di te ma lo hai ignorato da quando hai iniziato a farti programmare dalla società. Quando eri piccolo tu avevi il sesto senso, certo non era risvegliato al 100%, ma avevi qualche capacità, ad esempio percepivi le presenze, avevi un amico immaginario che immaginario non era ma con cui giocavi e ti divertivi (quindi negativo non era!), ogni tanto prevenivi le cose, avevi una connessione migliore con ciò che ti circondava ma soprattutto con Dio col vero Dio e non quello che ti hanno poi presentato in chiesa, nonostante non sempre gli associavi questo nome. Non sto dicendo che il Dio insegnato dalla chiesa sia oscuro o che non sia Dio, ma lo descrivono come loro credono che sia e non come lui è realmente. Per questo motivo hanno dato molte definizioni incoerenti. Per fare un esempio, col sesto senso potresti curare la malattia anche gravissima di un’altra persona: la chiesa dice che questa è stregoneria e quindi oscurità, ma se una persona guarisce da una malattia lo chiamano miracolo, perché? Perché se io faccio un miracolo devi poi reputarmi oscuro? Ma tralasciamo questo di cui parleremo molto più approfonditamente nel documento inerente. Il punto a cui voglio arrivare è che sesto senso è l’insieme di capacità straordinariamente positive, non è solo vedere un fantasmino, ma è curare le malattie, prevedere gli avvenimenti, cambiare gli avvenimenti, sentire cosa pensa la gente, conoscere altre dimensioni e fare esperienza in esse, e tantissimo altro ancora. Siamo nati con un corpo fisico magnifico che ci permette di fare cose incredibili, e il sesto senso fa parte del nostro corpo: è come un ponte che ti connette al tuo vero Io. Se hai le gambe le usi, perché non farlo? Ti piacerebbe se da oggi dovessi sederti in una sedia a rotelle nonostante tu sappia perfettamente camminare perché possiedi gambe sanissime? Non credo proprio! Hai le tue gambe e vuoi sfruttarle, cammini e corri, passeggi, saltelli, balli, ma allora perché limiti il tuo sesto senso? È come un organo, è essenziale per la sopravvivenza della tua anima. Il tuo corpo fisico ha necessità di un cuore che batta per poter vivere, e la tua anima ha necessità di un sesto senso che lavori per poter sopravvivere. Se tu lasci dormire il tuo sesto senso, anche la tua anima farà la stessa fine… e questo è molto peggio della morte.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 5

 

 

Quando mi chiedono “cos’è il sesto senso?’’ io rispondo spesso con: “cosa pensi che sia?’’ ma le risposte sono devastanti. Spesso mi sento dire: “è il terzo occhio con cui vedrò i fantasmi’’, oppure “è il senso che solo le persone ‘speciali’ possiedono…’’

Il sesto senso, comprendiamo bene, lo possediamo tutti, ed è l’insieme di tutte le capacità psichiche che conosciamo e non conosciamo al mondo (telecinesi, telepatia, premonizione, visione remota, viaggi astrali, tutto!). Il sesto senso, che viene tanto proibito dalla chiesa e da altre religioni perché sanno che ci porterebbe alla verità (se noi sapessimo la verità non saremmo più manipolabili, ergo non avrebbero più la meglio su di noi) è un senso come tutti gli altri, che noi dovremmo sfruttare al meglio per poter vivere davvero bene.

Gli antichi, ancor prima che inventassero la scrittura (quando la loro vita era basata sulla caccia e sulla famiglia, e sul cibo che avevano a disposizione per nutrirsi) passavano le giornate intere a sfruttare il sesto senso, perché era grazie a questo che loro potevano cercare cibo, ritrovare la strada per tornare a casa, sapere se i propri familiari stavano male e come potevano curarli.

Loro non comunicavano a parole, ma ‘telepaticamente’. Non si parlavano mentalmente, loro tenevano il vuoto mentale, ovvero non pensavano a parole, ma comunicavano a ‘sentimento’. Certo, è un po’ complicato da spiegare e soprattutto da capire, se siete alle prime armi, ma non preoccupatevi farò in modo di spiegarvi sempre meglio tutto ciò che conosco.

Loro comunicavano senza parole, infatti non si dicevano “ehi, ho fame’’, loro non sapevano ancora parlare. Ma comunicavano con uno stato molto più evoluto, dove la persona sapeva esattamente cosa voleva e desiderava l’altra persona, senza bisogno di pensare o di chiederglielo a parole come siamo costretti a fare noi. Loro sapevano esattamente chi avevano davanti, se era amico o nemico, se stava bene o aveva qualche problema, semplicemente vedendolo per un attimo. Non avevano bisogno di dimostrazione, diciamo che è una sorta di “sensazione a pelle”, che però non sbagliava mai! Sin dall’antichità loro utilizzavano il sesto senso, pertanto non è una novità di questi ultimi anni. Da millenni e millenni fa, gli umani sfruttavano il sesto senso, ma con l’andare del tempo lo abbiamo ignorato e dimenticato. Probabilmente non ci hai mai fatto caso, e probabilmente non credi nemmeno nella loro esistenza, ma voglio comunque farti questo esempio: parliamo dei culti antichi, come l’antica Grecia o l’antico Egitto, di cui noi abbiamo prove su prove sull’esistenza di persone che si chiamavano Zeus, Venere, Artemide, o Osiride, Amon Ra, Hathor, etc. abbiamo incisioni, monumenti, sculture antichissime, ma ancora vogliamo fingere di non credere alla loro esistenza. Ma prendendolo comunque come esempio, si tratta di figure di cui si racconta possedessero capacità psichiche molto evolute, ad esempio c’era il dio capace di creare fulmini (scosse elettriche), c’era la donna capace di far innamorare chiunque (manipolazione mentale), la donna della caccia (combattimento, fisico e mentale) e tanti altri ancora.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 6

 

 

Stiamo parlando di verità o mito, che comunque narra di capacità psichiche. Pertanto capiamo che non è qualcosa che stiamo inventando ai giorni nostri, ma sono credenze(?) o verità che da millenni e millenni sono stati scoperti. Il punto fondamentale di cui dovremmo fare attenzione, è che i monumenti, le sculture, etc, sono state dedicate a queste persone con capacità psichiche perché il popolo le riteneva potenti a tal punto da definirle divinità, perciò hanno costruito per loro qualcosa che le facesse ricordare nel tempo. Non stiamo quindi parlando di persone così piene di ego che si sono fatte autoritrarre per farsi ricordare, ma persone così potenti che il popolo, da quanto le ammirava, ha deciso di farle ricordare nei prossimi secoli e millenni. Infatti abbiamo tutt’ora importanti prove che ci dimostrano della loro esistenza come le piramidi (di cui nessun umano sarebbe potuto riuscire a creare piramidi così resistenti e alte, all’epoca!) ma cerchiamo continuamente di ignorare la verità perché “ci spaventa”, o meglio, perché spaventa a coloro che ci vogliono tenere sotto controllo e per garantirsi il nostro non risveglio cercano di farci credere che capacità psichiche (ovvero sesto senso) equivalga a male per noi, ma non è la verità! Non sono qui oggi per parlare di complottismo, ma di sesto senso. Non ti sembra strano che già dall’antichità si parlava di questo? Già da millenni e millenni fa, la gente acclamava persone, reputandole divinità perché forti psichici? Ripetendo che non erano loro stessi ad auto definirsi psichici, ma il popolo che, avendo assistito a prove (come gli apostoli hanno assistito a miracoli di Gesù) li hanno definiti tali.

Ora la domanda è: perché, col tempo che passa, ci stiamo sempre di più allontanando da queste capacità che sin da millenni fa decidevamo di sviluppare? Di certo non è perché abbiamo scoperto che portassero cose brutte, dato che chi più si sviluppava, più viveva meglio! Addirittura venivano reputate divinità, quindi le pregavano, gli facevano regali, li rendevano ricchi di attenzioni e di doni materiali; pertanto tutto possiamo dire tranne che il sesto senso portasse brutte cose. Quindi, cosa è cambiato da allora? Una cosa effettivamente è cambiata: la religione e la tecnologia. Bada bene, la tecnologia non è malvagia, anzi! E’ come la si usa che la potrebbe rendere tale, ed infatti qualcuno la sta utilizzando per abbassare le nostre coscienze. Questo è un argomento piuttosto delicato ma al contempo interessante e mi piacerebbe molto dilungarmici, ma non è questo il momento. Che diciamo invece della religione ad esempio cristiana\cattolica? Nacque con ottime intenzioni, assolutamente, ma dato che non è nata ieri, ma ben 2mila anni fa, comprendiamo bene che più persone sono passate per esserne i “capi” e non è rimasto sempre e solo uno. Cosa succede in una grossa azienda? Innanzitutto c’è chi la crea, quindi colui che crea quest’azienda prende tutte le decisioni, decide come chiamarla e cosa farne. Poniamo ad esempio che stiamo parlando dell’azienda di un preciso cioccolato. Cosa accadrà quando il creatore di quest’azienda morirà? Probabilmente la lascerà in eredità al figlio, che non vedeva l’ora che il padre gli lasciasse il posto per cambiare tutto. Da questo momento, nessuna legge impedisce al figlio di cambiare quest’azienda, perché è ormai di sua appartenenza (dato che il padre è morto), quindi potrebbe decidere di aggiungere più latte o più zucchero in questo cioccolato, oppure potrebbe decidere di renderlo salato, o di smettere di creare questo cioccolato e di sostituirlo con dei crackers, quindi rivoluzionare il prodotto della sua azienda. Potrebbe farlo benissimo, perché non essendoci più il padre a comandare dato che è morto, ora è lui il capo e può prendere tutte le decisioni che vuole che nessuno glielo può impedire. La stessa identica cosa la ritroviamo nella religione.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 7

 

 

Quando la chiesa nacque, aveva tutte le intenzioni migliori del mondo di insegnare una precisa cosa (e indovina cosa? La meditazione!) alla popolazione, con dei precisi criteri e metodi d’insegnamento; quando però queste persone (ovvero i discepoli di Gesù) sono morte, hanno tramandato e quindi lasciato in eredità tutte le loro proprietà (materiali e insegnamenti) ai figli o alle persone che ritenevano migliori per poter continuare questo compito, e così fecero, ma non sempre queste persone erano realmente le migliori. Quindi queste persone tramandarono da generazione in generazioni gli insegnamenti, ma cosa succede quando si riporta un avvenimento accaduto? Lo si racconta non per quello che realmente è successo, ma per quello che si crede sia accaduto. Tu c’eri quando Gesù ha fatto il miracolo? No, mi risponderesti. E allora come fai a dire cosa ha fatto e cosa no? Attenzione, non sto mettendo in dubbio che Gesù abbia fatto i miracoli, al contrario, proprio perché non eravamo lì a vederlo, chissà che ha fatto molto di meglio che dividere il pane e moltiplicare i pesci, ma a noi ci raccontano solo questo per limitare la nostra mente, perché no? Noi non potremmo obbiettare, perché non abbiamo prove che dimostrino quel che diciamo, mentre loro hanno la prova che… ah… aspetta… nemmeno loro hanno prove che dimostrino quello che dicono!!! Allora perché ci impuntiamo così tanto nel credergli? Io personalmente credo al fatto che Gesù abbia fatto miracoli e anche tanti, molti di più di quelli che ci raccontano, e credo anche che lui abbia insegnato a sviluppare il sesto senso, ma che col tempo a noi lo hanno tramandato come l’opposto per allontanarci dalla verità. Per fare un altro esempio, la chiesa dice che i draghi non esistono, giusto? Ma la chiesa dice che San Giorgio (che era un santo, quindi reputato dalla chiesa un uomo molto evoluto) uccideva i draghi. Ma non è un controsenso? Semplicemente non sono riusciti a rinnegare il fatto che lui riuscisse a uccidere i draghi e così hanno provato con psicologia inversa a farci diffidare e allontanare da questa verità. Il mio obiettivo non è allontanarti dalla chiesa o dalla tua religione sia chiaro, tu puoi fare quello che ti pare, ma non permettere che una religione allontani te dalla verità. Voglio farti riflettere sul perché, qualche secolo fa, chi sapeva fare i miracoli veniva bruciato sotto nome di strega e 2mila anni fa chi sapeva fare i miracoli veniva crocifisso, mentre 5 mila anni fa, 10 mila anni fa, 50 mila anni fa, chi sapeva fare i miracoli veniva definito divinità, veniva elogiato e reso ricco di doni e proprietà. La nostra è davvero evoluzione? O stiamo muovendoci come i gamberi? Pertanto siamo passati da un evolversi, ad un rimbecillirci. Per quanto ancora ci lasceremo prendere in giro?

I nostri antenati sviluppavano il sesto senso come facevano con gli altri 5, senza pensare minimamente che fosse qualcosa di negativo: come può un tuo senso essere negativo? Come puoi avere una parte del corpo che sia negativa? Diresti che vedere o sentire sia oscuro? Come mai non limiti i tuoi occhi o le tue orecchie? Perché sai che i tuoi sensi ti servono per vivere meglio, per goderti quest’esperienza, allora perché limiti il tuo sesto senso, la tua sensoria? Pian piano evolvendoci, le persone hanno trovato interessante iniziare a comunicare con le “parole”, arricchendo sempre di più il loro vocabolario e mettendo da parte il sesto senso. Il loro tempo iniziò a consumarsi con nuove invenzioni e nuovi studi, tralasciando quindi la meditazione. Tutto sembrava migliorare, e per certi versi lo è stato eccome (altrimenti ora non avremo di certo il pc e tante altre comodità attuali!) ma così facendo, hanno dimenticato la vera natura della vita.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 8

 

 

I pochi rimasti, quelli che ancora sapevano utilizzare il sesto senso, vedendo che non tutti ci riuscivano più, capendo quindi che le persone non si riconoscevano più, che per una sicurezza non andavano più ad istinto, ma avevano bisogno di “promesse a parole”, hanno pensato bene di inventare storielle su storielle per i nuovi “arrivati”; la nuova generazione, possiamo dire. Hanno insegnato dunque che l’istinto era NON tanto il portatore della verità, una voce dentro che ti indica sempre e soltanto la via giusta affinché tu possa evolverti e vivere bene, bensì la voce del “male” che vuole manovrarti per portarti poi alla distruzione totale. Così facendo, loro diventarono potenti mentre i “nuovi arrivati” si chiudevano sempre di più in celle costruite da sé stessi, rendendosi schiavi di questi “sapienti-imbroglioni”. E quale poteva essere il modo migliore per tenere gli altri lontani dalla verità? Come potevano tenerli a bada, senza che loro potessero mai scoprire le loro menzogne? Semplice, descrivendo il risveglio come un atto vandalico. Per secoli infatti, hanno pensato bene di mostrare agli occhi degli ignoranti, questo senso come “opera del diavolo”, così che tutti ne stessero lontani per paura, per timore che così fosse….

Le persone quindi non si avvicinavano a certe pratiche considerate magia, vedendole estranee al corpo umano, esterno, come se non fosse proprio dentro noi, perché convinte che stessero facendo la miglior cosa. Le poche persone che però non potevano fare a meno di possedere il sesto senso, venivano mandati al rogo col falso nome di strega, ecc. Insomma, sono riusciti a tenerci a bada per tantissimo tempo. Però loro hanno sottovalutato una cosa, piccola, ma essenziale… la meditazione che non solo sviluppava il sesto senso e avvicinava a Dio, quel Dio che ora ci fanno temere e che ci mostrano come Uomo gigante e onnipotente che condanna noi poveri umani all’inferno se solo osiamo pensare una parolaccia o chissà cosa, non è qualcosa di esterna a noi ma qualcosa che di natura compiamo se comprendiamo il meccanismo, un po’ come fischiare o cantare, non è qualcosa che ci si può nascondere per sempre ma prima o poi qualcuno avrebbe di nuovo rievocato certi ricordi! Ebbene, dopo tanto tempo, il cosiddetto Dio che ogni religione vede con occhi diversi (ma se ci pensate, a grandi linee, parlano tutti dello stesso Essere) finalmente stiamo riuscendo a scoprirlo nuovamente. Il caso ha voluto che, qualcuno di sani principi, finalmente si mostrasse e ci spiegasse la verità. Quel qualcuno ha insegnato, e i suoi allievi hanno insegnato a loro volta. Questi veri maestri spesso hanno rischiato la vita e alcuni sono morti coscienti che il loro sacrificio sarebbe servito per far apprezzare maggiormente i suoi insegnamenti. C’è chi tra i loro studenti ha cambiato strada purtroppo, chi ha deciso di utilizzare il proprio potenziale per ferire il prossimo, per il Potere e per fare la stessa identica cosa che ci hanno già fatto tempo fa e che tutt’ora stanno provando a farci: metterci al loro assoluto comando, ma non ci riusciranno!

Non importa se voi crediate in Dio o meno, se il vostro Dio è Dio, o Gesù, Buddha, una scarpa o un poggia bicchieri; non è questo l’importante. Ma che voi ci crediate o meno, col sesto senso si può arrivare a Lui, chiunque per voi sia. Dio è ovunque, non in una struttura, non dentro un crocifisso, ma dentro noi stessi. In qualunque posto vi troviate, lui è con voi, perché è dentro voi ed è fuori di voi, siete e siamo un tutt’uno. Alcune religioni ci insegnano che lui è un fattore esterno, che non è facile da trovare, ma noi stessi siamo parte di Dio e lui è dentro noi. Pensandoci, come potrebbero controllarci meglio? Semplice, dicendoci che Dio è esterno e che ci aiuterà solo se noi faremo determinate cose, ma, ovviamente, ci vietano di “ascoltarlo”, così che mai potremo conoscere la verità. Sapete la cosa peggiore?

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 9

 

 

È che noi abbiamo il libero arbitrio e scegliamo di non ascoltare questa Forza, che creò tutto e che desidererebbe solo il bene e la felicità di ogni suo piccolo essere vivente, per ascoltare un altro semplice umano, un comunissimo e banalissimo umano, che pur di tenerci a bada inventa di tutto e di più. La cosa terribile è che noi, anziché ascoltare il nostro sesto senso, il nostro Io interiore, preferiamo ascoltare le fonti esterne, come le voci delle persone che parlano e parlano, bla, bla, bla, non dicono nulla ma parlano, e noi ci facciamo frullare la testa da queste persone che pur non dicendo nulla, ci convincono perché il loro modo di parlare è travolgente e parlano…parlano…parlano… STOP!

Ho voglia di ascoltare solo me stessa, lasciatemi ascoltare solo per un momento quella piccola vocina che parla dentro me, il cosiddetto istinto, che mi porterà dritto a questa Forza estremamente pulita, senza complicazioni dettate dagli esseri umani! E’ così che ho iniziato il mio percorso, fregandomene di ciò che dice la gente, cercando e sperimentando su me stessa ciò che dagli altri veniva tanto temuto.

Bene, detto questo, possiamo andare oltre.

Il sesto senso, non è solo l’unione dei 5 sensi che già conoscete, ma va oltre.

Dico che è l’unione, perché il sesto senso vi potrà far vedere anche ad occhi chiusi, vi farà sentire dove il semplice udito umano non può arrivare, potrete usare la percezione del tatto senza dover allungare la mano per toccare il muro e sapere che è ruvido o altro. Migliorerà i vostri sensi fortificandoli a tal punto da permettere ad un cieco di vedere a sensoria.

Non aspettatevi che dopo 2 giorni di allenamento basteranno per riuscire a svolazzare come un supereroe e fare chissà cosa. Mi sembra ovvio che ci vorrà tempo e costanza, ma soprattutto pazienza per sviluppare le proprie capacità psichiche. Da piccoli avevamo un poco di sesto senso sviluppato, ma crescendo molti di noi si sono addormentati e sono davvero pochi quelli che sono riusciti a tenerlo sveglio almeno un minimo senza mai aver meditato; questo è perché gli adulti ci insegnano a pensare strutturato, evitando le fantasie o meglio quelle che per loro sono tali perché a loro volta è stato insegnato così, altri grazie a genitori più comprensivi o grazie a fenomeni paranormali in casa o per via dell’abitazione in mezzo alla natura anziché in città, sono cresciuti con meno caos e quindi meno low, pertanto hanno mantenuto un briciolo di sesto senso attivo anche crescendo. Ma a nessuno è rimasto totalmente, poiché, abitando in una comunità strutturata, in montagna o in città viviamo comunque in una società manipolante, e che ci piaccia o no il nostro cervello diverrà strutturato e avrà la meglio su di noi. Purtroppo, la maggior parte di chi è riuscito a tenerlo un po’ in movimento nonostante la società e la struttura sotto cui siamo posti, anziché comprendere il problema e quindi quanto sia stato fortunato a rimanere sveglio e di conseguenza quanto sia importante impegnarsi per evolversi ancor di più, è invece convinto che il suo sesto senso sia “completamente” sveglio, evitando quindi di allenarsi e, pian pianino, facendo spegnere anche quello. Non c’è limite al sesto senso, perché decidere di bloccarsi? Non abbiate più paura, non abbiate timore del vostro sesto senso: la vostra vista vuole uccidervi? No. Il vostro udito spera che voi moriate? No. E allora perché il vostro sesto senso dovrebbe farvi del male? Non c’è motivo. Con la meditazione, imparerete ad ascoltare il vostro istinto e mettere a tacere il vostro pensiero che vi dirà che state sbagliando. Se siete qua, è perché QUALCOSA o qualcuno vi ha portati qui da me. Approfittatene, smettetela di dire “io non sono speciale” o “io non sono nessuno” o “io non ce la farò mai”… voi tutti siete importanti, siete tutti nati per un obiettivo, ognuno ha un compito diverso, ma tutti, TUTTI voi qui avete un compito essenziale. Svegliatevi, è arrivata l’ora di riconoscere sé stessi!

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©
90+

532 Commenti

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *

Nome *
Email (opzionale)


  1. Foto del profilo di Eldreda

    Sei una gran combatente Angel. Ho sentito la tua forza….il tuo grido in questo capitolo. Le emozioni provate mentre leggevo erano forti. E ancora una volta grazie a te ho avuto conferma alle mie teorie. Il mio sesto senso mi ha salvata una volta e per questo non smetterò mai di rigraziarla. Adesso me ne rendo conto di quanto essa sia importante. Grazie a te

  2. Foto del profilo di Lisa Vitti

    Tutto quello che ho letto in questa Accademia è grandioso, mi piace leggere e praticare queste tecniche.

  3. La pratica è la soluzione quindi, grazie.

  4. È vero che questi argomenti sono tabù…. a me danno sempre della pazza e iniziano a guardarmi con ghigno torvo quando parlo di queste cose….

  5. Foto del profilo di paoloribes

    È bello cogliere tutta questa chiarezza negli articoli trovando dei suggerimenti davvero preziosi.

  6. Foto del profilo di Caravaggio

    Mi dispiace di aver perso il contatto col sesto senso ma a volte, poche, mi pare che qualcosa (sensazione) mi porti, mi accompagni dove non vorrei e sarei mai andato e poi scopro che era il verso giusto o la cosa giusta da fare in quel momento.

  7. Foto del profilo di Famuzu

    Questo articolo parla perfettamente di come è la chiesa adesso , a parer mio il simbolo + sta ad indicare il pensiero positivo che dobbiamo avere e non la morte o il dolore della crocifissione

  8. Foto del profilo di Morgana13

    Ho usato il mio sesto senso molte volte semplicemente ascoltandolo ma sempre istintivamente vorrei capire ora come controllarlo

  9. Foto del profilo di MYRIAM

    In effetti se Dio è illimitato e noi siamo stati creati a sua immagine e somiglianza, dovremo essere illimitati anche noi, quindi w l’allenamento con il 6 °senso!!!!

  10. Wow… Il Sesto Senso è davvero tutto da scoprire… non vedo l’ora di saperne di più!

  11. Foto del profilo di Pao

    Il sesto senso l’abbiamo tutti quando nasciamo. Poi la fontanella sulle nostre teste si chiude e ben poco rimane se non si medita.

  12. Ho letto così tanto con interesse che il tempo è volato, esprimi qui i concetti della religione a cui ero già arrivata anch’io, è meraviglioso avere conferme e arricchirmi con questo percorso di ulteriore conoscenza.

  13. Foto del profilo di Ciccia

    Senza mai parlare di Sesto Senso o meditazione, religioni, o altre cose che non siamo in grado di capire appieno, mia madre mi ha sempre incoraggiata a sviluppare questa mia “capacità di sentire”, lei ne è un po` spaventata, quando ad esempio le racconto di chi abita questa casa insieme a me (si verificano molti eventi che decisamente definirei paranormali qui), ma nonostante ne abbia un po` paura mi incoraggia, sa che ho qualcosa che lei crede di non avere (io credo che abbia ignorato, “spento” questa capacità). Crede (e lo credo anch’io) che io le abbia salvato la vita un paio di volte, grazie ai miei sogni, e non solo a lei. Lei dice che mia nonna era uguale a come sono io ora. Sento che qui in casa c’è qualcuno che non vedo, lo sento anche quando sono altrove, cerco di interagire con loro, anche se non so bene come fare, li sento, anche se non li vedo, so che ci sono, e mi sento felice e “leggera” quando sono accanto a me. Se dal nulla penso o sogno che qualcuno sta male, dopo un po` quella persona sta male davvero. Mi succedono molte cose che non riesco a spiegarmi. Vorrei sviluppare il mio Sesto Senso, imparare, conoscere, capire…

  14. Foto del profilo di vale7

    Articolo molto motivante ,ora bisogna imparare a riscoprire e sviluppare il sesto senso,non vedo l’ora di iniziare con le tecniche..!!!

  15. Foto del profilo di Chiara

    il sesto senso fa parte di noi, della nostra vita. Ci serve per comprendere meglio le cose che ci stanno attorno, senza di esso saremmo incompleti. Non possiamo basarci solo sui 5 sensi che ci rinchiudono nel matrix, perché esiste altro oltre alle cose strettamente terrene e materiali.

  16. Foto del profilo di Lallabel

    Rileggere gli argomenti ti aiuta a riflettere ulteriormente e a motivarti a continuare

  17. Foto del profilo di patty

    Tre mesi fà ho letto questo documento, quando conosciuto e trovato ACD ho iniziato questo meraviglioso percorso che Angel ci offre. Oggi riletto con una consapevolezza maggiore e sono ansiosa di imparare a svilupparlo. lo ascolto il mio istinto e lo seguo, non sempre è giusto ma mi affido molto a lui e non immagino cosa potrei fare col sesto senso sviluppato.

  18. Foto del profilo di Faby7770

    Riletto… Che entusiasmo che mi lascia a voler proseguire su qs percorso motivandomi a cercare sempre più… dentro me stessa ..grazie Angel 😃😃😃

  19. Foto del profilo di Ross

    Il sesto senso penso sia una qualità estremamente positiva di persone particolarmente sensibili ed acute. Spero di avere la costanza di seguirvi!