Tour Napoli 27.02.2016

53 Commenti

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *

Nome *
Email (opzionale)


  1. Foto del profilo di Alexis

    Ciao a tutti!
    Voglio cominciare il mio commento con un ringraziamento speciale ad Angel per aver organizzato questo tour e per averci protetto quei giorni come in realta fa sempre tutti i giorni dell’anno anche se ce ne dimentichiamo continuamente.
    è stato bellissimo ritrovarci, conoscerci meglio, conoscere persone nuove e bellissime, sentire vecchi legami e crearne di nuovi e cosi ringrazio tutti voi per questo tour, per aver partecipato e creato qualcosa di bellissimo insieme, per aver condiviso le vostre esperienze e la vostra luce. Siete tutti degli esseri di luce bellissimi, sinceramente io non ho parole per descrivere cosa é stato per me questo tour, è stata un esperienza unica. non abbiamo solo fatto la differenza per Napoli e la regione ma in tutta Gaia si è sentito tanto la differenza, è stata un occasione unica per abbattere il regolatore e vedere la realtà delle cose, abbiamo lavorato insieme in modo bellissimo, siamo un gruppo e insieme siamo una forza e mi sono resa conto di come non lo siamo soltanto durante i tour ma anche nelle prove di tutti i giorni in cui il dark è più meschino e subdolo. Su questo vorrei ringraziare profondamente tutte le persone che mi hanno aiutato a partecipare nonostante le difficoltà standomi vicino.
    Infatti vorrei iniziare a parlare di quanto successo gia da prima del tour, da quando ho visto l’avviso per questo nuovo tour, non riuscivo a trattenere la felicità e l’impazienza ma avanzando nella lettura mi soffermai sul nome della città dove si sarebbe svolto, Napoli, sentii un groppo alla gola, Napoli? Sentii una marea di pensieri negativi che volevano farmi visita nella mia testa, li scacciai e il programma negativo che questa città aveva addosso era evidente. Io personalmente non c’ero mai stata e tutti quei pensieri pronti a balzarmi addosso non erano i miei, era come se qualcuno volesse assolutamente farmi pensare negativo di questa città. Un motivo di piu per andarci!
    Detto questo come per ogni tour abbiamo iniziato a proteggerlo, sapevo che non era facile sistemare tutte le mie cose low per riuscire a venire ma sentivo di avere tanta fiducia in Dio, sentivo che se Dio voleva che ci andassi non c’era verso che sarebbe stato il contrario. Ed era una missione, illuminare una città e di riflesso anche Gaia, non un semplice tour. Dopo aver superato un periodo difficile quell’inverno (avevo sottovalutato quanto insidiosi diventano gli attacchi del dark in inverno e quanto sia importante raddoppiare, triplicare la pratica all’arrivo delle distrazioni, degli ostacoli e dei pensieri, vi dico questo perché voi che leggete non facciate mai questo errore, non mollate! Datevi manforte con i vostri compagni! Si pensa di essere soli ma non è cosi, tutti siamo sotto attacco, tutti affrontiamo momenti difficili, insieme possiamo superare qualsiasi cosa!!) arrivai una decina di giorni prima del tour piena di energia e continuavo a fare E.L e lasciarsi andare senza sosta per poter sistemare tutte le situazioni che erano in sospeso, tutto si sistemava, le persone vicino a me erano felici, incredibilmente positive e piene di energia e di voglia di fare ma infine arrivando all argomento del tour la risposta era negativa. Praticai con fiducia fino a due giorni prima della partenza ma la situazione era la medesima, non avevo detto niente a nessuno dei miei compagni e dovevo prendere una decisione sul da farsi. È stato bizzarro perché il giorno prima della partenza pensai: “forse sono piena di ego e questa scelta la sto facendo per me non per Dio o per una missione e questa è una prova per superare il mio orgoglio” e ho accettato anche questo se è una prova mettere da parte il mio orgoglio non andrò, il pomeriggio del giorno prima parlo con alcuni compagni dell’Accademia e in particolare una di loro mi apre gli occhi su quello che stavo facendo. Era una missione e il dark ovviamente le stava provando tutte per non farmi venire. La decisione finale lo presa quel pomeriggio dopo un bellissimo lasciarsi andare, il piu bello che abbia mai fatto fino adesso. Era come essere in un mondo a parte, fatto solo di luce e di Dio. Era una sensazione forte e palpabile, assolutamente reale e magnifica.
    Inutile dire che sono partita, la mia vita spirituale è piu importante non dieci, cento mille volte ma infinite volte della vita low, mi ero gia fidata di Dio tutti quei giorni, dovevo solo fidarmi ancora che sarebbe andato tutto bene . è cosi è stato.
    Anzi è stato bellissimo il venerdi mattina, sentivo tutto il dark addosso e nello stesso momento tutta l’energia dell’universo delle E.L che avevo fatto i giorni prima e le protezioni dei miei compagni, sono partita e il viaggio è andato benissimo. Ho passato il tempo un po chiacchierando con i miei compagni e un po in uno stato di semi meditativo respirando prana e ringraziando Dio. A parole risulta davvero difficile descrivere quello stato di lasciarsi andare e quella sensazione di protezione data da Dio.
    Appena arrivati a Napoli mentre stavamo ancora girando in macchina per le vie della città per arrivare all’appartamento dove pernottavamo il tempo sembrava rallentare come se i minuti passassero piu lentamente e si potesse assaporare il momento rimanendo piu coscienti. Un’altra cosa che si è sentita fin da subito gia dalla sera del venerdì era l’energia diversa nei diversi posti della città, alcune zone erano molto pesanti altre molto piu leggere, addirittura entrata in un bar l’energia pressante era letteralmente soffocante e si sentiva davvero chiaramente.
    Alla notte del venerdì inutile dire che ero felicissima e carica di energia per il giorno successivo, devo ammettere che una parte di me voleva approfittare e praticare tutta la notte e qui accade una situazione curiosa interessante da raccontare, mentre io e qualcun altro stavamo pensando di metterci a praticare una nostra compagnia con piu esperienza ci fece presente che eravamo venuti qui per il tour e non potevamo rischiare di stancarci praticando altro, detto questo senza dire niente( me lo disse il giorno dopo) fece una tecnica per farci venire sonno e conciliarci il sonno, è imbarazzante dire che dopo poco anche se carica di energia mi addormentai felicemente e feci una delle piu belle dormite mai fatte. Non so spiegare cosa èsuccesso a parte che la sua tecnica ha funzionato benissimo e che spesso ci dimentichiamo di illuminare la nostra vita con le nostre tecniche, che sono tutt altro qualcosa da mettere sul comodino dopo averle imparate lasciandole prendere la polvere, invece sono qualcosa da usare e riscoprire continuamente vivendole appieno.
    Il sabato è stato bellissimo ritrovarsi con gli altri, abbiamo cominciato con una meditazione non strutturata sia sentendo i chakra sia riempendoci tutto il corpo e gli organi principali di prana.
    Una cosa particolare che non ho riconosciuto subito è stato che qualche secondo prima che Angel dicesse cosa fare io lo stavo gia facendo, successivamente ho sentito altre persone che dicevano contente di aver provato la stessa cosa, io personalmente ero un po infastidita perche temevo di distrarmi e non seguire quello che effettivamente diceva andando per conto mio. Comunque è stata una bellissima meditazione, infatti da quella meditazione e continuando per tutte le tecniche di quei giorni era come essere in un mondo a parte, pieno di energia, dove nessuno mi poteva toccare
    Alla fine della meditazione abbiamo riempito tutta la stanza di prana blu ampliando l’effetto prima in tutto l’edificio poi nella città, nella regione e infine su tutta Gaia.
    Successivamente abbiamo provato a sentire l’energia nella stanza, come era distrituibita, sentendo quali erano le zone con piu o meno energia, era una tecnica che non conoscevo e non avevo aspettativa sulla riuscita ne tanto meno su cosa si doveva sentire invece con mia sorpresa riuscii a sentire a sentire i gruppi di energia distribuiti nella stanza.
    Allo stesso modo provammo la visione remota guardando chi era seduto dietro di noi, io ero seduta in fondo ma non ero certa se qualcuno si fosse seduto dietro di me nel frattempo o nel caso che non c’era nessuno cosa avrei potuto vedere, comunque a un certo punto sentii delle sbarre di una porta chiusa dico sentii perche non era un vero flash visivo era qualcosa che non avevo ancora provato; a quel punto nella mia testa arrivo il pensiero che era inutile continuare visto che non c’era nessuno e provai a fare la visione remota guardando davanti a me invece che dietro, ero a occhi chiusi e non ricordavo neanche chi era seduto davanti, qualche secondo prima che Angel ci dicesse di smettere ebbi un altro flash, dei riccioli neri. Aperti gli occhi controllai, esattamente dietro di me c’era la porta e poco piu avanti di me c’era una persona con dei bei riccioli neri.
    Nel pomeriggio dopo una piramide e un forte taglio fili col fuoco abbiamo provato una tecnica diversa di taglio fili e protezione, abbiamo richiamato un disco d’oro sopra le nostre teste facendolo girare vorticosamente in modo da tagliare qualsiasi filo, dopo esserci soffermati un po sulla testa lo abbiamo fatto passare su tutto il corpo scendendo fin sotto i piedi e poi risalendo fin sopra la testa continuando continuamente a farlo vorticare, a un certo punto abbiamo fatto fondere tutto l’oro del disco ricoprendocene completamente, si sentiva il calore dell’oro fuso coprirci tutto il corpo e creare una corazza indistruttibile e fortissima che continuava a inspessirsi fino a creare una bolla dorata piena di prana. Noi eravamo all’interno di questa bolla, protetti da qualsiasi cosa e circondati di energia.
    Dopo questa tecnica abbiamo fatto due volte E.L prima alla città e a tutta la regione alzando le coscienze di tutte le persone e dopo anche in alto per togliere tutte le nuvole e pulire il cielo e infine in basso andando sotto la terra. Durante l’ Estensione Luminosa la sensazione continua era come se qualcosa mi andasse contro infilando sonno, svogliatezza e pensieri non miei, in particolare me ne sono resa conto a causa dei pensieri perché mi erano totalmente estranei e provavano in ogni modo a farmi entrare negativita e a distrarmi. Ma grazie all’intenzione che continuavo a mettere nella E.L continuavo a spingere, sentendo le menti delle persone rilassarsi, il cielo pieno di cose che non dovevano stare li pulirsi, solo infine arrivata a spingere sotto la terra sentivo come una barriera, un cuscinetto riportarmi su impedendomi di spingermi oltre.
    Di nuovo è difficile rendere l’idea ma mentre facevamo la E.L si sentiva palpabilmente la presenza di qualcuno che provava in ogni modo e con ogni mezzo a distrarci. Personalmente credo che questo ci è stato di grande insegnamento perche quante volte decidiamo di mollare una tecnica e non continuare a praticare “perché quello non è il momento giusto” in quel momento non funziona, siamo stanchi, magari ci ha cominciato a dar fastidio qualcosa, siamo scomodi, improvvisamente abbiamo sonno ecc. Sono tutte manipolazioni e attacchi per non farci praticare e noi spesso ci caschiamo come degli sciocchi. Il momento giusto per praticare e ora e non dobbiamo lasciare che nessuna sensazione, pensiero, manipolazione possa farci pensare il contrario. La cosa bellissima che è successa durante quella lotta è che eravamo abbastanza coscienti da accorgerci di tutto questo. In quel momento era evidente, ma deve essere lapalissiano sempre.
    In un momento di difficoltà sebbene col taglio fili precedente avevamo tagliato tutti i fili anche dalle vite passate, ho volutamente rimesso una maschera di una mia vita passata per prenderle in prestito la decisione per andare avanti e continuare decisa su questa tecnica. Sul momento ha funzionato cedendomi la forza di continuare la tecnica ma successivamente, nella pausa tra le due estensioni luminose, mi sono dimenticata di distaccare immediatamente quella maschera e potevo sentire i suoi sentimenti, la sua rabbia verso chi mi era andato contro durante la E.L, il suo desiderio di rifarmi e di combattere. Detto cosi non rendo bene l’idea ma questa situazione non era positiva, tremavo letteralmente dal desiderio di continuare a combattere e la mia stessa aura sentivo che stava cambiando. Mi sono calmata solo quando mi sono resa conto che stavo influenzando gli altri, decidendomi ad allontanarla.
    Dopo la seconda E.L sentivamo una strana stanchezza come se effettivamente avessimo combattutto senza sosta tutto il pomeriggio, così per riprenderci Angel ci ha fatto fare un bellissimo lasciarsi andare, ci ha fatto sentire la riconoscenza di Dio e di tutto l’universo. Abbracciati dalla sua forza e protezione ci ha fatto sentire il valore della nostra missione e l’importanza di quello che stavamo facendo. Dopo questo tutta la stanchezza era scivolata via, eravamo in pace e pieni di consapevolezza.
    personalmente amo moltissimo il mare cosi la sera del sabato dopo aver cenato con tutti ho deciso di fare una scappata al mare, trovai un posticino al molo e presi a fare un po di tecniche, respirai prana e sondai il mare mandandogli energia. Il mare da tranquillo comincio a farsi sempre piu agitato e anche la sensazione a percezione era di agitazione e nervosismo a un certo punto era come se qualcosa minacciasse di avvicinarsi alla banchisa e venirmi a prendere ma io sinceramente ero troppo curiosa e continuavo ad ascoltare e cominciando a provare a vedere l aura delle cose, fu estremamente particolare l aura che vidi attorno al vesuvio, aveva un colore strano non era davvero il colore del nostro spettro di colori, era come un fumo denso che avvolgeva il vulcano.
    La mattina della domenica abbiamo cominciato con una meditazione non strutturata in cui abbiamo fatto particolare attenzione alla differenza tra l usare il tocco delle dita e non usarlo ( ed ovviamente è molto meglio usarlo). Alla fine della meditazione abbiamo allargato la nostra aura e la nostra energia all’inizio fino a prendere tutta la stanza e continuando ancora anocra fino a prendere tutta la città.
    mi è sempre piaciuto tantissimo il logo di acd ma non ho mai pensato di prenderne ispirazione per farci una tecnica, dopo la meditazione abbiamo fatto una protezione seguendo il disegno del logo. All’inizio ci siamo creati una grande bolla blu, solida e palpabile, poi uno strato pieno di fiamme blu a cui abbiamo dato una sensazione di calore ricordando esattamente la sensazione di bruciarsi cosi che qualsiasi cosa negativa sentisse questa sensazione e si allontanasse, abbiamo aggiunto fiamme soprapponendole e ingrandendole rendendole potenti, poi abbiamo creato delle lame i ghiaccio affilatissime che colpissero qualsiasi cosa ci volesse fare del male allontanandola e ferendola,continuando abbiamo richiamato altro ghiaccio creando uno strato di ghiaccio fittissimo che spaccasse tutti i programmi che ci erano attaccati e infine un ultimo strato richiamando una briciola di universo, prima una piccola parte e poi continuando abbiamo chiamato tutto l’universo dentro la bolla e i nostri strati per circondarci e proteggerci. Per finire da tutto l’universo che ci circondava abbiamo creato una spirale che girando intorno a noi tagliava tutti i fili da sotto i piedi a sopra la testa, continuava a girare e ad auto alimentarsi e a richiamare energia.
    La cosa bellissima di questa tecnica fu che prima della protezione non mi rendevo conto come stavo(ovvero che stavo male piena di attacchi del low e del dark) mentre dopo mi sentivo leggera e immensamente felice come se dei massi pesantissimi mi si fossero tolti di dosso, non potevo fare a meno di regalare sorrisi e di stupirmi dell’incredibile effetto della protezione, l’effetto continuò a lungo era come stare non tre metri sopra il cielo ma mille volte piu in alto.
    Il pranzo della domenica successe una cosa interessante che tutt’ora mi fa riflettere molto, mentre chiacchieravamo venni fuori con una domanda banale “ Quale è il tuo film preferito?” e dopo aver risposto il mio interlocutore me la pose a sua volta, sta di fatto che io non ho un film preferito, ovvero amo molto la lettura e ho dei libri preferiti ma sebbene mi piace guardare film raramente mi prendono in modo particolare. Rimasi un attimo sorpresa e istintivamente andai in non pensiero, in quello stato mi venne un titolo e lo dissi. Rimasi sorpresa. Io personalmente sono sempre stata un po reticente a rimanere in non pensiero a lungo per il “timore” di quello che potrei fare se non pensassi, inutile dire che mi è sempre piaciuto moltissimo pensare e riflettere e anche se capivo l’importanza del non pensiero mi sembrava che il suo risultato fosse troppo “aleatorio” e incontrollabile. Sta di fatto che la risposta che diedi in non pensiero successivamente stetti a ponderarla parecchio, perché avevo risposto cosi? Dopo un po di riflessione è assurdo dire che in non pensiero avevo detto la verità, era il mio film preferito per un numeroso numero di motivi anche molto significativi. Credo che il mio timore nel non pensiero era solo desiderio di controllo, ma lasciando andare tutto a Dio ogni cosa appare chiara e limpida e questo si può fare solo in non pensiero. Vorrei aprire un’altra parentesi per chi dice che rimanere in non pensiero a lungo non è possibile(molti al tour ne parlavano), vi dico vi sbagliate, non solo è possibile ma non ci vuole neanche un tempo indefinito e lunghissimo per ottenerlo, l’unica cosa che ci vuole è la volonta di farlo (io per prima so come sono confortevoli le riflessioni ) e la fiducia completa i Dio ( non credi in Dio? Nell’universo allora, nell’energia che stai usando nelle tue tecniche, nel tuo essere, prova!) lasciandoti andare completamente. E ti assicuro che quella sensazione di pace è infinite volte piu confortevole che delle riflessioni , è essere tornati a casa.
    Un’altra cosa molto bella del pranzo fu che durante un malumore di tutti a causa di un inconveniente, Angel ha sentito subito il cambiamento di atmosfera e si è affrettata a inviare prana per risollevare gli animi, inutile dire che nel giro di pochi minuti tutti hanno ripreso a sorridere e scherzare senza dare peso al resto.
    Nel pomeriggio abbiamo fatto E.L, credo che sia stata la piu difficile che ho mai fatto perché è stato come combattere contro i mulini a vento, l’intenzione che mettevo nella tecnica era stranamente smussata come se qualcosa mi dicesse che non poteva fare effetto, le parole di Angel sfuggivano alla mente come se fossi finita schiacciata in un limbo. comunque abbiamo portato l’energia sotto terra, espandendo una coltre di ghiaccio che spaccasse tutto continuando in mare pulendolo e distruggendo qualsiasi cosa negativa dentro il mare e sotto la sabbia, abbiamo creato una bolla di energia che spingesse lontano tutte le cose negative.
    A un certo punto mentre ero presa con la mia lotta interiore per rimanere concentrata iniziarono i rumori, all inizio mi resi conto che delle persone stavano passando nel corridoio e tra le sedie dove eravamo seduti, è stato strano il fatto che non mi feci altri pensieri in merito li sentivo estranei ma ero cosi scocciata per come stava venendo la E.L che ero come in un mondo tutto mio, sentivo che non me ne interessa assolutamente, potevano far cascare il mondo ma non mi interessava. E in effetti sembrava che ci andassero vicini perche oltre i passi si sentivano le finestre che mi ricordavo chiuse e coperte aprirsi e chiudersi e far entrare un gran vento allo stesso modo la porta si apriva e dal soffitto sembrava che qualcuno saltasse pesantemente e rompesse tutto.
    Nel momento esatto in cui abbiamo finito la Estensione Luminosa anche i rumori sono terminati, sembrava che fosse stato tutto un sogno, come se quel silenzio era irreale. La porta era al suo posto, le finestre chiuse, non c’erano estranei tra di noi ma il direttore dell’albergo venne da noi sorpreso e spaventato perché poco prima in tutta la città era successo il finimondo a causa di un vento fortissimo e proprio sopra l albergo il vento aveva rotto tutti i mobili, i vasi, il tavolo, anche oggetti pesantissimi.
    Dopo una pausa inaspettatamente Angel ha deciso di usare il resto del tempo per fare una piccola lezione accettando di rispondere alle nostre domande. La porta per tutto il tempo continuava ad aprirsi a sorpresa, anche verso la fine quando alcuni collaboratori si davano il cambio per tenerla riusciva ad aprirs. Anche io ho provato a tenerla chiusa creando una bolla di energia intorno alla porta ma tutte le volte che mi distraevo per ascoltare le risposte di Angel la porta si riapriva.
    Che cosa era stato tutto questo? Erano tutte le creature negative a cui abbiamo dato molto fastidio con la nostra E.L, erano alieni.
    Inutile dire che la sera parlando con gli altri, nominando l argomento alieni rimasi malissimo quando qualcuno mi rispose “Lasciali li dove sono”. Sono rimasta allibita perché se questa non è una manipolazione non so cosa meglio potrebbe rappresentarla. Loro sono a casa nostra e ci mandano negativita e giocano con noi come gli pare e piace, lasciarli dove sono? Ma anche no. Abbiamo la forza per difenderci, usiamo le nostre tecniche e proteggiamo noi stessi, i nostri cari e questo pianeta. Che senso ha farsi belli dicendo di essere spirituali se non si usano le tecniche anche per andare contro il dark? Essere spirituali non vuol dire fare giochi di prestigio e portare benessere solo alla nostra vita. Certo con le tecniche ci si può divertire e giocare, sono bellissime, si può migliorare la propria vita e quella dei nostri cari rendendola come desideriamo. Ma non è solo questo. Angel alla fine della domenica ci ha detto come non tutti hanno lo stesso percorso e questo è bellissimo perché è questo che ci rende forti, insieme con la nostra diversità e la nostra unicità.
    questa mia riflessione è un invito per me stessa e per tutti perchè dobbiamo ricordarci di stare attenti a non farci manipolare, tutte le volte che decidiamo di non agire chiediamoci il perchè.
    Perché non facciamo una E.L in piu in questi venti minuti di tempo libero?
    Perche mentre siamo sul bus per andare a scuola o al lavoro non facciamo protezione su tutto il mezzo e su tutte le persone su di esso?
    Perché se sospettiamo che una persona è in difficoltà non le inviamo prana e non le facciamo protezione?
    Perché se vediamo qualcuno che sta male non proviamo a fargli guarigione?
    Non serve trovare le parole per risponderci semplicemente agiamo come sappiamo sta rispondendo il nostro cuore.
    In questo tour abbiamo fatto un grandissimo effetto, i giorni successivi al tour parlando con diverse persone Gaias ho notato come è cambiato qualcosa in loro, abbiamo vinto questa battaglia per tutti non solo al Sud ma anche al Nord Italia e dappertutto in tutta Gaia. È stato bellissimo vedere la speranza la voglia di vivere e di agire ritornare nei cuori delle persone.
    I nostri limiti ce li creiamo da noi, siamo forti, ancora di piu lo siamo quando siamo insieme; il dark le prova tutte per dividerci facendoci credere di essere soli e mettendoci pensieri negativi in testa, ma non è cosi.
    Siamo un gruppo bellissimo, questo tour ne è stata l’ennesima conferma.
    Vi abbraccio tutti ! Anime bellissime insieme illuminiamo di luce questo mondo 🙂

  2. Foto del profilo di

    Questo era il mio secondo tour a cui ho partecipato, ma il primo insieme a mia sorella.
    Però prima di cominciare a parlare del tour vorrei aprire una piccola parentesi su una cosa particolare successa questa estate, non sto uscendo dal discorso ma credo che sia collegato invece. Ero a casa di mia nonna che abita in una città poco distante da Napoli, quella sera anche se non erano molti mesi che meditavo, avevo sentito come se l’aria in tutta la città fosse cambiata, fosse leggerissima e pulita. Avevo fatto una meditazione davvero in non pensiero, tanto che dovevo faticare per provare far uscire un pensiero lento ( mi sembrava davvero strano, visto che solitamente pensavo sempre) la notte mi era successa una cosa ancora più strana ma che non sto a raccontare qui o esco troppo dal discorso. Comunque non ho avuto mai più una sensazione del genere, poi quando ho sentito del nuovo tour a Napoli ho voluto subito parteciparci proprio per questo, anche se non avevo alcun soldo, volevo davvero sapere se magari era stata una delle tecniche che avremmo svolto lì ad agire nel passato.
    Passando al tour.
    Il primo giorno ero un po’ distaccata rispetto agli altri. Ho cercato di parlare un po’ con qualcuno, ma appena entrata nella sala avevo tantissimo sonno e stanchezza. La prima meditazione di gruppo era un po’ diversa dal normale, a me era piaciuto la parte di immaginare le fiamme blu nel plesso e riempire di luce l’intera testa. Solamente per tutto il tempo non ero riuscita perfettamente a mantenere il non pensiero, tantissime immagini mi occupavano la mente e certe volte perdevo un po’ coscienza. Dopo la pausa pranzo, nel pomeriggio ero andata decisamente meglio della mattina, mi ero impegnata molto di più a rimanere sveglia. Abbiamo fatto una protezione di ghiaccio e fuoco, solamente che a me è sempre parso poco resistente il ghiaccio e l’ho immaginato solido come il diamante. Poi la Estensione Luminosa è andata abbastanza bene, perché anche se mi apparivano delle immagini, riuscivo ad accorgermene e a cacciarle. La cosa abbastanza strana invece mi è accaduta la sera, io e mia sorella stavamo cercando un posto dove cenare e abbiamo deciso di andare alla pizzeria dove eravamo andate la prima sera. Nella sala del ristorante abbiamo iniziato quasi a litigare, perché lei diceva che non voleva continuare che era troppo per lei ecc… Appena uscite da quel posto ci eravamo sentite immediatamente meglio, come se quel posto avesse una brutta energia negativa. Poi è tutto migliorato come se non fosse successo niente. Il giorno dopo le cose erano andate sempre di più a migliorare, la sala era più accogliente e io ero riuscita a essere più socievole con gli altri. Volevo essere un po’ più spontanea, ma devo dire che sono migliorata moltissimo in questi giorni, perché ho capito soprattutto che questo lato timido del mio carattere che non sento mio, lo vorrei davvero distaccare, arrivata a questo punto l’ho trovato davvero un peso insostenibile. La mattina abbiamo fatto nuovamente la meditazione e ho anche imparato una nuova tecnica del taglio fili con il disco dorato che mi è piaciuto molto, soprattutto la parte di far diventare tutto il corpo dorato. Nella Estensione Luminosa del pomeriggio invece è venuto a piovere fortissimo, soprattutto il vento era molto forte, tanto che sentivo tavoli e sedie al piano di sopra rotolare e cadere. Io non l’avevo visto come se fosse negativo, anzi soprattutto dopo che Angel aveva detto di sfruttare il vento per far girare la prana nella città, credevo che fosse venuto apposta per far muovere l’energia più velocemente e o anche magari come se fosse una reazione all’energia positiva. Magari proprio come una persona dopo aver tolto un grosso peso si sente un pochino male, forse quello era il malore della città dopo che si era purificata da una brutta energia negativa. Avevo solo un po’ paura che si aprissero le finestre e la gente si spaventasse, ma per il resto sono rimasta molto concentrata. Ai fianchi sentivo certe volte delle persone che passavano e la porta che si apriva. Ma subito dopo l’ Estensione Luminosa, il temporale era cessato (era stato così preciso a fermarsi, che sembrava avesse avuto il timer) e io avevo scoperto che i rumori che sentivo non erano affatto persone, nessuno si era mosso dal posto, quindi erano state delle entità a spostarsi e non persone fisiche. Il restante tempo è continuato con le domande delle persone fino alla fine. La sera, forse anche dopo aver sentito un po’ di racconti dei fantasmi che c’erano all’hotel, la notte mi ero svegliata e il mio cervello cercava di farmi vedere fantasmi dappertutto, persino mia sorella che dormiva vicino a me lo sembrava. Però sapevo che con tutte le protezioni era impossibile che alieni o fantasmi fossero nei paraggi, quindi non mi sono affatto spaventata e ho dormito benissimo.
    Alla fine ho fatto un po’ di conoscenze nuove e stretto un po’ di più con chi avevo già conosciuto lo scorso tour, lo so che non sono la persona più socievole del mondo, ma vorrei comunque dire anche se forse non si vedeva nell’apparenza, che io ho apprezzato molto la compagnia di tutti. Nel prossimo tour spero di migliorare ancora di più.

  3. Foto del profilo di venusia

    Premetto che partecipare ad un tour è un’esperienza sempre molto intensa; ogni volta per me rappresenta oltre che un viaggio fisico, anche un percorso interiore in cui sento una crescita consistente; inoltre avverto un vero e proprio cambio di dimensione e di conseguenza ho sempre più chiaro il motivo per cui, prima di partecipare, è fondamentale proteggere e fare E.L ad un evento così importante. La notte di venerdì in albergo ho fatto un sogno assurdo: mi trovavo già a Napoli e un tizio alto e biondo, sembrava uno straniero, passando davanti ad un bancomat aveva lasciato un malloppo di soldi di carta in bella vista, come lo avesse fatto apposta, per attirare la mia attenzione visto che stavo dietro di lui; allora li ho presi e messi dentro una busta di carta, custoditi; il bello è che mi trovavo sulla costa quindi davanti al mare e dovevo prendere un aereo per recarmi al tour!! Un signore, un poliziotto in borghese, mi prese la busta come se già ne conoscesse il contenuto e mi fece allontanare da 2 agenti in divisa; mi richiamò subito dopo e mi fece trovare tutti i soldi su un tavolo divisi per taglio. Avevo rubato migliaia di euro!!!Si era tenuto i pezzi grossi, lasciandomi quelli da 5 e 10 euro. In realtà tutta questa assurda storia era un modo per farmi perdere tempo, infatti correvo qua e là per prendere un aereo inesistente in un aeroporto inesistente, dove i gates erano chiusi e al posto delle piste c’era il mare. Purtroppo per il low, entità o alieni che fossero, che tanto hanno voluto rovinarmi la nottata, la mattina di sabato ero già in albergo pronta ad abbracciare Angel e felice di iniziare questa bellissima avventura a Napoli. Dopo aver ritrovato vecchie ed amabili conoscenze e conosciuto nuovi studenti, Angel ha dato inizio al tour; un po’ come quando gli strumenti di un’orchestra devono accordarsi prima di eseguire una sinfonia lei rappresenta per me il “LA”, il suono perfetto, che ti porta subito in alto. Aver praticato con lei questi due giorni è stato meraviglioso e capisco sempre di più quanto A.C.D sia fondamentale e di alto livello per il risveglio spirituale. Eravamo 70 persone a praticare, guidati da Angel, che ogni volta che aprivo gli occhi mi sembrava di aver fatto dieci meditazioni concentrate in uno spazio – tempo molto breve, una connessione all’Essere e a Dio molto forti, attraverso di lei, che descrivere a parole non è facile. Tutto spariva intorno, rimanevano solo la musica e la sua voce soave, che facevano da ponte tra questa realtà, diciamo, e qualcosa di molto molto grande. Durante una sessione di E.L, ricordo in particolare un momento in cui dovevamo addentrarci nel sottosuolo della città, creando del ghiaccio e mi trovai ad agire con insistenza in un punto preciso, si trattava della parte sottostante di una piazza o più precisamente una fontana o un monumento, la cui base aveva una forma circolare; avevo notato qualcosa di magmatico scuro che ribolliva, più denso del petrolio. Facendo Estensione Luminosa dal mare mi trovai invece a metà tra il fondale e la costa e notai come una fessura artificiale, una sorta di porta in cui feci entrare moltissima luce che investisse i sotterranei della città fino all’entroterra. Ciò che mi ha stupito di più e coinvolto nello stesso tempo è stato che, poco prima che Angel ci desse indicazioni su cosa fare, io già mi trovavo a farlo; ad esempio, nel creare il disco dorato che poi ha fatto assumere un movimento rotatorio, io, un istante prima, coglievo i dettagli della sua descrizione. Anche se non vi è alcun dubbio sulla realtà di ciò che siamo in grado di creare, quest’anticipazione di cui parlo ne è la prova, ossia quando con l’intento agiamo attraverso Dio stiamo già ottenendo degli effetti portentosi.
    Domenica è stato un susseguirsi di manifestazioni che ci hanno dato prova tangibile di quanto scritto sopra: stavamo illuminando, per quanto la mia esperienza potrei definirla diversa rispetto a ciò che ho sentito raccontare da alcuni studenti, eravamo sicuramente connessi tra noi e ai nostri Esseri perché è successo l’impossibile. Nel mezzo della tecnica, fuori si è scatenata una tempesta: dal solaio sentimmo letteralmente rumori frastornanti, le porte della sala che si aprivano e sbattevano chiudendosi, erano entità, che infatti ho sentito confermare dal racconto di altri studenti e da Angel stessa. Un’altra studentessa a me vicino, che si trovava davanti ad una grande porta finestra si è trovata a dover fare protezione forte, in quanto anche da lì qualcosa di apparentemente invisibile, ma assolutamente percepibile cercava di introdursi con violenza; la stessa cosa succedeva dall’entrata principale della sala, dove a lungo i ragazzi hanno dovuto fare a turno perché non si riaprisse, facendo protezioni.
    Quello che sembrava il finimondo era una vera e propria battaglia tra noi e un insieme di forze aliene che tentavano di farci smettere di fare E-L; altra prova del fatto che stavamo dando fastidio richiamando la Forza è che, a fine E-L, ogni volta che Angel ricominciava a parlare, se qualcosa sembrava essersi placato, riprendeva a scatenarsi. La mia esperienza è stata particolare, ricordo che quando sentivo le porte sbattere e i passi in sala e dal solaio, sembrava stessero spaccando e rompendo mobili o pesanti macigni. Ero molto profonda in non pensiero e nonostante tutto sono rimasta connessa in quello stato, non sentivo più il corpo; suppongo che la mia coscienza era lì dove doveva essere probabilmente. Alla fine della sessione, durante la pausa, ho avuto il dubbio atroce di non aver combinato nulla, di non essere stata presente, ma non era possibile perché in realtà, se fuori stava succedendo il pandemonio, io sentivo la connessione con il mio Essere e Dio, e dentro di me c’era cielo sereno e brillava il sole. Quando sento Dio dentro, io non ho paura, e con Angel mi sento sempre sicura, che potrei intraprendere qualunque avventura.
    Domenica sera per me e la mia compagna di stanza è stata particolare perché entrambe, in momenti diversi, abbiamo avvertito delle presenze nella nostra camera, quando ci siamo trovate sole. Io ho richiamato immediatamente e rafforzato la piramide. La mattina dopo, prima di andarcene, ero in bagno, la lampadina cominciò a tremolare finendo con il fulminarsi, e per me fu un segno di qualche tipo, ma rimasi tranquilla.

  4. Foto del profilo di cristina

    Ciao a tutti, che dire difficile raccontare questa straordinaria esperienza, è il mio secondo tour, ma completamente diverso, cerco di raccontare dall’inizio, il mio viaggio comincia da genova mia provenienza, viaggio in bus quasi 10 ore mai stato un problema mai sofferto, eppure più mi avvicino a Napoli e più il mio stomaco (plesso) comincia a fare i salti, mi girava la testa, mi sentivo strana, nonostante le protezioni e guarigioni anche dei miei compagni di viaggio, non capivo. Al mattino prima di iniziare la sessione incontro tutti o quasi gli studenti (molti li conoscevo già di persona, altri solo di chat) è stato bello rivederli abbracciarli sentirsi a casa, però io continuavo a sentirmi strana cominciamo la sessione mi riprendo un po con la prima meditazione profonda guidata da Angel, pausa pranzo riprende lo stordimento chiedo il permesso di andare a riposare sperando di riprendermi facendo ennesima guarigione, ma appena entro in camera sento qualcosa c’era uno strano freddo, dico strano perchè la camera era calda, mi distendo sul letto e mi appisolo mi sveglia un rumore di passi, pensando ad un mio compagno di camera socchiudo gli occhi e vedo passare un’ombra marrone, le ante dell’armadio che erano chiuse ora sono aperte, richiudo gli occhi e li riapro, l’ombra era li, come mi è stato detto dopo avrei dovuto rimanere però presa così sono volata fuori dalla camera e raggiunto gli altri, ho raccontato quello che mi era successo e la cosa per il momento è finita li. Il giorno dopo ho avuto delle risposte che non mi aspettavo, tutto era strano succedevano piccole cose e sentivo anche altri che ne parlavano, però non ho dato peso ed ho continuato con E-L e meditazioni così profonde che pur essendo cosciente e presente nello stesso tempo mi sentivo un tutt’uno con gli altri e con l’universo, sempre in contatto con il mio essere, e mi sentivo protetta, il malessere c’era sempre ma molto meno, ma nel pomeriggio tutto è stato chiaro, durante l’ Estensione Luminosa Angel ci porta nelle profondità a togliere le negatività nel profondo della terra e del mare, li cominciano degli eventi fortissimi, porte che sbattono si aprono vento così forte da rompere vetri, tavoli persino due alberi, Angel ci spronava sempre di più a spingere via tutto, vedevo le nostre mani spingere ghiaccio, dal mare vedevo un portale da cui usciva come fumo nero e noi tutti insieme a spingere prana bianca fino a quando non si è chiuso, sentivo un’amore dentro a colmare tutta quella negatività. Ho poi saputo che quell’Hotel era un convento e probabilmente ho visto l’entità di qualche monaco chissà forse voleva avvisarmi perchè non avevo sentito ostilità. Spero di essere riuscita a descrivere quello che ho provato, dopo la sessione della domenica pomeriggio non ho più avuto malesseri. Ringrazio Angel e tutto lo staff dei collaboratori che ci hanno guidato e seguito….grazie a tutta la famiglia di ACD

  5. Foto del profilo di antonella del piano

    Eccomi……E’stato il mio secondo tour e nella mia citta’,felicissima di rincontrare i ragazzi conosciuti a Bologna e di conoscerne nuovi condividendo gioia, amore e familiarità oltre a pratiche ed esperienze.il tour era centrato sul ripulire Napoli con meditazioni ed Estensione Luminosa e la mia meravigliosa Napoli ne aveva urgenza.Il primo giorno arrivo alla sala del tour e incontro i ragazzi .molti li conoscevo altri no,felicissimi e almeno io emozionata , sono arrivata con un amica di Napoli che da circa 5 mesi fa parte di ACD.Ecco Angel splendida nella sua semplicità umiltà e autorevolezza.Dopo i saluti si parte con le protezioni ci fa aggiungere tecniche nuove una profonda meditazione nel mentre sentivo come qualcosa mi solleticasse la guancia e poi il naso e più volte infastidita mi portavo la mano al viso.<iniziamo a fare Estensione Luminosa con Angel che ci guida .ci spinge ad andare in profondità della terra facendo fluire la prana blu io mi trovo sotto al Vesuvio sento li un maggiore pericolo e rimango per un pezzo li a inondarlo di prana e una protezione di ghiaccio con spine che andava spaccare ogni blocco e negatività. Successivamente vado per la città e province e man mano tutta la Campania.Prima della pausa Angel ci fa fare una tecnica ci chiede senza voltarci di vedere cosa o chi c'è dietro di noi,mi concentro qualche minuto prima non vedo nulla ma dopo qualche minuto vedo Dario seduto proprio dietro di me quindi chiedo alla mia amica Antonella di dirmi se dietro di me ci fosse Dario ma lei risponde che non ho nessuno dietro.Andiamo in pausa pranzo si parla si ride insomma si sta una favola,verso le 15 si riprende ci sediamo al solito posto e sento delle voci nella fila dietro di me,non mi volto ma chiedo alla mia amica di dirmi ora chi ho dietro e lei sorridendomi dice Dario….devo chiedere ad Angel il significato.sSi riparte e mi accorgo di avere alcuni vuoti come se dormissi ma ero sveglia,spesso mi trovo ad anticipare Angel nelle azioni chieste lo dico e lei mi dice che siamo connessi a lei Avvertivo un aria strana un qualcosa che non mi quadrava …..
    Il secondo giorno iniziamo protezioni e meditazioni stupende io continuo ad avere quei vuoti e in uno di questi sento la voce di un amico il quale doveva partecipare al tour ma bloccato con il lavoro in clinica,dire a voce alta il mio nome Antonella sbloccandomi dal vuoto.In pausa gli invio un messaggio scrivendogli ho sentito te chiamarmi a voce alta ma appena inviato il messaggio decido di chiamarlo finita la conversazione chiudo subito mi richiama dicendomi di aver letto il messaggio dopo la telefonata e in effetti lui aveva il libro di Angel aperto sulla meditazione e la stava praticando quando dice :-Antonella anche io sto meditando con voi. Dopo il pranzo si inizia Angel ci chiede di andare in mare in profondità a spaccare tutte le negatività,ci sono diversi blocchi…..quando all'improvviso succede di tutto e di più la porta si spalanca e subito intuisco come un esercito in battaglia ovviamente di entità e non solo un baccano incredibile mobili sopra in terrazzo che si spostano si rompono istintivamente non so se qualcuno ha sentito mi scappa una parolaccia e sto li li per alzarmi istintivamente per portarmi al centro dove si trova Angel per affrontarli ma apro gli occhi e vedo Angel che non si scompone quindi riprendo, un vento incredibile e le entità che andavano e venivano Angel che ci incitava a continuare in profondità facendoci aiutare dal vento.la porta che si apriva e chiudeva ad un certo punto ho visto Roberto che ha piantonato la porta.Quando abbiamo finito noi così hanno smesso loro.Un altra esperienza indimenticabile ma non c'è da meravigliarsi perchè dove c'è Angel ci sono sempre esperienze fuori dal normale e queste non sono aspettative perchè sapevo che sarebbe accaduto qualcosa fuori dal normale ,,,,,,ma mai mi sarei aspettata un invasione di campo.Voglio ringraziare tutti, Angel che è unica,meravigliosa creatura, Roberto e Daniele e tutta la famiglia ACD I tour ti cambiano la vita e contribuiscono più velocemente all'evoluzione sono incontri che ti lasciano il segno. Vi amo

  6. Foto del profilo di Annina

    Non so come riassumere questo tour….perché per me è stato davvero potente e ancor di più lo è stato con il passare dei giorni.
    Prima di tutto….io inizialmente non dovevo venire per problemi economici, avevo già rinunciato all’idea, e per correttezza avevo anche lasciato la chat.
    Se non fosse che proprio due settimane prima una studentessa dolcissima mi ha contattata, dicendomi “dai, perché non vieni?” e convincendomi di nuovo a controllare i voli ed i collegamenti dalla mia isola, in genere ( e sino a qualche giorno prima)molto costosi.
    E’ così che, spinta dal suo entusiasmo, ho trovato il volo a un prezzo che potevo permettermi e i biglietti dell’autobus da Roma a Napoli…ed è così che è iniziata questa avventura!!
    Il giorno della partenza mi sono alzata alle 4, ho preso l’aereo e quando sono arrivata a Roma era ancora mattina presto, così ho incontrato in stazione due studenti in partenza che sono stati così carini da farmi compagnia per buona parte della mattina.
    Al pomeriggio poi ho preso l’autobus con altri studenti e ne abbiamo approfittato per parlare di pratica, di ispirazione…di Dio… per meditare e…per abbracciarci!!!! E’ stato molto bello!!
    Una volta arrivati, dopo aver incontrato altri compagni in albergo ho avuto modo di entrare nella stanza…e devo dire che ho avuto da subito una sensazione un po’ sinistra, non mi sentivo tranquilla e a mio agio, anzi, ero piuttosto inquieta e per prima cosa, dopo aver fatto una mega bolla, ho acceso tutte le luci ovunque andassi. Appena arrivato, ho scoperto che il bagno aveva una finestrella aperta, senza serratura, che andava appoggiata con forza in modo che restasse chiusa. Così ho spinto con forza e, visto che era ben incastrata, sono uscita senza problemi.
    Le prime ore sono state così una bellissima conferma, ho riabbracciato chi già avevo incontrato, conosciuto gli altri, e da subito si è instaurato questo bellissimo clima di condivisione e allegria che non mi ha mai lasciata per tutto il tour e per me è stato davvero fondamentale.
    La prima notte, appena arrivata dopo la cena, subito dopo aver aperto la porta della stanza ho sentito un forte frastuono….la finestrella era aperta, nonostante l’avessi ben chiusa e non avesse modo di riaprirsi se non con una forte pressione esterna. Mi sono detta”sarà il vento” anche se non ero troppo convinta, continuavo a sentirmi tesa e prima di addormentarmi ho rifatto pulizia e bolla, con un intento molto forte di non essere disturbata. Il giorno dopo, quando mi sono alzata e sono andata nel bagno ho trovato la luce della zona doccia accesa, ma stavolta ero sicura di aver spento ogni cosa prima di andare a dormire. Di nuovo, mi sono ripetuta che niente poteva succedere e sono andata a fare colazione.
    Durante la prima giornata tutti assieme, abbiamo meditato e fatta E.L, provato nuove tecniche, “sentito” quanto la negatività incombesse su Napoli. Durante le tecniche era come se come fossimo tutti insieme al servizio di un qualcosa di superiore, guidati da Angel, non esistevo IO, ma NOI, un’unica energia che si muoveva in molti modi, ognuno operava secondo il suo sentire, ma era come sferrare un attacco ed essere parte di un esercito, focalizzati sulla missione ma allo stesso tempo consci del fatto che altri stessero combattendo al nostro fianco.
    Di nuovo, ogni pasto, ogni pausa, è stata un’occasione per conoscere meglio i miei compagni ed anche Angel, ed adorarli sempre di più 
    Il secondo giorno, invece, dopo la meditazione del mattino, abbiamo fatto una nuova Estensione Luminose per napoli, andando a spingere via dal sottosuolo e dal mare ogni traccia di negatività e di influenza aliena. E qui è accaduto il finimondo. Appena abbiamo iniziato a lavorare si è alzato un vento fortissimo, sentivamo i mobili al piano di sopra che si spostavano e si sfasciavano, come se qualcuno li spaccasse a terra con forza., Oltre agli oggetti che cadevano sentivamo dei passi…dapprima al piano di sopra, poi mentre lavoravamo anche dentro la sala.
    Inizialmente tutti abbiamo pensato che i rumori fossero dovuti ai nostri compagni che lasciavano la sala senza disturbare per poi partire …ma poi è diventato sempre più frequente, la porta si apriva e di nuovo passi…nel frattempo tutti noi abbiamo sperimentato “in diretta” il combattimento, a un certo punto era come se qualcuno avesse chiuso i rubinetti della nostra energia, o almeno io così sentivo, ed è stato proprio allora che Angel ci ha urlato “Non fatevi fermare”!!! e lì di nuovo, abbiamo spinto ancora di più, sempre più forte, sempre più in profondità, sotto terra e negli abissi del mare, la tempesta nel frattempo infuriava, il vento era fortissimo ed allora ci ha consigliato di sfruttare il vento per la nostra missione e così abbiamo fatto. Tutto questo è stato davvero intenso e quando abbiamo terminato si è fermata di colpo anche il resto.
    Eravamo tutti emozionatissimi, carichi, entusiasti.
    Solo allora Angel ci ha confermato che effettivamente la pesante porta antipanico ( che ha continuato ad aprirsi da sola anche durante la spiegazione) non era stata aperta dai nostri compagni, confermando così le sensazioni che in tanti avevano avuto sull’hotel e i suoi ospiti.
    E’ stata una guerra ed è stato bellissimo partecipare.
    Oltre al lato spirituale, bellissimo, io però vorrei soffermarmi un attimo su ciò che ha significato questo tour per me. Personalmente è stato un anno di grossi cambiamenti, sia sul lato personale che di Studio e lavoro, con tantissimi impegni accavallati. Non è stato facile essere sempre al passo della pratica spirituale. Spesso ho ceduto, mi sono detta “non medito oggi…sono troppo stanca…” e poi” e oggi ho tanti impegni….” E così mi sentivo sempre più scarica, e allo stesso tempo in colpa, mi vergognavo di non essere rimasta al passo dei miei compagni e mi dispiaceva non riuscire ad essere sempre presente alle missioni. Per fortuna poi mi sono ripresa, mi sono detta che non potevo mollare, che questo percorso è troppo importante per me, che mi fa bene ecc….ma ho sbagliato, così come ci hanno ricordato Angel e i collaboratori a lezione, a pensare di essere sola a vivere tutto questo, a non aprirmi con i miei compagni e magari chiedere una mano, forse pensando che sarei stata considerata debole, non abbastanza dura da resistere al low ed anche alla semplice stanchezza!!! E invece….questo tour mi ha permesso di comprendere che non siamo mai soli…e che essere coscienti non significa soltanto essere consapevoli della nostra forza, ma anche della nostra debolezza, così da poterci correggere e migliorare, smussare gli angoli e ricominciare più forti di prima.
    Tuttora a volte ho difficoltà a seguire tutto, come in tanti credo, ma ho sempre fermo il ricordo di quei giorni, di quello che siamo stati tutti assieme, di quello che possiamo essere ogni volta che svolgiamo una missione, di quello che ci lega tutti, degli abbracci, della tristezza nel salutarci, dell’entusiasmo di fare qualcosa di buono.
    Ho avuto modo di conoscere meglio i miei compagni ed ho adorato ognuno di loro, con alcuni poi ho avuto modo di parlare un po’ di più, ad esempio nel viaggio di ritorno verso Roma, ed è stato davvero molto bello.
    Per questo non vedo l’ora di rifarlo, qualche volta zoppico, certo, ma continuo ad impegnarmi.
    Questo per me è stato un grande insegnamento, quello di cui avevo bisogno ora per rialzarmi più forte di prima.
    Grazie Angel, e grazie a tutti voi cari compagni, amici e fratelli.

  7. Foto del profilo di Kléarchos

    Innanzitutto voglio dire fin dall’inizio che questo tour è stato molto più impegnativo di altri, molto probabilmente anche per il periodo difficile in cui è avvenuto e cioè l’inverno, tuttavia lo reputo in assoluto il migliore fino ad ora vissuto. Questo lo voglio precisare per lanciare un messaggio a coloro che potrebbero arrendersi in occasione di un eventuale tour, vedendo che proprio tutto sta andando nel verso sbagliato. Sarà solo un segnale che quel tour è davvero importante per voi.
    Anche durante il tour stesso ho percepito una certa pesantezza, alcuni studenti sono stati male ma si è subito capito il perché. Abbiamo avuto effetti chiari ed evidente, molto molto forti e a tal proposito voglio citare una frase di Angel detta durante il tour: “non vi rendete conto dell’effetto che abbiamo avuto; provate ad immaginare 80 Esseri che si riuniscono per decidere cosa farne del mondo”. Noi siamo qui per fare il cambiamento e questa frase sembra spiegarlo al meglio.
    La mattina di sabato è stata molto interessante, abbiamo meditato prima di tutto e, ovviamente, non è stata una semplice meditazione. Nel mentre ci sono state spiegate diverse tecniche da Angel, sebbene non venisse detto esplicitamente. Molte di esse facevano pensare alle divinità che tutti noi conosciamo. Abbiamo poi praticato Estensione Luminosa e tutti noi abbiamo percepito diverse difficoltà inizialmente, poiché il territorio su cui lavoravamo era davvero messo male. Quasi tutti ci siamo convinti di non aver avuto chissà quale effetto, tuttavia non ci rendevamo conto di quello che stava per accadere. Durante la pratica Angel ci ha poi chiesto di sentire a percezione quale fosse il punto più negativo della regione Campania ed è stato interessante confrontarsi tra di noi. Come al solito, durante le pause, era bellissimo poter stare con gli altri studenti e raccontarsi le proprie esperienze, confrontarsi sulle varie tematiche spirituali e insomma, quasi sembrava che la bellezza dello stare assieme tra amici eguagliasse quella del praticare assieme. Questo perché l’Accademia si presenta come un’enorme famiglia, è una gioia immensa poter stare tutti assieme, ti senti così vivo che è difficile da spiegare, va provato e basta.
    Insomma la giornata di sabato si è svolta per il meglio, io l’ho vista come una giornata in cui “riscaldarsi”, abituarsi alla situazione abbastanza pesante che ci trovavamo ad affrontare, preparare il campo di battaglia per poi dare il colpo decisivo.
    Ricordo bene che la sera, nel mentre che tornavo al mio alloggio, uno studente mi ha detto “si sente già un’atmosfera più tranquilla”, ma sapevo bene che non era solo quello il nostro potere, per cui gli risposi che soltanto il giorno dopo avremmo visto gli effetti reali del nostro operato. Questo studente, il giorno dopo, per forza di cose ha ricordato quello che gli avevo detto, visti i risultati ben diversi della domenica rispetto al sabato.
    La domenica è stata il giorno più intenso fra i due. Ancora una volta abbiamo praticato meditazione sin dalla mattina seguita poi da protezioni molto forti alla città. Il bello stava per venire.
    Una volta entrati in pausa abbiamo pranzato tutti assieme e ancora una volta quel momento ha significato tanto per me, seppure si sia trattato di un semplice pranzare assieme (così come per tutte le pause che ci concedevamo) è sempre speciale condividere certi momenti con amici spirituali. Molto spesso mi è capitato di sentirmi catapultato nel passato stando a contatto con gli altri studenti, tutti (e dico tutti) trasmettono una sensazione di antichità, di vita vissuta, di infinite esperienze. Ti senti a casa per davvero.
    Tralasciando questa piccola parentesi, dopo il pranzo siamo ritornati in sala per riprendere la nostra pratica ed è qui che è successo il “macello”. La E-L è iniziata nel primo pomeriggio (credo intorno alle 15) ed è durata davvero tanto, tuttavia non ricordo quanto esattamente. Ci siamo prima presi cura del terreno, quindi il sottosuolo fino ad estreme profondità, abbiamo poi ripulito la città da tutte le sue negatività ed infine ci siamo concentrati sul mare e sul cielo, uno alla volta. In ogni caso ci sono stati ostacoli diversi da superare, nel cielo ad esempio si percepiva una cappa opprimente che tuttavia risultava già danneggiata dalle tecniche svolte di sabato, nel sottosuolo invece a tutti è sembrato fosse difficile diffondere la prana, visto che davvero risultava molto ma molto sporco, in tutti i sensi, pieno di energia stagnante e protetto da soggetti poco raccomandabili. Nel mare personalmente ho trovato più facilità a praticare E-L, poiché sfruttavo l’acqua in movimento per diffondere la prana, tuttavia sotto la sabbia ho riscontrato di nuovo dei problemi. Confrontandomi poi con gli altri ho scoperto che tutti bene o male percepivano queste difficoltà.
    Durante la pratica è capitato qualcosa che davvero nessuno si aspettava. Nei momenti più intensi della E.L, quando Angel ci chiedeva di spingere la prana più forte in determinati punti, si alzava prontamente un fortissimo vento minaccioso, chiaro segno di qualcuno che tentava di ostacolarci. Altra cosa interessantissima è che durante l’ Estensione Luminosa continuava a sbattere la porta della sala, una porta molto pesante e difficile da spostare. Al piano di sopra poi abbiamo sentito diversi rumori fastidiosi, si percepiva benissimo che erano fatti apposta per disturbarci al più non posso. Alla fine della pratica abbiamo scoperto che al piano di sopra non poteva esserci nessuno dell’hotel e che quindi quei rumori non dipendevano da nessuno. Ovviamente si fa per dire “nessuno”, visto che qualcuno doveva pur spostarli quei mobili.
    Alla fine della E.L Angel ci ha spiegato che i rumori al piano di sopra erano causati da alieni (e infatti alcuni di noi percepivano la loro presenza anche all’interno dell’hotel durante la Estensione Luminosa) e che la porta si apriva e chiudeva a causa di entità negative presenti nell’hotel e di questo poi ne abbiamo avuto tutti conferma poiché praticamente tutti noi percepivamo la presenza di qualcuno in corrispondenza della porta, tuttavia di lì non era passato nessuno. Tutti noi davamo le spalle alla porta, ma Angel e alcuni studenti erano in una posizione tale da poter vedere la porta e ci hanno confermato quanto detto sopra. Uno studente ad esempio ha percepito che una di queste entità provava a disturbarlo da dietro (guarda caso dietro è il punto in cui la maggior parte di noi si difende poco), mentre un’altra studentessa ha percepito che qualcosa volesse entrare dalla finestra per farci del male e ci ha poi raccontato di averci protetti tutti.
    Anche io avevo percepito qualcuno che entrava ed usciva sbattendo la porta, tuttavia non pensavo fosse un’entità, pensavo ad altro. Ciò che percepivo era un uomo vestito in giacca e cravatta, per cui credevo si trattasse di qualcuno dell’hotel o peggio ancora di qualcuno esterno all’hotel, venuto di proposito a disturbarci. Quello che mi ha stupito molto è che Angel mi ha confermato che l’entità di cui parlava era esattamente vestita così, in giacca e cravatta.
    In tutto questo il maltempo ha continuato ad aumentare ed uno studente che si era allontanato dalla sala per qualche minuto, ci ha poi detto che (avendo parlato col proprietario dell’hotel) tutta la città era sottosopra, che il vento forte stava sradicando alberi da terra, buttando giù pezzi di palazzi o impalcature. Addirittura i collegamenti tra Napoli e le isole sono stati del tutto scollegati, oltre ai treni ed aerei che non sono potuti partire a causa del maltempo.
    Tutto ciò è documentato da alcuni articoli di giornale che metterò a fine commento.
    Dopo l’ Estensione Luminosa Angel ha tenuto una lezione di un paio di ore circa, in cui ha risposto a domande di ogni tipo riguardo la meditazione e la E.L, chiarendo quindi moltissimi dubbi di tutti noi. Durante questa lezione teorica la porta continuava ad aprirsi e chiudersi da sola ogni tanto, sempre a causa di queste entità.
    Alla fine di tutto ognuno di noi era molto soddisfatto per ciò che avevamo vissuto, per le esperienze e le tecniche nuove assimilate. E’ stato un momento davvero molto bello quello in cui, al termine del tuor, tutti ci siamo alzati spontaneamente in piedi per dare inizio a un fortissimo applauso rivolto ad Angel che sembrava non volesse finire più. Si è potuto percepire in quell’occasione tutta la stima e gratitudine che noi studenti abbiamo verso di lei.
    Ovviamente non poteva mancare l’ultima cena assieme, con tutti coloro che hanno potuto trattenersi. Un ultimo momento in cui potersi confrontare, raccontare le proprie esperienze e impressioni e scambiarsi un abbraccio.
    In tutto ciò il maltempo ha continuato a fare i suoi danni e, almeno a me, trasmetteva una forte negatività, tuttavia mi dava più l’impressione di essere un fortissimo sfogo del territorio, che finalmente si liberava da certi pesi molto opprimenti.
    Il maltempo ha interessato tutta l’Italia, difatti le nostre tecniche non si limitavano a Napoli ma a tutta la nazione e a Gaia intera. La cosa interessante è che a Napoli e nella provincia, nonostante il vento abbiamo superato gli 80 km/h, non c’è stato nemmeno un ferito o una vittima, soltanto tragedie sfiorate e questo potrete verificarlo di persona leggendo uno degli articoli che vi lascio a fine commento.
    Ultima cosa che voglio dire e che avevo del tutto dimenticato, è che durante l’ Estensione Luminosa estesa a tutta Gaia ho avuto una bellissima esperienza. Angel ci ha chiesto di visualizzare noi stessi e gli altri come sfere di energia che insieme ripulivano le varie dimensioni di Gaia. Nel mentre che effettuavo la tecnica ho visualizzato un uomo che guidava tali sfere. Quest’uomo aveva due ali e un disco dorato al di sopra della testa e a percezione mi è sembrato essere Gesù.
    Detto ciò vi lascio i link degli articoli, se dovessi ricordare altro lo aggiungerò in un nuovo commento!

    Questo è il link più interessante, in cui trovate diverse foto e la descrizione di ciò che è successo a Napoli e nelle varie città vicine. http://ilmattino.it/napoli/cronaca/maltempo_stop_tutti_collegamenti_le_isole_golfo_di_napoli-1578638.html

    Da notare il fatto che più volte è specificato che sono stati registrati soltanto danni alle cose e non alle persone. Inoltre i veri problemi si sono verificati a partire dal primo pomeriggio di domenica e cioè quando abbiamo iniziato a fare l’ultima E.L su Napoli, quella più potente fra tutte.

    In questo link invece trovate un’interessantissima foto del mare nel golfo di Napoli, in cui si nota un addensamento di nuvole proprio nel punto in cui Angel ci ha fatto praticare E-L. http://www.ilmeteo.it/giornale/meteo-napoli-oggi-pioggia-schiarite-martedi-1-temporali-schiarite?refresh_cens

  8. Foto del profilo di Charlie

    Questo Tour è stata una fantastica prova per me, con cui ho potuto testare i progressi di questi mesi di pratica e lavoro su di me. Qualche giorno prima del viaggio, ci sono stati alcuni imprevisti dell’ultimo minuto, ed alcune influenze che hanno cercato di abbattere il mio entusiasmo, ma parlandone con gli altri, siamo riusciti a risolvere aiutandoci a vicenda, sfruttando anche le tecniche. Mi sono preso la responsabilità di organizzare l’alloggio per altre 4 persone, di cui 3 sarei passato a prendere durante il tragitto verso Napoli. Di conseguenza il tempo di viaggio si è allungato parecchio, diventando circa 12 ore. Inoltre, il giorno prima del viaggio, ho deciso di organizzare anche una cena per il venerdì sera. Vari membri, della chat low del Tour, ne avevano parlato entusiasti di questa idea, ma alla fine nessuno aveva proposto nulla, e sentivo che invece non doveva rimanere una bella chiacchiera, ma doveva concretizzarsi, per iniziare fin da subito ad unire le forze tra di noi. Poi dagli eventi accaduti successivamente e dalla situazione in cui si trova Napoli, ho capito che ce n’era bisogno e forse qualcosa mi aveva spinto a prendermi anche questa responsabilità per questo motivo. Dagli 8 partecipanti iniziali, alla fine è diventato un bel gruppetto di 16 celesti, la serata è stata magnifica e si sentiva la felicità di tutti nell’incontrarsi. Il viaggio è stato meno pesante di quel che pensavo, ho avvertito uno strano dolore dietro la nuca per qualche ora, ma respirandoci prana alla fine è passato. Siamo stati aiutati anche da un’autista che ci passava a fianco, che ci ha segnalato che avevamo una porta dell’auto mezz’aperta. Nonostante le poche ore di sonno, sono stato alla grande, sveglio, pronto a praticare e a fare del mio meglio per tutti i giorni. A questo giro ero molto più a mio agio, ed ho avuto piacere di ascoltare qua e là un po’ tutti e dire anche la mia. La concentrazione/lucidità era fantastica in quei giorni e ho usato tutto al meglio che potevo, arrivando bello prosciugato, ma pieno di esperienza da metabolizzare, con giusto l’energia per il viaggio di ritorno, farmi una meditazione e poi addormentarmi come un sasso. Il fisico era fortissimo, sinceramente non ho mai passato un inverno così bene in vita mia, funzionava alla grande, mentre ero al Tour mi sentivo ancora più solido, sicuro, protetto ed in alcuni casi giravo anche senza cappotto, ed il corpo aveva una temperatura perfetta, mentre solitamente sono freddoloso. Guidare per le strade di Napoli è stata forse la sfida più dura, soprattutto uscirne senza sbattere contro qualcuno o qualcosa. Non credevo si potesse arrivare ad una tale incoscienza, andavano come robot, ognuno per la sua strada, ignorando totalmente di essere assieme ad altri esseri viventi. Mi sembrava di giocare a GTA e guarda caso, come nel videogioco, appena ti fermavi o rallentavi un secondo, partivano con i clacson a mitraglietta, senza un minimo di pazienza e di rispetto. Stando molto concentrato nella guida mi venivano spesso intuizioni ed evitavo con movimenti assurdi e repentini, ciò che mi si parava davanti o ai lati, oppure riuscivo a frenare all’istante, perché alle volte apparivano a caso da qualsiasi direzione. Si percepiva una sensazione di paura e ansia pervadere le strade della città, diminuito sensibilmente dopo i due giorni del Tour.

    Sensazioni e percezioni durante la pratica:

    – Durante la prima meditazione che abbiamo svolto, mi è capitato di osservare abbastanza chiaramente, per brevi flash, come delle macchie/sfere di prana blu che si muovevano o si espandevano all’altezza degli occhi, che erano chiusi. In questa meditazione abbiamo caricato i chakra in modo differente dalla tecnica che usiamo di solito, andando a caricare anche quello della gola. Ci siamo prima connessi col chakra del cuore, poi con il chakra della Mente e infine con quello della Corona all’Essere. Abbiamo iniziato la meditazione dal Chi, respirando prana blu tutto il tempo, cercando di essere costantemente coscienti di tutto l’Universo. Quando sono arrivato al chakra della Corona ho avuto un’intuizione che mi ha fatto collegare un sogno che ho fatto un anno fa, in questo periodo dell’anno, ad un avvenimento accaduto durante il Tour. Infine abbiamo provato la visione remota (o energetica), provando a vedere ciò che stava dietro di noi senza immaginarlo, ma cercando di vedere attraverso l’energia. Sono arrivato alla sensazione di aver messo l’input giusto per far capire all’energia quello che volevo, cioè di assimilare i dati dell’energia dietro di me per tradurla in immagine, così come fanno i miei occhi. Probabilmente ci voleva più intento e pratica, la mente cercava di farmi delle immaginazioni di quello che c’era dietro, ma sapevo che non era quello a cui puntavo, comunque è stato molto interessante e lo riproverò sicuramente.

    – Nella seconda sessione di pratica abbiamo fatto il taglio fili, utilizzando un disco fatto di prana che gira molto velocemente attorno alla testa (prendendo spunto dall’aureola di Gesù), sempre più veloce e taglia tutti i fili che cercano di manipolare e mantenerti legato al Low. Poi, respirando la prana d’orata, il disco diventa d’oro e taglia ancora più forte. Successivamente l’oro cola su di te e ti crea un’armatura, che diventa spessa più di un metro, niente può entrare. Ci concentriamo poi sulle mani, anch’esse avvolte dall’oro, abbiamo Gaia tra le mani, e sempre con le nostre mani spacchiamo ogni in programma negativo e distruttivo che c’è nel Pianeta, mettendo l’intento che la Vita entri in questo Pianeta, inizi a trasformare e a dare coscienza, in modo che ogni essere vivente presente in esso, inizi ad evolversi con decisione, disciplina, voglia di crescere e di aumentare la propria vitalità. Avvertivo parecchie energie che entravano, piene di Vita e Forza, piangevo dalla gioia e lo stupore di tutte quelle sensazioni indescrivibili, che hanno raggiunto l’apice nella connessione con l’Universo e percependo un’ondata di energia grandissima, capendo quanto lui voglia con tutto se stesso riempirci di pace, di Vita, di serenità, felicità e con più ci impegniamo a farlo entrare in questa dimensione, con più sarà felice di riempirci e di proteggerci costantemente.

    – Alla terza sessione pratica, abbiamo fatto Estensione Luminosa sulla città, andando a proteggere fin sotto il terreno. Nel mentre che stavamo espandendo Vita in tutte le varie dimensioni, sono partite varie immagini, molto veloci che si susseguivano nella mia mente. La prima era come una specie di distesa di neve, che si svolgeva in tutte le direzioni. Ho cercato di mantenere la concentrazione nel non pensiero e non dar retta più di tanto alle immagini che apparivano. La sensazione era molto particolare, sembrava appunto che una parte della mia coscienza si stava spostando velocemente su centinaia di strati differenti, non è semplice da descrivere a parole, ma spero di aver dato un’idea.

    – Nella prima sessione del secondo giorno, abbiamo fatto la meditazione sui chakra, ma non seguendo il solito ordine. Abbiamo provato a rimaner concentrati sui chakra con il tocco delle dita e anche senza il tocco. Abbiamo richiamato soprattutto la prana blu. Confronto al primo giorno, ci voleva un po’ più di concentrazione, quindi la connessione sembrava meno forte, ma comunque il non pensiero riuscivo a raggiungerlo e stare in pace. Alcune influenze esterne cercavano di entrare per disturbare, perciò abbiamo fatto una bolla di protezione molto forte, prendendo come esempio il logo di ACD. L’abbiamo fatta a vari strati, con l’intento di proteggere e di spaccare tutti i programmi che ci sono attorno a noi, con decisione, forza, protezione, con le fiamme e le spine di ghiaccio. Le fiamme di prana blu a cui dovevamo inserire una forte sensazione di bruciore, e le spine di ghiaccio che spaccano qualsiasi cosa, aprendo la strada all’energia dell’Universo. Poi la sensazione di allungarci e dopodiché, inserire l’intento dell’Universo all’interno della nostra protezione, sempre presente, affidandoci totalmente per qualsiasi cosa. Infine abbiamo visualizzato una spirale tipo galassia e avvertivo la presenza di tutti questi esseri viventi che giravano attorno alla mia coscienza e che mi davano energia, erano contenti di darmela, di aiutarmi, di rinforzare e nutrire la mia bolla.

    – Nell’ultima sessione pratica abbiamo fatto una barriera di ghiaccio, che partiva da noi, andava sotto il terreno, sempre più in profondità, espandendosi e mentre si espandeva spaccava tutti i programmi che incontrava. Di seguito abbiamo fatto una bolla a Napoli sempre col ghiaccio per spaccare i programmi, richiamando Dio all’interno, abbiamo espanso la nostra coscienza assieme alla coscienza di Dio per tutte le strade, distruggendo tutti i programmi negativi delle persone e di qualsiasi cosa presente a Napoli. Ci siamo spostati sul mare, abbiamo creato delle bolle di protezione e abbiamo iniziato a spingerle, era molto tosta, ho iniziato a sentirmi pesante, confuso e anche assonnato, ho pensato un attimo che magari si potesse trattare di semplice stanchezza o forse per il cibo, ma si trattava in realtà di influenze esterne contro cui stavamo combattendo per scacciarle dalla città e che erano nascosti in grandi quantità al di sotto del mare. Richiamando costantemente la connessione con Dio son riuscito a mantenermi abbastanza cosciente e a non distrarmi più di qualche secondo quando capitava. Si è alzato un vento fortissimo che ha ribaltato tutto ciò che si trovava al piano superiore al nostro, poi la porta della sala continuava ad aprirsi da sola e si sentivano dei passi. Sinceramente ero sicuro che fossero i camerieri dell’hotel che stavano spostando dei tavolini, a me comunque interessava rimaner concentrato e seguire le indicazioni di Angel, perciò me ne sono fregato totalmente di chi c’era. Angel ci dice di sfruttare il vento per espandere ancora più velocemente la prana in tutta la città. Infine ci siamo rilassati respirando prana dalla Corona.

    – Infine abbiamo fatto una sessione di domande e risposte, in cui abbiamo discusso di ciò che è accaduto nella penultima sessione, in cui ho avuto modo di constatare che la porta della sala si apriva da sola, senza alcuna possibilità che fosse il vento a spalancarla in quel modo. Il vento all’esterno si era calmato e a quanto pare, anche dalle testimonianze degli altri partecipanti, c’è stata una vera e propria lotta tra noi e gli alieni che erano presenti a Napoli. Una sensazione in comune con gli altri, già da mesi prima del tour, era quella di formicolio e movimento energetico sulla schiena sotto la scapola sinistra, che a quanto pare è da proteggere meglio. Mi ha fatto molto piacere ascoltare i discorsi e le riflessioni di tutti e in particolare quelle di Angel che erano molto profonde, mi riempivano di emozioni e sensazioni piacevolissime, tanto da commuovermi.

    Altre sensazioni che ho provato, ma che non ricordo precisamente in quale sessione sono state:

    – Durante tutta la mattinata del primo giorno mi dava parecchio fastidio il Chi, diminuendo poi d’intensità nella serata.
    – Vari movimenti del corpo energetico che mi facevano scattare qualche parte del corpo fisico.
    – Spostarsi con la coscienza nello spazio istantaneamente
    – Dall’interno, espandere all’esterno l’aura
    – Mentre bruciavo il terreno con la prana blu, percepivo una sensazione di riprogrammazione che mi ha emozionato tantissimo, e mi veniva da piangere. Mi sembrava assurdo che potessi fare una cosa del genere, perché era veramente profonda e la sentivo reale.
    – Durante quasi tutte le connessioni all’Essere, il chakra gola lo sentivo stringersi, mi emozionavo tantissimo, in alcuni casi è come se il mio Io umano facesse ancora fatica ad accettare Tutto ciò e devo ammettere che è veramente tanto.
    – Identificarsi con l’aura è stato molto interessante e mi ha permesso di osservare e fare le tecniche con una qualità decisamente superiore.
    – Tante sensazioni di espansione, assieme a vibrazioni e un venticello freddo, che mi accompagna sempre più spesso nelle mie meditazioni.
    – Ho notato stando in non pensiero, che prima ancora che Angel ci dicesse cosa fare, istintivamente, partivo a fare quella determinata azione e allora ho capito che ce lo stava comunicando telepaticamente nel mentre che lo diceva anche a voce, ma non riuscivo a distinguere di chi fosse quel comando, perché era veramente molto leggero e difficile da ascoltare. Non me lo sarei mai aspettato ed è stato anche questo molto interessante.
    – Dopo una delle sessioni di meditazione, mentre eravamo in pausa mi divertivo a percepire una piccola parte della mia coscienza che riuscivo a spostare nella stanza a mio piacimento.
    – Era decisamente più facile rendersi conto di quando c’erano dei pensieri che cercavano di distrarre, e si poteva proprio scegliere di stare in non pensiero.

    Durante il ritorno all’appartamento, dopo il primo giorno, mentre guidavo ho avuto un deja vu durato qualche secondo, in cui stavo appunto guidando per quella strada, mi rendevo conto di ciò e quella stessa sensazione di rendermi cosciente era presente allo stesso tempo anche nel deja vu, come se fossi in due dimensioni allo stesso tempo.

    Tutte le notti ho fatto dei sogni, poco lucidi, ma con dei messaggi particolari:

    In uno, mi stavo organizzando assieme ad altri ragazzi di ACD per comprare un pc. All’inizio pensavo si riferisse al mio, che in quei giorni avevo portato a fare una modifica, ma forse si riferiva ad un altro computer…
    In un altro, mi trovo in un posto fangoso e buio, e come molto spesso mi accade nei sogni, incontro dei vecchi compagni di scuola, e rispondendo a qualcosa che non ricordo ho detto: “non farmi vedere, sto meglio a praticare, mica mi succedono brutte cose”.
    Infine, in quello che ho fatto l’ultima notte prima di far ritorno a casa, c’era una studentessa di ACD, che non ricordo chi fosse, che aveva affermato che ero un rettiliano, dato che a me la tecnologia non dà particolari problemi e trovo spesso il modo per farla funzionare a mio volere.

    Durante le pause e i pasti ho avuto modo di conoscere meglio “vecchi e nuovi” compagni. Mi sono reso conto di quanto fosse importante e piacevole ascoltare bene gli altri, sempre in non pensiero, in questo modo, anche con chi ho conosciuto per la prima volta, son riuscito a scambiarci delle ottime riflessioni, che sono scaturite in modo spontaneo nel mentre che parlavamo e farci qualche risata dicendo qualche stupida battuta nata sul momento 😀

    Nell’ultima cena :P, percepivo spesso una sensazione, come di paura/ansia per il fatto che poi ci saremo salutati, ed ognuno sarebbe andato per la sua strada. C’era di mezzo anche l’esperienza avuta con gli alieni. Mi faceva strano, perché non provavo più quel genere di sensazioni anche quando stavo “da solo”, e nonostante mi rilassavo e respiravo prana, non se ne andava, ed in quel momento pensavo fosse roba mia. Il giorno seguente non lo percepivo più e così l’ho raccontato ad una studente che era in macchina con me, che mi ha confermato si trattava dei sentimenti di alcuni ragazzi del tour e, avendo unito le nostre auree per praticare, sentivamo il loro stato d’animo. Anche questo è stato molto interessante da provare.

    Nel viaggio di ritorno, tutto ok, a parte uno scherzetto durante un temporale molto forte che aveva allagato la strada e nel mentre mi sorpassavano, hanno sollevato un’onda che ha allagato tutto il parabrezza, ma anche in questo caso, ho reagito prontamente e non è successo nulla di che.

    Sono molto contento di come ho affrontato il Tour, delle esperienze e dei risultati ottenuti. È tosta replicare la qualità della pratica fatta a Napoli, ma ci sto provando e ha dato la giusta spinta per incentivarmi nei miei progetti, a dargli Vita, invece che tenermeli come fantasie per la testa, a lavorarci con costanza ogni giorno, mettendoci tutta la qualità possibile.

    Ringrazio tutti i partecipanti per Tutto ciò che mi avete donato e spero di avervi lasciato a mia volta qualcosa.

    Un Grazie immenso ad Angel e ai Collaboratori per avermi dato questa opportunità, che cercherò di non sprecare e sfruttare al meglio per la mia crescita.

  9. Foto del profilo di Tara

    Ciao a tutti <3 finalmente mi sono decisa a scrivere il mio commento…
    Inizio dicendo che sin da subito, ho sentito che questo tour sarebbe stato importante e che avrei fatto di tutto per partecipare. Infatti , non a caso ho avuto il dark contro sin da subito. Le tre settimane prima del tour sono state terribili, me ne sono successe di tutti i colori con un abbassamento di tonale incredibile e addirittura pensavo di non farcela.
    La sera del tour sono arrivata all’hotel entusiasta… finalmente ero lì !!! Felicissima ho iniziato ad osservare la bellezza della struttura dell’ hotel che però mi lasciava una sensazione cupa e fredda. La notte, dopo aver meditato con tre amiche, sono andata a dormire con le cuffie alle orecchie .. aspettando con entusiasmo la giornata seguente.
    IL tour è iniziato subito con una meravigliosa meditazione  Angel è riuscita nell’immediato a creare un’atmosfera a dir poco magica. Si sentivano nell’aria vibrazioni bellissime e tanto amore , io mi sono commossa ed emozionata in continuazione sentivo la presenza e la connessione potente con gli Esseri e con Dio e dentro di me non facevo altro che ringraziare. La sera abbiamo praticato una Estensione Luminosa di protezione sulle persone e su Napoli veramente favolosa e li ho capito che anche le cose che ci sembrano più complesse messe all’opera in totale amore divengono veramente semplici e fantastiche.
    La notte seguente ho dormito pochissimo, premetto che di solito almeno 3-4 ore di fila dormo, ma la notte mi svegliavo in continuazione, sentivo che cera qualcosa di non troppo positivo nell’aria. La domenica nuovamente abbiamo fatto una meditazione bellissima e costruito una protezione su di noi veramente super potente … con la guida di Angel tutto è veramente straordinario <3 poi siamo andati a pranzo con il comando di Angel di tenere la connessione continua con il nostro Essere e così ho provato a stare per la prima volta sempre connessa. E’ stato splendido perché in effetti non ci avevo mai pensato prima !
    La sera sapevo che ormai il tour giungeva al termine e ho pensato che qualcosa di meraviglioso doveva accadere per completare il tutto in bellezza e in effetti così è stato. Abbiamo iniziato a fare E-L su Napoli e in contemporanea fuori dalla sala è iniziato il finimondo !!! Mentre lavoravamo per ripulire il sottosuolo della città abbiamo avuto la prova evidente di una grande forza oscura che lottava contro di noi. Il dark ha tentato in tutti i modi di fermare il nostro intervento cercando di indebolirci a livello mentale e incutendoci paura anche attraverso i rumori esterni alla sala.. (vento forte, porte che si aprivano e chiudevano, vetri che si frantumavano tavoli e sedie che dai terrazzi volavano via… c’erano delle entità che entravano nella sala per spaventarci.. i collaboratori si sono messi in postazioni apposite per proteggerci e fare in modo che la Estensione Luminosa potesse continuare ) …
    ogni qual volta che Angel ci diceva di respirare prana e di portare la forza di Dio e dell’universo dentro Napoli si andava alla grande e sentivo una forza mai sentita prima! Sono riuscita a lavorare serena niente mi distoglieva da ciò che stavo facendo pur sentendo intorno a me varie energie contrastanti come paura, coraggio, stanchezza, tanta forza di volontà per abbattere il male. La mia esperienza è stata incredibile quando ho iniziato a lavorare dentro la città; sono finita dentro una scuola.. credo fosse un liceo… sentivo il dark li dentro in modo impressionante  vedevo i ragazzi di quella scuola che andavano e venivano completamente manipolati dal low senza nessuna salvezza… le pareti e gli angoli di quella scuola impregnate di una terribile e malefica oscurità che li lasciava senza salvezza.. ho iniziato a lottare, a mandare prana , a ripulire tutto per bene … all’improvviso sentivo sulla mia testa una pressione tremenda che voleva fermarmi era fortissima e l’oscurità da abbattere era ancora tanta… sentivo che stavo rallentando.. e qualcosa stava premendo su di me facendomi capire che dovevo smettere…. Poi, Angel ci ha richiamato nuovamente a far entrare con forza l’energia di tutto l’universo e così ho fatto .. piano piano la morsa sulla mia testa si allentava e la scuola iniziava a liberarsi dall’oscurità e a ripulirsi .. sono rimasta li finchè non ho sentito quella scuola completamente libera e pulita poi dopo sono scappata a ripulire il mare perché tutti i miei compagni erano già li che lottavano da un po’….. E’ stata una esperienza straordinaria e c’è da dire che quando abbiamo finito di fare E-L su Napoli anche fuori è finita la tempesta ..tutto è avvenuto in contemporanea ! E’ stata una grande battaglia dove la forza non ha avuto il minimo dubbio di distruggere e annientare tutto il negativo!!! Per me è stata veramente una grande esperienza. E’ difficile trasmettere tutta l’esperienza per iscritto ma è veramente stata meravigliosa e la rifarei anche domani senza alcuna esitazione perché con la protezione di Dio siamo veramente dei guerrieri invincibili e niente e nessuno ci potrà mai fermare. Non rimane che dire Grazie per tutto .. dal profondo del mio cuore. Con Amore Tara

  10. Foto del profilo di Rita

    Questo tour per me è stato un desiderio che si è esaudito.
    Sapevo anche quello che sarebbe accaduto ed è accaduto.
    Finalmente un vero e proprio confronto con il dark.
    Nessuna paura (fortissima anche grazie al nostro gruppo e a Angel!) ma l’assoluta intento di afferrarlo e spedirlo dove deve stare.
    È stata dura riuscire a venire, ho lottato con tutta me stessa e supportata da due tostissime Celesti, ho risolto i problemi più complicati e importanti.
    Ed eccoci tutti qui!
    Insieme, uniti e compatti, alla ricerca di noi stessi, con un unico obbiettivo: un’unica energia, forte, colma di Prana, potente e decisa a creare un Mondo nuovo.
    Man mano che ci evolviamo siamo sempre più consapevoli e determinati della nostra missione, trasformando le esperienze e le convinzioni, in un unico destino.
    Ci assumiamo la responsabilità di cambiare le sorti di questo pianeta iniziando da noi stessi, consapevoli di non avere limiti se non ce li poniamo.
    Questo è ciò che provo: consapevolezza che tutto ciò dipende anche da me!
    Grazie di cuore Angel per le elevate realtà (dimensioni) che mi hai reso possibili.
    Ringrazio immensamente anche i miei compagni, organizzatori e anche il cuoco dell’albergo che nonostante i suoi criminosi tentativi di eliminarci,non c’è riuscito.
    Un super abbraccio a tutti, tutti, ma proprio tutti! Alla prossima Anime ❤️❤️❤️

  11. Foto del profilo di Miriel Serenide

    Inizio questo mio commento con un senso di amore e gratitudine nel cuore. Per me il tour è iniziato un mese fa, con la felicità di essere stata invitata, la chat di skype che tenevo costantemente sott’occhio, lo sblocco della “E-L”, che mi ha cambiato la vita. L’attesa e la preparazione hanno riempito le mie giornate in modo da cambiare ritmi e vecchi programmi. Minimo 5 med al giorno, bolle, taglio fili, lettura dei doc. e tanta gioia in casa.Non avevo dubbi, tutto in casa si muoveva con armonia, anche fare le lavatrici e stenderle era divino. Ho anche ospitato una studentessa dalla Sardegna “Kekatopo”per non farle avere problemi con gli spostamenti di aerei e treni alla quale voglio un gran bene.
    La sera della partenza ero cosi contenta che praticavo le tecniche spontaneamente,sia sulle mie compagne di viaggio che sulla macchina.Mi sono resa conto di essere cosi presente e senza aspettative. Certo avrei conosciuto Angel, ma mi volevo lasciar sorprendere per quell’incontro tanto desiderato.
    Quindi partiamo la sera in 5 in una Panda, dopo aver fatto il giro di Roma e aver mangiato insieme.Ill viaggio tra chiacchere e risate, arriviamo a Napoli dopo la mezzanotte.
    L’albergo mi piace molto, sono un appassionata di medievo e rinascimento e li tra l’ex convento e la chiesa mi sento a mio agio,la camera da 5 posti letto, grandissima…..ero con le mie dolcissime amiche e mi addormento profondamente.
    La mattina del sabato mi sveglio con un solo pensiero, Angel. Respiro prana e vado a prendere un caffè molto presto. La sala delle colazioni con vista mozzafiato sul Golfo di Napoli, era deserta. Ringrazio Dio di tanta magnificienza, ero stordita da quella vista sublime, davanti a me Il Vesuvio, Il mare e Capri. Bevvi il caffè emozionata e scesi in camera per vestirmi e fare una med.Verso le 9 ero pronta, cosi salii di nuovo in sala colazioni per vedere il panorama, entrai nella sala e mentre salutavo una studentessa, arriva come un ciclone, una ragazza con due occhi grandi come fanali e mi dice ” Ciao sono Angel”, mi è arrivato un cazzotto nello stomaco e non mi tenevo in piedi, tremavo tanta era l’emozione nel vederla,mi sono aggrappata a lei e l’ho baciata teneramente, proprio con un sentimento d’amore puro. L’ho tenuta stretta al mio petto come solo una mamma sa fare, e mi ripeteva che ero dolce, ma lei era la dolcezza, siamo dovute uscire dalla sala tanto sussultavo dall’emozione , piangevo. Avevo aspettato tanto tempo il momento di vederla, avevo letto il suo libro dove lei racconta la sua infanzia tra maltrattamenti e solitudine (come la mia) e avevo pianto molto nel ricordo, pensarla cosi coraggiosa e piena d’amore di Dio, mi rendeva orgogliosa di lei. Finito il nostro lungo abbraccio sono subito rientrata nel mio ruolo di studentessa e lei nel suo, quello di Angel fondatrice di A.C.D.
    La mattinata nella sala abbiamo avuto problemi con l’audio, ed ho avuto il tempo ed il piacere di conoscere tutti gli studenti con i quali avevo condiviso la chat su skype per organizzarci al meglio e per proteggere il tour e tutti noi. Sono stata abbracciata e baciata, tanti sorrisi e il tonale era altissimo.
    Le med e le E-L di quei due giorni sono state lunghe e piene di nuovi insegnamenti. Ho sentito che non c’è limite a ciò che Angel puo insegnarci,ad ogni suo movimento ,sguardo, parola, tutti noi eravamo attenti a non perdere nulla di ciò che lei avrebbe deciso in quel momento di regalarci, e ad ogni pausa sentivo gli studenti che dicevano “Angel ha detto questo per me” Ci ha curato tutti e la ringrazio con tutto il mio cuore. Specialmente la E-L della domenica pomeriggio mi ha fatto vivere un esperienza incredibile.”Silenzio perfavore, chiudete gli occhi e respirate prana” Angel inizia subito a condurre l’ Estensione Luminosa e la finestra dietro di me e la porta in fondo alla sala iniziarono ad aprirsi con un vento fortissimo, sento lo sbattere eil rompersi di oggetti sopra la sulla terrazza, una fortissima sensazione di pericolo, apro gli occhi e sposto la mia sedia attaccandola alla porta finestra, mi siedo pensando “da qui non entra nessuno” mi sentivo fortissima e molto coraggiosa. Sentivo che la porta della sala continuava ad aprirsi da sola, ma Angel continuava ad introdurci nella E-L, Respirate prana…..fate la bolla…..La bolla mi è venuta cosi grande e dura da prendere tutta la sala , gli studenti ed Angel compresa, tutti.
    Al “Fate entrare Dio “, un raggio di luce bianca potentissima, si è espansa dietro di me tra la sedia e la porta finestra che tentava di aprirsi, sentivo qualcuno dietro. Il grande muro di luce dietro di me era potente e bloccava la porta finestra ma ancora si muoveva ed anche la sedia dove ero deduta, cosi ho mosso le scapole, non so perchè, in direzione delle ante della finestra che tentava di aprirsi e le bloccavo…….mi sentivo due ali dietro alte come la finestra e potevo muoverle con le scapole.
    Ho fatto E-L sulla sala e su Angel…è stato cosi naturale che nonostante sia passata una settimana ancora sento di averle. So che c’erano entità e i passi e gli spostamente di oggetti che sentivo sulla terrazza sopra di noi erano reali, ma io ero cosciente e forte
    Sono tornata a Roma con una gran voglia di rifare subito un altro tour e di non finir mai di imparare tecniche nuove.
    Ringrazio tutti ed in particolare le mie amiche di stanza, che amo moltissimo. Ringrazio Daniele che domenica sera ci ha fatto fare tante tecniche insieme.
    Miriel

  12. Foto del profilo di Daniele Shenlong

    Inizialmente credevo che non sarei riuscito ad andare a questo tour. Principalmente per una questione economica e poi per vari impegni. Per fortuna sono riuscito a sistemare tutto e alcune persone mi hanno dato anche una grossa mano in questo e le ringrazio molto, se non fosse per loro, probabilmente non sarei riuscito ad esserci.
    Ho partecipato a tantissimi tour, quindi ormai ho gli anticorpi contro i pensieri del tipo “lascia stare, stai solo perdendo il tuo tempo” o “non ti divertirai” o “è molto lontano, sicuramente costerà molto, il viaggio sarà stancante”, cioè a me questi pensieri proprio non arrivano neanche più, perché tanto so che non è così, quindi a livello emotivo non ho mai avuto problemi. Non sono mai andato a Napoli, quindi è stata una bella occasione, purtroppo non ho avuto modo di visitare la città, mi rifarò più avanti 😉 Ci sono molti pregiudizi riguardo questo posto, quindi ben venga averci fatto un tour per fare un po’ di pulizia. L’argomento E-L e meditazione direi che è stato proprio perfetto nel contesto in cui ci trovavamo.
    Mi ero accordato con vari studenti per fare parte del viaggio insieme. Sono partito il venerdì a mezzogiorno e aveva 4 ore a disposizione prima di arrivare a Roma. Per fortuna l’autobus era praticamente vuoto e c’era molta pace e tranquillità, si stava proprio bene. Visto che avevo molto tempo a disposizione, ne ho approfittato per fare 4 meditazioni, giusto per ricaricarmi e tenere un tonale alto. Alle 16 sono arrivato a Roma, dove sono saliti altri 4 compagni ed è stato proprio bello rivederli e fare il viaggio con loro, il tempo è proprio volato tra chiacchiere e risate. Abbiamo approfittato del tempo che avevamo a disposizione anche per fare una meditazione tutti insieme e appena l’abbiamo terminata, ci siamo resi conto che era già ora di scendere, eravamo arrivati a Napoli. Li in stazione ci siamo divisi, alcuni sono rimasti li, mentre io e un’altra ragazza siamo andati verso l’hotel a piedi… che avventura… Il tempo di impostare google maps e ci siamo incamminati. Non me ne ero accorto sul momento, ma il navigatore ci ha fatto passare in uno dei quartieri un po’ degradati della città: la sanità. Che tra l’altro, di “sanità” c’ha solo il nome… Ovviamente 2 volti nuovi che passano in una zona così, a piedi e con delle valigie, non passano di sicuro inosservati, quindi ho tenuto l’aura fortissima, mandando dei sentimenti di lasciarci in pace, in modo che le persone li attorno non ci notassero e che ci stessero alla larga. Anche se c’era molta gente che girava, non ci è successo nulla e nessuno si è avvicinato a noi 2 😛 Dopo 40 minuti di camminata, stanchi e affamati, finalmente siamo arrivati all’hotel. Li già c’erano altri studenti e ho avuto modo di vedere Mario per la prima volta e mi ha fatto molto piacere incontrarlo. Poco dopo ho fatto il check-in e ho portato le valigie in camera. Quel posto sembrava un labirinto, aveva varie rampe di scale fatte in modo strano e c’erano vari ascensori con la doppia porta. Si vedeva che era una struttura molto vecchia, ricordava un po’ un castello ed era arredata in stile ottocentesco. Beh, il tempo di posare le valigie e sono andato a mangiare qualcosa, finalmente ho avuto modo di mangiare la pizza napoletana e mi è piaciuta molto. In tarda serata siamo andati a vedere la sala dove si sarà svolto il tour e visto che c’eravamo, abbiamo sistemato qualcosina per il giorno dopo. Ormai stremato, mi sono sistemato prima di andare a letto, ho fatto le piramidi alla stanza e mi sono messo a dormire. Tempo 2-3 minuti e già mi ero addormentato.
    Alla mattina alle 7 già ero sveglio. Durante la notte mi sono svegliato molte volte, però alla fine alla mattina mi sentivo riposato, non ero ne stanco e neanche assonnato. Ho fatto un sogno particolare però, praticamente avevo sognato che dovevo prendere un autobus per raggiungere delle persone e in mano avevo un cappello particolare che apparteneva a delle suore, era tutto bianco e la parte sopra era rigida e dietro aveva un pezzo di stoffa che serviva per coprire la nuca dal sole. Camminando incontro delle suore vestite di bianco e nel mentre cercavo di nascondere un po’ quel cappello. Appena si sono accorte che avevo quel loro cimelio, hanno iniziato a dirmi che glielo dovevo restituire, perché nessuno lo poteva tenere, era un tipo di cappello che usavano le suore moltissimi anni fa, era collegato principalmente ad una suora che era morta molti anni fa, ed era particolare, perché a quel tempo usavano quel tipo di copricapo grazie a lei, però lei non era molto positiva mi sembra, non ricordo bene. Da li a poco hanno iniziato a rincorrermi per riprendersi il cappello e non riuscivo a scappare e nel mentre mi si è avvicinato un uomo di colore, era vestito in modo elegante, con giacca e cravatta e anche lui voleva che restituissi il cappello. Come se non bastasse, si è avvicinata anche un’altra persona, era un altro uomo ed era molto importante era considerato il capo di quella comunità religiosa, però quest’ultimo non mi faceva nulla, non mi dava contro, quindi inizio a scappare e l’uomo di colore ha iniziato a rincorrermi. In qualche modo sono riuscito a tramortirlo e sviene a terra. Nel mentre si avvicina l’altro signore (il capo di quella comunità religiosa) e non mi fa nulla, perché aveva capito che non era mia intenzione fargli del male, quindi ci mettiamo li e cerchiamo di far rinvenire l’uomo di colore, che nel mentre era svenuto a terra. Appena si è ripreso, me ne vado, tanto era mezzo rintontito e quindi non mi poteva inseguire e poi mi sono svegliato. Parlando poi con Angel, mi ha detto che anche lei aveva sognato un uomo di colore e che le dava contro, in un secondo momento ho scoperto che quell’hotel, prima era un convento e apparteneva alle suore. Sicuramente l’uomo di colore sarà stata un’entità che non era cattiva, però si stava divertendo ad infastidire. Poi le suore… io non sapevo che prima quel posto era un convento e ho sognato delle suore.
    Finalmente è arrivato il momento tanto atteso: l’inizio del tour vero e proprio. Ci siamo raccolti tutti nella sala e come sempre è stato un vero piacere rivedere i miei compagni e abbracciarli. Purtroppo c’era una persona che non si sentiva molto bene, quindi ho cercato di dargli supporto. Dopo che ci siamo accomodati tutti, la lezione è iniziata. Questo era un tour di pratica, quindi Angel non ha dato molte spiegazioni e siamo partiti subito con le tecniche. Nel mentre che praticavamo, mi di aprire gli occhi per un secondo e ho visto che la persona davanti di me aveva il corpo molto protratto in avanti, quindi pensavo che stesse dormendo. Mentre Angel ci aveva detto di gonfiare l’aura, l’ho gonfiata anche a lui e subito dopo dovevamo far entrare prana dal chakra della corona e anche qua sono intervenuto e gliel’ho spinta dentro molto delicatamente. All’ora di pranzo parlando con questa persona mi ha detto che mentre Angel aveva detto di respirare prana dalla corona, si è sentito un peso sulla testa, però non è stato negativo, anzi, gli ha fatto provare delle emozioni molto positive ed era contento. Anche queste sono soddisfazioni 😛
    Purtroppo, come accade ad ogni tour, l’audio non andava per niente bene (che strano xD). Il volume del mix bisognava tenerlo molto basso, altrimenti il suono si sporcava e non si sentiva nulla, per di più, quando Angel parlava nel microfono, di tanto in tanto non funzionava e quindi si sentiva solo metà frase.
    Nel pomeriggio, durante una pausa tra una pratica e l’altra, 4 persone sono entrate in sala. Nel mentre stavo parlando di esperienze con delle persone e mi accorgo che questi 4 hanno iniziato a fare foto in giro. Mi dispiace per chi avevo davanti in quel momento li, però sono scattato e mi sono fatto largo per raggiungere queste persone e gli ho fatto cancellare le foto. Mah… vabbè, comunque situazione risolta. Volevano semplicemente le foto della sala, quindi Rob gli ha mandato tramite mail la foto che aveva scattato il giorno prima, quando la sala era vuota e nel mentre gli ho fatto cancellare tutte le foto che avevano scattato.
    Questa giornata mi è piaciuta molto. Abbiamo meditato anche sul chakra della gola, che è molto importante per la salute, inoltre ci siamo dedicati a fare estensione luminosa nel mare. Sinceramente quando pratico questa E-L mi dedico un po’ al mare, ma l’ho sempre un po’ sottovalutato e comunque non ci dedicavo tutta l’attenzione che abbiamo dedicato come in questo tour. Sicuramente questo mi tornerà molto utile, anche perché si sentiva bene come l’oscurità usava il mare come via di accesso e come la sfruttava.
    Raggiunta la sera ormai ero stanco morto e infatti mi sono addormentato come un sasso. Alla mattina mi sono svegliato fresco e riposato anche se durante la notte mi ero svegliato varie volte. Ero pronto ad affrontare una nuova giornata. La mattinata è andata benissimo con meditazioni, E-L e foto. Il pomeriggio è stato molto particolare. Mentre facevamo E-L, si è alzato il vento molto forte, talmente forte che ha distrutto i tavolini, gazebo, sedie e altre varie cose che erano sulla terrazza sopra di noi, sembrava esserci il finimondo fuori. Infatti a Napoli sono caduti cornicioni delle case, piante eradicate dal terreno e altro. La porta della sala continuava ad aprirsi, quindi mi giravo, però nel mentre Roberto già era in piedi per andare a chiuderla, si apriva da sola. Ad un certo punto mi sono alzato anche io e sono andato in bagno a chiudere le finestre, magari per ridurre gli spifferi, ma niente da fare, continuava ad aprirsi comunque. Quando si apriva la porta ero pronto per alzarmi e andarla a chiudere, però Roberto era più indietro di me ed era più vicino e alla fine andava sempre lui, poi ad un certo punto, lui e Luce Bìos si davano il cambio per tenere la porta, senza doversi alzare ogni volta. La cosa particolare è che percepivo come se qualcuno continuasse ad entrare e uscire, si sentivano rumori di passi, ma di fatto nessuno dei presenti stava camminando e insomma era palese che erano le entità dell’hotel che volevano infastidirci, infatti anche altri studenti percepivano rumori di passi e alcuni avevano percepito vari pizzocori o altre sensazioni dietro la schiena o al loro fianco. In una delle varie volte che la porta si era aperta, avevo notato che una studentessa aveva spostato la sedia e si era messa davanti ad una finestra. Quello che ho percepito è stata una grossa barriera che lei aveva creato come per proteggere la finestra per evitare che entrasse qualcosa, ed è stato molto bello, perché si sentiva molto quella protezione. Angel durante la E-L ci ha fatto agire molto nel sottosuolo con il ghiaccio e la prana blu e ho capito dove voleva andare a parare, quindi ho agito con più intento e più forza per distruggere tutta la negatività e quello che c’era sotto Napoli che la influenzava in modo negativo. Oltre a questo abbiamo anche agito sulle persone, per alleggerirle e togliergli molti programmi negativi e così anche sulla città, si sentiva proprio una maggior leggerezza nell’aria e si stava proprio meglio. Un’altra cosa che mi è piaciuta particolarmente è stata la protezione che Angel ci ha fatto praticare guardando il logo di A.C.D.. Abbiamo fatto varie bolle mettendo vari strati di punte di ghiaccio e fuoco blu.
    Dopo queste tecniche, Angel ha risposto ad un po’ di domande ed è stato fantastico, perché lei parlando, stava rispondendo in modo più approfondito ad alcune domande che mi avevano posto alcuni studenti. Inoltre alcuni si sono sentiti meno soli, perché credevano di essere gli unici ad avere un certo tipo di problema legato alla meditazione e invece così hanno scoperto che non era solo loro e questo li ha aiutati ad superare la cosa in modo migliore, grazie soprattutto ai consigli di Angel. Poi ci siamo soffermati anche su un punto molto importante ovvero quello dell’aiutarsi tra compagni e non aspettare che siano gli altri a chiedere aiuto. A questo punto sono intervenuto anche io, perché mi sentivo proprio di dire una cosa, ovvero che A.C.D. è una famiglia e che non dobbiamo avere timore di chiedere aiuto quando siamo in difficoltà. Chiedere aiuto non è una sconfitta, anche è il Dark che ce lo fa credere, apposta per farci abbassare e allontanare sempre di più dal gruppo, in modo da risolvere in modo autonomo il nostro problema, ma così facendo non ci rendiamo conto che siamo più soggetti ad attacchi ed influenze e la cosa potrebbe aggravarsi sempre di più e sempre di più, quando invece bastava chiedere un aiuto e risolvere la cosa nel giro di poco tempo, per poi essere in forma e poter aiutare gli altri che hanno bisogno. Dobbiamo essere uniti e non dividerci, soprattutto nei momenti di difficoltà. Li per li mi sembrava di aver detto una cosa anche abbastanza ovvia, anche se mi sentivo proprio di doverlo dire. In un secondo momento mi si sono avvicinati vari studenti che mi hanno ringraziato, perché quelle parole gli hanno dato nuova fiducia e nuova speranza. Dopo quelle affermazioni mi sentivo benissimo, è stato veramente bello sentire (non solo con l’udito) quello che mi stavano dicendo, mi ha riempito di gioia. E’ stata proprio una bellissima sensazione.
    Ormai era giunto il momento di concludere la lezione e al termine è partito un copioso e lungo applauso di ringraziamento per quanto sono state belle quelle 2 giornate di pratica, sembrava non finisse mai xD alcuni si sono anche commossi, è stato veramente bello. Dopo tutti i ringraziamenti, abbracci e complimenti, ci siamo incamminati verso il ristorante per andare a cenare. Ho passato una fantastica serata insieme ai miei compagni e amici. Ci siamo divertiti molto e finalmente abbiamo fatto un pasto decente.
    A fine cena ci siamo salutati, perché alcuni partivano la sera stessa e avevano molte ore di viaggio, quindi non potevano fare tardi, poi il tempo era ancora brutto e pioveva forte. Visto che ero senza ombrello e pioveva, mi sono messo a fare un po’ di E-L per far smettere, sicuramente anche altri lo stavano facendo e dopo poco ha smesso proprio di piovere, però dopo poco ha ripreso a gocciolare, quindi velocemente ci siamo salutati e ognuno è andato verso il proprio hotel o abitazione.
    Io e altri ragazzi ci siamo accordati per praticare un po’ insieme, tutti nella stessa stanza. E’ stata una bella esperienza anche questa. Abbiamo iniziato con una meditazione tutti insieme, poi (per chi mi conosce lo sa bene 😛 ), ho proposto di fare delle tecniche a coppie. Quella che generalmente propongo è il taglio fili a coppie. In genere è una tecnica che viene spesso sottovalutata, quindi mi piace riproporla. Finito questo, ci siamo messi seduti a terra in cerchio e abbiamo fatto ancora un taglio fili, però di gruppo. Mi è sembrato che gli siano piaciute queste tecniche 😉
    Stanchi e assonnati ci siamo diretti ognuno verso la propria stanza, ormai, tra una cosa e l’altra, erano le 2. Il giorno dopo, alle 9, mi sono trovato in sala colazioni con i pochi che ancora erano in hotel. Dopo di che, ognuno è andato nella propria stanza per prendere le proprie valigie e ci siamo fatti le ultime foto prima di salutarci. Io e altri ragazzi abbiamo preso il taxi per andare in stazione (mai più che farò ancora via sanità a piedi xD). Passando per le varie vie, percepivo molta meno pesantezza in confronto a quando ero arrivato a Napoli il primo giorno, c’era più leggerezza nell’aria.
    Il ritorno è stato molto tranquillo. Io e un’altra studentessa abbiamo fatto parte del viaggio insieme ed è stato veramente molto piacevole, perché mi ha dato modo di conoscerla meglio e il tempo è proprio volato, neanche me ero reso conto che lei praticamente doveva scendere. Per fortuna per a me il viaggio è andato perfettamente, senza problemi, però per alcuni è stato problematico, perché a causa del mal tempo molti voli erano stati cancellati, inoltre chi aveva il viaggio in macchina la domenica sera, si è trovato la pioggia e il vento.
    Questo tour è stato veramente bello e mi ha lasciato molto dentro. Mi dispiace non aver avuto modo di parlare proprio con tutti tutti, soprattutto con alcuni ragazzi nuovi che non avevo mai visto, sicuramente avremo modo di rimediare più avanti 🙂 Ringrazio tutti i partecipati del tour, che mi ha fatto veramente piacere aver visto. Inoltre un grandissimo ringraziamento va ad Angel per tutto quello che fa per noi e che se non fosse stato per lei, probabilmente non sarei riuscito a partecipare a questo fantastico evento. 😉

  13. Foto del profilo di Valentina

    Tra tutti i tour ai quali ho partecipato, questo per me è stato il più bello e anche il più importante. Mi ha messo a dura prova a livello emotivo, spirituale e anche per quanto riguarda la rottura di blocchi e programmi che per me erano molto radicati.

    Iniziamo col dire che appena seppi che il tour si svolgeva a Napoli mi trovai divisa tra il decidere se partecipare o meno. Da un lato avevo una paura immensa a venire in questa città a causa di un programma ben radicato che mi avevano infilato sin da piccola. Ogni volta che mi ritrovavo a parlare o a pensare a Napoli, c’era sempre qualcuno che mi faceva notare che questa città poteva essere pericolosa tanto da farmi pensare che non appena avessi messo il piede giù dal treno qualcuno mi avrebbe ammazzato o scippato. In più come se non bastasse ogni volta che aprivo il telegiornale mi capitavano sott’occhio notizie di persone uccise durante delle sparatorie in alcune zone di Napoli (caso strano queste notizie si intensificarono nei mesi prima del tour XD). Dall’altro però qualcosa dentro di me mi diceva che non potevo mancare a questo tour, che sarebbe stato molto importante e che mai avrei potuto perdere l’occasione di parteciparvi. Nonostante la paura e i vari blocchi decisi di partecipare, e da li mi sono successe una serie di eventi che fino all’ultimo hanno cercato di far vacillare la mia decisione. Prima di tutto fui colpita nella salute: bombardata da medicinali mi sono ritrovata parecchio influenzata da pensieri negativi che mi hanno portato a diminuire drasticamente la pratica e soprattutto a mettere in dubbio me stessa e il motivo della mia presenza al tour e in ACD. Come sappiamo i pensieri negativi non portano mai niente di buono e infatti subito dopo si unirono i problemi economici, parecchie litigate in famiglia e mi allontanai da alcune persone per me importanti a livello affettivo, fino a isolarmi da tutto. Devo dire grazie a alcuni compagni di ACD se, nonostante le mie titubanze e i miei mille dubbi, alla fine sono riuscita a venire al tour perché mi hanno aiutato a ricordare il motivo iniziale che mi aveva fatto decidere di partecipare e mi hanno sostenuta nei momenti più difficili.
    Dopo mesi di tribolazioni arrivò finalmente il giorno della partenza, devo ammettere che il mio umore non era dei migliori avevo un tonale davvero basso, ma nonostante questo presi il treno per Napoli. Il viaggio fu parecchio lungo ma appena arrivai dovetti ricredermi su questa città. Non mi sembrava affatto così brutta come me l’avevano sempre descritta. Certo i problemi ci sono e c’è molto da lavorare ma a mio parere la gente fa il brutto errore di evidenziare e soffermarsi sui lati negativi della città tralasciando quelli positivi. Per quanto mi riguarda per tutta la durata del tour ho incontrato sempre gente disponibile ed educata, per non parlare del cibo ottimo che ho mangiato (penso di non aver mai mangiato tanti dolci in vita mia! XD) e soprattutto sono rimasta incantata dalle caratteristiche della città che unisce l’antico al moderno mantenendo comunque una nota malinconica nell’insieme. Ho avuto modo di visitarla poco ma quel poco mi è bastato per rimanerne affascinata. Sono stata molto orgogliosa di me in quel momento per essere riuscita a rompere un brutto programma e magicamente le mie paure che mi perseguitavano da mesi scomparvero tanto da godermi appieno il soggiorno. L’hotel che avevamo scelto si trovava nella zona universitaria. Un hotel piccolino ma molto accogliente con le pareti dipinte con dei murales. Anche nella nostra camera era presente un murales molto particolare…sarà stato un caso? Ahahahah. Il murales si trovava proprio sopra il letto nella quale dormivamo io e un’altra studentessa che condivideva la camera con me. Mostrava sul lato sinistro una mano che a una prima occhiata potevi considerare una mano umana ma a guardarla attentamente possedeva delle caratteristiche strane, come ad esempio un mignolo un po’ troppo lungo rispetto la norma e la mancanza di un pollice. Questa mano teneva in mano la terra e era contornata tutta da un leggero strato azzurro. Alla destra invece era dipinto un uomo che raccoglieva dei soldi vicino a una cassaforte dalla quale uscivano diversi numeri. Nel complesso era molto bello ma allo stesso tempo parecchio inquietante.

    Link della foto: http://dc775.4shared.com/download/CG05YhtHba/WP_20160227_22_11_38_Pro.jpg?sbsr=c98db45512310f775d253f2854a44049969&lgfp=3000

    La mattina del sabato, primo giorno del tour, mi svegliai con una totale mancanza di voglia a partecipare al tour e mi ritornarono all’improvviso un sacco di dubbi e insicurezze. Come al solito non mancarono alcuni imprevisti durante la strada per trovare l’hotel del tour. Alla fine però ce la facemmo e arrivammo all’hotel dove si sarebbe svolto l’incontro. Eravamo molto in anticipo quindi io e le mie due compagne di stanza ci sedemmo nella sala della reception. Nell’hotel si percepiva un’aria particolare che per un attimo ti faceva sentire a disagio e parecchio pesante, anche se la pesantezza non l’attribuivo all’hotel ma al mio tonale basso e al fatto che non ero molto cosciente. Solo più tardi capii che all’interno dell’hotel erano presenti alcune entità che si facevano sentire molto bene. Una prima dimostrazione è stata quando mentre eravamo a sedere nella saletta all’entrata ad aspettare l’arrivo degli altri studenti, improvvisamente nel silenzio più totale si aprì da solo l’ascensore con un “Din” e come niente fosse si richiuse, senza che nessuno entrasse o uscisse. Per un momento esclamai: “Buongiorno anche a te!” e poi scoppiai a ridere pensando all’entità che prende l’ascensore perché non gli va di fare due scale ahahah Diciamo che la presi molto sul ridere e il solito pensiero low si insinuò dicendomi ma è stato un caso, può succedere che l’ascensore abbia dei problemi e si apra così (si come no! XD).
    Poi arrivò il momento dei saluti con tutti gli altri studenti di ACD. E’ stato davvero bellissimo ritrovarsi in un turbine di abbracci e di saluti ritrovando vecchi compagni e conoscendone tantissimi di nuovi. E poi riabbracciare Angel… E’ bastato questo per alzarmi improvvisamente il tonale e cancellare tutto il disagio e i dubbi che avevo al risveglio. Mi sentivo di nuovo a casa. Raggiunta la sala, che tra l’altro era davvero bellissima, iniziammo a praticare la meditazione concentrandoci su tutti i chakra anche su quelli meno considerati, come il chakra della gola. Abbiamo fatto E-L e protezioni su di noi, su Napoli e su tutta la regione. Ogni Estensione Luminosa e meditazione che facevamo Angel ci insegnava a rafforzare la nostra connessione all’Essere. Durante la pausa mi divertii a chiacchierare e a consolidare il legame con compagni conosciuti nei tour precedenti e a conoscere i nuovi. Eravamo davvero tantissimi! L’unico intoppo nella giornata è stato quando durante la pausa sono entrati dei signori dentro la sala iniziando a fare foto con la scusa che gli servivano per organizzare un ricevimento. Per fortuna sono intervenuti i collaboratori che sono riusciti a far cancellare le foto e a mandarli via.

    Il giorno dopo invece fu una giornata esplosiva per quanto riguarda la pratica. Innanzi tutto mi è piaciuta molto la tecnica di protezione che ci ha fatto fare Angel prendendo spunto dal logo di ACD. Avevo già compreso che il logo era molto importante perché conteneva parecchie tecniche, ma è stato bellissimo provarlo sulla mia pelle, sentire una protezione fortissima e impenetrabile utilizzando il fuoco blu e il ghiaccio. Davvero interessante. Bellissima anche la tecnica del taglio fili attraverso l’utilizzo di un disco dorato (aureola) che ruotando tagliava tutti i fili e i programmi negativi in testa e intorno alla corona.
    Durante la pausa pranzo ebbi un’altra dimostrazione della presenza di entità nell’hotel. Mentre gli altri erano a pranzo, insieme a altri tre studenti decidemmo di andare a meditare nella sala dove praticavamo. Mi sedetti infondo alla sala vicino alle sedie (che rimanevano sulla mia sinistra) e iniziai la meditazione tranquilla. Dopo un po’ però facevo fatica a mantenermi concentrata perché sentivo sempre dei passi di persone che andavano e venivano dalla sala tanto che pensai “ma perché questi entrano facendo tanto casino? Non vedono che stiamo meditando? Potrebbero fare più attenzione…” Improvvisamente quando arrivai al chakra del cuore percepii una fortissima ansia e una paura intensa che però proveniva soprattutto dalla mia sinistra come se ci fosse qualcosa che mi fissava infastidita. Per un attimo ebbi paura di essere aggredita ma poi mi dissi non sono sola qui dentro presi coraggio e aprii gli occhi per un attimo e mi accorsi che non c’era niente a parte gli altri tre studenti che meditavano di fianco a me. Richiusi gli occhi per continuare la meditazione ed ecco di nuovo quella sensazione di paura allora capii che non era mia ma che proveniva da un entità che si divertiva a rompere le scatole. Iniziai a respirare prana con l’intento di mandarla via e mi concentrai fermamente sui chakra come ignorandola. Dopo un po’ la sensazione sparì e finii la mia meditazione tranquillamente. Dopo parlai di questa cosa con un’altra studentessa che meditava al mio fianco e mi disse che anche lei sentì una forte resistenza e oppressione provenire dalla stessa parte nella quale l’avevo percepita io.
    Successivamente riprendemmo tutti con la pratica e passammo la giornata a fare E-L su Napoli e soprattutto nel sottosuolo ed è proprio nell’ultima E-L che si verificarono prove tangibili del nostro effetto. Angel ci guidò a espandere prana nel sottosuolo con l’intento di eliminare e rompere tutta la negatività e i programmi negativi presenti. E nonostante ci dicesse di scendere sempre più in profondità a un certo punto sentii una fatica ad andare più a fondo come se ci fosse qualche resistenza o qualcosa che mi rispediva in superficie. Solo quando ci disse di non mollare e di utilizzare lastre e punte di ghiaccio per sfondare e rompere i blocchi e richiamare Dio, riuscii a penetrare molto più facilmente. Poi ci fece proteggere anche il mare alzando una barriera che distruggesse la negatività presente e allontanasse quella che tentava di entrare e soprattutto espandendo prana sotto di esso, facendoci notare che ci dimentichiamo spesso di farci Estensione Luminosa e di proteggerlo e proprio per questo risulta essere un buon nascondiglio per basi aliene . Ed è proprio in quel momento che percepii che si stava svolgendo una vera e propria battagli tra noi e l’oscurità che a quanto pare non gli piaceva molto quello che stavamo facendo. Si scatenò il casino sopra di noi. Il tempo che fino a un momento prima era bellissimo con il sole, diventò improvvisamente brutto, si mise a piovere e si alzò il vento a tal punto da trasformarsi in una vera e propria bufera. Bellissima e davvero molto astuta l’idea di Angel di sfruttare il forte vento che si era scatenato fuori come aiuto per espandere più velocemente la prana per tutta Napoli, in ogni sua viuzza. Al piano di sopra si sentirono rumori di ogni tipo, da carrelli che si spostavano, tavolini che si rovesciavano e si percepiva chiaramente la presenza di alieni, a un certo punto sembrava quasi che il soffitto stesse per caderci sulla testa. Inoltre in sala entrarono anche entità che collaboravano con gli alieni. Iniziarono a disturbarci: la porta si apriva e chiudeva da sola, con forza nonostante fosse una di quelle porte pesanti, poi si sentivano in continuazione rumore di passi ben definiti che andavano e venivano nella sala, nonostante fossimo tutti a sedere in silenzio a praticare la E-L. La cosa strana è che la bufera e il cambio di tempo improvviso iniziò proprio mentre facevamo Estensione Luminosa nel sottosuolo e terminò nel momento esatto in cui finimmo di fare la tecnica.
    Successivamente Angel ha terminato il tour rispondendo alle domande e permettendoci di condividere le nostre esperienze. Abbiamo anche appreso che il direttore dell’hotel sbalordito riferì che era la prima volta che succedeva una cosa del genere. L’hotel aveva riportato parecchi danni a causa della bufera, furono sradicati molti alberi e avevano interrotto ogni collegamento con le isole vicine. Il tutto senza riportare danni a persone per fortuna!
    In conclusione è stato un tour fantastico e intenso con un sacco di esperienze ammazza regolatore. Mi ha aiutato molto a capire parecchie cose su di me e sul mio percorso spirituale, oltre ad aiutarmi a vedere le cose anche da una prospettiva diversa. Ripeto per me è stato il tour più bello alla quale abbia partecipato, grazie a tutti i mie compagni che durante queste esperienze molto forti ho sentito davvero vicino e uniti in un’unica arma contro l’oscurità e soprattutto grazie a Angel e ai collaboratori per aver reso possibile tutto questo!

  14. Foto del profilo di Asher

    Questo Tour ci ha insegnato davvero molto, è stato incredibile.
    Due giorni di pratica che hanno davvero dimostrato quanta potenza abbiamo sull’oscurità.
    La sala in cui si è svolto tutto era davvero molto bella e spaziosa, come anche il resto dell’hotel in cui eravamo. Ancor più bella era con i tanti giornalini e bigliettini di ACD e con i meravigliosi libri di Angel, disposti sul tavolo in forma di piramide.
    Abbiamo dato il via a questo Tour praticando meditazione, concentrandoci anche sul chakra della gola, molto interessante e di grandissima importanza, essendo il Chakra della salute. Angel ha ribadito anche l’importanza del tocco, che spesso viene messo da parte soltanto per dimostrare agli occhi degli altri di essere “più esperti”; questo, infatti, oltre ad essere un atteggiamento inutile, fa sì che si dimentichi l’efficacia del tocco nell’aumentare la concentrazione, diminuendo le possibilità di distrarsi. Abbiamo praticato E.L Protezioni (incredibili) a noi stessi, alla città di Napoli e alla regione intera. Angel ha fatto notare quanto il logo di A.C.D. non sia un semplice logo e quante tecniche in realtà contenga al suo interno. Seguendo il logo stesso, abbiamo praticato la tecnica della Bolla per creare FORTISSIME difese psichiche, utilizzando il Fuoco blu e il Ghiaccio. Davvero forti e sicure. Molto importante è stata la connessione con il nostro Essere durante la pratica, che ci ha permesso di raggiungere un tonale davvero molto alto e di comprendere appieno tutto. La nostra pratica di gruppo è stata inoltre intervallata da pause che sono state molto importanti sia per stringere con tutti (cosa che ho assolutamente fatto, conoscendo nuovi compagni stupendi e rafforzando i legami con chi conoscevo già, scherzando e raccontandoci esperienze) sia per permettere, a chi non è abituato a praticare per ore consecutive, di rilassare la propria mente e sgranchire le ossa 🙂
    E tutto questo è stato solo l’inizio…

    Il secondo giorno è arrivato Imponente con delle GROSSE prove del nostro effetto sul piano fisico.

    Ci siamo concentrati sull’ Estensione Luminosa, agendo nel sottosuolo e anche nel e sotto il mare.
    (In questo giorno Angel ci ha fatto notare che il mare è una parte che proteggiamo davvero poco e che dovremmo invece curare tantissimo, agendo anche sotto di esso, considerando che è un ottimo punto per gli alieni per piazzarsi senza che nessuno li disturbi, visto che lo trascuriamo molto! E infatti, agendo sotto di esso, mi sentivo davvero benissimo, in estasi.)

    Facendo E.L, l’ambiente è completamente mutato…

    Improvvisamente si è abbattuta su tutto il territorio una fortissima bufera; mentre praticavamo, il vento si è alzato davvero alle stelle, con una potenza assurda. Delle entità, collaborando con alieni, hanno cominciato a circolare e ad entrare anche in sala, ed infatti la porta ha cominciato ad aprirsi continuamente da sola, velocemente e spinta con forza. Durante i due giorni ho praticato con lo sguardo rivolto verso la porta, e ho quindi potuto vedere ad occhi aperti, davanti a me, la porta aprirsi da sola (porta che,tra l’altro, era davvero molto pesante; assurdo!!!). Intanto che la porta si apriva e le entità entravano, sopra di noi erano invece presenti Alieni. Proprio sopra la nostra sala, nel piano superiore, tutto ha cominciato a muoversi con violenza, dai carrelli, ai gazebo e altri oggetti\strutture dell’hotel. Si sentivano fortissimo dei passi che provenivano da sopra, inizialmente infatti sembrava che fossero i passi del personale dell’hotel, da quanto erano palesi e udibili. Una vera e propria battaglia contro l’oscurità. Appena iniziata la pausa, tutto ha cessato, in modo molto marcato, senza dare spazio ai dubbi. 😉 Il proprietario dell’hotel ha riferito che non era mai successa prima d’ora qualcosa del genere. Abbiamo inoltre appreso che tutti i collegamenti con le isole erano stati tagliati e che numerosi alberi erano stati sradicati. Il tutto senza danni a persone. 😉
    ASSURDO, regolatore a pezzi.
    Abbiamo terminato con qualche ora circa (se non erro 2, o più) in cui Angel ha risposto alle nostre domande. Con le risposte di Angel in quest’ultima parte (è stato come un Tour teorico super concentrato, da quanto è stato potente!!! Due Tour in uno :p eheheh! ) abbiamo appreso veramente tanto, sono pervenute davvero tantissime informazioni utili che mi hanno migliorato e fatto crescere davvero tantissimo.

    Voglio dunque ringraziare Angel, che è stata, come sempre, Perfetta, potentissima e incredibile. E ringrazio tutti i miei compagni, nuovi e di vecchia data, da cui ho imparato tanto e di cui ho amato la compagnia. E’ un onore.
    GRAZIE

  15. Foto del profilo di Crow

    Ciao a tutti!
    Questo tour è stato particolare. Non tanto per le mie percezioni personali, quanto per i fatti accaduti!

    Io non sono con voi da tanto tempo e, oltretutto, nell’ultimo periodo ho anche abbassato la mia pratica, fino quasi ad azzerarla per l’ultimo mese…chissà perchè!
    Ero arrivato a fatica a fare 2 meditazioni fisse al giorno e adesso mi tocca ricominciare…ma non importa! Ci può stare.
    Il primo giorno del tour ero già parecchio stanco di mio.

    Avevo guidato quasi 8 ore filate per arrivare la mattina stessa!
    Questo mi ha portato ad avere colpi di sonno durante le prime meditazioni e a perdermi qualche pezzettino per strada.
    Nelle prime meditazioni infatti non mi sono sentito molto carico.

    Dato che farmi 8 ore di macchina per dormire su una sedia di un albergo di Napoli, non era nei miei programmi…ho chiesto ad Angel se conoscesse qualche tecnica per evitare di prendere sonno!
    Lei dopo avermi simpaticamente proposto “2 sberle” (:D), mi ha consigliato di andarmi a sedere nelle prime file, in modo da ricevere più energia da parte sua.

    Ho accettato il consiglio e mi sono andato a sedere in seconda fila, di fronte a lei.
    A quel punto abbiamo iniziato la meditazione che mi è rimasta più impressa.
    Ci ha guidati come sempre nel richiamare prana, nelle protezioni personali come la bolla, e poi ci ha regalato una nuova protezione: il Disco d’Oro per tagliare i fili della testa e l’Armatura d’Oro Colato per essere ben protetti dalle influenze esterne.

    Abbiamo fatto la connessione all’essere se non ricordo male, poi abbiamo immaginato sopra di noi questo disco d’oro che gira e taglia tutti i fili (disco d’oro che ci è stato detto essere la classica aureola che vediamo nelle raffigurazioni dei santi, quindi più che un disco, un anello forato al centro, per mantenere la connessione con l’essere sempre attiva e una protezione costante dai nuovi fili), abbiamo fatto espandere il disco e successivamente lo abbiamo fatto colare su di noi come una pioggia d’oro colato, che andasse a formare, pezzo per pezzo, un’armatura d’oro solidissima.

    Ragazzi…come ho messo l’elmo (integrale)…VUOTO TOTALE in testa!
    Il NON PENSIERO pulito, pulito!
    Mi sono sentito come una seconda fronte limpida a mezzo metro più avanti…non so perchè proprio una fronte! XD
    Ed ero sveglissimo in quel momento!

    Poi ho continuato con la creazione del resto dell’armatura.
    Una volta resa solidissima, l’abbiamo fatta espandere di un metro intorno a noi per proteggerci di più.
    Poi mi pare che Angel ci ha fatto prendere tra le mani forti e calde la negatività della terra, per farcela spiaccicare!!

    Da quel momento l’armatura d’oro con il disco sono entrate a far parte dei miei MUST!
    E’ fighissima!

    La sera stessa, prima di dormire ho avuto una discussione al telefono ed ero nervoso.
    Mi sono detto “va beh! adesso mi stacco da sto nervosismo e dormo!”
    Mi sono disteso, ho cominciato a far girare il disco sopra la testa e poi a farlo colare per formare l’elmo d’oro.
    Mente sgombra e mi sono addormentato pacifico!
    Provateci!

    Il giorno seguente sono venuto a sapere che molte persone hanno avuto incontri paranormali!
    Ora…non so se io non ne ho avuti per il fatto che ancora non ho le percezioni sviluppate, o se è stato l’elmo a proteggermi!
    Fatto sta che ho dormito tranquillo! XD

    Nella giornata di domenica, con l’ultima E-L che abbiamo fatto (e mi stanno salendo brividi allucinanti dal lato sinistro del corpo mentre sto scrivendo ORA! e c***o sta anche salendo il vento che non c’eraaaa!!! Appena ho cominciato a farmi le protezioni! Ma basta! XD), è successo un bel casino!
    Quello che i furboni di alieni mi stanno aiutando a ricordare ancora meglio, comportandosi allo stesso modo in questo momento! BRAVI FURBI! XD

    Praticamente abbiamo cominciato a fare Estensione Luminosa per proteggere Napoli dalla negatività (che poi abbiamo scoperto essere più precisamente alieni e entità negative!), abbiamo richiamato Prana sopra e sotto Napoli, andando sempre più in profondità con strati di ghiaccio e fuoco blu!

    Come abbiamo cominciato con il primo strato sotterraneo di ghiaccio…ha cominciato ad alzarsi il vento!
    sempre più forte, sempre più forte!
    La porta di ferro con maniglioni antipanico, ha cominciato ad aprirsi e chiudersi con forza da sola!!!
    Si sentivano passi di gente che andava e veniva…maaa…la gente era tutta seduta al suo posto!
    Sembrava un film di fantasmi…solo che le entità entravano e uscivano per davvero!

    Ad un certo punto Angel ci ha detto di andare ancora più in profondita, spingendo con forza le lame di ghiaccio! A chilometri e chilometri di profondità!

    E’ a questo punto che hanno cominciato a volare tavoli nella terrazza dell’hotel…a cadere alberi…sentivamo rumori sopra di noi come di gente che spostava tavoli e sedie…
    Il punto sapete qual’è?!
    Che al piano sopra il nostro non c’era una mazza!!!
    Niente stanze! Vaaaaa bene!

    Abbiamo saputo dal personale dell’Hotel che si erano rotti tutti i vetri dei tavoli e erano volati gli ombrelloni…cosa mai successa a detta loro.

    Abbiamo anche spinto prana sul mare e sotto il mare durante questa E-L.
    Tutto questo, abbiamo scoperto poi da Angel, lo abbiamo fatto per distruggere le basi aliene che sono dislocate sotto il territorio campano!
    Il disastro e le porte che sbattevano sono stati semplicemente un “colpo di coda” di alieni e entità negative che hanno tentato di fermarci facendo la voce grossa!
    Ma non hanno potuto niente contro la nostra potenza!

    Alla fine della E-L tutti hanno raccontato le loro esperienze…tutte esperienze che coincidevano con quelle degli altri studenti!

    Abbiamo saputo che gli studenti che hanno sentito brividi alle spalle o bisbigli è per il fatto che in genere non si proteggono bene dietro la schiena.
    Abbiamo saputo che Angel e un altro studente hanno fatto lo stesso sogno quella notte, riguardante delle suore e un signore nero in giacca e cravatta.
    Poi ci è stato detto che l’hotel, prima era un convento!

    C’è stata una studente che nel mezzo della bufera ha sentito di doversi mettere spalle a una finestra per proteggerla e di fare Estensione su tutti noi!
    Ha detto che si è sentita spuntare delle ali enormi che tenevano la finestra!

    La sera stessa sono tornato a casa dopo 9 ore di guida…sotto il diluvio!!

    Grazie Angel per averci dato la possibilità di fare queste esperienze!
    E grazie a tutti voi per aver condiviso un sacco di esperienze e sensazioni!
    Ci vediamo alla prossima!

  16. Foto del profilo di Eleonor

    …. La storia continua
    2° giorno

    A parte il sonno/stanchezza di prima mattina tutto inizia per il meglio.. Dovevano arrivare degli amici da Roma per domenica. Ero molto felice per questo perché sarebbe stato bellissimo meditazione e E-L con Angel potevano sperimentalo anche loro, potevano venire solo di domenica ma meglio un giorno che nulla..
    Così mi alzo mi preparo… Ore 8.30 guardo il telefono, nessun messaggio di arrivo. Scrivo.. Nessuna risposta.
    Allora chiamo, mi risponde una voce insonnolita “scusa ma non vengo più, casini a casa. Cambio di programma”

    ……. A quel punto mi sale una rabbia/frustrazione /tristezza dentro… Non è possibile fino a sabato notte era sicuro al 100% che venissero. Ma che ca!! Ah…. E ovviamente non avevo neanche più il passaggio in macchina per il ritorno di domenica sera. Grandioso.
    A quel punto le mie meravigliose compagne di stranza con un bel sorriso “dai non c’è problema ti aiutiamo a comprare il biglietto del treno “.. Così decido dopo qualche tentennamento iniziale che il LOW non mi avrebbe rovinato la domenica del tour.. E taglio via la cosa da dentro e salgo con gli altri alle 9.30 per iniziare le lezioni/pratica.

    Ora i ricordi della giornata di domenica sono per me abbastanza vaghi..già la sera di domenica in viaggio sul treno quasi non mi ricordavo bene i passaggi della giornata.

    Mi ricordo le cose ma non in sequenza. Mi ricordo che Angel ci ha insegnato a costruirci un’armatura di lava di prana, prima densa su tutto il corpo e poi che si induriva fino a diventare resistentissima.. Mi ricordo il disco d’energia sopra la testa per tagliare i fili e negatività girando girando girando… Bum enrgia che taglia tutto!

    Mi ricordo che il pomeriggio abbiamo fatto una E.L che era una bomba.. Abbiamo spinto nel sottosuolo e spaccato tutto ciò che sentivamo negativo.. E mi ricordo che mentre lo facevamo (con gli occhi chiusi tutti guidati dalle parole di Angel) è successo un gran casino di vento.
    Già dal pranzo e dalla mattina c’era ma mentre facevamo E.L forte il pomeriggio sono successe 2 cose alquanto curiose.
    1- c’era vento così forte fuori che sembrava che sopra la nostra sala stessero cadendo sedie e spostando tavoli e rumori forti vari come quando o è il vento sul terrazzo sopra di noi o qualcuno sta spostando qualcosa..
    Solo che sapete.. Poi sono andata a controllare finita l’ Estensione Luminosa per vedere cosa era successo al terrazzo proprio sopra di noi e…
    Beh il piano sopra di noi non era un terrazzo. C’erano dei bagno. Ed ovviamente nei bagni non ci sono sedie e tavoli da spostare.. Eheheh quindi.. Possibile che tutto quel casino sul soffitto proprio mentre facevamo E.L contro gli alieni e quando smettiamo la E.L di ferma anche il casino?? Mmm…

    -cosa curiosa numero 2:
    Per gran parte del tempo durante la tecnica c’è stato un bel via vai a fondo sala.. Verso l’uscita.. Sentivamo movimenti di gente che probabilmente stava prendendo le cose per tornare a casa dato che era domenica pomeriggio.. Quindi almeno io non gli ho dato molto peso.. Ok qualcuno entrava usciva prendeva le cose..ci sta, in fondo avevamo tutti dei treni da prendere per il rientro a casa.. Solo che eheheheh
    A fine E.L quando ci siamo confrontati si questa cosa.. Beh sapete? Nessun compagno era andato via durante la tecnica…nessuno gruppetto o coppie di persone erano uscite. Eppure noi l’avevamo sentito. Così per esempio: come se stai a occhi chiusi e tuo fratello esce di casa lo senti che sta prendendo il giacchetto..poi le chiavi.. Poi probabilmente controlla se ha preso il portafoglio poi senti la porta che si apre e poi si chiude. Bene, lo sai che è uscito no?

    Ecco. Noi abbiamo sentito così gente uscire… Ma non è andato via nessuno in realtà. Quindi… Chi è che si muoveva per la sala quando invece eravamo tutti fermi a fare Estensione???
    Conclusione confermata da Angel ed altri compagni che hanno sentito anche sensazioni fisiche sul copro.. entità!
    Veramente assurdo eravamo tutti convinti che della gente era andata via.. Avevamo sentito tutti i rumori.. Era ovvio. Invece nessuno. Nessuno se n’era andato. Nessuno.
    Quasi non ci sembrava vero, cioè cavolo l’avevamo sentito.

    Eheheh.. Molto divertente e interessante.

    Ciliegina sulla torta.. Dalle E.L e meditazioni di quei due Giorni ho imparato di più cosa significa che l’energia è intelligente e se tu fai da antenna per Dio lei sa dove andare.
    Dunque, ero sul treno in viaggio di ritorno, mi sentivo tutta bella carica così decido di fare una guarigione per una persona che so che ha una malattia incurabile agli occhi. Ho pensato.. Beh se non la faccio ora quando?! Sono partita dagli occhi.. E così come ci ha meglio fatto capire Angel ho lasciato più libertà all’energia di andare, trovare e curare il problema.
    E… Che cavolo l’energia andava sempre sulle gambe, sulle vene.. Gambe, vene… Ed io che pensavo “nooo enrgia devi andare sugli occhi non sulle gambe. Voglio curare gli occhi!! ” ad un certo punto mi sono arresa “va beh.. Fai un po come ti pare.. Facciamo gambe e vene ok ”
    Così ho continuato per 1 ora e mezza circa.
    Morale della favola? Lunedì mattina chiamano al telefono e parlando parlando.. “beh sai i valori del sangue nelle ultime settimane non sono andati bene, abbiamo paura che gli si siano formati dei grumi di sangue nelle gambe e che gli si ostruiscono le vene di nuovo, siamo molto preoccupati speriamo che le analisi vadano bene”

    …. Le analisi poi fatte? PERFETTE. Vene e gambe libere.. Niente grumi niente embolie!!
    Eheheheh al che chiusa la telefonata sono scoppiata a ridere.. Cazz non è possibile, e dire che io non ci volevo andare a curare sulle gambe!!!

    Allora ho capito ancora meglio.. Qualsiasi tecnica fai, che sia E.L, guarigione etc.. Sappi che l’energia è DAVVERO intelligente.. Tu falla entrare, fai da antenna per Dio, dagli un intento.. Poi saprà lei dove andare. Perché davvero lo sa!!! Sente quello che tu neanche sai.. O neanche immaginavi.

    Fantastico!
    -the end-

    Ps:nei giorni successivi a Campobasso ci sono state delle piccole scosse di terremoto.. E anche vicino Roma (dove con alcuni compagni abbiamo continuato una volta tornati a casa )… Mmm Ehehehe mi sa che abbiamo smosso qualcosa e li sotto si sta riassestando.. magari romperendo un po’ degli “amichetti” negativi che c’hanno fatto la tana…

  17. Foto del profilo di LueMai

    Ciao a tutti, :-). Ci ho messo una settimana per scrivere qualcosa sulla mia esperienza al tour di Napoli. Io ho partecipato solo la mattina di sabato e di domenica, per cui non ho preso parte alle mette del pomeriggio. Credo comunque che, dato tutto quello che ho passato nelle precedenti settimane all’inizio del tour, quello che mi servisse davvero fossero la meditazione di sabato e la protezione di domenica. Temo che non avrei dato un grosso apporto alle mette. In ogni caso scrivo tutto quello che mi è successo prima e durante così che chi si trovasse nelle stesse condizioni non ci caschi. Fino a due settimane prima del tour ero motivatissima ed emozionata all’idea di incontrare tutti ma soprattutto con una gran voglia di agire, di combattere. Poi il concetto di “integrazione della dualità ” mi ha cominciato ad ossessionare. Volevo capire cosa in realtà fosse, in pratica, oltre tutte le belle teorie filosofiche che esistono a riguardo. Come diavolo si facesse ad integrare la dualità. Quindi mi metto a cercare e leggendo ed ascoltando e guardando, capito in una serie di video e documenti che mi illuminano. Tutte quelle persone che sperimentavano il vero risveglio dicevano che in realtà anche il percorso spirituale è un percorso dell’ego. Tutto ciò che ci rende separati dall’altro è dualità. L’ego in pratica, in quanto spirituale, non potrebbe mai arrivare al risveglio perché lo cerca in quanto essere separato dal tutto e quindi è nella dualità. Come una goccia nel mare che cerca di unirsi al mare stesso ma non può farlo finché si sente una goccia, perché è già il mare stesso. È difficile spiegarlo a parole. Ad ogni modo, quello che ho provato in quel momento è l’inutilità di tutto questo, della meditazione e della lotta contro il dark side perché anche la separazione tra celesti e gaia’s è separazione e dualità. Da quell’istante non sono più riuscita a meditare. Fino a quando, alla stazione, uno studente ACD, il mio angelo, che non avevo mai visto prima, ma che mi è venuto in soccorso, mi ha praticamente scortata fino alla sede del tour. Non vi dico quanto io fossi tesa e nervosa. Ero sicura di non riuscire a meditare. Invece, con mia sorpresa, ho fatto una meditazione intensa anche se piena di brutti pensieri. Ma è già stato un successo. Sentivo comunque tentativi su tentativi di bloccaggio, inutili direi. Di Angel posso dire che sono rimasta sorpresa quando l’ho vista. Avevo percepito che fosse giovane, ma non me l’ero immaginata così. Credevo si nascondesse dietro un’apparenza anonima e invece, con mia positiva sorpresa, è una ragazza grintosa sia nell’anima che nell’aspetto :-). Mi sono sentita in famiglia e protetta e mi è dispiaciuto andarmene. Devo dire però che non ho avuto problemi a rientrare. Nemmeno il giorno dopo il tour quando ho fatto un lungo viaggio per la Slovenia ( dove mi trovo adesso e resterò per 2 mesi ). Forse non ho dato molto fastidio al low ;-). La protezione di domenica è stata potente, ho anche sentito, sul mio fianco destro la spinta che le lame di ghiaccio del mio angelo seduto accanto a me stava formando…..forse avevo troppa negatività addosso e mi spingeva via :-D. UN ABBRACCIO A TUTTI!!!!!!! Ringrazio tutti e soprattutto Angel e i collaboratori che rendono possibile tutto questo.

  18. Foto del profilo di Roberto

    E’ stato un tour molto bello, molto diverso dagli altri tour a cui ho partecipato ma comunque molto importante.

    Già da prima tutto voleva che non partecipassi al tour, non solo dal punto di vista diciamo fisico come la mancanza di soldi in famiglia per far fronte a nuove spese, la concentrazione in quel periodo di molti impegni, ma anche dal punto di vista spirituale come l’arrivo di numerose influenze negative che mi inducevano a pensar male del tour, che non significava niente, che avrei speso giornate inutilmente, che Napoli fa schifo, non vale la pena salvarla, che mi potrebbe succedere qualcosa, e tantissime altre influenze di questo tipo che pressavano la mia mente al fine di riuscire a colpire nel segno, ma nulla di tutto ciò mi preoccupò visto che comunque di tour ne ho fatti tantissimi e non è la prima volta che mi si presentano queste influenze. Tutto questo sino al giorno della partenza per Napoli. In quelle settimane prima, insieme ad altri, lavorai affinché il Tour andasse bene facendo numerose E.L e protezioni nonostante comunque la negatività cercasse di offuscarmi la vista. Ma non mancarono gli imprevisti che abbiamo dovuto far fronte come il cambio della sala a circa 4 giorni prima del Tour e della riorganizzazione dei pasti. E’ stato molto difficile gestire ciò, soprattutto all’ultimo momento quando sono presenti più di 60 persone.

    Una volta partito arrivai a Roma, li inizialmente mi incontrai con alcuni studenti, che anch’essi partivano da Roma per raggiungere Napoli, solo che avevamo orari differenti poiché viaggiavamo in modo diverso, chi con il treno, chi con il pullman e chi in auto. Abbiamo speso quelle 2 orette a girare in continuazione per Roma Termini ahahaha, non si può dimenticare una cosa simile 😀 . Una volta raggiunto l’orario della partenza del treno mi apprestai a dirigermi e salire sul treno, salutando i miei compagni che avrei rivisto quella stessa sera in hotel a Napoli.
    Durante il viaggio in treno spesso mi addormentavo perché la notte precedente non avevo chiuso occhio. Il motivo risiede nel fatto che avevo l’aereo la mattina molto presto, per paura di perderlo presi questa decisine facendo il dritto, ossia la nottata. Infatti, una volta arrivato a Napoli e mi diressi direttamente all’hotel, feci un pisolino, giusto per recuperare qualche ora di sonno, perché è stata molto dura, più che altro per affrontare tutto il viaggio, che contava circa di 7 ore senza essermi riposato e aver chiuso occhio la notte.

    Una volta arrivato quindi in hotel, a piedi dalla stazione centrale, mi diressi direttamente in camera. Qui non potrò mai dimenticarlo: mentre stavo andando in camera, che si trovava al secondo piano, la luce del corridoio dell’ala della mia stanza era spenta e non capivo il perché. Cercavo qualche interruttore da qualche parte ma non c’era niente. Allora pensai di andare comunque avanti nel buio, pensavo che ci fossero dei sensori che alla presenza di qualcuno accendessero le luci e invece niente. Non appena feci alcuni passi continuando nel corridoio decisi di prendere il cellulare per far luce con la torcia, non appena feci un passo in avanti stavo per cadere che cerano delle scale ahahaha. A quel punto accesi la torcia e le vidi, stavo per rompermi un piede 😀 . Ho usato la torcia sino a quando non ho aperto la porta della stanza della camera, perché giustamente non si vedeva neanche la serratura della chiave. Comunque, una volta entrato e sistemati i bagagli, feci un pisolino. Prima di addormentarmi in camera per il pisolino sentii e vidi la presenza di due entità che volevano entrare. Non erano nocive, erano di passaggio ma la percezione era come se esse dimoravano nell’hotel. Avevano la forma di delle suore, bassine che avevano sempre da fare. Solo dopo scoprii, parlando con il proprietario dell’hotel, che in precedenza l’hotel era un convento, era usato dalle suore e dai preti che vi abitavano. Pertanto in quel momento ciò che vedi e sentii prendeva un senso. Arrivata la sera, aspettavo gli altri ragazzi ed Angel per andare a mangiare qualcosa e prepararci per l’indomani, l’inizio del tour.

    Il primo giorno del tour fu molto bello, ho rivisto vecchie amicizie e soprattutto nuovi studenti che è stata una delle cose più belle di questo tour. Ho conosciuto e legato molto con alcuni nuovi, e consolidato le vecchie amicizie ridendo e scherzando e raccontandoci avvenimenti ed esperienze di notevole interesse, è stato molto bello. La mattina, quindi, abbiamo iniziato un po’ tardi con la lezione per la sistemazione dell’impianto audio, perché abbiamo usato alcuni mix per la pratica della meditazione e delle E-L, e la disposizione dei libri, dei giornaletti e dei bigliettini, le nuove sorprese che A.C.D. ha presentato agli studenti.

    Sia la mattina che il pomeriggio la pratica si è incentrata non solo sulle E-L e sulla meditazione che, in questo caso è stata molto particolare in quanto abbiamo meditato su altri chakra, come quello della gola, ma anche effettuato protezioni sia a noi stessi, sia all’intero gruppo e sia sull’intera città di Napoli, espandendosi per tutta la regione. E’ stato molto bello ed emozionante perché per la molta negatività presente in città si sentiva benissimo il respiro, il sollievo che giungeva dalla gente napoletana, l’aria stessa si purificava, rendendo Napoli un luogo più sicuro e protetto.

    Nel pomeriggio, durante l’ultima Estensione Luminosa, gli ultimi due minuti prima che finisse per poi entrare in pausa, io ero seduto in fondo alla sala, che cercavo di far alzare e rimanere il tonale di ognuno alto, dietro di me sento un’entità molto forte, un essere alto circa 4 metri in piedi con le braccia conserte che emanava un’energia positivissima, è stato assurdo, era tutto blu. Da subito non ho fatto caso a chi fosse, iniziai a comunicare con questo essere che stava dietro di me alla distanza di 10 cm più o meno, per comprendere come mai della sua visita e mi disse che era venuto a dare una mano e che mi aveva sentito molto bene. Finita la pratica non lo sentii più, dopo un po’ pensai che forse potrebbe essere stato Amon-Ra perché anche in precedenti esperienze lo vidi in quel modo.

    Entrati in pausa non feci altro che andare a rompere, in senso buoni, i maroni ahahahahhahahah a tutti, per di legare di più con tutti, scambiare qualche parola e conoscere nuove persone, perché comunque eravamo davvero in tanti, quindi era necessario andare a far visita ad ognuno 🙂 . Stessa cosa il giorno dopo.

    Il giorno seguente fu una vera e propria figata. La mattina il tempo non era molto bello però comunque era accettabile, nel senso che non c’erano tempeste, per il momento, ma solamente nuvole che coprivano gran parte del cielo. Tutto il giorno ci siamo concentrati di più sul fare E-L non solo alla città ma anche nel sottosuolo. Non appena iniziammo ci fu un vero e proprio una battaglia. Il tempo cambio immediatamente passando da calmo e nuvoloso a tempestoso con pioggia. Il vento si diventò sempre più forte velocissimamente, in continuazione si aprivano le porte e infatti per evitare che si aprissero sempre e disturbassero il lavoro degli studenti io e Luce Bios ogni tanto ci davamo il cambio per tenerla chiusa perché la porta risultava rotta e non poteva essere bloccata se non con qualcosa o qualcuno che la tenesse ferma. In realtà il temporale e il vento erano causati dagli alieni che gradivano affatto ciò che noi stavamo facendo, distruggendo tutti i loro piani, le loro basi e quindi cercavano di fermarci. Al di sopra del nostro piano c’era la terrazza dove c’erano sedie, tavoli, tavolini e gazebi che venivano usati per la stagione estiva, fu tutto distrutto, il titolare dell’hotel ci disse che mai era accaduta una cosa simile sia a Napoli e tanto meno che nel suo hotel, e ciò ci dava conferma e rafforzava ancora di più in noi il nostro operato, di come stavamo procedendo bene e delle soddisfazioni raggiunte. Inoltre le aperture delle porte non erano casuali, non c’era lo zampino del vento ma bensì delle entità che si sentivano infastidite molto, non delle entità presenti nell’hotel come descrissi in precedenza, ma ne arrivarono altre che collaboravano anche con gli alieni, venute per disturbarci e per far spaventare gli altri affinché smettessero. Si sa già come andò a finire ahahah nessuna di esse fece alcun effetto, tutti continuammo a spaccare tutta quella negatività su Napoli agendo anche in una delle sue ricchezze: il mare. È stato bellissimo praticare nel mare, liberarlo e pulirlo ridando quel senso di libertà e respiro.

    Al termine della pratica restammo tutti esterrefatti di quello che successe, di tutti quei rumori assordanti che accadevano e ne siamo rimasti compiaciuti dell’ottimo lavoro svolto e dei risultati raggiunti. Molti furono allibiti e un po’ spaventati perché non avevano mai visto tutto questo fracasso, altri ne furono elettrizzati perché era anche eccitante sotto un certo punto di vista dell’effetto che se tutti ci impegniamo possiamo raggiungere con così poco, e quindi del cambiamento che possiamo fare se siamo sempre più numerosi. Personalmente rimasi affascinato, non solo per l’accaduto ma anche nel sentire ciò che gli altri studenti stavano provando sia durante la pratica, perché comunque stavo dando a tutti una mano assieme ad Angel, nel rimanere concentrati e con il tonale alto, e sia nel sentire le loro emozioni e sensazioni nel raccontare, a fine della pratica, ciò che avevano provato e sentito e che è stato un passo fondamentale per ognuno nella propria evoluzione spirituale, perché conferisce maggior fiducia e sicurezza non solo in se stessi ma anche negli altri. È stato molto bello, straordinario, non saprei come altro modo descriverlo.

    Il tour stava volgendo però al termine. In seguito, dopo lo scambio di numerose domande e risposte con Angel, di esperienze e sensazioni provate durante la pratica, concludendo il tutto con una cena degna di essere chiamata così in un ristorante vicino all’hotel per rimanere un ultimo momento in compagnia prima dei saluti, non solo a molti studenti che già andavano via, ma anche alla piccola grande Angel che sarebbe partita in serata.

    Non posso che concludere che con un grazie immenso a tutti i ragazzi presenti, mi ha fatto veramente molto piacere conoscerli, scambiare chiacchere e rivedere vecchi amici. Un grazie particolare a Bianca e altri ragazzi che mi hanno dato una mano di aiuto per poter venire al tour, perché non ne avevo la possibilità inizialmente. Un grazie agli altri miei compagni collaboratori e soprattutto un immenso grazie alla nostra Angel, che non smette mai di stupirci e di farci stupire, che ci permette di poter partecipare ai tour e per tutto quello che continua a fare per noi, e come sempre non smetterò mai di starti accanto per supportarti in qualunque momento.

  19. Foto del profilo di Francesca

    Bene che dire! È stato stupendissimo tutto… tour con sorpresa finale! Che si può desiderare di
    più? Intanto mi preme ringraziare tutte voi meravigliose creature che fate di ogni incontro una
    cosa speciale! In particolare un grazie gigante al nostro Capo che come al solito ci stupisce
    e ci permette di imparare sempre più cose incredibili! È sempre una grande emozione incontrarti
    carissima Angel vedere il tuo viso luminoso e il tuo sorriso speciale che ci regala fiducia e
    serenità. Bella come il sole, ancora a volte fatico, guardandoti, a ritrovare la Angel spirituale
    che mi cazzia in chat 😀 certo, un pochino alla volta mi ci sto abituando però non è molto facile.
    Ho visto reazioni incredibili da parte di alcuni miei compagni quando ti hanno vista… a momenti
    svengono 😀 POi basta un “Fate silenzio!” con quella voce limpida ma ferma, che nessuno si permette di pronunciare verbo! Solo con una parola fai zittire una sala intera! Wow! Una vera potenza!
    Un altro particolare ringraziamento va alla carissima Roberta Miriel che ospitandomi nella sua
    meravigliosa famiglia ha reso possibile la mia partecipazione a questo speciale evento. Grazie
    ancora al mio adorato gruppo e a tutti quelli che per un motivo o un’altro mi hanno coccolata,
    cazziata, ascolatata e presa bonariamente in giro.
    Devo confessare che forse avevo su questo tour una piccola aspettativa anche se inconsapevole, ora mi rendo conto che è così! Speravo in qualche modo di risolvere le mie meditazioni terrificanti e di trovare finalmente il non pensiero e la pace… invece mi sa che ho trovato ben altro! 😀 Il primo giorno delle belle meditazioni e belle E-L guidate da Angel ma comunque non riuscivo a fare granchè o meglio tutti erano entusiasti delle belle sensazioni che riuscivano ad avere e invece io boh! solito… vabbè arriverò anche io! E invece solito. Capisco che è colpa mia, che le aspettative rovinano tutto! In verità la mia non era proprio aspettativa ma
    più una speranza… Ci sono rimasta un pochino male quando Angel ha detto che 5 med non bastano e che mi devo allenare ancora di più per arrivarci. Ancora di più ma faccio circa 7 ore di pratica!
    Ma ormai mi fido ciecamente del capo e se dice così vuol dire che questa è la mia strada e non ci sono scorciatoie!
    Così ho continuato a fare le meditazioni e le Estensioni Luminose guidate senza aspettarmi niente e mentre
    tutti raccontavano le sensazioni meravigliose che avevano vissuto io che non provavo niente stavo zitta. Anche domenica sera con l’ultima E.L guidata che abbiamo fatto su napoli è successa la stessa cosa, anzi ancora peggio mi sentivo più imbranata e più incapace del solito: Angel ci diceva come procedere ma io avevo difficoltà a fare le cose che mi diceva. Uff che palle ci risiamo! È mai possibile che non riesco mai a concentrarmi? Che mi perdo sempre in questo modo? ma accidenti!
    Oltretutto proprio quel giorno mi è venuto il raffreddore così avevo pure difficoltà a respirare prana!
    Era frustrante, più del solito! Angel diceva scendete giù dentro il mare sotto sotto e ancora sotto
    boh io non riuscivo, intanto non capivo se dovevo andare solo con la mente o visualizzarmi
    proprio io li! E già questo mi distraeva, poi non riuscivo proprio né in un modo né nell’altro!
    Ma come? Mentre tentavo di fare le cose che diceva mi rendevo conto che NON RICORDAVO L’ULTIMA COSA!
    Ogni volta mi dimenticavo la frase che diceva e avevo pure difficoltà a capire le sue parole
    mentre le pronunciava. Oh ma che cavolo succede? Ok che sono all’inzio, imbranata, distratta senza non pensiero entrava di tutto… ma cavolo le altre più o meno sono riuscita a farle! Certo
    non è che sia bravissima a fare le cose e molto spesso ho difficoltà a capire come farle, ma
    in qualche modo poi riesco sempre! Stavolta non c’era verso! Oltretutto alcuni dei ragazzi dovevano andare via proprio durante la E.L, ma accidenti dovevano proprio fare tutto sto casino mentre uscivano? Sbattevano la porta, sbattevano i piedi camminando boh! Ma che avevano i tacchi alti? Poi avevo capito che era giusto due o tre invece in continuazione la porta che sbatteva, i passi, le sedie che si spostavano, il vento che aumentava, sopra di noi il finimondo rumori che non finiavano più! Un’aspirapolvere potentissima di quelle professionali dietro la porta? Ma che sono deficienti? Non sanno i dipendenti dell’albergo che stiamo facendo una riunione? Si devono mettere proprio qui dietro la porta? Mah! Mo mi giro e guardo cosa succede, ho aperto un attimo gli occhi e guardavo Angel… era concentrata con gli occhi chiusi… possibile che non dice niente a chi sta uscendo e fa tutto sto casino? Però nonostante tutto non mi sono girata, non so perchè, ho cercato di continuare a concentrarmi anche se era quasi impossibile, già non ci riesco granchè normalmente figurati con tutto sto casino. Comunque alla fine Angel dice che possiamo riaprire gli occhi e ci chiede come sempre come ci sentiamo… io come sempre penso tra me che non ho avvertito niente di che, che non ho avuto nessuna sensazione strana o bella… vabbè pazienza arriverà anche per me! Improvvisamente però mi metto a parlare con gli altri miei vicini e mi dicono che pure loro non riuscivano a fare le cose, si dimenticavano le parole di Angel, il casino incredibile che si era scatenato, e io ho detto ma possibile che Angel non abbia detto niente ai ragazzi che uscivano con tutto quel casino? Mi è stata data questa risposta: non erano i ragazzi ma erano entità che cercavano di farci smettere! :O Oddio ma come?
    In quel momento tutto aveva preso un’altro aspetto! Avevo vissuto la mia prima esperienza con
    le entità! Ero allo stesso tempo terrorizzata, perchè da sempre le entità sono il mio punto debole, ed elettrizzata perchè era comunque un’esperienza incredibile! certo non le avevo viste, però le ho sentite: il casino che hanno fatto! Ecco perchè Angel non ha detto niente! Ed ecco anche perchè non mi sono girata, anche se lo avevo pensato diverse volte! Penso di essere stata protetta per via della mia paura, tutti in realtà eravamo superprotetti da Angel e da Dio e dai nostri Esseri.
    Poi Angel è venuta a spiegarci quello che è successo e ci ha riferito che sopra nella terrazza
    si è scatenato l’inferno, i tavoli coi vetri rotti, due alberi caduti e tanto altro… li
    sono stati gli alieni, perchè le entità si sono limitate a stare dentro la sala con noi cercando
    di spaventare qualcuno, ma non ci sono riuscite. Che esperienza ragazzi! Anche se non sapevo
    cosa stava accadendo inizialmente, quando ho capito è stato wowissimoooooo! 😀 Non nego però che poi sapere che c’erano entità pure nell’albergo visto che era costruito sopra i resti di un vecchio convento di suore, non mi ha reso molto piacevole il resto del soggiorno e sinceramente non vedevo l’ora di andarmene.
    Alla luce delle cose cui ero venuta a conoscenza ho avuto delle riflessioni: Il problema con la
    prima sala e il fatto di costringerci a cambiare il primo albergo e finire li a capodimonte non era
    un caso ma è successo per pulire quell’albergo; Se Angel ci ha invitato a vivere quell’esperienza, e sono certissima che lei sapesse che sarebbe successo tutto questo, mi dice che ci ha reputati pronti per affrontarla e questo mi fa davvero piacere. Insomma un’esperienza che ancora mi ehm… diciamo mi inquieta ma è stata davvero unica e bellissima, grazie! 😀
    Un’altra cosa vorrei condividere con voi ed è quella del volo in aereo. Come molti di voi sanno ho problemi con le orecchie perchè mi vengono dei dolori lancinanti! Intanto il volo all’andata
    si è svolto senza problemi perchè il timpano si è richiuso e quindi è andata liscia, senza nessun
    dolore, ma sono sicura che mi ha aiutata moltissimo il fatto di respirare dalle orecchie come
    Angel ci ha insegnato. Per il rientro ero preoccupata perchè una cara amica hostess mi ha detto
    che avrei dovuto avere il naso perfettamente libero visto che ero raffreddata. Così ho messo
    lo spray, la gomma da masticare in bocca, fatto protezioni e respirato prana dalle orecchie
    e pure stavolta tutto liscio! Ero felicissima! Grazie Angel grazie ACD grazie a tutti voi per quello
    che mi fate vivere ogni giorno. Vi adoro!