009 – Meditazione – Impara a Rilassarti (7 parte)

Questo articolo è disponibile anche in formato Audio, se desideri ascoltarlo clicca qui  altrimenti clicca play sul video qui sotto:

Pagina 1 su 8

Nella lezione di oggi desidero accompagnarti in una meditazione rilassante e tranquilla. Non sempre è facile rilassarsi, perché le nostre abitudini frenetiche ci spingono a credere che anche la meditazione, pur avendo lo scopo di calmarci, debba essere svolta in fretta e seguendo schemi mentali programmati e ansiosi. In realtà la meditazione deve essere un momento di pace vera, così profonda che alla conclusione della sessione i problemi non devono più farti provare alcuna ansia o paura, bensì devi ottenere la consapevolezza che tutto si può risolvere sapendo perfettamente che l’energia lavorerà per farlo. La solita paura che affligge molte persone che vorrebbero iniziare la meditazione è quella di non riuscire a farla, di non riuscire a rilassarsi e di non riuscire a imparare il non pensiero; tutto ciò perché ci si vuole ostinare a credere che si debba avere tutto e subito, come se il rilassamento si potesse imparare da un giorno all’altro e lo si potesse ottenere decidendo di stressarsi. La vita quotidiana ci spinge a dimenticare letteralmente il significato anche solo teorico del rilassamento, figuriamoci del non procrastinare. Attualmente il rilassamento è quasi un segreto che bisogna svelare passo dopo passo, scoprendo che sia molto più importante di quanto sembrasse all’inizio. Il modo per imparare una buona meditazione è partire dal rilassamento. La fretta e l’ansia di arrivare ad una conclusione –  come il cosiddetto risveglio che sembra una meta e non più un percorso – non porterà alcun successo, perché per arrivarci bisogna seguire i passi iniziali correttamente.

In questo documento ti spiegherò come svolgere un particolare tipo di rilassamento, utile a predisporti nel modo migliore alla meditazione. Leggilo con calma e nel frattempo praticalo. In questo modo capirai come rilassarti durante la meditazione. La preparazione è fondamentale per una buona pratica: agli inizi infatti non potrai pretendere di meditare perfettamente ed è normale credere di non riuscirci, perché non lo hai mai fatto! È la prima volta che mediti, quindi non aver paura di sbagliare o di essere inferiore ad altri. Siamo passati tutti per la via del “non ci riesco”, perciò insisti e ci riuscirai.

Per ogni frase scritta che troverai all’interno di questa preparazione, concentrati almeno un minuto prima di passare a quella successiva e non avere fretta di finire, altrimenti la qualità della tecnica si abbasserà.

Se desideri ascoltare la tecnica guidata versione Audio, clicca qui, poi continua la lettura dell’articolo; altrimenti clicca play sul video qui sotto:


Ora, inizia a rilassarti facendo respiri profondi ma non forzati.

 

Respira… e senti l’energia pranica che si avvicina a te.

 

Intorno a te, tutto è circondato da prana, energia, luce pura e piena di pace.

 

 

Oltre i muri di casa tua, c’è prana,

Oltre la città, c’è prana,

Oltre questo pianeta, c’è prana.

 

Senti l’energia intorno a te entrarti dentro attraverso il tuo respiro.

 

Visualizza che la prana dal cielo e dall’aria si avvicina a te.

 

La prana pura dell’universo che si avvicina per entrare in te.

 

Percepisci l’energia di tutto l’Universo che si sente richiamata, attratta da te; senti che si avvicina.

 

Stai diventando luminoso e, per questa ragione, ancora più luce è attratta da te.

 

Respira profondamente…

 

e permettile di entrare attraverso un profondo respiro.

 

Rilassa la mente…

 

fai un respiro profondo sentendo che la prana sale sino alla tua testa e si espande…

 

la luce si espande dentro la tua testa… e ne sei felice…

 

lascia che i pensieri si affievoliscano, che vadano via…

 

concentrati solo su questo momento.

 

Per un attimo guarda le tue mani: chiudile e aprile lentamente, guarda come il loro movimento è meccanico. Prendi coscienza del tuo corpo.

 

Tu non sei il tuo corpo… le tue mani fanno parte del tuo corpo, che contiene l’Anima, ciò che sei veramente.

 

Tu non sei il corpo: tu sei ciò che c’è dentro.

 

Osserva le tue mani… e sentile…

 

sentile, loro non sono te…

 

aprile e osserva i loro movimenti…

 

muovi le tue mani senza pensare di doverle muovere, fallo senza pensarci, poiché questo è un pensiero veloce.

 

Imparerai a pensare “senza pensiero” utilizzando soltanto l’intento, e tutto sarà più veloce, sarà migliore… otterrai ciò che desideri prima ancora di doverlo dire.

 

Ora senti il tuo petto…

 

senti il tuo petto fisico.

 

Concentrati semplicemente sul sentire come esso è composto.

 

Senza porti aspettative su ciò che ora io potrei dirti di fare, esegui semplicemente ciò che dico, senza pensare a dopo.

Vivi il momento.

 

Concentrati sul tuo petto…

 

senti come è costruito.

 

Senti le ossa…

la pelle…

 

la carne…

 

Sentila davvero, e non solo per un momento.

 

Concentrati sul sentire…

 

senti il tuo petto.

 

Ora senti dentro il petto.

 

Senti il cuore e gli organi all’interno.

 

Senti davvero… nel profondo…

 

 

vai ancor più profondo e senti che ci sei tu, l’Anima all’interno del corpo.

 

Respira prana e concentrati a farla entrare dentro di te, sino a riempire la tua anima.

 

Ora puoi concentrarti sui tuoi chakra, iniziando dal Chi.

La preparazione di rilassamento è fondamentale, quindi non saltarla troppo spesso. Ora che sei più calmo e rilassato, concentrati a sentire il chakra Chi e rimanici concentrato per i prossimi 7 minuti. Ti lascerò il silenzio di cui hai bisogno per mantenere la calma mentale, presta solo attenzione a non perderti nei tuoi pensieri. Per i prossimi 7 minuti concentrati a respirare prana rimanendo concentrato sul Chi.

 

 

 

Ora sposta la tua attenzione sul chakra del Plesso, concentrandoti su di esso per i prossimi 3 minuti.

Impegnati a rimanere concentrato sul chakra senza perderti in altri pensieri. Ricordati che stai meditando.

 

 

Senti ora il tuo chakra del Cuore; dedica la tua attenzione a percepire ogni singolo battito del cuore facendolo rallentare.

Per qualche minuto concentrati a rilassare il battito del tuo cuore, poi concentrati unicamente sul chakra del Cuore, meditandoci in totale per 7 minuti.

 

 

Rilassa il tuo viso, prestando attenzione a non stringere gli occhi e non aggrottare la fronte.

In questo modo puoi meditare sul chakra della Mente rilassandoti e calmando il tuo pensiero sino a silenziarlo.

Respira prana dentro di te, concentrandoti sul chakra della Mente per i prossimi 7 minuti mantenendo il giusto silenzio mentale.

 

 

 

 

Rilassati e goditi la meditazione senza perdere la fermezza mentale, perché ora puoi spostarti sul chakra della Corona e assorbire prana da esso.

Per i prossimi 3 minuti rimani rilassato e calmo, concentrandoti sulla Corona.

 

 

Nonostante la sessione di meditazione sia appena conclusa, non interrompere qui il tuo stato mentale: rimani calmo e rilassato per più tempo possibile anche al di fuori della tecnica. Noterai come migliorerà le tue giornate.

Volta per volta migliorerai sempre più la tua capacità di rilassarti: non avere fretta perché non è così facile come a dirsi, altrimenti ci riuscirebbero tutti. Il rilassamento è naturale, eppure siamo talmente presi dalla frenesia giornaliera che ci dimentichiamo come si fa, tanto da ritenerlo una perdita di tempo. Ogni volta che mediti, però, ti rendi conto di quanto sia stato bello rilassarti. Ogni volta che non mediti, ti dimentichi di quanto sia bello e preferisci pensare che il rilassamento sia una perdita di tempo e che puoi tranquillamente farne a meno. Riconosci questo strano meccanismo per il quale quando mediti non vorresti più smettere di farlo, e quando non lo fai non hai voglia di provarci. Sii cosciente che non sei tu in quel momento, ma c’è qualcosa che dietro le quinte sta tentando di tenerti lontano dalla meditazione, o peggio ancora dal vero rilassamento. Se dedicare del tempo giornaliero alla meditazione e al rilassamento della propria mente è talmente importante da far scattare anche certi meccanismi anti-pratica, riconosci quanto sia importante praticarla tutti i giorni; ci sarà un perché. Da oggi impegnati a meditare due volte al giorno, tutti i giorni, prendendo così l’abitudine di assorbire più energia e rimanere cosciente per più tempo possibile. Puoi scegliere tu gli orari e non devi rispettare per forza sempre gli stessi: l’importante è riuscire a meditare due volte al giorno per circa mezz’ora ogni sessione e non meno. Ricorda che ogni volta che salti una meditazione fai un passo indietro nella tua evoluzione, ma ogni volta che scegli di meditare andando contro la tua pigrizia e i tuoi stessi pensieri svogliati, farai due passi in avanti verso le capacità psichiche che cambieranno la tua vita. Buona meditazione!

Fine pagina 8 su 8. Se hai gradito l’articolo, commenta qui sotto descrivendo le tue sensazioni durante la lettura o la pratica della tecnica proposta.
Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©
109+

735 Commenti

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *

Nome *
Email (opzionale)


  1. Il rilassamento è fondamentale per fare una buona meditazione e in questo documento ci sono tanti spunti per migliorarlo anche con sessioni di durata più breve. Percepire il corpo e non identificarsi con esso è un passaggio interessante, così come far entrare la prana fino a riempire l’anima…. grazie dei suggerimenti! Darò maggiore attenzione a come svolgo il rilassamento, anche cambiandolo un po’ di volta in volta affinché sia meno meccanico e più sentito

  2. Ho appena svolto questa sessione … Non l’avevo mai svolta prima e mi ha aiutata tanto a entrare maggiormente in profondità, mi è piaciuta tanto la parte in cui fa osservare le mani e dice che non sono il corpo fisico, ma che sono quello che c’è dentro… Molto bello 🤍 avevo solo una cuffietta e c’è stato un attimo in cui ho sentito i miei vicini che parlavano, sentivo la strada, gli uccellini fuori, ma io ero in pace e mi sono sentita veramente presente padrona di quel momento… È stato davvero bello… Mi ha aiutata a riprendere il contatto con me stessa dopo questa settimana molto low… 🤍

  3. Tecnica molto completa: devo dire che ho riconosciuto all’inizio un po’ di impazienza nel voler assolutamente arrivare alla fase successiva volendo velocizzare la tecnica. Poi ho anche notato pensieri di impazienza non miei, dato che mi sono dedicata del tempo proprio per svolgere questa sessione con buona volontà. Ho visto le contraddizioni di pensieri inseriti e ne sono stata felice, perché mi serva da sprone a percepire sempre di più ciò che voglio da ciò che sono invece indotta a pensare. Passando ai lati più illuminanti di questa tecnica ho poi sperimentato il profondo rilassamento e avuto una più profonda consapevolezza del mio corpo con una definita distinzione tra coscienza e corpo. La parte in cui si guardano le mani è stata per me un punto chiave. Bellissima esperienza, anche se la tecnica è un po’ lunga cercherò di inserirla più di frequente perché ne vale la pena! Grazie

  4. Bellissima meditazione con un profondo rilassamento, ultimamente però non la sto praticando, ma riesco a farne due da mezz’ora anche se capita di avere poca voglia. Grazie infinite

  5. Io medito 2 volte al giorno anche se avvolte e dura, perche il Low mi metti bastoni tra le ruote..sono consapevole che facendo meditazione mi sento pieno di energia e di questo che ho bisogno, perciò lascio indietro la pigrizia.. Grazie

  6. Ho provato ad eseguire quanto scritto in effetti mi sono rilassato molti di più delle volte scorse e la meditazione è stata molto più fluida con meno pensieri, cercherò di meditare due volte al giorno

  7. È stata una sessione davvero tosta, ma mi ha permesso di comprendere meglio il senso di presenza e non pensiero. Le onde del mare erano favolose, ma gli altri due suoni in sottofondo catturavano troppo la mia attenzione.Li ho considerati un buon esercizio per le distrazioni del low. Voglio riprovare tra qualche tempo a praticarla e sperimentare le differenze.
    Concettualmente la differenza tra pensiero e intenzione è molto chiara, sono sicura che se avessi dedicato qualche altro minuto a questo avrei ottenuto anche una differenza anche pratica. Ogni passo ti fa capire a che punto sei!

  8. Tecnica di meditazione decisamente interessante… sono riuscito a rilassarmi molto e ad entrare in non pensiero con la prima
    Mezz’ora di rilassamento … la meditazione sui chakra dopo il rilassamento esibirà e te più efficace, specialmente sui primi due chackra dove a volte faccio un po’ più fatica. Grazie ed darci questa opportunità di crescita .. proverò a meditare due volte al giorno come suggerito al termine della tecnica ; decisamente centrato il concetto che spiega come si riesce a star bene quando si mediata ma allo stesso tempo come la pigrizia (o il low) faccia di tutto per farci credere che meditare sia inutile. Ci vuole tantissima costanza per evolvere ..

  9. Tecnica di meditazione guidata veramente molto bella , davvero utile la fase di rilassamento iniziale che ti trasporta con naturale dolcezza nella meditazione . Tutto di ottima fattura .🙏

  10. La meditazione è ciò che ci fa evolvere; farla bene è una necessità e riuscire a rilassarsi, come spiegato, è quasi un’arte. Non ci si arriva subito ma praticando tutti i giorni anche per imparare il non pensiero. Questa tecnica la reputo ottima perché dopo aver permesso un buon rilassamento, la meditazione è fatta con i presupposti giusti.

  11. Inizialmente non avevo capito quanto fosse importante il rilassamento, però, andando avanti con la pratica meditativa, ho percepito che dedicando un po’ più di tempo e attenzione al rilassamento, effettivamente la pratica risultava migliore; diciamo che è stata una cosa molto naturale, ho sentito il bisogno di migliorare il rilassamento, infatti quando capitava o capita di dedicargli meno tempo, la differenza si percepisce poi. Questo è anche causa del fatto che in questa società purtroppo non insegnano alle persone a rilassarsi, ma anzi, sono tutti stressati e ansiosi, e anche quando potrebbero avere un po’ di tempo per calmarsi, non lo fanno, perché hanno proprio dimenticato come si fa e questo non è affatto positivo, per questo è fondamentale imparare a farlo. Grazie!

  12. Ieri ho svolto questa tecnica guidata e temo davvero di averla saltata la prima volta che ho letto il secondo step… penso perché la sua durata mi aveva un po’ intimorita e così me la sono persa per strada. Mi serviva proprio però una bella sessione di rilassamento, mi ha rimessa in carreggiata dopo un paio di giorni di meditazioni poco buone.

  13. ci sono poche parole che possono definire questa esperienza meditativa: una è stupenda..l’altra è irrinunciabile.Quando la provi una volta non puoi fartela mancare…Grazie!Grazie mille volte!

  14. Ho recuperato oggi questa tecnica che avevo per molto tempo trascurato. È stato molto bello. Rilassarsi è davvero qualcosa di molto forte, che però non siamo più abituati a fare, a causa del modo in cui è strutturata la società. Tutti abbiamo sempre vite molto frenetiche, piene di impegni e cose da fare. Il rilassamento è quindi sempre trascurato.
    Devo dire che ho trovato molta difficoltà nel rilassarmi, mi sentivo molto molto teso all’inizio. Adesso mi sento molto più rilassato, ma so che posso migliorare ancora di più, lo sento, perché durante la tecnica ci sono stati moltissimi momenti in cui ho perso la concentrazione. Inoltre, durante il rilassamento, mi è capitato qualcosa di insolito. Ad un certo punto, credo proprio a causa del fatto che ero abbastanza rilassato, ho cominciato ad avere sonno e credo di essere entrato in una sorta di dormiveglia.. in questa dormiveglia ho visto molte persone, che mi sono ricordato che conoscevo da tantissimo tempo, infatti mi ha fatto molto piacere “rivederle/ricordarmene”.. però la cosa strana è che io non conosco e non ho mai visto queste persone in questa vita.. inoltre ho rivisto dei luoghi, che adesso faccio già fatica a ricordare, ma anche questi erano luoghi che conoscevo molto bene, ma che non ho mai visto in questa vita. È stato molto strano.. non vorrei fosse una trappola del low per farmi distrarre.. se non è una trappola, allora sono davvero curioso di scoprire cosa è accaduto in quei momenti.. la sensazione però era piuttosto diversa da quella di sognare.. era la stessa sensazione che si ha quando ci ricordiamo improvvisamente di qualche cosa della nostra vita che avevamo dimenticato.. davvero strano..

  15. Lavoro di notte e dormo di giorno… 😣
    il tempo di praticare e studiare gli step é sempre arduo e ostile, ma sono fiero di quanta determinazione ci metto ottenendo i miei piccoli risultati 🎆🎇
    I grandi cambiamenti avvengono anche gradualmente e ringrazio A.C.D. 🙏❤️🎉
    Cercherò di meditare più spesso almeno 3 volte al giorno adesso a stento riesco per 2.. Ma porsi obbiettivi é giusto per ottenere risultati 😊😊😊
    Super rilassante, questa sessione 🙏🧘🏻‍♂️

  16. Quanto tempo che non svolgevo questa specifica sessione! Oltre ai benefici del rilassamento e ovviamente della Meditazione, la trovo un ottimo allenamento per il non pensiero, essendo incentrata molto sulla concentrazione verso i chakra ed il silenzio mentale. Il tutto con un’ottima preparazione, appunto, di rilassamento iniziale. Che non è mai da sottovalutare, cosi’ come non è da sottovalutare quello finale. Sono soddisfatto perchè i fastidi che ho provato nel sentire il corpo sono stati di gran lunga inferiori rispetto all’ultima volta. Segno che sto lavorando bene…e qualcosina sto iniziando a scoprire di questa mia “fobia”. Anche se come avevo già detto non è semplice. A proposito di corpo, è sempre gradito il semplice ma ottimo esercizio di guardare, muovere e sentire le mani. Puntualmente, ogni volta che lo faccio, eleva le mie consapevolezze…tanto che l’ho ripetuto varie volte in questo tempo…e ancora lo ripeterò. Grazie

  17. svolgere questa tecnica a distanza di tempo è stato molto piacevole, la prima mezz’ora aiuta a rilassarsi e a prendere coscienza del proprio corpo, aiutando così la mente per la meditazione successiva, grazie!

  18. Grazie per la spiegazione riguardo questa sessione! Fantastico, mi è difficile meditare più di una volta al giorno causa lavoro, però ce la metterò tutta per farlo!

  19. Più fai il rilassamento prima di iniziare e piu durante la meditazione si riesce a tenere la concentrazione ed è vero che meno si medita e meno ti viene voglia si è sempre più inghiottiti da low … e di conseguenza il nostro tonale si abbassa sempre di più e sicuramente la nostra vita torna pessima come prima. Grazie ACD di esistere e grazie Angel di tutto 💕

  20. Tecnica bellissima …sono riuscita a fare una buona meditazione…grazie

  21. Ecco…. questa è una reale meditazione profonda…..ti riporta pian pian in quel stato in cui tutto si ferma…..non esiste spazio e nemmeno il tempo……ci sei solo tu……e ti accorgi che la differenza dei due diversi stati di coscienza,la vita ordinaria e la vita reale….e il Low che la prossima volta farà di tutto per non farti riprovare quello stato di coscienza….

  22. Questa tecnica di rilassamento è tra le mie preferite. Riesco a rilassarmi in profondità. Mi aiuta tanto il sottofondo dell’acqua.
    Finita la sessione mi sono sentita veramente bene. Da rifare più spesso.

  23. é stata una bellissima sessione di pratica,l’audio è molto rilassante coi suoi suoni di sottofondo. é davvero importantissimo rilassarsi e svuotare la mente,iniziando a prendere consapevolezza di se stessi e di cosa si è in grado di fare. Osservando come muoviamo il nostro corpo ci rendiamo conto che non stiamo pensando coi pensieri ai movimenti da svolgere,ma è puro intento,è un attimo di volontà e in un attimo il corpo esegue. Se ci rendiamo conto di ciò ci possiamo domandare quali altre cose riusciremmo a fare con il nostro corpo,semplicemente ad intento, e prendere consapevolezza dei propri organi interni sicuramente aiuta. Un esercizio che può riuscire a tutti è quello di decidere se aumentare o diminuire i battiti del proprio cuore,imparando davverlo a percepirlo meglio,a sentirlo,a comandarlo secondo la propria volontà. La meditazione che poi è seguita al rilassamento iniziale è stata molto molto bella. Tramite questa pratica abbiamo davvero imparato cosa sia il pensiero veloce perchè già lo applichiamo sul nostro corpo,e possiamo imparare ad applicarlo nella nostra vita in generale.

  24. 🙂🙂🙂Ripassando questa meditazione che avevo tralasciato da qualche tempo, mi ha permesso di meditare meglio nelle successive meditazioni in non pensiero concentrandomi maggiormente sulla pratica quotidiana e rimanere calma e rilassata più a lungo🙃🙃🙃

  25. Non ho ottenuto i risultati sperati ma la prima parte è stata comunque soddisfacente, un buon rilassamento fa la differenza, l’obiettivo è imparare a raggiungerlo con destrezza e in poco tempo, così da rendere la sessione di mezz’ora ancora più efficace.