066 – Chakra – il Chi (6 parte)

chakra-6

Questo articolo è disponibile anche in formato Audio, se desideri ascoltarlo clicca qui inoltre puoi scaricare la versione PDF e condividerla con i tuoi amici.

Pagina 1 su 7

Caricare i propri chakra è fondamentale per affrontare al meglio la pesantezza delle nostre giornate, specie nelle ore lavorative e più stressanti che ci causano ogni giorno dai più piccoli ai più grandi consumi inutili di energia. La meditazione, infatti, permette ai nostri chakra di riempirsi per farci avere una maggiore quantità di energia da usare per stare bene durante la nostra routine, ma ci permette anche di trattenere meglio l’energia negli stessi chakra che invece, prima che iniziassimo a meditare, ci veniva rubata ogni giorno dalle persone e dalle faccende intorno a noi, che ce ne facevano letteralmente sprecare un sacco. Questo non è solo un modo di dire: le persone che ci frequentano, i semplicissimi passanti e le situazioni in cui ci troviamo, durante le quali dobbiamo lavorare e a cui dobbiamo dedicare la nostra attenzione, ci rubano e ci consumano tantissima energia, e questo ci porta a stare male. Meditando sui chakra, invece, alleniamo i nostri centri a trattenere meglio l’energia dentro di loro, affinché questa non venga buttata fuori per qualunque inutile ragione. Trattenendo l’energia al nostro interno, riusciremo a sentirci carichi anche a fine giornata, a differenza di quando si medita poco o non si medita affatto che si finisce la giornata stanchi e senza forze. I chakra sono fondamentali per la nostra vita e non dobbiamo sottovalutarli. Tenerli carichi e attivi gli permette di trattenere quelle energie che altrimenti verrebbero rubate o sprecate, facendoci sentire più carichi per più tempo, migliorando i programmi della nostra routine e permettendoci anche di svolgere più azioni in meno tempo, perché saremo meno stanchi. Questo è un ottimo vantaggio. Per caricarli al meglio però bisogna capire cosa si sta facendo e come si possono utilizzare i propri chakra, altrimenti si finirebbe per praticare senza l’intento giusto e questo sarebbe un problema, essendo l’intento stesso parte vitale della tecnica.

Il Chi è il primo chakra su cui iniziamo la sessione di meditazione, perciò dobbiamo ribadire la sua importanza per il corpo fisico. Per prima cosa, esso si occupa di riequilibrare la nostra salute interna, perciò si impegna a cercare i problemi da risolvere negli organi che noi ovviamente non vediamo perché sono all’interno del corpo, ma continuano ad ammalarsi a causa di una dieta poco sana, eccessiva sedentarietà, stress e quant’altro. Essendo molto connesso al chakra del Plesso, ovvero quello dello stomaco, il Chi si occupa di aiutare quest’organo a digerire meglio; infatti, il Chi è anche più dotato del Plesso sotto questo punto di vista, risultando molto più utile a digerire e assorbire meglio il cibo, piuttosto che il Plesso che è posizionato sulla bocca dello stomaco. Chi usa il Chi è molto più propenso ad assorbire il nutrimento del cibo che mangia in modo più salutare, ripulendosi dalle tossine più velocemente e, SE unisce la meditazione ad una dieta sana, può velocizzare anche l’equilibrio del suo peso corporeo, grazie al fatto che il Chi stimola il metabolismo e il Plesso diminuisce l’appetito, aiutando la pulizia interna dalle sostanze di troppo. Infatti, è da notare che chi medita bene sul Chi equilibra anche la sua defecazione, regolarizzandola nel modo più salutare per il proprio corpo. Non siamo tutti uguali, ognuno possiede i propri chakra che lavoreranno per il proprio fisico, quindi il mio Chi lavorerà per il mio corpo in un determinato modo e il tuo lavorerà com’è più giusto nel tuo specifico caso. Di sicuro, questo accade solo se il Chi viene caricato al meglio e non in sovrappensiero o distrattamente, altrimenti finisce per essere caricato molto poco. Non è da ritenere anormale quindi se, dopo aver meditato, arriva lo stimolo di andare in bagno: è tutto normalissimo, i chakra stanno ripulendo il tuo corpo da quello che non dovrebbe stare dentro di te, buttandolo fuori.

Le persone che usano il Chi, SE uniscono la meditazione allo sport costante (e non solo praticandolo di rado), si ritrovano ad avere un fisico molto più forte, una muscolatura compatta e ben resistente, con gli addominali e i muscoli molto più definiti rispetto a chi pratica soltanto sport senza affiancarlo alla meditazione.

Pagina 2 su 7

Ovviamente questo accade perché si sta unendo l’energia Chi allo sport: se si meditasse e basta, senza praticare sport, e magari si mangiasse anche male e troppo, di certo non ci si può aspettare di avere un fisico scolpito.

Il Chi risulta essere molto potente perché è un’energia fisica, ma non può migliorare di troppo la forza del nostro corpo fisico se noi rimaniamo spalmati su una poltrona per sempre. Ricordiamoci che il Chi è prima di tutto energia, perciò il suo compito è quello di renderci forti energeticamente; ciononostante, si tratta di energia che può essere usata anche fisicamente, di fatti è il chakra più concreto e capace di materializzare nella dimensione terrena. Innanzitutto, si occupa di salvaguardare la nostra salute interna migliorandola, poi di potenziare la nostra forza fisica, che verrà aumentata tanto più noi la alleniamo. In poche parole, se mediti soltanto, il Chi può aiutarti a diventare un pochino più forte, mentre se mediti sul Chi e pratichi sport – ad esempio arti marziali – le tue capacità di combattimento si potenzieranno raggiungendo livelli molto più interessanti. La differenza è abissale, non a caso quasi tutti i maestri di arti marziali praticano sul Chi! I più grandi maestri, però, praticano meditazione su tutti i chakra e non solo sul Chi, perché hanno capito che il Chi non è tutto, anche se viene utilizzato più degli altri. La forza che li permette di scaraventare a terra i loro avversari toccandoli soltanto con un dito, talvolta nemmeno toccandoli, deriva dall’energia presa attraverso la meditazione sui chakra. Bisogna capire che stando solo fermi a meditare sul Chi non si diventa maestri di arti marziali, e praticando soltanto arti marziali non si impara a spostare le persone con la forza della mente. Quando i praticanti uniscono le due tecniche, ovvero sport e meditazione, allora sviluppano certe capacità incredibili, perché decidono di unire mente e corpo in un tutt’uno anziché tenerli separati.

Il Chi è molto utile perché, se unito allo sport, rende più forti fisicamente, ma soprattutto rende più forti energeticamente anche senza praticare attività fisica. Il Chi aiuta a fortificare la propria aura e la propria energia, affinché le influenze esterne trovino molta più difficoltà ad entrare nel nostro corpo. Si tratta di un chakra al quale non bisogna rinunciare per nessuna ragione, perché ci rende più capaci di proteggerci, compattarci e realizzarci in questa dimensione fisica. È in pratica il chakra più fisico fra tutti e per questa ragione è il centro energetico che scarichiamo più velocemente, siccome tiene dentro di sé l’energia che il corpo fisico vuole consumare per stare bene; ragion per cui è molto più facile tendere ad avere un Chi più scarico rispetto agli altri chakra. Non c’è alcun problema perché per risolvere l’abbassamento basterebbe meditare con costanza, a patto che questo chakra venga sviluppato insieme agli altri 4. Se venisse ritenuto come unico chakra su cui meditare, porterebbe degli svantaggi a lungo andare problematici: il Chi, se equilibrato con gli altri chakra, porta in noi autostima e forza per affrontare gli ostacoli, ma se venisse considerato come l’unico chakra, finendo per squilibrarci, porterebbe ego ed eccessivo attaccamento al materiale.

Il Chi è molto fisico e materiale e meno spirituale rispetto ai chakra alti, perciò non evolverebbe lo spirito della persona quanto invece succederebbe se venisse equilibrato con gli altri chakra. Questo centro infatti non permette di conoscere altre dimensioni più elevate perché è predisposto a rinforzare quella materiale, a differenza del chakra della Mente e della Corona che sono molto più dimensionali e meno fisici; di conseguenza se preso come unico chakra finirebbe per legarci troppo a questa dimensione fisica allontanandoci da quelle più astrali. Per evolverci completamente è necessario realizzarsi in tutte le dimensioni, non solo in quella fisica e non solo in quella astratta. Difatti, ci sono tantissimi sportivi che meditano sul Chi perché conoscono i suoi benefici, ma non meditando sugli altri ritenendo che siano meno importanti. Infatti essi non si evolvono spiritualmente seppure “meditino”: questo perché praticano solo su un chakra.

Pagina 3 su 7

La maggior parte di coloro che utilizzano solo il Chi per lo sport non si interessa alla spiritualità, perché il loro unico obiettivo è quello di migliorare le prestazioni fisiche ignorando tutto il resto.

Il Chi è molto importante perché ti rende equilibrato, ti tiene con i piedi a terra quando gli altri chakra cercano di portarti troppo “nel tuo mondo”, perciò cerca di equilibrare le tue personalità e le tue maschere affinché non prendano il sopravvento su di te. Questo dettaglio non è da sottovalutare, perché permette alle tue emozioni di non prendere il comando sulla tua mente, facendoti fare scelte sbagliate a causa di un momento in cui non sei completamente lucido. Questo però non lo rende l’unico.

Il Chi è vitale proprio per permetterti di rimanere lucido anche nelle occasioni in cui i tuoi sentimenti, le tue idee, o le situazioni in cui ti trovi vogliono farti commettere un’azione che porterebbe la tua vita dal lato opposto di quello in cui saresti voluto stare; in poche parole, ti permette di stare saldo nelle tue vere decisioni mantenendo il controllo della situazione. Sebbene a parole possa sembrare qualcosa di irrilevante, nei fatti di tutti i giorni ti renderai conto – in particolare nelle occasioni più importanti per te – di quanto sia utile rimanere saldi nelle proprie decisioni anziché venire influenzati in un batter d’occhio da emozioni momentanee o dalle altre persone. Il Chi tiene ferma la tua energia dentro di te senza lasciarla uscire, affinché le persone che ti circondano o ti pensano troppo non riescano a rubartela succhiandola via dal tuo corpo. Infatti, non solo le persone intorno a te che ti parlano e ti vedono possono rubarti energia, ma anche quelle che ti pensano in maniera ossessiva, come un conoscente invidioso, un familiare iperprotettivo, il tuo datore di lavoro, e così via.

Il Chi riesce in tutto questo solo se ci mediti abbastanza, altrimenti risulterebbe scarico e quindi debole come i chakra di chiunque altro, restando incapace di difenderti e proteggerti proprio come accade a tutte le persone intorno a te. Se però mediti solo sul Chi ignorando gli altri chakra, lui ti terrà troppo legato a terra, in modo esagerato, rendendoti addirittura scettico nei confronti della spiritualità impedendoti di comprenderla appieno. Meditare sul Chi sviluppa capacità essenziali per il tuo risveglio, giacché concretizza la tua energia e rende reali le tue tecniche energetiche.

Un esempio è la protezione psichica: se non hai abbastanza energia Chi, questa risulta debole e instabile, mentre se mediti costantemente e accumuli molta energia nel Chi, la tua protezione diventa molto più forte rispetto agli standard. Il Chi infatti è molto utile per le tecniche più fisiche come movimenti di energia, guarigione energetica e, a maggior ragione, per quelle più intense quali la telecinesi, i viaggi astrali ad alti livelli (permettendoti di comportarti da poltergeist) e tanto altro ancora. Siccome queste tecniche sono molto forti, è necessario un chakra Chi molto carico e resistente, altrimenti falliranno. Di sicuro due sole meditazioni al giorno non bastano per ottenere questi grandi risultati in breve tempo. Più energia assimili meditando, più le tecniche migliorano e ti rendono soddisfatto delle tue capacità psichiche. Per raggiungere obiettivi superiori, è necessario meditare di più e per un periodo prolungato.

Essendo un chakra molto fisico, il Chi può creare anche situazioni che i primi tempi possono sembrare poco comprensibili, ad esempio l’aumento della defecazione giornaliera a seconda di quanto risulti equilibrato il tuo organismo. Ciò accade perché l’energia Chi migliora la tua stabilità cercando di ripulirti dalle tossine e dalle sostanze poco salutari che hai ingerito; tutto dipende dal tuo stile di vita e dal tuo corpo, perché ogni persona è diversa.

Pagina 4 su 7

Qualche volta potresti notare che subito dopo la meditazione sul Chi, o guarda caso proprio quando aumenterai le sessioni quotidiane sul Chi, potresti avere diarrea per 2-3 giorni. Anche se noi conosciamo la diarrea come un disturbo negativo, doloroso e dovuto al malessere fisico, in realtà quando è dovuta alla meditazione sul Chi accade diversamente, perché succede proprio per ripulirti dalle sostanze e dai programmi molto negativi che avevi al tuo interno. Non a caso, quando aumenti di colpo le sessioni meditative, passando ad esempio da un ritmo costante di 2 meditazioni ad un ritmo di 6 giornaliere, l’energia in più che entrerà nel tuo corpo andrà a ripulire tutti quei problemi che sole due meditazioni non potevano curare, perciò questo aumento di energia ti porterà ad una guarigione e pulizia più veloce tanto da voler fare uscire velocemente la negatività attraverso la diarrea.

In questi casi ovviamente non c’è da preoccuparsi, perché si tratta di una pulizia più profonda del proprio organismo, quindi non provocherà dolore al nostro stomaco dal momento che non si tratta di malessere bensì di pulizia energetica e fisica. Avviene solo i primi 2-3 giorni in cui si aumenta l’intensità, infatti la pulizia risulta in genere molto leggera e porta grande benessere emotivo, dato che ti libera dalla negatività.

Bisogna aggiungere, però, che la diarrea ha anche un altro significato e bisogna comprendere bene il motivo di questa reazione. Quando una persona non medita, o sta passando un periodo di vita in cui sta meditando poco e niente sul Chi – trascurando quindi il chakra fisico – può arrivare un periodo che può essere anche breve, oppure molto lungo, di diarrea e dolore. In questo caso essa è dovuta dall’eccesso di negatività che sta entrando nel corpo della persona che, non avendo energia Chi, non riesce a proteggersi dalle influenze energetiche negative e a causa di esse ne risente. Quasi sempre, però, la diarrea dovuta dall’abbassamento di energia positiva e quindi dall’aumento di negatività, è accompagnata dal mal di stomaco con fitte e bruciori, che è tutt’altro che positivo. Infatti, il mal di stomaco deriva spesso e volentieri da energie molto negative che stanno entrando nel tuo corpo. Chiaramente questo non è da confondere con chi mangia male e subisce i dolori a causa di un nutrimento poco sano. L’energia negativa porta dolore, perciò le influenze esterne si infilano nello stomaco privo di energia e provocano dolori e diarrea che ci fa sentire vuoti, come se ci avessero svuotato di tutta l’energia presente nel corpo. È bene quindi riflettere sulle proprie azioni per riconoscere la motivazione esatta: stai meditando molto e bene? Allora la diarrea deriva dalla pulizia del tuo chakra. Stai meditando poco e sei stranamente stanco e stressato? In questo caso potrebbe derivare proprio dall’assenza di energia nel Chi. L’assenza di energia turba il corpo perché vorrebbe proteggersi, ma senza energia non ci riesce; quindi prova a scaricare l’energia negativa attraverso la diarrea, cosa però alquanto fastidiosa e dolorosa. La defecazione dovuta a molta energia, a differenza di quella per la sua assenza, non fa male e non provoca alcun dolore né sensazione di svuotamento, proprio perché sta ripulendo il corpo per migliorarne il benessere fisico. Perciò, se riscontri questo problema, prendi in mano la situazione prima che si aggravi perché si tratta di un avviso molto urgente. Il Chi è molto fisico e bisogna coglierne i segnali.

Questo chakra è molto connesso anche alla schiena e, nella donna, si nota in particolare sui reni e sul ventre. Quando le persone meditano si dimenticano di questi dolori perché smettono di provarli, grazie all’energia Chi che gli protegge e cura gli organi. Quando invece una persona che pratica da un bel po’ di tempo e all’improvviso decide di smettere per qualche settimana o peggio ancora qualche mese, ricomincerà ad avvertire dolori alla schiena, ai reni, al Chi, o a provare un dolore più forte a questi organi durante il ciclo, proprio come succedeva in passato. Questo accade perché il Chi si sta scaricando e sta mancando l’energia che esso dava alla schiena e alla zona vicina, davanti e dietro ad altezza del chakra, provocando quindi dei dolori.

Pagina 5 su 7

Ciò dimostra che la schiena, i reni, eccetera necessitano di energia Chi per stare bene, per non provare dolore durante i loro sforzi. Infatti, l’assenza di Chi provoca dolori maggiori agli organi e alle muscolature vicine, specie alla schiena e alle gambe. Questi dolori sono quindi dei segnali ben precisi che stanno a indicare la mancanza di energia nel Chi e perciò occorre subito fare qualcosa per ritornare in buona salute: se hai mal di schiena, medita sul Chi!

Il Chi può farti male anche in circostanze in cui, sebbene tu stia meditando, qualcuno o qualcosa ti sta succhiando via la tua energia. Questo infatti è un chakra molto corposo e si occupa di trattenere l’energia fisica, che è quella che le persone e le situazioni tendono a succhiarti via maggiormente. Non a caso, la sera ci sentiamo “stanchi” fisicamente, perché durante la giornata molte persone ci hanno succhiato via l’energia. Meditando questo problema diminuisce poco a poco, facendoci sentire sempre più energici anche se compiamo le stesse azioni quotidiane che, prima di iniziare a meditare, ci facevano stancare troppo. Quando però il chakra Chi ci fa molto male, sebbene siano mesi o anni che ci meditiamo sopra e pure bene, significa che qualcuno che sa molto bene quello che sta facendo ci sta sottraendo l’energia fisica per causarci danni nel nostro corpo.

In questo caso, non appena il Chi ci fa male, bisogna aumentare – per un consistente periodo – i minuti di meditazione su questo chakra, perché significa che su di noi i minuti standard non bastano e perciò dobbiamo assimilare maggiore forza affinché sia sufficiente a proteggerci. Se dovesse farci molto male significa che il nostro Chi è in carenza di energia (perché ce la stanno rubando) e bisogna subito aumentare la meditazione su quel chakra. Il dolore è diverso dal fastidio, perciò, se un chakra fa male, significa che sta iniziando ad avere una carenza più grave della norma. Se accade ad una persona che non medita allora è normalissimo dato che non prende energia, perché si scarica di continuo; se però capita ad una persona che medita non si tratta di semplice stanchezza, perché il proprio Chi è abituato ad offrire una parte della sua energia al corpo, tenendo un’altra parte di scorta per evolversi lui stesso. Quindi se il Chi, pur meditando, si scarica troppo in fretta e ci fa provare dolori anche accesi, significa che qualcuno ce lo sta scaricando con forte decisione e che dobbiamo correre ai ripari. Se il nostro Chi non ci fa male è inutile suggestionarsi: continua come stai facendo.

Stiamo parlando di un chakra molto potente che si può usare in svariati momenti in cui ne abbiamo bisogno. Quando qualcuno ti sta rubando energia e te ne accorgi, è mio consiglio respirare subito prana dal Chi, a prescindere dalla circostanza in cui ti trovi (poiché potresti essere in un luogo dove non puoi di certo sederti comodamente a meditare); concentrati sul chakra e respira prana diventando cosciente del momento, visto che nel frattempo potresti essere impegnato in qualcos’altro. È un’ottima scelta decidere di reagire subito, nell’immediato, anziché aspettare sino a quando tornerai a casa e potrai meditare: il tuo chakra ha bisogno urgente adesso, non fra qualche ora! In questo modo si sveglierà, capirà cosa deve fare e ti proteggerà, tenendosi ben stretta l’energia che ti stanno sottraendo. Anche se mediti, le persone intorno a te potrebbero rubarti l’energia perché in quel preciso momento non sei cosciente, perciò se ti accorgi di un vampirismo anche momentaneo, respira subito prana per evitare che la situazione si aggravi e per riprendere tutta l’energia che sta andando persa.

Tra l’altro, il Chi è anche molto utile in presenza di entità negative. Le entità tendono a inviare una sonda di energia che squilibra l’aura e l’energia interna della persona che vogliono spaventare, in questo modo potranno fare effetto su di lei.

Pagina 6 su 7

In termini più semplici, l’entità negativa prima di agire, si occupa di prepararsi il terreno spaventandoti, quindi non riesce a fare molto effetto se tu invece rimani ben saldo. Presta attenzione a questo concetto perché è molto importante. Con l’espressione “ben saldo” intendo dire ben forte energeticamente. Ignorare la presenza di un’entità nella speranza che questa vada via non ci porta ad essere protetti da lei: potrebbe anche non fare rumori e non spostare oggetti, ma continuerà ad influenzarci negativamente con la sua presenza. Ignorarla non significa cacciarla, significa semplicemente decidere di non vedere quello che lei ci sta facendo. La scelta migliore in presenza di un’entità è quella di respirare prana sul Chi e compattare la propria aura grazie a quest’energia, dopodiché fortificare la propria protezione psichica per cacciare via il peso di quella presenza che ci vuole influenzare. Compattare il Chi in presenza di entità è molto importante, perché ti permette di non venire squilibrato e quindi influenzato dalle sue intenzioni negative, che ti porterebbero invece ad avere un brusco passaggio da una maschera all’altra, provocandoti anche squilibri mentali come il bipolarismo. Certo, in alcuni casi quando l’entità è molto forte, tutto questo non basta, ma è molto utile per non venire sopraffatti in un batter d’occhio e tenere almeno il tempo di sedersi a meditare e reagire.

Quando ti stanno rubando energia o senti la presenza di un’entità, oppure ti trovi in una situazione dove provi sentimenti negativi di ansia, paura o di eccessivo stress come per esempio durante un’interrogazione, un esame, un colloquio o una discussione accesa con qualcuno che temi, concentrati sul Chi proprio nel momento in cui provi queste brutte sensazioni e respira energia con calma. Respira prana dentro di te, in questo modo la tua energia si stabilizzerà e smetterà di vibrare in quel modo eccessivo e squilibrato, tipico da irregolarità emotiva. Questo esercizio non solo ti permetterà di stare ben saldo nella tua posizione quando ti troverai in situazioni che vorrebbero metterti in difficoltà, ma aumenterà la tua sicurezza e la tua capacità di cambiare gli eventi che ti circondano in modo positivo per te stesso. Non c’è nulla di male nel cambiare le situazioni e renderle positive nei nostri confronti, anzi, poterlo fare è una grande dote. La capacità di rimanere fermi nel proprio pensiero e non farsi influenzare dalle emozioni si addestra giorno dopo giorno con questi fondamentali esercizi. Il sentimento di ansia spesso e volentieri deriva proprio dalla vampirizzazione di qualcuno che ti sta accanto e ti porta via energia, ad esempio il tuo datore di lavoro che vuole discutere con te. In queste situazioni di solito la persona che vuole discutere con noi ci porta via molta energia, perché inconsciamente ci vampirizza con l’intento di riuscire a sottometterci. Infatti, senza saperlo, ci succhia via molta della nostra energia per renderci più deboli a confronto suo e non a caso, dopo un’accesa discussione, ci sentiamo più stanchi e svogliati, come se ci avesse rovinato la giornata, e ne risente anche l’equilibrio mentale e fisico, talmente ci sentiamo affaticati. Eppure erano solo parole, come possono fare tanto?

Però questa negatività è entrata contemporaneamente alle parole e ti ha pure svuotato di energia. Se tu fossi rimasto cosciente nel tuo chakra, quindi pieno di luce, l’energia negativa non sarebbe potuta entrare. Per questo motivo è importante rimanere concentrati sul Chi, così che durante le situazioni negative questo non si scarica e la negatività non può entrare. Rimanere pieni di energia Chi nei momenti difficili delle nostre giornate, come discussioni, presenze che ci disturbano o nei casi di vampirismo di qualunque genere, impedisce agli altri di farci del male e ci permette di tornare a casa la sera molto più felici e meno stanchi del solito. Il Chi è molto importante quando ci troviamo in situazioni fastidiose e ansiose, come ad esempio la paralisi notturna o un incubo da cui vogliamo uscire. Quando sei in paralisi, rilassati e concentrati sul Chi, respirando prana bianca in grandi quantità. Noterai come questo ti aiuterà a sbloccarti e quindi uscire dalla paralisi molto più velocemente. Anche durante il sonno puoi sfruttare l’utilizzo del tuo Chi allenando la tua mente (le tue intenzioni) a collaborare con il corpo.

Pagina 7 su 7

Quando ti trovi in un sogno da cui vorresti uscire o un incubo dal quale vorresti svegliarti, cerca di ricordarti di concentrarti sul Chi respirando prana al suo interno; in questo modo ti sveglierai dal sogno con più semplicità.

A furia di allenarti, il Chi diventerà molto duro anche fisicamente, e quando ci mediterai sopra ti sembrerà di toccare con le dita una piccola pietra dentro di te, che sparirà nell’istante in cui ti deconcentrerai dal chakra. È molto importante meditare con il tocco proprio perché velocizzerà lo sviluppo della fisicità del chakra, che altrimenti potrebbe tardare ad arrivare. Ovviamente non si tratta di una vera pietra, ma del chakra che sta diventando molto fisico, e questo è davvero un ottimo segno. Se non senti questo strano sassolino sul ventre è perché il tuo Chi è ancora troppo debole e devi meditarci molto di più. Noterai che diventerà duro solo quando gli darai attenzioni, mentre subito dopo aver deciso di ignorarlo ecco che la pancia ritornerà morbida e non si avvertirà più il sassolino. Questo lo si sentirà con le dita toccando la propria pancia nella zona esatta del Chi. Anche se a parole può sembrare strano, in realtà quando ti succederà lo troverai molto divertente e interessante. Il Chi è inequivocabile, nulla a che vedere con le vere pietre o con i calcoli: il Chi non è una pietra, ma quando diventa molto forte darà la sensazione di toccare qualcosa di simile alla pietra, nonostante fisicamente non ci sia niente di simile all’interno del nostro fisico. Si tratta unicamente di energia che, diventa talmente forte, da sembrare fisica.

Per il momento questo è tutto, sebbene non sia davvero tutto! Il Chi è molto interessante e soprattutto molto utile, ma è necessario ricordarsi che anche gli altri chakra lo sono, infatti nei prossimi passi spiegherò l’importanza di ognuno di essi, essendo i chakra di grande valore. Di sicuro più avanti aggiungerò maggiori dettagli ed esperienze che si possono ottenere attraverso il Chi. Mi auguro che con questa spiegazione sia stato semplice comprendere l’importanza di meditare e di caricare i propri chakra ogni giorno, anche al di fuori della meditazione, per più tempo possibile. Più si medita, più i chakra diventano forti e capaci di stupirci e più la nostra vita migliora! Non mi resta che augurarvi un ottimo cammino verso il risveglio e una grandiosa pratica piena di soddisfazioni e realizzazioni!

Fine pagina 7 su 7. Se hai gradito l’articolo, commenta qui sotto descrivendo le tue sensazioni durante la lettura o la pratica della tecnica proposta.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©
23+

70 Commenti

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *

Nome *
Email (opzionale)


  1. Foto del profilo di Marie

    Davvero non mi sarei aspettata tutto questo dal mio Chi! Grazie Angel!

  2. Foto del profilo di Ina ACD

    Le spiegazioni sono chiarissime! Ora so come difendere bene il chi e rafforzare le mie tecniche sul piano fisico. Un’infinità di grazie Angel!

  3. Foto del profilo di Kristian

    Meraviglioso! Il chi che prima consideravo uguale al kundalini,si rivela così importante e imponente in certi casi. È affascinante sapere che tutti i nostri chakra hanno dei punti forti e deboli allo stesso modo,cambia solo cosa provoca ma i risultati sono quasi simili. Mi sto accorgendo di come diventi duro questa zona della pancia quando medito con il tocco dei chakra,mi piace tantissimo sentire come si muove e quando entra l’energia al suo interno. Sembra anche una bella tecnica da usare per convertire il sogno in un sogno lucido,respirando prana dal chakra possiamo prendere il controllo degli avvenimenti e modificarli come più ci va(parlando dei sogni). Grazie Angel,ogni tuo documento è un momento di stupore e potenza per noi💙

  4. Foto del profilo di Francesco

    Affascinante scoprire nel dettaglio le ablità particolari dei singoli chakra! E molto motivante.

  5. Foto del profilo di _ilary_

    Riletto, sempre interessantissimo e utilissimo, grazie mille!

  6. Foto del profilo di Patty885

    Rilegger questo documento mi ha fatto capire quanto sia importante questo chakra 😊 Grazie mille Angel ❤️⭐️

  7. Foto del profilo di L E L E

    Ho riletto con piacere questo documento dopo tanto tempo. Come sempre ci ho trovato qualcosa di nuovo ed utile 😉. Grazie

  8. Foto del profilo di Davide (Dan)

    è sempre utile rileggere questo doc, spesso lo ascolto in formato audio dal canale di YouTube mentre faccio pranzo da solo, è un’ottima alternativa al guardare la TV. Ogni volta che si rileggono i doc ci sono dei passi che sono sempre più chiari ed è interessante quando vedi scritto le stesse cose che hai pensato tu durante la pratica. Grazie! Mi piacciono molto questi approfondimenti sui singoli chakra 🙂 sono anche piuttosto popolari quando vengono condivisi nei social network. 🙂

  9. Foto del profilo di Phoebe

    Quante cose da imparare, quante cose che non sapevo! Non pensavo che la meditazione,in particolare sul chi, portasse a tutti questi benefici fisici oltre al fatto che si può respirare prana nel chi se hai qualcuno che ti sta rubando energia…grazie delle dritte Angel 🙂

  10. Foto del profilo di Manu 80

    Gli audio sono troppo belli l’ho riascoltato è proprio un aiuto in più. Grazie😊

  11. Foto del profilo di Gianmarco

    Mi piacciono queste guide perchè aiutano a comprendere quanto siano importanti i chakra nella vita di tutti i giorni e aumentano la nostra motivazione e ci fanno comprendere il vero scopo di questa pratica, che è davvero la chiave di tutto. Grazie a tutti!!

  12. Foto del profilo di SerenaLuna

    grazie ….. sono consigli molto utili. spesso proprio dopo una meditazione mi capita di litigare ed allora mi arrabbio ancora di più perché so che sto vanificando tutto il lavoro fatto. ma adesso non appena capita un evento del genere mi concentro sul chi è respiro….. eh ammetto che ci vuole una certa padronanza, ma vale a pena tentare 😊

  13. Foto del profilo di Samantha

    …aspettando che vengano sbloccati i nuovi, sto rileggendo i doc vecchi, e rileggere questo è stato più che motivante. Non smetterò mai di ringraziare ed essere grata per la condivisione di una parte del sapere universale ❤️🙏