056 – Vedere l’Energia (1 parte)

Pagina 1

 

 

Angel: Oggi parleremo dell’energia. Abbiamo già intrapreso l’argomento nel documento “Da dove tutto ha inizio”, dove spiego che tutto è composto da energia, che è davvero ovunque, ma non è possibile capire realmente questo concetto se non si vede con i propri occhi questo “fenomeno” che sembra tanto paranormale ma che in realtà non lo è. C’è chi la definisce energia statica e dinamica, proprio perchè inizialmente sembrerà ferma, quando invece poi, andando più profondo, noterai effetti fantastici in movimento, come vortici, spirali molto ampie, bolle, cerchi come un sasso in acqua, e così via.  Potrai chiamarla come desideri, trattiamo comunque di vedere energia e se ti impegnerai in questa tecnica, ti divertirai più di quel che sembra.

Sono certa che tu abbia già visto l’energia, solamente non ci hai mai fatto caso.

L’energia è da qualunque parte tu possa guardare; se guardi tra te e il muro noterai che tra di voi ci sono una sorta di piccolissimi pallini sospesi in aria, sono davvero tantissimi e molto, molto piccoli e potrai notarli più facilmente se guarderai in un oggetto nero o semplicemente in una parete colorata piuttosto che totalmente bianca.
Se è la prima volta che guardi l’energia sono certa che non troverai nessuna difficoltà guardandola nel buio, noterai infatti che guardando il buio inizieranno a comparire distese di pallini bianchi che all’inizio potrebbero sembrare fermi ma più ci farai caso più noterai che in realtà si stanno muovendo; sono piccolissimi come moscerini, bianchi, grigi e neri: non si tratta di energia positiva e negativa, ma semplicemente di energia neutra che si muove (non farti ingannare dai pallini neri, è tutto neutro, nessuna paura). Voglio farti un esempio per farti capire al meglio ciò che andrai a vedere: hai presente quando alla tv manca il canale e anziché le immagini si vede una distesa di pallini bianchi, neri, grigi ed emette il tipico suono “ssfsfsfsfssssssfsfssssss”?

Ecco, l’energia si vedrà inizialmente allo stesso modo, quindi la prima fase sarà quella di comprendere che realmente si tratta di energia e non è un problema di vista. Sono certa che in molti prima di leggere questi scritti erano convinti che gli servisse una visita oculistica! L’energia è più facile da vedere durante la notte perché non ci sono altri colori che distolgono l’attenzione degli occhi, ciò non significa che di giorno non si riesca a vedere, semplicemente c’è bisogno di più allenamento; comprendo bene che alcuni (anche se molti non lo ammetteranno mai) hanno un po di timore a guardare l’energia al buio, non c’è problema, potrai esercitarti durante il giorno, ok?

È un buon motivo per allenarti in condizioni più complicate, guardare l’energia durante la luce sarà un allenamento più tosto perciò quando andrai a guardarla al buio ti accorgerai che sarà molto più facile di prima. Continuando a guardare l’energia noterai che col tempo non sarà più ferma, ma anzi, ti accorgerai che si muove. È normalissimo vedere strisce bianche che si muovono da una parte all’altra, piccoli ovali bianchi, pallini o altre forme geometriche in movimento, non si tratta di fantasmi o di esseri dimensionali, si tratta semplicemente di energia che ha preso forma e si muove, è come se tu prendessi una goccia d’acqua e la muovessi allungandola o provando a darle una forma, non è niente di negativo, è solo energia condensata che si muove in massa.

In questa dimensione l’energia si divide in positiva (bianca e blu) e negativa (nera e rossa) ma, guardando l’energia, ti capiterà di vedere anche altri pallini colorati come verde, viola, etc. Col tempo, imparando a vedere l’energia, non ti fermerai solo sul semplice vedere pallini bianchi che si spostano da una parte all’altra della stanza, ma inizierai a vedere il colore blu (o rosso in stanze negative) vortici, effetti molto interessanti. Non dovrai temere se ti capiterà di vedere chiazze di energia rossa, semplicemente in quella stanza è passata un po di energia negativa, sei qui per mandarla via, utilizza le tecniche di tua conoscenza (ad esempio: respira prana bianca luminosa, medita, espandi l’energia bianca nella stanza, etc etc) per ripulire la stanza che appare un pò inquinata dall’energia negativa, se invece ti appaiono chiazze blu in giro per la stanza sii orgoglioso del tuo lavoro! Se nella stanza in cui comparivano chiazze rosse non vedrai più né quelle rosse né quelle blu, non avere comunque timore, semplicemente hai annullato l’energia negativa, ora impegnati a riempire la stanza di energia positiva, hai già compiuto un ottimo passo. In ogni caso non pensare mai di aver raggiunto il massimo del livello, guardare l’energia non si ferma qui, questa tecnica ti porterà a stadi sempre più intensi ed elevati, sempre più interessanti. Per un’ottima riuscita consiglio di praticare questa tecnica almeno 10 minuti al giorno.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 2

 

 

Bene, questa è la tecnica:

Siediti o sdraiati, non fa differenza, l’importante è che non ti addormenti (io consiglio di fare la tecnica da seduti) e guarda nel vuoto della tua stanza, non fissare un oggetto preciso, guarda semplicemente nel vuoto, non pensiero, zero aspettative e continua a fissare il vuoto, noterai una sorta di polverina nell’aria, puntini bianchi, grigi e neri.

Continua a fissare per almeno 10 minuti, quella che vedi è energia e più ti allenerai in questa tecnica più salirai in stadi profondi. Andando in profondità vedrai movimenti sempre più interessanti.

Studente1: Mi sono reso conto che riesco a vedere l’energia meglio di giorno, al buio proprio non riesco bene, come mai?

Angel: Al buio in realtà è molto più facile, probabilmente non riesci perché ti fai molte aspettative o hai un po di timore.

Studente 2: Anche a me risulta molto più facile guardare lo statico alla luce del sole.

Angel: Intendi guardando il sole? Non vorrei che ti stessi confondendo con le miodesopsie.

Studente 2: Guardando un cielo limpido ad esempio, oppure guardando un muro bianco illuminato direttamente dal sole.

Angel: Si ho capito, quella non è l’energia, sono miodesopsie (un problema di vista causato anche dallo stress).

Studente 2: Anche a me capita di vedere dei cosini nel cielo che si muovono.

Angel: Se si tratta di guardare la luce, il cielo o comunque posti molto illuminati si possono vedere quei robini, ma non è l’energia bensì le miodesopsie. ”Le miodesopsie sono un fenomeno entoptico dovute ad una non perfetta trasparenza del corpo vitreo. Infatti, addensamenti dell’umor vitreo che riempie il bulbo oculare proiettano delle ombre mobili sulla retina e, quindi, si presentano nel campo visivo sotto forma di punti, di filamenti, di macchie, di ragnatele o di mosche volanti, come vengono comunemente definite.”

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 3

 

 

”Sono percepite maggiormente quando si guarda una superficie uniformemente chiara o luminosa, ad esempio il cielo azzurro, una parete chiara o uno schermo bianco di computer. Se si cambia la posizione dello sguardo, i corpi mobili seguono i cambiamenti di posizione per poi fermarsi quando l’occhio si ferma. Questo può disturbare a volte la lettura, in quanto le miodesopsie possono nascondere i caratteri tipografici.” C’è solo un modo per scoprire se quello che vedi è energia o no: guarda al buio, se non riesci più e vedere queste cose allora non è statico, ma in ogni caso per ammazzare il regolatore prova sia al buio che alla luce, così capirai meglio.

Studente 3: Le sferette blu, puntini blu e bianchi che vedo al buio fanno parte dell’energia, giusto?

Angel: Si, anche perché le miodesopsie non si vedono al buio quindi ciò che vedrai sarà solo l’energia statica-dinamica.

Studente 1: L’energia si vede meglio senza occhiali?

Angel: Si, dovrebbe essere più semplice guardarlo senza occhiali perché non c’è l’inganno della lente, ma puoi farlo benissimo anche con gli occhiali, senza problemi.

Studente 3: Se uno applica le tecniche costantemente e per un periodo non lo fa più, continuando a meditare normalmente, perde quello che aveva acquisito?

Angel: Si perché è comunque una tecnica aggiuntiva, non è meditazione. Magari non lo perdi tutto però gran parte si, mentre se tu smettessi di meditare perderesti tutto. La parte rompi scatole è che il Low si diverte a giocare, perché non è che ti fa perdere le esperienze gradualmente, anzi, magari per cinque giorni non ti eserciti più ed il sesto giorno guardando l’energia dici: “wooow lo vedo ancora, allora non c’è bisogno che io mi alleni oggi, lo farò domani perché domani sono certo che ci riuscirò.” e magari è vero, domani lo farai ma ti accorgerai di aver perso qualcosa, se il giorno prima vedevi al 100%, il giorno dopo vedrai al 20% e ti farà salire una crisi che ti verrà voglia di mollare tutto. È fatto apposta perché se tu, giorno dopo giorno, notassi che stai calando ovviamente riprenderesti subito gli allenamenti.

Studente 2: Quando guardo l’energia statica di notte capita che si sposta, scompare e riappare, mi alleno a guardarlo e sembra che giochi con me

Angel: Si, sembra proprio che giochi, è divertente.

Studente 3: Io quando guardo l’energia vedo delle piccole scie di fumo, come se un persona avesse lasciato una sigaretta accesa, è immaginazione?

Angel: Non è immaginazione, sono proprio quelle scie di cui parlavo prima, specie di strisce bianche che si muovono in aria.

Studente 2: Secondo te mentre guardi lo statico ci vuole un intento preciso? Ho notato che usando l’intento è più facile far apparire qualcosa come un esserino dimensionale, però forse è più difficile vedere altro che non hai ancora visto, che ne pensi?

Angel: Bisogna vedere l’energia col non pensiero, se tu vai in non pensiero ci saranno le migliori esperienze perché accadranno quelle che meno ti aspettavi, perciò delle volte puoi andare con l’intento se hai intenzione di vedere una precisa cosa, ok va bene, ma il mio consiglio è quello di stare molto più spesso in non pensiero: accadrà l’inimmaginabile.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©
33+

241 Commenti

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *

Nome *
Email (opzionale)


  1. Foto del profilo di Peace

    Grazie per il documento. Avanti con la pratica! Grazie Angel😀

  2. Foto del profilo di Davide (Dan)

    è davvero molto utile, i primi periodi quando praticavo sempre questa tecnica riuscivo a vedere abbastanza facilmente l’energia, siccome ultimamente non l’ho praticata più per dare spazio ad altre tecniche ora faccio più fatica, devo assolutamente riprendere! Avevo avuto delle piacevoli esperienze guardando l’energia, mi permetteva anche di sentirla meglio perchè aumentava la mia coscienza della sua presenza. 🙂 grazie

  3. Foto del profilo di BlueRose

    Rileggere questo documento mi ha fatto tornare in mente delle esperienze bellissime che ho fatto nel periodo in cui mi allenavo regolarmente… vedere l’energia è meraviglioso, per me è stato uno dei primi veri e propri ammazza-regolatore vedere coi miei occhi che l’energia è davvero ovunque e osservare i suoi movimenti. Ricomincio oggi stesso ad allenarmi, grazie Angel!! 🙂

  4. Foto del profilo di The crow

    Che bello ero seduto accanto ad una grande quercia e mi allenavo a sentire la mia energia,rivolsi lo sguardo verso gli alberi difronte a me e vidi senza volerlo, come delle onde di energia in movimento, dei puntini che vagavano assieme a dei mini tornado,la cosa strana è che se volevo smettere di vedere non ci riuscivo difatti non vidi più energia dopo 2/3m 🙂

  5. Foto del profilo di Lucia

    E’ verissimo che se smetti di esercitarti perdi le capacità che avevi prima, mi è capitato più volte quando mi esercitavo per un periodo regolarmente e poi lasciavo, dopo se riprendevo tac non era più come prima, era quasi come ripartire da zero. Però consiglio di non arrendersi mai, di organizzarsi bene e cercare di svolgere la tecnica il più spesso possibile, perchè è davvero bello quello che ti permette di vedere!!!

  6. Foto del profilo di HopeCactus

    Tecnica molto interessante, sono abituato a vedere punti (o anche altre forme ma piccole) di energia, spesso dopo la meditazione vedo così tanti puntini bianchi che è impressionante l’effetto che lascia. Però mi piace molto, l’energia è dappertutto, perciò rendersi conto della sua esistenza è parte del nostro progresso spirituale. Grazie dell’articolo. Vado subito a fare 10 minuti di tecnica.

    • Foto del profilo di HopeCactus

      Ottima esperienza, devo ricordarmi di praticarla tutti i giorni. Solo una cosa… quando mi concentro molto su un muro o sul soffitto (di solito al buio, ma anche con la luce) mi dà l’impressione di diventare più simile a quelli dei videogiochi che sono composti da una quantità spropositata di pixel. Ecco, quell’impressione di realtà simulata, con muri e soffitto che non sono più ‘compatti’ come prima ma divisi in un’infinità di piccolissimi frammenti. Veramente ottimo, con la pratica chissà quanta esperienza ci sarà da fare.

  7. Foto del profilo di The crow

    Io invece ho visto come delle linee che oscillavano e che si muovevano delicatamente, molto bello grazie 🙂

  8. Foto del profilo di Rosselfa

    ciao Angel
    grazie per cio che mi offri. Ho passato periodi a guardare l’etere. Nella Profezia di Celestino si parlava di andare nel bosco a scoprire, con gli occhi un po strizzati l’energia! Il passaggio di queste particelle che io chiamo adamantine!
    perchè brillano come il diamante e nel bosco l’aria è pura!
    riprenderò a farlo ma come insegni tu!
    grazie anima antica

  9. Foto del profilo di zen

    E io che ero convinto di riuscire gia a vedere perfettamente l energia nel cielo 🙂

  10. Foto del profilo di Mithos

    Si, bello vedere i giochi di energia con sempre più consapevolezza e chiarezza.
    A volte con gli occhi chiusi, premo leggermente i bulbi oculari e vedo che la luce assume delle forme geometriche chiare, regolari e ben definite. Spesso sono una serie di rettangoli dorati su fondo nero, posti uno accanto all’altro sia in orizzontale che verticale, come a formare un bellissimo mandala.
    Non riesco a capire come possa formarsi una tale figura.
    Qualcun altro ha avuto un’esperienza simile?

  11. Foto del profilo di Kristian

    Grazie per questo documento Angel!
    Io non appena inizio a meditare la sera, sento l’energia “attaccarsi”alla pelle e subito aprendo gli occhi vedo delle linee bianche che piano piano diventano spirali o semplicissime palline blu e bianche, ieri ad esempio ho notato del rosso chiaro in una sferetta di energia ma continuando a “giocare” con l’energia, sono diventate bianche. Sinceramente amo vedere l’energia, specialmente di notte con la porta della stanza chiusa a chiave e un meraviglioso silenzio che mi accompagna durante il periodo del non pensiero. Questo mondo non è così noioso come pensavo anzi é una continua sorpresa 🙂

  12. Foto del profilo di Lye

    Molto interessante! Provo subito, ma mi piacerebbe leggere ancora altro su questo argomento ?

  13. Foto del profilo di Cleopinda

    Leggendo l’articolo penso di vedere l’energia facilmente, con il buio con la luce , mi capita di vedere delle griglie ma per pochi istanti . Se esco e guardo il cielo sia di giorno che la notte é come se tutto fosse in vibrazione, ma solo se mi concentro e spesso questo porta a un formicolio alla testa o del caldo sulla fronte.

  14. Foto del profilo di

    mi sono ricordato di una volta ma è successo prima che mi iscrivessi ad ACD (mi sembra 2-3 mesi prima circa), mi sono svegliato ed era ancora notte (dovevo andare in bagno), camminando per il corridoio credevo che qualche luce magari anche di lampadine qualcosa fosse acceso, ma poi mi accorsi che era tutto spento e vedevo tutto sul bluastro chiaro una sensazione bellissima ed era così per tutta la casa mi ero reso conto di vedere al buio senza capire come avevo fatto, oggi rileggendo di nuovo questo paragrafo ho capito che ero riuscito a vedere l’energia di notte grazie alla vista energetica, cosa strana però è che nonostante ormai 4 mesi passati e meditazione non sono più riuscito a vedere di notte a quei livelli, si riesco a vedere solitamente i pallini bianchi, ma non come quella volta ripeto è stata una sensazione bellissima 🙂

  15. Foto del profilo di Tail

    Qualche giorno fa mentre ero in stazione fissavo i binari neri e vedevo tante palline bianche..pensavo fosse la pioggia ma non stava piovendo ed erano anche piu tondi..era l’energia!Ora facendoci piu attenzione li vedo ovunque

  16. Foto del profilo di Kali

    È molto difficile stare in non pensiero, ma ci proverò! Ho notato anche che da quando ho aumentato il numero di meditazioni è più difficile non pensare! E certe volte mi innervosisco. ????sicuramente è il Low che nn vuole farmi meditare! Ma ce la farò! ??

  17. Foto del profilo di John Phante

    Ho fatto la prova mentre ero a letto. ho spento la luce e mi sono concentrato. é stato breve perché gli occhi si asciugavano subito, ma sono riuscito a scorgere quelle piccole sfere di energia.

  18. Foto del profilo di John Phante

    A me é capitato per esempio, compiendo lo sforzo di sollevare qualcosa di pesante, di mandare il sangue così in pressione che ho finito per vedere delle lucine finissime con la visione periferica. Sarà mica lo stesso?

    • Foto del profilo di Angel

      No, quello che ti è successo è dovuto allo sforzo fisico eccessivo, può capitare anche mentre si sta svenendo, ma è ben diverso dal vedere l’energia 🙂

  19. Foto del profilo di Ariel44

    Grazie questo articolo mi ha dato tante spiegazioni e rassicurazioni.