29 – Low e Regolatore (2 parte)

Pagina 1

 

 

Angel: Bene ragazzi, cos’è il Low Frequency? Chi sa rispondermi?

Studente: È un essere che ci controlla.

Angel: Ok, più che essere direi un’energia intelligente. Il Low è molto intelligente, perché cerca il sistema per fare in modo che tu non ti evolva spiritualmente. Se ti risvegliassi riusciresti ad uscire dai suoi schemi, quindi è importante per lui bloccare le vie che potrebbero farti ottenere questo avanzamento. Ogni volta che dovrai meditare o applicare tecniche, accadrà qualcosa per impedirti di farlo. Che sia una chiamata, una notifica sul social network o un nuovo telefilm appena uscito. In questo modo ti verrà voglia di rimandare, ma non è detto che dopo lo farai. È molto probabile che dopo rimanderai ancora.

Il Low non ha il solo scopo di farti rimandare le meditazioni di qualche minuto; se così fosse, basterebbe comunque meditare più tardi e si vincerebbe. Innanzitutto c’è un motivo per cui lui cerca di farti rimandare: in questo momento tu sei molto più attivo e lucido e la meditazione otterrebbe grandi benefici. Con le sue solite scuse, lui cercherà di farti rimandare di qualche ora o anche semplicemente di mezz’ora, con la speranza che continuerai a rimandare sino al giorno dopo. Se non rimanderai di 24 ore ma solamente di 2 ore, in ogni caso avrai perso un’occasione di meditare in modo migliore a confronto di quel che farai. Questo accadrà perché in queste due ore in cui hai rimandato ti sei distratto, hai mangiato o sei stato al pc, hai comunque svolto azioni che ti hanno abbassato ancor più di quanto già lo eri. Magari il tuo corpo aveva bisogno di meditare in quel momento perché era quasi al culmine, ma tu hai rimandato. Ovviamente non è che vai a perdere tutto ciò che hai fatto prima, però certo che gran parte si. Meditando ogni giorno, senza mai saltare un giorno, ti assicuri di non perdere ciò che hai raggiunto nei giorni precedenti. Semmai dovessi sapere che tal giorno dovrai saltare la meditazione (per un imprevisto lavorativo o qualunque sia il motivo), piuttosto che disperarti, fai una meditazione di 15 minuti anziché rimanere a zero. Una meditazione da 15 minuti non vale quanto una da 30 minuti, ma sicuramente è meglio di niente. Perciò, nel caso dovessi partire per un viaggio o per qualunque motivo sai già che dovrai saltare un giorno di meditazione, il mio consiglio è: anziché saltare, riduci il tempo della tecnica, per una volta diciamo che non succederà nulla.

Il problema del low nasce quando inizia a studiare metodi diversi, come i tuoi amici che decidono di prenderti in giro per le tue decisioni, o i parenti che pensano tu stia perdendo la ragione solo perché hai deciso di compiere passi che loro non sarebbero capaci di comprendere.
Il mio consiglio è quello di prevenire certe situazioni, evitando di raccontare a chiunque le proprie scelte spirituali. Non capirebbero la tua decisione ed utilizzerebbero qualunque tua parola contro di te. Questo è un metodo che spesso utilizza il Low per farti pensare di aver sbagliato strada, non è difficile manipolare chi ti sta intorno. Il Low non è da sottovalutare, perché dalla nascita di Gaia ha dovuto svolgere missioni molto importanti. Attraverso il regolatore che è posto all’interno di ogni essere vivente, il Low si occupa di inviare i segnali di comando sui principi della vita di questa dimensione. In altre parole, attraverso il suo “microfono”, comanda direttamente ai nostri cervelli ciò che è giusto compiere per la sopravvivenza di questo pianeta. Gli umani, ad esempio, devono mangiare, bere, accoppiarsi, metter su famiglia e quant’altro. Questo è necessario per far proseguire la specie umana, ma come fa a sapere il neonato che troverà il nutrimento nel seno della madre? Come fa a sapere un animale che è stato allevato lontano dai suoi simili, che l’accoppiamento avviene in questo modo? Sono informazioni che conosciamo attraverso il Low.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 2

 

 

Se un animale non avesse mai visto svolgersi un accoppiamento, non saprebbe come farlo e la razza si estinguerebbe molto facilmente, ma ciò non accade perché ad istinto già sanno come si compiono certi meccanismi. Come si giustifica ciò? È un istinto terrestre, che già si conosce al proprio interno grazie al proprio Regolatore. Non si può credere che il Low non esista se la tua vita umana prosegue solo grazie a lui. La sua esistenza è estremamente importante, ma ci sono dei passaggi che in questo periodo storico devono essere conclusi. Il pianeta Terra ha subìto molti attacchi negativi da persone spiritualmente attive. La sua intenzione era quella di proteggersi da futuri psichici che avrebbero voluto distruggerla e questo è perfettamente comprensibile. Il problema nasce dal momento in cui lei, non sapendo riconoscere chi fosse negativo e chi fosse positivo (tu non sai riconoscere un virus dalle tue cellule, non sai distinguere tutto ciò che circola nel tuo sangue), ha preso la decisione di addormentare tutti. Il suo gesto era per pura sopravvivenza, ma in questo modo ha fatto dimenticare le proprie doti anche a chi era intenzionato ad aiutarla, a compiere tecniche positive al suo interno. Non gliene possiamo fare una colpa, voleva semplicemente difendersi. Il nostro scopo è quello di ripulire questo pianeta da energie negative, affinché anche Gaia riesca a riprendere la serenità e decidere di annullare l’impedimento evolutivo delle persone positive di questo mondo. A lei per prima farebbe comodo che gli spirituali utilizzassero le proprie tecniche per migliorare ed evolversi al suo interno, ma ancora possiede una folle paura che qualcuno sfrutti queste tecniche per distruggerla, e quindi li addormenta.

Ci vorrà molto tempo prima che Gaia riesca a riconoscere i buoni dai cattivi, fino ad allora noi dovremo muoverci nell’ombra, in anonimato. Non si può pretendere di riuscire ad ottenere un accordo con il Low, questo non è possibile. Il low è intenzionato ad abbassare chiunque voglia evolversi, per paura che colui riesca a cambiare le regole in esso. Ti piacerebbe se una tua cellula riuscisse a comandare tutto il tuo corpo? Non sai se quella cellula sia buona o se sia un virus mortale, perciò non ti fideresti del primo che capita, ma ovviamente se sapessi che quella cellula può sterminare tutte le altre e farti guarire da una forte malattia, ovviamente la lasceresti agire. In fondo si tratta comunque di una tua cellula. Abbiamo bisogno di risvegliarci perché solo in questo modo potremo aiutarla, ma per ottenere il risveglio ci dovremo evolvere di nascosto, affinché lei non se ne accorga e non aumenti l’intenzione di bloccarci. Spargendo voce a tutti i conoscenti, rivelando le tue intenzioni meditative, dicendo che vuoi sviluppare il sesto senso e ancora e ancora, non fai altro che attirare altro Low verso la tua direzione. Ovviamente potrai fare quel che vorrai, il mio è solo un consiglio per evitare problemi futuri. Prevenire è meglio che curare. Qualunque cosa ti distragga e ti faccia perdere la speranza nella Forza e in te stesso, puoi definirlo dark side. Sentirti debole, insicuro, incapace e tanto altro, sono metodi che il dark manipolando il low utilizza per farti smettere di percorrere questa strada.
Questa intelligenza chiamata Low, si occupa di creare situazioni in cui ti ritrovi senza essertene accorto. Potrai chiamarlo Low, ogni volta che stai per meditare e ti squilla il telefono, potrai chiamarlo Low ogni volta che stai per guardare le aure e i tuoi coinquilini iniziano ad urlare per casa. Tutto qua? Sembra abbastanza facile da combattere, ogni volta che devo meditare spengo il telefono e… no, non è così semplice. Il Low lavora attraverso il tuo stesso pensiero, facendoti credere che questa sia la via sbagliata, che tu non sia capace e che mai otterrai veri risultati, che queste tecniche funzionano solo con alcuni e così via. Il vero problema è il tuo stesso pensiero. Il resto si sconfiggerebbe facilmente, ma la gran parte delle persone cade nel Low per via di un semplice pensiero. Nessuno di mia conoscenza ha mai smesso di meditare per aver subìto una visita da un demone o qualunque altra cosa si possa credere che accada quando si inizia una sessione di meditazione. La gente cade nel Low solo per il peggior nemico, il proprio pensiero. La gente nemmeno inizia a meditare per paura di non essere all’altezza di questa tecnica. Si fa aspettative, si fa pensieri. In questo modo il Low vince.

Quando si cade nel low e si smette di meditare, difficilmente ci si riprende.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 3

 

 

Il Low ha già imparato la lezione, ha compreso che tizio ha iniziato a meditare. Riuscendo a farlo cadere, è difficile che lui riesca nuovamente a riprendere il desiderio di voler ricominciare, perché il Low sarà ancora più pesante attraverso il pensiero. Il Low non usa metodi come incidenti mortali o distruggere la tua vita per farti smettere di meditare, non è così che agisce. Lui sfrutta il miglior metodo più semplice e veloce di tutti i secoli: il pensiero. Attraverso il tuo stesso pensiero lui tenterà di farti smettere di volerti evolvere. Con la maggior parte basta il semplice “perché vorresti meditare? Non vedi che hai molte cose da fare? Non vorrai mica perder tempo dietro queste dicerie? Piuttosto vai a mettere in ordine qualunque cosa tu non abbia mai avuto voglia di fare, non vedi quant’è in disordine?”. Ovviamente parlerà sempre in prima persona e non in terza, affinché tu creda che sia tu stesso a ‘pensare’. Il secondo metodo sarà quello di farti credere che sia inutile provarci, perché tanto prova e riprova, tu sei così debole che mai riuscirai ad ottenere qualcosa dalla vita. Sei troppo inutile e debole, non serve neanche che provi, perché non faresti altro che fare figuracce davanti agli altri che sono nati tutti forti e stra-pompati a differenza tua che sei insignificante e privo di obiettivi. Questo è un metodo molto efficace, che fa crollare molto spesso le menti deboli.Il mio consiglio rimane sempre lo stesso, medita e non pensare. Tutto vuole che tu non inizi questo percorso spirituale, perché? Ci sarà un motivo. Il motivo lo sai già. Se tu meditassi e applicassi le tecniche, ti evolveresti e ti risveglieresti. Attraverso il Risveglio, tu potrai dare fine alle manipolazioni che obbligano la tua vita ad andare come qualcun altro ha deciso per te e potresti letteralmente cambiare tutto ciò che desideri. Non solo potresti ottenere capacità paranormali come lo spostare oggetti, viaggiare nel tempo o tutto ciò che ti interessa sviluppare, ma potresti ottenere grossi cambiamenti anche nella tua vita di tutti i giorni. Che senso avrebbe avere doti psichiche se non le si potessero sfruttare nella vita quotidiana? Tu sei qui per risvegliarti. Non avere paura di questo nuovo mondo.
Tu già lo conosci. Hai affrontato queste prove centinaia di volte… non arrenderti proprio ora.

Studente: Mi sono accorto di quel che dici quando ho rivelato ai miei genitori di aver iniziato a meditare. Io ho 37 anni, non sono di certo un ragazzino, ma sono andati su tutte le furie, accusandomi di compiere chissà quale stregoneria.

Angel: È normale, è davvero tipico. Consiglio sempre, infatti, di evitare di prendere questi argomenti se non con persone che allo stesso modo praticano qualche tecnica; già è pericoloso parlarne con loro se la pratica è diversa, figuriamoci parlarne con persone scettiche che credono che la meditazione sia obbligatoriamente per Buddhisti o streghe cattive. Tu puoi essere Cristiano e decidere di meditare, non c’è niente di male, nessuno deve prendere decisioni per te. Qui non si tratta di un corso a pagamento per cui devi seriamente pensare se sia il caso spendere i tuoi soldi o meno. Come vedi è tutto gratis, perciò qui non c’è alcuna scusa che regga. Si tratta del tuo risveglio personale, se lo vuoi ottenere ti applichi, il resto sono solo scuse pigre.

Studente: Cosa intendi per “pericoloso’’?

Angel: Intendo che essere spirituali non significa necessariamente essere buoni. Ci sono spirituali buoni e spirituali oscuri, o spirituali buoni ma in preda alle loro maschere come gelosia, falsità e quant’altro. Uno spirituale potrebbe comunque deriderti delle tue scelte o cercare in ogni modo di convincerti a non praticare queste tecniche, anche solo per farti credere che le sue siano migliori. È sempre meglio non fidarsi troppo, non si sa mai di chi puoi trovare in giro.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 4

 

 

Studente: Perciò meno ne parlo mostrando la mia faccia meglio è. Mi consigli di parlarne sotto nome finto.

Angel: Questo è il mio punto di vista, consiglio di si. Da anni ho potuto studiare sulla pelle di chi ha parlato troppo mostrando la propria vera identità. Ci sono persone che ancora discutono con i propri parenti per aver preso quella scelta; qualunque cosa capiti, incolperanno la tua meditazione. È morto il gatto? Beh non sarebbe successo se tu non avessi iniziato a meditare; la cena si è bruciata? Beh, se tu non avessi passato il tempo a meditare in camera questo non sarebbe capitato. Qualunque scusa è buona per farti credere di essere in torto.

Studente: E perché accade scusa?

Angel: Perché il Low non vuole che tu mediti. Le persone sono facilmente manipolabili, chiunque è definibile Low. Loro non lo fanno apposta, non sono cattivi, ma sono manipolati e senza saperlo mirano a farti smettere di evolverti, vogliono bloccare il tuo risveglio. Non gliene fare una colpa, non sanno di essere manipolati.

Studente: Una persona può influenzarti col pensiero per farti decidere di smettere di meditare?

Angel: Si, assolutamente. Più persone lo desiderano, più l’influenza su di te sarà potente. Ecco perché consiglio di non girare troppo voce sul tuo conto, così che meno persone lo penseranno meno low avrai addosso.

Studente: Perciò durante la nostra vita veniamo costantemente influenzati dai sentimenti e dai pensieri degli altri?

Angel: Sì, ciò che accade è che ovunque troviamo energia e, che sia da oggetti o direttamente da persone, subiamo continuamente influenze energetiche che vanno ad influire sulle nostre decisioni, sui pensieri o sui sentimenti. Se poi queste influenze sono decise consapevolmente… ancor peggio.

Studente: Per uscire da questi schemi che manipolano la nostra vita, dobbiamo uscire dal Low giusto?

Angel: Esatto, per uscire da queste influenze la prima cosa da fare è uscire dal Low, ovvero avere un tonale più alto della semplice vibrazione bassa, del Low frequency appunto. Per poter alzare il tuo tonale hai bisogno di meditare.

Studente: Di conseguenza, una volta usciti dal Low non verremo più influenzati dagli altri, ma saremo comunque in grado di decidere se essere influenzati (positivamente)?

Angel: Esatto. Quando esci dal Low puoi decidere se e quando venire influenzato, perciò le influenze non cesseranno, ma potrai decidere tu se farti toccare o se allontanarle del tutto. La differenza è abissale perché tu potrai decidere. Moltissimi credono di essere già fuori dal Low e che basti dirlo a parole per esserlo, ma non è così. Se utilizzerai le tecniche, potrai decidere.

Studente: Se, ad esempio, quando vado in giro e mi siedo o cammino normalmente ad un certo punto mi sento un pò arrabbiato apparentemente senza motivo perché ho assorbito la negatività di una persona, essendo costantemente consapevole del fatto, potrei mantenere un certo autocontrollo, “reprimere” la rabbia e continuare ad essere felice?

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 5

 

 

Angel: Esattamente, ed è per questo che siamo qui. Quando senti che qualcuno ti sta influenzando negativamente, che sia una persona accanto a te o che sia un avvenimento lontano che però ti sta comunque dando questo effetto (come anche un sms o qualcuno che ti racconta qualcosa), concentrati sul tuo respiro ed inizia a respirare Prana bianca. E’ molto facile. Concentrati sull’intento che tu non vuoi più essere arrabbiato o triste a causa loro e respira Prana bianca con il tuo naso. Nel respirare e nel concentrarti sulla Prana bianca, lasciati andare. Probabilmente dopo già 2 respiri ti sentirai meglio, ma io ti dico di continuare perché potrebbe arrivare subitissimo la “ricaduta” e quella sarebbe più pesante da abbattere; quindi, anziché fermarti subito appena ti senti meglio, continua a respirare Prana, fai almeno 10 respiri molto profondi e sentiti sicuro di te, con intento ben preciso di voler smettere di essere influenzato dall’esterno.

Studente: Quando meditiamo respirando Prana allontaniamo tutti i pensieri negativi, quindi li allontaniamo, ad esempio, anche dalla nostra casa, dalla stanza ecc.?

Angel: Esattamente. Quando noi meditiamo facciamo in modo di cacciare, per tutta la durata della nostra vita e di quelle future, qualunque cosa negativa. Dobbiamo cacciare i pensieri negativi perché è da lì che tutto nasce. Col tempo verranno allontanate persone negative e avvenimenti negativi (come malattie, incidenti e così via), ovviamente sempre che la persona in questione continui con la sua meditazione e non smetta, altrimenti si perde tutto e si ritorna punto e a capo, se non peggio. Ciò che voglio dire è che se mediti da un paio di giorni, non puoi pretendere di essere già capace di annullare qualunque cosa negativa ti circondi, perché c’è bisogno di tempo e hai bisogno di imparare ad utilizzare le tecniche, ma soprattutto bisogna comprendere che, spesso e volentieri, alcune cose negative che ci sono accadute, in realtà avevano lo scopo di farci crescere.. era per il nostro bene. Non è facile comprenderlo all’inizio, ma ciò che andiamo ad imparare è come allontanare l’oscurità da noi stessi, quindi da tutto ciò che ci circonda. Col tempo le tecniche si perfezioneranno e tutto andrà come noi decideremo che debba andare.

Studente: Se io ho vicino a me una persona depressa e mi carico di euforia, felicità e altri sentimenti positivi, posso influenzarla in questo modo? Essere sempre felici può migliorare la giornata agli altri?

Angel: Assolutamente, infatti mentre respirerai Prana e dentro ti renderai pieno di pace e felicità, potrai influenzare anche l’ambiente che ti circonda e rendere felice quella persona che poco prima era triste. E’ ottimo, non credi? Lei ovviamente non saprà che sei stato tu, ma che importa. Tu puoi farlo, che in realtà accadrà già indirettamente perché mentre tu mediti e stai lavorando su te stesso, non te ne rendi conto ma intorno a te tutto si riempirà di positività, quindi già senza accorgertene tu stai richiamando energia positiva intorno a te che andrà a migliorare la tua vita e quella di chi ti circonda, ma ovviamente se vuoi farlo anche da cosciente l’effetto sarà di gran lunga superiore. Le persone che provavano sentimenti negativi nei tuoi confronti, si sentiranno infastiditi da quest’energia e inizieranno a lasciarti perdere, smetteranno di darti fastidio; le persone che provavano sentimenti positivi verso di te, inizieranno a nutrirne ancor di migliori, si sentiranno più felici a starti accanto.

Studente: Il Low Frequency tiene il genere umano schiacciato in una bassa frequenza vibratoria impedendogli di evolversi, così facendo non danneggia direttamente anche Gaia per il rapporto tra micro e macro cosmo?

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 6

 

 

Angel: Si, è quello che accade, ed è per questo che la Forza è dovuta intervenire richiamando esseri nati fuori Gaia per spedirli al suo interno affinché possano lavorare in incognito per la sua sopravvivenza. Gli abitanti natali di Gaia non sono riusciti ad ottenere grandi risultati, proprio perché il Low (per difendersi da energie oscure) ha bloccato lo sviluppo di tutti; in parte è stata una buona mossa, dall’altra parte no, per questo motivo sono stati richiamati rinforzi e ora, molti di coloro venuti dall’esterno, stanno tentando il risveglio per poter aiutare Gaia ad evolversi.

Studente: Ma Dio quindi è energia?

Angel: Esatto, ed è energia molto intelligente che sa bene quel che fa.

Studente: Ma se il Low pianifica ogni singola mossa di ogni singolo umano, perché siamo arrivati “fino” a qui? A chi dobbiamo dire “grazie”?

Angel: Alla Forza. C’è un punto della nostra vita in cui la Forza ci indica la strada con cui si potrà evadere da questa “prigione”, noi potremo seguirla oppure no. Se non la seguiremo, la Forza potrebbe forse ripetercelo una seconda volta, ma non è detto. Io consiglio di prendere subito la strada senza troppi compromessi. Ci sta offrendo la libertà, non c’è molto da domandarsi. Non sempre i piani della Forza saranno subito comprensibili, anzi, ma ciò non significa che siano stati creati per farci del male, ma tutto l’opposto. Il punto è che lui ci ha offerto una via, una porta da aprire e non la si potrà aprire quando si vuole, questa porta ha una password e la Forza ce l’ha offerta, ma se non la sfruttiamo subito la password verrà cambiata e la porta non si aprirà più o forse si aprirà per metà, ma in ogni caso non sarà più la stessa cosa. Sicuramente, se è tuo interesse ottenere la libertà, allora Dio non ti abbandonerà, ma se potresti ottenerla prima, perché aspettare di arrivare all’ultima fermata? Voglio dire, se puoi ottenere tutto ora, perché aspettare l’anno prossimo? Certo, potresti farlo, ma non sarà la stessa cosa. La Forza non ti abbandona, anche quando sembra l’opposto in realtà non lo fa. Quando pensi che lui ti abbia abbandonato piuttosto chiediti: tu gli stai dando possibilità di comunicare con te? Lui non parla a parole, perché dovrebbe essere l’unico a fare un sacrificio per te? Spesso i sacrifici che noi crediamo tali, per lui non contano niente, sono i sacrifici importanti per lui quelli da prendere in considerazione; a lui poco importa se decidi di fare digiuno o di rimanere in astinenza per anni e anni, questo non gli fa né caldo né freddo. I sacrifici che a lui interessano sono quelli che, nonostante tutto possa farti credere che lui non esista, ti portano ancora a provare a cercarlo, nonostante tutto faccia sembrare che lui ti odi, che non sia abbastanza forte da agire o che a lui non interessi niente di te, tu ancora sei interessato a farti domande su di lui e a non scartare l’ipotesi che in realtà sei tu a non saperlo ascoltare. Agli inizi la meditazione sembra un grande sacrificio. Tu stai “sacrificando” (tanto per dire, ovviamente, perchè nella realtà stai facendo del bene prima di tutto a te stesso!) il tuo tempo che potresti dedicare a giocare con la playstation, per passare dei momenti in dimensioni di alte vibrazioni che più si avvicinano a lui. Questo è un gesto che lui apprezza molto perché tu stai dimostrando di volerti avvicinare a Dio. A lui poco importano le parole quando non sono equivalenti ai fatti, quelle tutti le sanno dire. Per lui è molto più importante ‘vedere’ o meglio, percepire una persona che realmente tenta in ogni modo di avvicinarsi a Lui. Questo è importante. Quando tu mediti, stai cercando di rilassarti e di entrare in uno stato di pace in cui la tua mente si dimentica delle basse vibrazioni e inizia a lavorare su alte dimensioni. Inconsciamente ti stai avvicinando a Dio. Quando stai in pace, anche se non te ne rendi conto avvicini la tua frequenza alla sua. Dio è pace, è vibrazione pura, positiva e non ti ci puoi avvicinare se provi odio, rabbia e depressione. Lui si sente attratto da chi vibra alla sua stessa vibrazione. È positivo, quindi più sei positivo più lui si sentirà attratto da te. La positività non si deve forzare, si deve provare delicatamente. Ha senso? Quando mediti non devi pensare a forzare le dita dolorosamente sul tuo chakra, a stare con le gambe incrociate con dolori atroci e così via. Rilassati.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 7

 

 

La prima regola della meditazione è quella di rilassarsi, di stare bene. Quando mediti devi riuscire a rallentare la tua mente, il tuo corpo, non devi respirare affannosamente e non devi pensare a raffica ad ogni pensiero che ti viene in mente, ma esattamente tutto l’opposto. Rilassati e respira prana, rallenta il tuo corpo, rallenta il tuo respiro, fai respiri lenti e profondi, lasciati rilassare, lasciati andare come se stessi poggiato su di un velo d’acqua e questa con delicatezza si spostasse, lasciati fluire. Non c’è bisogno di temere, non è un oceano in cui tu potresti annegare e morire, ma è solo un velo di acqua che con dolcezza vuole trasportarti, lasciati andare. Quando imparerai a rallentarti, allora tutto si velocizzerà. Sembra che non abbia senso, vero? Eppure è così.

Studente: Ho letto che la vita che viviamo è un “sogno”.

Angel: E’ quasi corretto, ma preferirei dire che è un videogame, un’illusione, una vita virtuale.

Studente: A volte, quando sono in giro o semplicemente a casa, mi sento come se riaprissi gli occhi e in quel momento mi accorgo di tutto e rimango stupefatta di quello che si crea intorno a me, mobili ecc., come una persona che gioca e quando ha finito riapre gli occhi. È come se mi risvegliassi per qualche secondo, mi capita da sempre.

Angel: Molto bene, ottimo, per un attimo hai preso coscienza, ed è ottimo. Tu devi riuscire ad essere così cosciente in ogni momento della tua vita. Certo, sei da sempre spirituale, ma te ne sei resa conto solo adesso. Utilizzo la parola spirituale per indicare che dentro di te sei sempre stata diversa dagli altri, sin da quando eri piccolissima, dal tuo primo giorno di nascita. Non te ne sei resa conto subito e nemmeno chi è intorno a te l’ha capito. Noi abbiamo bisogno di entrare in incognito, lavorare in anonimato e continuare così per proteggere la nostra privacy. Non posso dirti tutto ancora, ma tu sei nata così, non lo sei diventata da qualche giorno. Molte cose non le ricordi, ma da piccola, come tutti i bambini nati qui per uno scopo più evoluto, hai avuto esperienze molto interessanti, definibili paranormali. La maggior parte di voi non lo ricorda e lo ricorderà solo quando sarà diventato molto più cosciente (certi ricordi così importanti si potrebbero ricordare anche dopo anni di meditazione), ma solo perché non li ricordi non significa che non siano mai accaduti. Stiamo parlando di quando eri molto, molto piccola, l’età migliore, in cui il sesto senso era estremamente sviluppato. Crescendo, poi, è andato a sfumarsi e a diventare come tutti gli altri, addormentato. Ora noi stiamo lavorando per risvegliarlo.

Studente: Ho paura di non farcela, che i punti che tocco non siano quelli giusti. So che potrebbe essere il Low, il punto del chakra del cuore ho paura che non sia il punto esatto.

Angel: Non preoccuparti, non è importante il punto esattamente perfetto, l’importante è che tu sia nella zona, poi se sbagli di qualche centimetro non c’è nessun problema.

Studente: È la zona che temo non sia giusta.

Angel: Ok, la zona è esattamente quella dove c’è il cuore, solo che anziché stare a sinistra come molti fanno, stai esattamente nel centro.

Studente: Ok, quando ho fatto il chakra chi ho provato da sdraiata per la prima volta ed ho sentito qualcosa di piccolo che vibrava, potrebbe essere che ho toccato il punto esatto?

Angel: Sì, ma anche la zona esatta, non c’è problema, l’importante è stare in zona davvero, non fatevi questo problema. Delle volte potrebbe anche cambiare e lo potresti sentire più in alto della volta precedente, è normale, capita, nessun problema.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 8

 

 

Studente: Non riesco a concentrarmi bene, sono una persona che si fa paranoie per problemi che non ci sono, quindi penso molto.

Angel: Impegnati sul non pensiero. Anche io ero così, non preoccuparti, riuscirai a superare questo problema. Il pensiero è del tuo cervello. Il regolatore rende il cervello come una macchina vera e propria, perchè il tuo corpo umano è una macchina. Quand’è che una persona riesce a superare “se stesso”? Quando prende consapevolezza. Con la meditazione, imparerai a non ascoltare i pensieri del Low, bensì i tuoi pensieri (che non sono parole!!!), quindi imparerai a sentire il tuo istinto e non quello di chi ti comanda… ecco, così riuscirai ad uscire da questa matrice.

Studente: Qual è il tuo istinto e l’istinto del Low?

Angel: Per istinto del Low intendo qualunque istinto umano, come l’istinto del mangiare, del riprodursi, etc. L’istinto tuo è quello appartenente al sesto senso. Non preoccuparti, spiegherò meglio questo concetto più avanti, perché attribuirò un nome al tuo istinto, così da comprendere le differenze. Le persone sono convinte di pensare con la voce del proprio Io, senza rendersi conto che sono totalmente ingannate. Il Low gioca in vari modi. Il primo metodo che utilizza tipicamente è quello di abbattere la persona, facendole credere che ciò che sta leggendo sia una sciocchezza o una tecnica oscura che la auto-ucciderà semplicemente leggendo le mie parole. Questa verrà seguita dal “io non lo so fare”. Così facendo, ti farà credere che tu non ne sia capace, che tutti e dico tutti siano più forti di te, che, anche senza averci nemmeno provato, sei il più debole del pianeta. Spesso utilizza anche la tecnica della “minaccia”, tanto per dire. Ti farà credere che tu non possa mai e poi mai uscire dal Low e ti farà credere che lui ti controllerà a vita, quindi che sia inutile sprecare tempo ad allenarti, perché tu sarai suo schiavo sempre e comunque. Andiamo, vuoi credere davvero a queste sciocchezze? La parte più divertente è che se neanche questa tecnica funzionerà, ti dirà di stare tranquillo, perché tu sei già estremamente forte, quindi non c’è bisogno che ti alleni e che tenti il risveglio, perché tu sei già illuminato e gli altri in realtà ti invidiano, soprattutto chi ti dice di allenarti in realtà lo dice solo per invidia della tua estrema potenza nel riuscire ad essere risvegliato anche senza bisogno di duro allenamento. In altre parole, qualunque scusa è buona per convincerti a mollare. Hai intenzione di cascarci?

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©
65+

393 Commenti

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *

Nome *
Email (opzionale)


  1. Foto del profilo di MYRIAM

    Tutto molto chiaro. Non sarò una recluta delle energie oscure perché ho scelto di risvegliarmi ed evolvermi.Grazie!

  2. Ogni giorno è il giorno perfetto per il low di farci cadere, e lo sto vedendo su di me, quindi solo la pratica costante mi ha salvato.

  3. Foto del profilo di GiacomoR

    Il low conosce molti stratagemmi ma una volta superati questi non può più impedirci di praticare. Per fortuna che la Forza mi ha portato sulla via giusta, questa Accademia è meravigliosa.

  4. Foto del profilo di Morgana13

    A volte è davvero difficile non farsi prendere dalla rabbia e capire che è un gioco del low

  5. Foto del profilo di thomas1997

    grazie mille angel comunque anchio mi ricordo che quando ero piu piccolo mi facevo domande su questa sensazione strana che sentivo…
    come se fossi sveglio ma non sveglio come quando ero piu piccolo.. come se mi mancasse qualcosa…
    ogni tanto mi sentivo sveglio di nuovo e ogni tanto no .. ma non sapevo controllarlo

  6. Foto del profilo di Famuzu

    Uno dei migliori articoli che abbia letto per ora

  7. Foto del profilo di alexlele71

    Individuare il Low non è sempre facile, ma leggendo le informazioni che fornite diventa più semplice individuarlo e non cascarci.

  8. Foto del profilo di Francis

    Inutile e debole, mi sono sentita spesso, e soprattutto in ritardo rispetto a tutti. Anzi, in fondo e’ un grosso scoglio questo , per riscoprire proprio me stessa. Mi ha tenuta legata all’idea della meditazione, un sentimento , una vocina molto sottile..

  9. Foto del profilo di haribolo

    La cosa più importante è la consapevolezza specialmente quella del modo di agire del low. Grazie per averlo definito e spiegato ancor più nel dettaglio i suoi stratagemmi!!

  10. Foto del profilo di Diamante

    Argomento molto interessante, ma mi rendo conto di doverlo rileggere di nuovo quando sicuramente tra le righe troverò altri particolari che adesso mi sono sfuggiti. Una cosa che mi accomuna con tanti è la sensazione di essere “strana” talmente tanto che molti me lo dicono ancora oggi. Da anni ho scoperto che l’energia positiva attira la positività, senza nemmeno capirne il motivo. Spero di prendere coscienza di tutto il mondo che mi circonda e di tanti punti ancora non chiari che non capisco da dove arrivano.

  11. Foto del profilo di Mimma

    Grazie Angel. Faccio ancora fatica ad accettare che ci sia qualcosa che ci controlla, ma come dici tu sento anche il benessere che mi da la meditazione e sento la sensazione che esista “altro”, quindi una forte spinta a proseguire.

  12. Foto del profilo di morganadyl

    Più proseguo il percorso e più mi si chiariscono un sacco di cose, come se si stesse dissolvendo la nebbia. Grazie per il tuo accorato lavoro

  13. Foto del profilo di melamela3

    Mi piacciono moltissimo le lezioni con domande e risposte.. Grazie Angel, le tue risposte mi alleggeriscono l’animo… soprattutto in un periodo in cui mi sento un po’ persa… Grazie di cuore.

  14. Foto del profilo di Pol

    La prima regola della meditazione è quella di rilassarsi, di stare bene. Quando mediti devi riuscire a rallentare la tua mente, il tuo corpo, non devi respirare affannosamente e non devi pensare a raffica ad ogni pensiero che ti viene in mente, ma esattamente tutto l’opposto. Rilassati e respira prana, rallenta il tuo corpo, rallenta il tuo respiro, fai respiri lenti e profondi, lasciati rilassare, lasciati andare come se stessi poggiato su di un velo d’acqua e questa con delicatezza si spostasse, lasciati fluire. Non c’è bisogno di temere, non è un oceano in cui tu potresti annegare e morire, ma è solo un velo di acqua che con dolcezza vuole trasportarti, lasciati andare. Quando imparerai a rallentarti, allora tutto si velocizzerà. Sembra che non abbia senso, vero? Eppure è così.
    Bello, Bellisimo. Quando riuscirò a sentire, percepire tutto questo, penso che già’ Sno vicino al traguardo 🙏

  15. Foto del profilo di Slim

    Molto bello spero di sentire al più presto i miei chakra