05 – Non sei qui per caso…

non sei qui per caso

Mi è sempre stato chiesto:

“Perché la gente non capisce che i fantasmi esistono? Perché la gente non crede in Dio? Perché crede che non esistano gli alieni? Perché la maggior parte di loro non crede in queste cose o non le comprende?”

La risposta potrà sembrare scontata, ma non tutti sono uguali.

Non intendo catalogare le persone dando loro un’etichetta, ma vorrei semplicemente far comprendere la differenza.

Ci sono persone che sono pronte per conoscere certe informazioni, altre invece no.

Possiamo suddividere le persone in 3 categorie:

  • 1 –  Coloro che non credono e come tali non vogliono che si creda in tutto ciò che può essere definito come “paranormale”. Essi sono estremamente convinti del loro scetticismo o dei loro ideali a tal punto da possedere la verità assoluta nell’affermare che niente esiste o che esiste solo come dicono loro.
  • 2 –  Coloro che non credono ma che non hanno alcun interesse ad imporre il loro pensiero. Potremmo definirli come dei “menefreghisti innocui”. A questa categoria di persone possiamo aggiungere anche coloro che ascoltano il pensiero altrui e magari credono in qualcosa, ma non sono interessati ad approfondire il paranormale a grandi livelli.
  • 3 –  Coloro che dimostrano grande interesse per diversi argomenti “paranormali’’, magari non per tutti, ma intendono comunque aprire la loro mente all’ascolto prima di rinnegare l’esistenza di qualunque cosa. Spesso queste persone iniziano a praticare meditazione etc, per poter evolvere maggiormente la propria coscienza.

Più comunemente distinguerei queste persone in spirituali e non spirituali. Le prime due “categorie’’ le inserirei nel gruppo dei “non spirituali’’, perché la loro mente è radicata in ciò che vedono con gli occhi umani; la loro prospettiva è quindi estremamente ridotta.
La terza categoria la inserirei invece nel gruppo degli “spirituali’’, vale a dire persone che hanno deciso di seguire il proprio istinto nel voler conoscere la verità. Non nascono già praticanti e come gli altri non sentono immediatamente il bisogno di praticare chissà quali cose (se non in rari casi). Nonostante la pigrizia sentono in loro una forte spinta nel cercare qualcosa, vogliono conoscere e saperne sempre di più, potremmo dire che sono affamati di conoscenza. Non si sentono mai pieni.
C’è una differenza tra “spirituale” e “non spirituale”. Coloro che definirei come “spirituali” sono persone spinte nel volersi evolvere. In realtà queste persone sono già più evolute in molti aspetti anche senza saperlo, ed è per questo che sentono di voler continuare a scoprire.
I “non spirituali’’ non sentono questo forte bisogno di conoscenza. Qualche volta potrebbero dimostrarsi curiosi per certi periodi, ma il conoscere per loro non è necessario. La vera ragione di questo è che non sono pronti a conoscere.
Spesso nella lingua comune questa terminologia viene confusa. Il non essere pronti non può essere una giustifica per la propria pigrizia. Spesso sento persone che mi dicono:
“ho sognato una ragazza che ti somigliava molto, mi offriva la conoscenza e sapevo di potermi fidare e poi sei arrivata tu, però non mi sento pronto/a ad iniziare”.

Io insisto nel dire che se mi hai trovata, a prescindere da cosa stavi cercando, è perché tu sei pronto.
Non importa se mi hai sognata o se non sai minimamente chi sono, tu non cercavi realmente me, tu cercavi un mezzo per ottenere queste informazioni. Io non sono ciò che stavi cercando, io sarò il mezzo con cui troverai ciò che realmente ti interessa sapere.
Troppe volte le persone attribuiscono la paura di un nuovo inizio o la semplice pigrizia con il “non sono pronto’’, rimandando poi il proprio risveglio con la tipica frase “quando sarò pronto lo farò’’.
Mi dispiace quando conosco persone che non riescono a vedere ciò che vedo io.
Il rimandare è solo un altro metodo per dire “non accadrà mai perché sono troppo pigro’’.

Se sei qui è perché tu sei pronto a conoscere.

Nessuno in questo sito ti butterà in una stanza chiusa piena di fantasmi, nessuno in questo sito ti obbligherà a fare ciò che non vuoi, quindi smetti di mentire a te stesso.

Non è un caso che tu sia qui a leggere queste parole. Tu stavi cercando la verità.
Dentro di te qualcosa urlava, ti spingeva a cercare, qualcosa voleva esplodere e dirti: “E’ lì, è lì!!!’’, ma tu non eri pronto ad ascoltarlo, avevi troppa paura. Poi, per puro caso, sei arrivato qui. Nessuno ti ha obbligato a leggere i miei scritti, se non il tuo stesso Istinto. Potrei essere una persona qualunque, ma qualcosa ti spinge a leggere a continuare a nutrirti delle mie parole, perché sai che non sono solo parole.
Non possiedo abbastanza ego per dirti che ti offrirò la Verità Assoluta, ma è probabile che mi ci sia avvicinata molto più di altri. Mettimi alla prova leggendo, sperimentando e verificando ciò che segue.
Ci sono due persone al mondo: coloro che non sono pronti e coloro che oggi otterranno un inizio d’illuminazione.

Mentre stai leggendo questi documenti, potrà capitarti che piccoli brividi positivi attraversino il tuo corpo, brividi che ti fanno stare bene, brividi che ti emozioneranno. Questo avviene a coloro che definisco “spirituali”.

Tu sei pronto, non avere dubbi inutili.

Le persone non spirituali non possono comprendere ciò che uno spirituale riesce ad afferrare. Non si tratta di intelligenza, ma di evoluzione. Le persone spirituali lo sono da tanto tempo, da prima ancora di nascere. Hanno una conoscenza più ampliata dentro di loro, non sanno perché, ma sanno che tutto ciò esiste. Ci sono persone spirituali che conoscono molto bene l’esistenza di tutto ciò, altre iniziano con la convinzione che i fantasmi non esistano o che siamo soli al mondo, ma non è importante: col tempo e con l’esperienza affineranno le loro conoscenze.

Nonostante questo però, qualcosa li spinge a voler conoscere e a saperne sempre di più.

Tu sei un essere spirituale, un essere molto potente che vuole risvegliarsi il prima possibile.

 

Tu sei pronto.

 

Nutriti di prana… otterrai tutto ciò che desideri.

 

I non spirituali non possono comprendere ciò che hai da dire, non capirebbero nemmeno se tu iniziassi a spostare oggetti con la mente davanti ai loro occhi; direbbero che è un semplice trucco di magia. Potresti far bruciare qualcosa o potresti cambiare il meteo, facendo iniziare a piovere in una giornata di sole che spacca le rocce, ma loro risponderebbero che hai semplicemente guardato il meteo alla tv e sapevi che a tale ora sarebbe successo. Potresti bucare una nuvola e dargli la forma che più desideri, ma loro non lo vedrebbero, direbbero che è solo una tua illusione ottica. Loro non hanno la capacità di comprendere ciò che potresti fare tu. Non sono pronti, il loro cervello glielo impedisce.  Le poche persone “non spirituali” che noterebbero le tue capacità, inizierebbero a temerle come se tu fossi una persona oscura e malvagia, o semplicemente dimenticherebbero tutto dopo qualche giorno, dando scarsa importanza all’accaduto. Si allontanerebbero da te, reputandoti ‘strano’ e pericoloso.

C’è un importante differenza tra “spirituale” e “non spirituale”.

 

Tu sei un ospite in questo pianeta, sei diverso da loro.. sei di passaggio.

 

Hai delle missioni in questo tempo, ma cerchi continuamente di negarlo.

 

Tu non ricordi, ma sei qui per un motivo.

 

Non sei qui per caso.

 

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

133+

739 Commenti

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *

Nome *
Email (opzionale)


  1. Foto del profilo di giusybi

    Fin da piccola ho sempre avuto problemi a stare coi compagni, non mi piaceva il loro modo di comportarsi, mi ricordo che predevano in giro una mia compagna che era un po’ diversa, io ero povera ma lei ancora di più e poi non era molto bella fisicamente (si parla di elementari, cose che i bambini non dovrebbero guardare) io stavo sempre con lei, cercavo di difenderla, in loro vedevo la superfcialità; la cosa é continuata sia alle medie che alle superiori, compagni/e superficiali che guardavano chi era bello o brutto coi soldi o senza e io preferivo stare con chi veniva escluso, stavo meglio con le persone più grandi di me. Al mondo ci sono tante persone vuote che non ti capiranno mai. Credo che questo col senno di poi sia un segnale.

  2. Foto del profilo di MJason1000

    Wow sono rimasto piacevolmente colpito di questa introduzione e non posso che essere d’accordo con ciò che è stato scritto. So di essere spirituale e allo stesso tempo voglio risposte alle mie domande quindi sono pronto ad iniziare questo percorso.

  3. Foto del profilo di LauraF

    Penso di essere stata tutte e tre le categorie, so cosa significa non essere pronti. Peccato aver perso così tanto tempo…meglio darsi da fare..

  4. Foto del profilo di Colibryl

    Chi sa, spero di scoprire presto il motivo della mia presenza qui …

  5. Foto del profilo di Silvy Maddalena

    Sono profondamente d’accordo con quello che dici in questo articolo. Sin da piccola sapevo di non essere qui per caso, vedevo e dicevo cose che per chi mi era accanto erano stranezze. Quante volte, la gente ha avuto paura di me o mi ha reputata strana, e per questo si é allontanata da me. Ci sono stati atteggiamenti che mi hanno ferita, perché quando si è bambini, non puoi capire perché le persone ti fanno male, come non capisci perché gli altri reputano così strano ciò che per te è, invece, così ovvio e scontato. Man mano che sono cresciuta mi sono resa conto di come gli altri fossero diversi da me e mi chiedevo come fosse possibile che non vedessero ciò che vedevo o sentivo io. Per me i strani erano loro! Ho sofferto molto, e mi sono sentita cattiva e sbagliata. Fortunatamente, ho sempre avuto un carattere forte e sono stata capace di seguire il mio intuito. Parlare con chi era nell’altra dimensione e mi diceva di non dare retta a ciò che i “grandi” mi dicevano mi è stato di aiuto. Le miei guide mi hanno sempre spiegato che essere grandi di età non signignfica essere sapienti. C’è molta gente che dorme e non sa, che ciò che è stato dato a me, non è un lato oscuro ma un dono di Dio e che tutti se volessero potrebbero trovarlo dentro di loro. Gli angeli, le entità mi hanno sempre spiegato che c’era un motivo perché possedevo certe capacità e che un giorno lo avrei scoperto. Quel giorno é arrivato già da un po’ e mi stanno guidando a comprendere e a muovermi per evolvermi e aiutare gli altri. Sono certa che qui troverò il modo di aprire ancora di piu’ certi canali, altrimenti non avrei sentito la spinta a seguirvi.

  6. Foto del profilo di Steph

    Non siamo qui per caso, sono sempre stata convinta che ci fosse qualcosa di più, una ragione più profonda per la nostra esistenza su questo pianeta!
    Grazie a questo articolo e più in generale ad ACD posso avere la conferma che la mia non era solo una convinzione inutile, ma che davvero c’è di più!