• Home
  • Step 1
  • 27 – I Sogni – Cosa sono i Sogni (1 parte)

27 – I Sogni – Cosa sono i Sogni (1 parte)

Questo articolo è disponibile anche in formato Audio, se desideri ascoltarlo clicca qui

Pagina 1 su 2

Se nominiamo la parola Sogni, partiamo subito con il presupposto che non si tratti di un argomento serio e interessante, perché abbiamo associato ai sogni gli unici significati di fantasia. Siccome tutti sogniamo, tutte le notti o quasi, sottovalutiamo questo genere di esperienza perché abituati ad averla da sempre. È vero che la maggior parte dei sogni sono “soltanto sogni”; ma non tutti loro sono composti da sola fantasia. Ci sono sogni che rivelano informazioni molto più importanti di quanto si pensi, sia della nostra personalità, che del nostro futuro, come del nostro passato. Alcuni sogni non sono soltanto sogni, perché per quanto possano sembrare assurdi sono veri e propri ricordi di esperienze che abbiamo realmente vissuto, ma consciamente non le ricordiamo, così riaffiorano la notte mentre dormiamo. Altri generi di sogni ci permettono di vivere esperienze extrasensoriali, come ad esempio comunicare con persone che non ci sono più; altri ancora ci permettono di vedere il futuro, anche in modo molto dettagliato.

Esistono diversi tipi di sogni, a partire dal più famoso sogno Lucido sino a giungere al sogno Premonitore. I sogni ci permettono di notare ciò che coscientemente non riconosciamo subito. Non si tratta solo di sogni fantasiosi, ma anche di una parte di informazioni che, fra un sogno e l’altro, ci vengono rivelate. Tante volte pensiamo che i sogni non abbiano nessun significato, o che al massimo possano avere un’interpretazione psicologica del soggetto che sta sognando. In verità i sogni possono nascondere molto di più. Ti sarà capitato di sicuro, più di una volta nella vita, di fare un sogno in apparenza fantasioso, ma che ti ha lasciato una bruttissima sensazione anche dopo il risveglio. Le scene vissute nel sogno potevano essere anche impensabili, tant’erano lontane dalla realtà, eppure quando ti sei svegliato – e per diverse ore successive – sei rimasto scosso da quel sogno. In apparenza poteva sembrare un sogno normalissimo, eppure ti ha lasciato scosso e disturbato addirittura per i giorni successivi. Perché un banalissimo sogno dovrebbe provocarti questi effetti così negativi? Anche ipotizzando che fosse stato un incubo, dal momento in cui ti sei svegliato sapevi che era tutto finito; quindi perché ti ha lasciato di pessimo umore anche dopo il risveglio? Quello non era soltanto un sogno. Naturalmente lo scenario che hai visto potrebbe essere stato quasi del tutto fantasioso, eppure all’interno di quel sogno c’era qualcosa di reale, che ti ha lasciato quella sensazione fastidiosa anche dopo il risveglio, proprio perché quello non era soltanto un sogno.

Certe volte poi, i nostri incubi vengono provocati da presenze negative che riescono ad influenzare il nostro sonno tanto da disturbarlo. In apparenza tutto è calmo intorno a noi, perché il Low ci impedisce di vedere ciò che di energetico ci circonda; eppure loro riescono a vederci, perché non hanno il problema del Low. Di conseguenza, le entità, riescono a vederci e influenzarci negativamente, mentre noi subiamo perché non riusciamo a vederle, quindi non ci poniamo il problema di difenderci da loro. Ed è qui che sbagliamo. Solo perché non vediamo qualcosa non significa che questa non esista, e peggio ancora, non significa che anche lei non riesca a vederci. Tutti noi purtroppo siamo lo zimbello delle entità, perché loro vedono noi, ma noi non vediamo loro, e addirittura neanche crediamo nella loro esistenza! Così facendo, loro hanno la libertà assoluta di influenzarci negativamente e di giocare sulle nostre vite, senza che facciamo nulla per opporci.

Quando dormiamo siamo molto vulnerabili, tant’è che il nostro sonno può essere facilmente influenzato da energie esterne che ci colpiscono. Allo stesso tempo però siamo anche più percettivi. Non solo le entità negative sono capaci di influenzarci, ma anche altri tipi di energie che possono avere scopi positivi o negativi. Capita molto spesso che le entità cerchino di comunicare con noi attraverso i sogni, perché è una via molto più semplice, per loro, rispetto alla comunicazione verbale da svegli per come ce l’aspettiamo noi. Infatti, ci immaginiamo che se un’entità volesse comunicare, dovrebbe apparire davanti ai nostri occhi e dirci per filo e per segno ciò che intende rivelarci.

Pagina 2 su 2

Ma la realtà è molto più complessa, perché esiste il Low che cerca di bloccare tutto questo. Quindi le entità non riescono a comunicare con tanta facilità, e talvolta ci provano attraverso i sogni. Perciò, qualche volta, i nostri sogni non sono soltanto sogni, perché al loro interno possiamo trovare comunicazioni reali. Ma le entità non sono le uniche che provano a comunicare con noi durante il sonno. Anche il nostro inconscio cerca di comunicare, seppure sembri così scontato e ovvio. In verità non dovremmo sottovalutarlo poi così tanto, poiché tante volte prova a farci comprendere ciò che noi, durante il giorno, non vediamo o non vogliamo vedere. Alcune volte la nostra mente vuole comunicarci qualcosa che non riusciamo a capire da svegli. Il nostro inconscio non è soltanto un recipiente di ricordi e informazioni, ma è molto più profondo e intelligente, tanto che cerca di comunicare con noi per farci capire che cosa c’è che non va. Non c’è da stupirsi se certe volte i sogni ci rivelano ciò che sta accadendo, proprio in quei giorni, intorno a noi. Da svegli potremmo non aver compreso la situazione in cui ci troviamo, ma i sogni potrebbero rivelarcelo. È come se il nostro inconscio vede e registra, anche ciò che noi non capiamo istantaneamente; dopodiché, durante i sogni, prova a comunicarcelo. Ma spetta a noi comprendere quei messaggi dettati dall’inconscio, perché non sempre sono così facili da intuire! Tante volte i nostri sogni preannunciano un cambiamento molto forte nella nostra vita, che dopo pochi giorni si avvera realmente. Certe volte si tratta di messaggi dal nostro inconscio che vuole comunicarci ciò che ha avvertito, attraverso i segnali che durante il giorno noi non abbiamo compreso: ma lui sì e cerca di comunicarcelo. Altre volte, invece, si tratta proprio di Sogni Premonitori, perché non c’era alcun dato che potesse avvertirci di quell’improvviso cambiamento, eppure lo abbiamo sognato e, dopo poco tempo, si è avverato con grande precisione. I sogni Premonitori non sono così rari, o meglio ci sono persone che li vivono molto più frequentemente di altri, al punto da compiere anche più di un sogno premonitore a settimana. C’è chi compie sogni premonitori quasi tutti i giorni.

Poi ci sono i sogni Lucidi, ovvero quei sogni in cui ti rendi conto di stare sognando, al punto che puoi decidere di fare qualunque cosa: per esempio puoi decidere di volare, oppure di respirare sott’acqua, perché ti sei reso conto di essere dentro un sogno e sei consapevole che sia tutto finto, illusorio, perciò giochi nel sogno perché sai che non ti può accadere nulla di male. Non è straordinario? Eppure, ben pochi si rendono conto che i sogni lucidi possono diventare molto più interessanti, se saputi utilizzare. Alcune persone hanno compreso che il sogno è una vera e propria dimensione, che si può sfruttare come trampolino da lancio per infilarsi in altre dimensioni più interessanti. Per esempio si può utilizzare il sogno lucido per riuscire a compiere un vero e proprio Viaggio Astrale. A questo punto ti rendi conto che i sogni non sono soltanto sogni, ma possono diventare porte per altre dimensioni, se impariamo ad utilizzarli. Questa non è che una breve introduzione al mondo dei sogni, perché essi sono una vera e propria dimensione che si può sfruttare per compiere gesti reali. Basti solo pensare che attraverso il sogno puoi riuscire a comunicare con un’altra persona, anche molto distante da te fisicamente, ed entrambi al risveglio ricorderete di aver compiuto lo stesso identico sogno. Questa non è forse una comunicazione telepatica?

Successivamente approfondiremo l’argomento Sogni e ti assicuro che sarà molto più affascinante del previsto.

Fine pagina 2 su 2. Se hai gradito l’articolo, commenta qui sotto descrivendo le tue sensazioni durante la lettura o la pratica della tecnica proposta.
Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

135+

677 Commenti

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *

Nome *
Email (opzionale)


  1. Molti anni fa’ ho fatto per ben due volte un sogno lucido, ed era un vero e proprio viaggio astrale, il primo, ero sdraiata sul mio letto, dormivo o forse no’…..sono partita da casa mia, ho percorso 50 km circa alla velocita’ della luce e mi sono ritrovata nella casa di mia madre in campagna…l’ho’ vista dal’ alto, sono entrata in casa, ho fatto un giro di ricognizione e, sono tornata indietro fino al mio corpo sdraiato…era fantastico, il secondo, invece sempre sdraiata nel mio letto, correvo alla velocita’ della luce e a differenza del primo sogno….non sapevo dove stavo andando, non riconoscevo nulla…strade, case, viette…di sicuro somigliava ad un paesino….mi fermo d’avanti una casa, entro… sulla mia destra c’erano delle scale che portavano al piano di sopra, salgo, c’era soltanto una camera da letto ed un bagno, ed anche un gatto. torno indietro perche’ non sapevo cosa ci facevo li’…..molto tempo dopo, la mia caposervizio di allora, mi invita a pranzo, a me e qualche altra collega di lavoro…durante il tragitto, riconosco qualche stradina, arrivate d’avanti casa, entro e la riconosco….sulla mia destra ci sono delle scale, chiedo se posso salire, una camera con bagno, un gatto….era la sua casa, Emozionante….quello che non sapevo e’ che erano viaggi astrali…quante cose imparo da quest’ accademia. Grazie

  2. Ovviamente voglio saperne di più 😉
    Tempo fa ho sognato che dovevo andare in prigione, ero consapevole di essere in torto ma dovevo lasciare marito e figli… Al risveglio ero veramente turbata e lo sono rimasta per un paio di giorni, tanto che ancora lo ricordo, cosa che invece non accade! Secondo me ho rivissuto un momento di una vita passata.

  3. La cosa più antipatica è pensare che per tutta una vita abbiamo sognato credendo fossero solo fantasie, e invece chissà quante volte non abbiamo recepito messaggi ben precisi che magari ci avrebbero aiutato in tante occasioni. E poi ovviamente dimenticati. cercheremo di prestarci maggiore attenzione da adesso in avanti.

  4. Argomento che da sempre ha la mia curiosità! Leggere che il sogno può essere usato come porta per accedere in altre dimensioni è molto emozionante. Molto meno l’idea che qualcosa agisce su di me senza che io me ne renda conto!!

  5. Si sogni sono influenzabili, Low permettendo, dalle entità e dalla nostra coscienza. Insomma, possono comunicarci qualcosa nel male o nel bene…
    Penso dipenda da noi intuire quanto dipende dal Low e quanto da altro.
    Per quanto riguarda i sogni premonitori, purtroppo non ne ricordo. Invece ricordo qualche sogno lucido dove ero capace di volare. Era fantastico perché sembrava reale.
    Da rifare, ma ditemi come!

  6. Sono rimasta piacevolmente affascinata dal modo di descrivere questo mondo per me ancora misterioso. Ho già esperienza sia di sogni lucidi che di premonitori ( pochissimoli a dire la verità e fatti senza saper definirli) ma di viaggi astrali ed altro non ho ancora esperienza. Però in questi ultimi anni per la maggior parte mi sembra di dormire senza sognare, mentre raramente ho avuto incubi ( soprattutto e quasi esclusivamente dopo aver conosciuto persone nuove). Vorrei saperne di più. Inoltre trovo molto interessante scoprire che i sogni possono essere utilizzati per la propria evoluzione. Grazie

  7. Reputo i sogni una delle tematiche più affascinanti! Da piccola sognavo e ricordavo molto, adesso mi sembra quasi di non sognare più… o meglio penso di sognare, ma non ricordo nulla. Purtroppo non ho mai fatto né sogni lucidi, né sogni premonitori, spero con il tempo e con il proseguimento delle tecniche di avere sogni premonitori e sperimentare l’esperienza del sogno lucido!! Grazie per tutti questi meravigliosi insegnamenti ❤️

  8. Ho sempre voluto saperne di più sui sogni. Ho fatto molte volte sogni lucidi e mi sono divertito un sacco, volavo passavo attraverso i muri e creavo nelle mie mani gli oggetti che volevo.
    Sono curioso di scoprire altro

  9. Su questo tema in particolare riconosco che il “low” lavora molto bene.

    Difficilmente riesco a ricordare sogni, pur essendo certo di sognare. A volte ho solo la sensazione di ricordare solo sprazzi…

    Anche tutto ciò mi motiva a proseguire!

    Grazie.

  10. Spesso mi è successo di sognare qualcosa che mi ha scosso per molto tempo, ma essendo immersa nel Low non davo molta importanza, se non quella dettata dalla psicanalisi classica. Non vedo l’ora di approfondire meglio questo argomento!

  11. So che la natura dei sogni non sono semplice fantasie. Come ho scritto in un commento si da piccola ho sempre fatto sogni promontori. Il problema è che spesso non li ricordo altrimenti cerco sempre di analizzarli e capirli. Adesso avrò l’opportunità di comprendere cosa sono realmente. Abbiamo sempre sognato eppure non sappiamo molto su questo tema..

  12. Vivo tutte queste esperienze da sempre… Ricordi, sogni premonitori, comunicare con i “morti”, scovare entità, viaggi astrali e dimensionali.. Raramente sogni lucidi, nel senso che mi rendo conto di star sognando, ma spesso lascio che il sogno si svolga senza intervenire (piuttosto indicativo di come lasciavo correre la mia vita) … I ricordi “negativi” son i peggiori emotivamente, perché vengono a galla molti traumi di vite antecedenti, soprattutto terrestri e in quelli avverto l’eventuale dolore fisico come se stessi nuovamente rivivendo l’accaduto.. Di altri non riesco a darmi spiegazione, ma per alcuni comprendo che qualcosa cerchi di far leva sulle mie paure. Avverto, però, in quel caso, come se le persone coinvolte abbiano solo fattezze identiche a quella in veglia, ma non siano loro. Emanano qualcosa che assomiglia al “reale”, come un’aura artefatti, ma siano attori.. Spesso mi è capitato di svegliarmi nel cuore della notte e vedere ad occhio nudo entità che, durante, assorbivano energia da me ed il mio compagno, quasi delle ombre cinesi, in realtà molto meno potenti di quel che volevano dare a vedere,ma non di meno disturbanti. Più spesso mi capitano sogni premonitori, oppure vedo le scene di morte di persone che conosco direttamente o indirettamente, generalmente la notte in cui sono morte.. Oppure qualche giorno dopo, se esse son rimaste energeticamente legate dallo shock al luogo dell’accaduto. Questi sogni hanno un’aria diversa, per così dire.. Altre vado letteralmente in dimensioni dove essi permangono tutti assieme. Ai 4 anni sono morta soffocata e ci misero parecchio a rianimarmi. Durante quel lasso di tempo, ricordo di essermi trovata in una pianura che si estendeva per km.. Mi accolsero quelli che, poi da adulta, riconobbi come miei antenati in vecchie foto di famiglia, di cui al tempo non ero a conoscenza. Mi fidai istintivamente, nonostante fossi una bambina piuttosto socievole, ma attenta alle mie sensazioni. Mi erano familiari… Non ricordo le conversazioni avute, ma la coscienza didi avervi passato molti mesi, anziché poco più di mezz’ora.. Avevo la convinzione di essere chi sono oggi (cosa che fra l’altro avevo accettato da poco, non essendo pienamente convinta della mia identità e avendo fatto fatica ad identificarsi con il nome e la storia di vita che vivevo). Un episodio ben diverso mi attese anni dopo, ai 21,ma in quel caso fui cosciente di essere sola.. coscienza.. Non esisteva altro che energia immensa e fusa e nessuna preoccupazione o verbo terreno. Nei sogni riusxivo ad accedere a quella dimensione sperimentata durante la prima morte per andare a trovare mia nonna, che mi intimò alla fine il pericolo nel recarmi lì. Da allora veniva lei a me.. Da qualche anno sento sia andata oltre la sua ultima personalità (cosa confermata da un sogno), ma la avverto a distanza in qualche modo…

  13. È stato proprio il desiderio di riuscire nell’intento di fare viaggi astrali, a portarmi qui in acd….e rimane tutt’ora uno dei sogni più grandi a cui aspiro! Sono entusiasta quel desiderio mi abbia fatto conoscere voi, perché mi state aprendo un mondo ben più vasto e sicuramente più completo, che nell’insieme mi renderà anche più semplice avere un obe col tempo, sarò sicuramente più pronta ad affrontarlo e meno spaventata da ciò che ancora non conosco.

  14. Questo è un argomento che mi sta a cuore ve vorrei approfondire…spero di discuterne in classe perché di domande ne ho tante..

  15. Abbiamo grandi capacità e purtroppo non ne siamo consapevoli, non nasciamo con il libro di istruzioni di noi stessi, ma è tutto da scoprire…

  16. Interessante non avevo mai letto nulla sui sogni, l’idea di usare un sogno per entrare in altre dimensioni o parlare telepaticamente con una persona e una cosa fantastica. sopratutto spero di riuscire a ricordare i sogni che spesso non ricordo.

  17. Ho sempre sognato di fare un viaggio astrale o un sogno lucido.
    Anni fà, il 21 Giugno 2004 per essere precisi, ho subito un’incidente stradale e sono stato 35 gg in coma farmacologico, ho fatto tanti sogni che oramai non ricordo più, ma due in particolare li ricordo tutt’ora:
    Il primo, La partenza:
    Mi trovavo davanti una porta, la apro e mi ritrovo dentro un pozzo illuminato, nella mia sinistra c’era una signora anziana che faceva una maglia con la lana.
    Ero attratto dalla luce, quindi guardai verso l’alto e mi sentii risucchiato fino a trovarmi fuori dal pozzo.
    Era un posto nuovo (nuova dimensione?) ho iniziato a camminare e dopo un pò ha iniziato a piovere.
    Sentire la pioggia su di me in quello stato eterico era starordinario, non era come pecepirla qui, tutto era diverso.
    l’ultimo : Il Ritorno
    Sono su un pianeta con un maestro tibetano, di fonte a me vedo il pianeta terra.
    Lo guardo e gli dico, maestro, io voglio restare qui, non voglio tornare li, lui mi risponde:
    lo so, ma ora devi andare, poi tornerai.
    Ricordo che presi una croce di legno e iniziai a trascinarla con me risvegliandomi in ospedale arrabbiatissimo perchè volevo tornare indietro….a volte penso che la vita reale avvenga durante il sonno…..

  18. Attendo con ansia la parte due, in cui magari vi sarà una o più tecniche per scatenare i sogni lucidi! 🙂