024 – I Sogni (1 parte)

Pagina 1

 

 

Oggi mi sento parecchio ispirata a spiegarvi un concetto molto importante, che da gran parte delle persone viene spesso sottovalutato.

I sogni.

Questi sono molto importanti, perché ti mostrano ciò che il tuo inconscio ha immagazzinato dentro sé. Delle volte, il nostro Io superiore comunica con noi attraverso il sogno, ma spesse volte il nostro Io umano cerca di prendere il comando anche nella vita reale, attraverso il ‘semplice’ sogno.

Mi sono spesso sentita dire ”No Angel, non dovresti parlare di questo, oltretutto non è poi così tanto importante” beh, non la penso così. Oggi ho intenzione di rivelarvi le mie conoscenze riguardo questo vasto mondo.

Innanzitutto, dove siamo quando sogniamo? Il nostro corpo è sempre al solito posto, e a differenza di altre persone che parlano senza fare esperienza, do certezza che l’anima rimanga anch’essa al solito posto (come per i viaggi astrali) altrimenti, se lei andasse a spasso come spesso mi capita di leggere in alcuni forum, tutti noi saremo già morti da un pezzo; sognare quindi non è pericoloso, come (per fortuna davvero poche) alcune persone dicono. Ne ho sentite tante, ma voglio rivelarvi la mia opinione, attraverso le mie intense esperienze.

Quando sogniamo parte della nostra coscienza si sposta in una dimensione, profonda e spesso definita incontrollabile. In questa dimensione è possibile quasi tutto, poiché si tratta di una dimensione in cui il programma è molto malleabile. Personalmente, suddivido i sogni in 4 categorie:

 

1 – Sogni del proprio inconscio, talvolta importanti come fantasiosi;

2 – Sogni lucidi;

3 – Sogni coscienti;

4 – Sogni premonitori.

 

I sogni lucidi sono molto famosi, perché si tratta di un momento durante il tuo sogno in cui prendi lucidità e capisci di stare a sognare; capisci che puoi fare tutto (o quasi) quello che vuoi. La prima cosa che viene da pensare potrebbe essere fare salti disumani o giù da un palazzo per iniziare a volare, perché in fondo sai che è solo un sogno e non può accadere nulla di male. Gran parte di coloro che spiccano il volo, decidono di volare orizzontalmente  e non tanto verso l’alto, perché questo sembra più complicato… ma perché questo?

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 2

 

 

Il sogno è una dimensione finita, non illimitata, infatti da quella si potrà passare facilmente ad altre dimensioni. Una tecnica molto comune per svolgere un viaggio astrale è, infatti, spiccare il volo durante un sogno lucido e dirigersi verso l’alto, in modo da uscire dal programma del sogno e quindi entrare nella dimensione astrale. Quando sogni, qualcosa ti fa credere che non sia possibile volare verso l’alto, ma nel sogno il tuo regolatore è estremamente debole, quindi puoi farlo senza troppe spiegazioni.

I sogni del proprio inconscio o più comunemente chiamati di fantasia, sono coloro che compiamo ogni notte, quelli ‘normali’, insomma… Ma nonostante molti credano che siano superficiali, in realtà sono estremamente importanti. Non solo perché la sensoria aiuta ad ottenere il 4 tipo di sogni, i sogni premonitori appunto, ma perché attraverso il nostro sogno possiamo scoprire cos’ha da comunicare il nostro inconscio. Per anni ho avuto modo di studiare sulla mia coscienza questo ‘fenomeno’, perché possedendo una grande capacità nei sogni premonitori, non potevo credere che il resto dei sogni fossero solo ‘fantasie’ del cervello umano… Doveva esserci per forza qualcosa lì sotto!

I sogni premonitori, sono quelli in cui sogni una scena o un avvenimento anche breve, che si realizza nella realtà il giorno seguente o dopo un po’ di tempo; alcuni possono realizzarsi dopo anni. I sogni premonitori non prevedono il semplice bere un caffè con un amico, che potrebbe essere benissimo roba da tutti i giorni; bensì potrà mostrarti una città che visiterai 5 anni dopo e vedrai quel ristorante in cui mangerai che nessuno mai ti ha detto esistesse; potrai vedere una persona che conoscerai dopo anni, o anche semplicemente una scena che non ti aspettavi proprio accadere il giorno seguente. Non è vero che i sogni premonitori si faranno vivi solo quando vorranno mostrarti qualcosa di molto forte, perché potresti benissimo sognare anche una banalità, come il rivedere un amico che non vedevi da tanto tempo, o una tua collega che ti dice una precisa frase. Dipende.

Quando sogni ti ritrovi in una dimensione tua, dove il tuo inconscio libera le informazioni e le mescola per dei precisi obbiettivi, che spesso noi non comprendiamo. Tra questa dimensione e quella degli altri, c’è una sottile separazione, ma varcandola si potrà sognare insieme la stessa cosa: è come stare insieme in una qualunque altra dimensione, e vedere entrambi le stesse cose.

Non credo tanto alla numerologia che trovi nei libri dei sogni, ma ho trovato vie in cui riuscivano a conoscere esattamente il mio presente attraverso il sogno. Com’era possibile? Ok, mi è stato detto che le traduzioni dei sogni sono in realtà frasi a casaccio che casualmente riescono a colpire qualcosa della tua vita e che tu quindi accomuni tutto come reale. Non mi piacciono le dicerie, perciò sono andata più affondo. Probabilmente non sono specializzata nello ”tradurre i sogni”, ma con la mia esperienza ho avuto modo di conoscere grandi lati della vita di molte persone, semplicemente facendomi raccontare un suo semplicissimo sogno.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 3

 

 

Com’è possibile che un libro dei sogni sappia tutto ciò? Innanzitutto un libro non si è scritto da solo, ma è stato scritto da qualcuno che per anni e anni ha studiato la psicologia delle persone, poi da lì un sacco di persone hanno inventato i loro libri prendendo spunto da quello “veritiero” e scritto frasi senza senso, questo è vero.

Come traduce solitamente il cervello umano un preciso sentimento? Come traduce una precisa situazione nella propria vita? Ovviamente siamo tutti diversi e delle volte si può far cilecca, ma vi garantisco che tutti noi abbiamo lo stesso regolatore all’interno del nostro cervello, e umano dopo umano, siamo tutti connessi all’unica fonte: Gaia.

Dovevo compiere un viaggio, avevo una folle paura di dirlo ad una precisa persona; il viaggio era in un luogo molto distante da dove abitavo, dovevo prendere l’aereo. Era inverno e avrei dovuto prendere l’Hotel in una precisa zona della città. Io non sapevo tutto questo, prima di interpretare i miei sogni. Non potevo credere che delle semplice parole, potessero fare in modo che qualcun altro di non animato potesse rivelare la mia vita senza nemmeno conoscermi, senza nemmeno essere un indovino.

Da lì ho compreso che avrei dovuto movimentare di più questa capacità, che sarebbe potuta diventare la mia capacità.

Ho quindi iniziato ad informarmi, a studiare su diversi siti quali potessero essere le informazioni migliori ma… Ancora qualcosa mancava. C’è voluto tempo per comprendere che per interpretare un sogno con grande precisione, non basta leggere sui libri o trovare il sito adatto; è essenziale avere un buon sesto senso.

Quando una persona mi racconta il suo sogno, non è importante che mi racconti la sua vita o le sue informazioni personali, perché sarò io a dirgliele attraverso il semplice racconto delle sue credute fantasie. I sogni non sono fantasie, nemmeno quando si è più convinti. Il sogno inconscio si suddivide in diverse parti. In primo luogo c’è da comprendere che colui che sta sognando non è l’Io di quando sei sveglio, ma è un’ altra parte del tuo Io. Nel sogno potresti fare cose che nella realtà non faresti assolutamente, come baciare un’altra persona al di fuori del tuo reale partner, o addirittura uccidere a sangue freddo una persona amata o odiata. Perché?

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 4

 

 

Spesso ci si sveglia quasi sentendosi in colpa, dandosi dell’immaturo o del crudele, per aver fatto un semplice sogno. La prima cosa che si dice è ”ehi calmati, era solo un sogno…” ed è vero, perché in questa dimensione nessuno ha visto che tu hai commesso quel reato o quell’azione, ma qualcosa di leggero e di molto sottile si è smosso. Non voglio dire che hai ferito qualcuno, voglio dire che dentro di te qualcosa sta accadendo.

I sogni vanno interpretati per quel che sono, e non per quello che si crede che sia. Spesso nel sogno ci sono scene ed emozioni contradditorie, come uccidere una persona ma essere entrambi felici (anche la vittima che sorride), o baciare la persona amata e provare un disgusto immenso.

Da cosa deriva ciò? Deriva da tanti, tanti fronti.

 

I dettagli del sogno vengono costantemente mescolati e rimescolati, ma gli ingredienti per eccellenza sono:

1- ricordi d’infanzia o qualcosa che ci ha segnato;

2- ricordi del giorno stesso prima di essere andati a dormire;

3- pensieri ed emozioni che si stanno provando in questo ultimo periodo a venire;

4- influenze esterne.

Per ricordi d’infanzia, non intendo precisamente un ricordo come lo ricorderesti ora se ci pensassi; mi riferisco al sentimento che provavi in quel ricordo. Poniamo come esempio non per forza un trauma molto pesante, ma anche una semplice situazione che nel complesso ti ha colpito in un qualche modo. Quel sentimento è rimasto dentro la tua mente per anni, e non è andato via. Il nostro cervello umano contiene una memoria che non è possibile descrivere; c’è chi utilizza il suo cervello più di altre persone, ma non credo che nessuno ne utilizzi più del 10-15 % del suo complesso. Anche quando noi non ricordiamo, in realtà il ricordo non è stato cancellato ma è stato posto in una zona della mente in cui è stato salvato. Da li non si toglierà.

Avendo avuto sempre grandi problemi con la memoria, mi sono informata e per anni e anni ho tentato di trovare modi per sviluppare o ritrovare la mia memoria.

Trovai la conoscenza di alcune persone, che strutturalizzavano parecchio questo processo. C’erano diversi modi, come ad esempio entrare nella propria mente come fosse un grattacielo, e costruire i propri ricordi come fossero un oggetto o una parete o una zona del grattacielo, affinché mentre avresti ripercorso mentalmente questi passi, camminando per il tuo grattacielo immaginario avresti ricordato queste immagini o date o robe da studiare.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 5

 

 

Pertanto, era possibile anche riacquisire i ricordi (di questa vita) attraverso lo stesso passaggio. Probabilmente non mi ci sono dedicata abbastanza, ma ho ritenuto (in quei mesi di intensa applicazione) che ciò non fosse la tecnica adatta per me. Ho provato altre tecniche, come quella del cassetto, quella della propria casa (tecniche sempre d’immaginazione per associare un ricordo ad un qualcosa che esiste nella tua vita) ma non c’era proprio verso. Ho passato due anni circa a disperarmi della mia non riuscita. Perché funziona con tutti (coloro che hanno commentato quel sito) e non con me? Sarà vero che sono riusciti o magari mentivano? Oppure semplicemente sono io impedita?

Ho scoperto solo dopo, per caso. Mentre meditavo, quale sia la parte della mente in cui i ricordi vengono immagazzinati. Il passaggio è molto sottile, ma quando lo scopri, ormai è tuo. Attraverso il sogno, spesso questa zona si lascia andare, mischiando ricordi di anni e anni prima, con sensazioni e visioni del giorno stesso in cui si è avuto il sogno. Quando si vuole analizzare un sogno, le immagini alcune sono probabilmente importanti, ma ciò che realmente è veritiero è il sentimento che si provava in quel sogno. Non è facile da comprendere, ed è questo che frega. Quando traduci un sogno, maggiormente se è il tuo stesso, è difficile dargli una spiegazione per il motivo che si ha paura di sbagliare. Un sogno potrebbe ad esempio indicare un tradimento (è solo un esempio) ma per paura di accettarlo, lo si tradurrà con un ”ci sposeremo e ci ameremo per sempre”. Questo è il problema.

Il secondo ingrediente di un sogno, è cosa hai visto e provato in questa giornata. Delle volte capita di sognare il percorso che si è fatto durante la giornata, oppure di incontrare e parlare con una persona che si è vista qualche ora prima del sonno; ancora si può sognare di rivedere il film che si è visto la sera prima e così via. Perché? Ci sono tanti motivi, ma il primo più semplice da comprendere è che in un qualche modo quella scena ti ha colpito. Non c’è bisogno che si tratti di un avvenimento importante o qualcosa di traumatico, bensì ha solamente attratto la tua attenzione in un attimo della tua coscienza. Durante il sonno, l’inconscio ha voluto mostrartelo.

Cosa è accaduto realmente in quel momento? Probabilmente non hai visto nulla… Ma qualcosa è avvenuto.

Il terzo ingrediente è il periodo in cui stai vivendo. Un esempio potrebbe essere il periodo della scuola in cui si passa gran parte delle proprie giornate. Spesso si sogna di dover andare a scuola o dover studiare per il compito o semplicemente di spettegolare con le proprie compagne. Delle volte, anche in periodo estivo in cui non c’è la scuola, si sogna comunque. Sono ricordi rimescolati che vogliono mostrarti qualcosa.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 6

 

 

L’ultimo ingrediente che ho voluto elencare, è l’influenza esterna.

Le persone si pensano, lo fanno di continuo. Quando una persona pensa ad un avvenimento, inconsciamente spedisce lo stesso pensiero ad altre persone incluse in quel ricordo.

Spesso, questo ”file” viene ricevuto durante il sonno, altre volte da svegli, altre volte si riceve solo il sentimento ma nessun apparente ricordo.

Questo accade inconsciamente, ma talvolta ci sono persone capaci di decidere cosa far sognare ad un’ altra persona. E’ raro trovarle, poiché non si tratta di una tecnica semplice e per fortuna poche persone ne sono a conoscenza; ma di questo ne riparleremo nei prossimi step. I sogni quindi sono riconducibili a molti fattori. Perché hai sognato quella persona? Ma soprattutto, perché quella precisa situazione?

Non subito darei la colpa agli ultimi 2 ingredienti, ma prima analizzerei la mia personale situazione. Perché mai ho fatto questo sogno?

In primo luogo non si trova una motivazione valida e si cerca di dargliene una da quattro soldi giusto per far tacere questa domanda. In realtà le risposte sono tutte dentro di noi. Vedo la mente come una dimensione molto ampia, in cui ci vorrebbero anni e anni, per poterla conoscere tutta… Forse secoli ma, nonostante ciò, la reputo anche molto limitata. Il cervello umano è straordinario, perché contiene dentro sé capacità di cui nemmeno si conosce l’esistenza (non ancora), e più lo studio più mi rendo conto di quanta sia grande la mia ignoranza nei suoi confronti… Ma più sto dentro lui, più “non” mi accorgo quanto vorrebbe intrappolarmi.

Una volta, mentre compievo le mie tecniche per conoscere le diverse dimensioni al mio interno, ho deciso di entrare in quella del mio cervello. Non ero andata li con l’intento di entrare così profondo, ma ero estremamente rilassata e il mio intento era di sviluppare la mia intelligenza. Ho sempre ”temuto” i ”cervellotici”, non perché fossero intelligenti, ma perché fossero convinti che l’intelligenza umana fosse superiore dell’evoluzione spirituale. Con ciò, non disprezzo l’intelligenza, perciò la stavo aumentando al mio interno, ritrovandomi senza accorgermene, in una dimensione molto molto intensa.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 7

 

 

Sono stata catapultata in una dimensione che non avrei mai creduto così ampia, dove l’intelligenza era sicuramente una grande regina e gli ingranaggi, i meccanismi, aggiunta ad una forte creatività, regnavano senza discussione. Era incredibile, un mondo da cui non sarei più voluta uscire. Era assurdo poter vedere intelligenza ”matematica” e creatività quasi ”fantasiosa”, unite in un tutt’uno, in un perfetto equilibrio. Ero li, che passavo il mio tempo ad osservare quanto fosse spettacolare quel momento di perfetta unione tra due capacità che ho sempre ritenuto opposte, lavorare insieme per un unico scopo.

Mentre stavo li, ad osservare quanto fosse interessante il cervello umano, un pensiero iniziava a travolgermi dentro…era sottile, e non a parole, ma era molto profondo, che tradotto sarebbe un:

”Perché ti interessa la spiritualità, se io sono già così immenso?”

Non potevo crederci. Chi parlava? Non era a parole, ma un intento fortissimo che spaccava le mie difese. C’era qualcosa che mi stava rinchiudendo dentro il mio stesso corpo, sentivo l’energia che evaporava e la mia coscienza che stava venendo risucchiata da un semplicissimo corpo umano. Cos’era? Ho scoperto solo dopo, quanto è furbo un cervello umano: quanto la sua fonte, Gaia.

Ho compreso finalmente perché le persone troppo cervellotiche finivano sempre per cadere nel Low. Il cervello è un ottimo tentatore e riesce a persuaderti affinché tu creda che lui sia capace di ottenere qualunque cosa, senza minimamente bisogno della meditazione o di qualunque pratica spirituale. Quasi sembra che il cervello sia ”orgoglioso”, ma c’è da ricordarsi chi è al comando di esso. Le persone che si concentrano troppo, troppo sul voler pensare in modo umano e strutturato, finiranno sicuramente nel Low. Calma, non sto dicendo che spirituali sia sinonimo di essere stupidi; sto dicendo che il cervello umano ha un limite, che non può essere superato con il semplice ”pensare”.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 8

 

 

Il cervello è estremamente interessante ma, sapendo di esserlo, saprà incatenarti dentro di esso. Ho avuto anche il sospetto, quando sono uscita da quella dimensione, che lui mi avesse tentata (mostrandomi tutta quella grazia di Dio) per farmi credere di essere anche più interessante di quel che è realmente. Se ci fossi cascata, probabilmente me ne sarei resa conto solo quando la mia anima avrebbe giaciuto dentro Gaia. Ormai sarebbe stato troppo tardi. E’ stata una lotta intensa, ma molto interessante.

In quel momento ho capito quanto i sogni fossero importanti. Ci sono alcuni termini simbologici che spesso vengono ripetuti dal nostro cervello che ripete quello stato d’animo in una precisa forma o un preciso colore. Non si tratta tanto di un simbolo quadrato triangolo o altro, ma dal semplicissimo sognare un cane che abbaia al sognare una nuvola viola. Delle volte sogniamo una scena che nel nostro inconscio temiamo (come il tradimento da parte del nostro partner) o un desiderio che noi vogliamo nascondere. Non direi subito che, se sogni di baciare una persona, significhi per forza che nel tuo inconscio vorresti farlo. Non è detto.

Baciare una persona ad esempio, potrebbe significare il semplice aver un buon rapporto con lei, o aver voglia di sfogarti dei tuoi problemi perché la reputi una buona amica, o ancora potrebbe significare un amore che provi per lei, che il cervello umano definisce subito come ”attrazione fisica”, ma non è così. Il cervello umano cerca di dare un senso alle emozioni, ma spesso erra, e accosta un significato non coerente solo per non ammettere di non essere capace di comprendere quella percezione. Spesso il cervello umano confonde l’amore con il volersi bene, perché in realtà entrambi sono amore, solo che puoi baciare il tuo fidanzato ma non baceresti fisicamente la tua migliore amica… Ma in realtà, sentimentalmente, è la stessa cosa.

Il bacio può anche simboleggiare un addio, come ”una parola che non riesco a dirti, che ti esprimo con un gesto” o un lasciare andare un ricordo che era rimasto impresso inconsciamente; ancora potrebbe essere una sfida, come dire “ti sto mancando di rispetto non vedi?”. Ci sono tanti significati, ed è per questo che è essenziale raccogliere più dettagli possibili riguardo quel sogno, perché ogni minima caratteristica potrà cambiare radicalmente il significato del sogno. Voglio fare un esempio. Sognare un dente, solitamente si dice indichi la morte di un parente. Credo invece che sia una diceria, e che solo delle rarissime volte possa avverarsi. Reputo invece la caduta di un dente come un importante avvenimento, che sta sul neutrale. Come vuoi che finisca? Vuoi che vada bene, o lasci che vada male?

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©
60+

316 Commenti

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *

Nome *
Email (opzionale)


  1. Stupendo questo articolo!

  2. Foto del profilo di ELEN

    Ha, non immaginavo ne meno che anche i sogni saranno inclusi in questo percorso spirituale. Io fino a qualche anno fa sognavo sempre brutti sogni, ma ultimamente i miei sogni sono diventati tranquilli e direi anche belli, ma me interesserebbe saperli interpretare

  3. Foto del profilo di Maury

    Esperienza interessantissima quelle di eentrare nel proprio cervello!

  4. Appena mi sveglio mi rendo conto di aver fatto sogni molto movimentati….belli e che sembrano molto vividi e reali. Poi mi alzo e quando inizio la routine quotidiana faccio tanta fatica a ricordare. Ma ci sono sogni che non posso dimenticare. Dopo anni dalla perdita del mio amatissimo babbo l ho sognato in un bellissimo prato verde e mi sorrideva. Grazie Angel❤️

  5. Foto del profilo di Marta1704

    Bello bellissimo articolo! I sogni sono uno dei miei argomenti preferiti e che più mi affascina. Insieme anche al funzionamento del cervello. Un paio di anni fa mi è successo per un certo periodo di ricordare 4 o 5 sogni a notte. Erano come dei film, e al mattino mi svegliavo e li trascrivevo su un quaderno, pagine intere ricche di dettagli. Trovo che a volte i sogni servano anche da “prova” o esperimento per la vita reale. Faccio un esempio, mettiamo che io sia in lite con un mio amico e sono talmente arrabbiata che ci vorrei litigare e finire l’amicizia. La notte stessa sogno di litigare con questo amico, gridiamo e ci diciamo cose brutte e la nostra amicizia finisce. Nel sogno mi sento male, agitata, e piango e soffro. Al mio risveglio ho un sentimento di vuoto e tristezza, allora capisco che litigare col mio amico sarebbe sbagliato perché mi farebbe stare male, quindi gli telefono e decido di parlare, chiarire e tornare amici. Questo grazie al sogno. Ci fa capire tante volte anche come ci sentiremmo in determinate situazioni e in base ai comportamenti che abbiamo nella vita di tutti i giorni. Non vedo l’ora di approfondire questo argomento Angel! Grazie grazie 😊

  6. Foto del profilo di Rosy

    Ho notato che con il passare degli anni migliora il ricordo dei miei sogni.Durante la prima fase del risveglio,quando sono ancora nel dormi-veglia,cerco di fissare più che posso le scene del sogno(o sogni)che ancora riesco a vedere e/o a sentire.Se lo reputo di particolare interesse poi lo trascrivo(il più presto possibile,altrimenti so già che quasi sicuramente durante il giorno ne perderò il ricordo).Il mondo onirico mi affascina molto.In particolare mi incuriosiscono i sogni ricorrenti che spesso mi fanno pensare a “ricordi”di vite passate.Sono contenta delle lezioni di Angel su questo argomento e non vedo l’ora di saperne di più.

  7. Foto del profilo di Alice

    Ancora non comprendo molto i miei sogni , sono molto fantasiosi e astratti . devo praticato su ancora po 😅

  8. Foto del profilo di lak1

    …mi sono sempre interrogata sul significato dei miei sogni, il più delle volte riconosco paure che cerco di trattenere e che invece rilascio attraverso i sogno…

  9. Foto del profilo di Mary

    I sogni mi hanno sempre affascinato ma purtroppo non li ricordo quasi mai…

  10. Foto del profilo di Syria

    non ricordo mai i sogni, li ricordo se mi alzo tardi!!devo assolutamente cominciare ad appuntare

  11. Foto del profilo di Lucioman

    Da quando ho iniziato la meditazione, ho notato che i sogni sembrano essere più vividi, ricchi di dettagli e meno confusi di prima.Dopo questa lettura presterò sicuramente molta più attenzione ai sogni al risveglio. Grazie! Grazie!! Grazie!!!

  12. Foto del profilo di Tella

    Fino a qualche anno fa non riuscivo a ricordare i miei sogni, ma adesso quando riesco durante la giornata a tenere per più tempo possibile il non pensiero riesco a ricordarli

  13. Foto del profilo di Biagio71

    Ciao Angel, Sono davvero tanti anni che io non ricordo i miei sogni, Salvo casi rarissimi, hai qualche consiglio da darmi per far sì che io possa ricordarli al mio risveglio? Davvero io vado a letto mi addormento dormo difilato fino a che non suona la sveglia mi alzo riposato ma non ricordo niente .Ti ringrazio in anticipo Federico

  14. Foto del profilo di la

    Purtroppo ultimamente non sogno molto spesso, ma almeno ora posso cercare di dare una interpretazione a ciò che accade, grazie!

  15. Foto del profilo di Francis

    Non ricordo molto i sogni, mi succede quando dormo piu’ del solito, quindo poco. Le volte che li ricordo devo scriverli subito per non perdere i dettagli, pero’ poi non li so collocare, quindi lascio il tutto. Alcune volte era talmente ovvio il significato, riguardava un preciso sentimento, oppure piu’ spesso una storia normale o al contrario del tutto irrazionale. Mi piace sognare perche’ e’ un disegno del mio inconscio, ma la tecnica ancora non e’ ben sviluppata.

  16. Foto del profilo di reporter

    Ho avuto sogni premonitori, che si sono avverati. Ma in genere non ricordo i sogni. Devo allenarmi, perche a volte appena sveglia so che ho sognato ma non ricordo cosa. Da cosa dipendera me lo sono sempre chiesta.

  17. Foto del profilo di Ladybug

    I sogni che faccio sono sempre stati un enigma per me. Sogno sempre posti che non conosco, persone che non conosco. Poi quando io e mio marito eravamo fidanzati facevamo gli stessi sogni, oppure sognavo posti a me sconosciuti, ma che lui conosceva bene. Sogni premonitori che, come detto nell’articolo, sono veloci. Come quando sognai un ragazzo dai capelli rossi. Fatalita’ dopo qualche anno, quando mio figlio iniziò le scuole medie, nella sua stessa classe incontra proprio il ragazzo dai capelli rossi sognato, con il quale inizia una così bella amicizia, tale che io e mio marito diventammo, a nostra volta, amici (e lo siamo ancora) dei suoi genitori.

  18. Foto del profilo di Christian

    Il mondo onirico è sempre stato affascinante, una volta sognai la scena che si realizzò il giorno seguente, da li capì che i sogni premonitori esistono, e sono felice di aver trovato conferma su questo sito

  19. Foto del profilo di Mimma

    Beh alcuni concetti riportati riprendono le nozioni di psicologia e psicoanalisi del sogno, costituito principalmente da contenuto manifesto (ciò che ricordiamo del sogno, che va a pescare da eventi più o meno reali, vissuti, che magari ci hanno colpito) e contenuto latente (il vero significato del sogno che comprende concetti e sentimenti che la maggior parte delle volte sono appunto celati in quanto non consci). Non ho mai creduto nei libri dei sogni, quelli che trattano il sogno riducendolo semplicemente ad un piccolo bignami in cui un numero o un’immagine ha sempre lo stesso significato. La nostra mente credo sia molto più complessa di questo e l’interpretazione di un sogno richiede esperienza e capacità di analisi. Se poi parliamo di sogni premonitori credo si passi allora su un altro piano, appunto quello spirituale. Credo che esistano e sono molto incuriosita anche da questo aspetto.

  20. Foto del profilo di stefania2019

    Sono convinta che i sogni siano strettamente connessi al nostro Io interiore, alla nostra Anima, al nostro Se superiore e non si tratti di banale fantasia. Ho avuto esperienza di sogni premonitori che puntualmente si sono avverati e sono coincisi con eventi dolorosi della mia vita. Questi episodi mi hanno turbato e scosso parecchio e li ricordo chiari e nitidi impressi nella mia testa. Ricordo principalmente i sogni che mi lasciano sensazioni e sentimenti attaccati addosso, alcuni anche per settimane.
    Grazie, per tutto

  21. Foto del profilo di laurettaema.

    moolto interessante questo documento, io spesso sottovaluto i sogni o mi appoggio alle vecchie credenze; qualche volta ho fatto sogni premonitori, ma perchè ricordiamo quasi sempre sogni premonitori che imputiamo a eventi tragici, possibile che non ricordo mai eventi molto belli? Grazie

  22. Foto del profilo di Cd88

    I sogni sono sempre stati un mistero, qualche volta ci sembra che siano solo fantasie, altre volte sembra che vogliano comunicarci qualcosa, altre volte ancora sembrano premonitori. Esattamente come conferma questo articolo. Argomento sicuramente interessante, da approfondire.

  23. Foto del profilo di Alice

    interessante come argomento, voglio provate ad analizzare meglio i miei sogni con questa chiave di lettura.. grazie angel