Seleziona la porzione di testo da chiarire (max 80 parole)
Step 1 - N° 34

Visualizzazione - Rilassamento e Visualizzazione (1 parte)

Pagina 1 su 8

La visualizzazione è un termine che spesso ho nominato nei precedenti documenti ed è il momento che ti spieghi di cosa si tratta. All’inizio la visualizzazione sarà sinonimo di immaginazione, perché si tratterà di immaginare qualcosa, come ad esempio visualizzare (immaginare) la prana bianca che si avvicina a te. Ciò è ben diverso dal vedere, perché la visualizzazione avviene ad occhi chiusi mentre vedere l’energia ad occhi aperti è tutt’altra cosa. La visualizzazione è principalmente un pensiero, un’immagine, mentre quando guardi ad occhi aperti stai chiaramente vedendo ciò che è reale. All’inizio non conosci le potenzialità del tuo sesto senso, quindi puoi solo immaginare. Se ti chiedessi di richiamare a te energia non sapresti come fare, perché non sai cos’è l’energia, non sai come si richiama, non sai nemmeno com’è fatta. Attraverso la visualizzazione ti insegnerò a richiamare davvero l’energia partendo da un pensiero, per poi concretizzarlo nella realtà. Certamente, se non sei esperto nel campo, potresti pensare che si tratti di sola fantasia e che continuerà ad essere una suggestione per tutta la vita, ma ti stupirai quanto un solo pensiero possa creare e diventare realtà. Se si trattasse di sola fantasia, potresti vederlo solo tu, ma quando impari a utilizzare le tue capacità e concretizzare i tuoi pensieri, anche gli altri potranno vedere ciò che prima immaginavi soltanto. Parliamo ad esempio dell’energia: potresti pensare che sia solo un pensiero, un’immaginazione, ma se alleni la vista fisica – ad occhi aperti – potrai davvero vedere l’energia intorno a te, perché questa esiste da sempre! Milioni di persone possono vederla, per esempio osservando i pallini di energia che si muovono, o guardando le aure, il tutto facendolo ad occhi aperti e vedendo realmente i colori in movimento. La visualizzazione è altro, perché si tratta di pensare o immaginare qualcosa che non stai guardando ad occhi aperti, ma che stai creando nella tua mente. Attraverso la visualizzazione potrai però concentrarti così bene su qualcosa sino a concretizzarla nella realtà, quindi a renderla reale nella materia e non più soltanto nella tua mente. Pensa ad esempio alla legge dell’attrazione: se tu pensi e immagini molto intensamente qualcosa che desideri, questo si avvicina o si crea davvero nella realtà. Forse ora è troppo presto per te, temi ancora che sia tutta fantasia, ma se ti senti spinto ad andare avanti significa che dentro di te sai che è impossibile che milioni di persone abbiano le allucinazioni collettive, dato che non esistono: esiste l’allucinazione di un singolo individuo, ma quando più persone perfettamente sane di mente e senza aver assunto alcuna sostanza stupefacente vedono e sostengono le stesse cose, capisci che non è suggestione. È realtà. Sarebbe più incredibile credere che milioni di persone riescano a suggestionarsi e vedere le stesse identiche cose nello stesso identico modo e nello stesso identico momento: questo sì che sarebbe strano! Più paranormale del paranormale stesso! 

La visualizzazione serve per farti capire prima nella tua mente come qualcosa funzioni, in modo da essere in grado di concretizzarla anche nella realtà. Non c’è nessun motivo di aver paura della visualizzazione, perché rimanendo cosciente saprai sempre riconoscere cos’è immaginazione da cos’è la realtà. Quando stai sognando, per esempio, non ti rendi conto che sei dentro un sogno, ma quando ti svegli sai benissimo di essere sveglio e riconosci la realtà in cui ti trovi dal sogno che hai fatto: non proveresti a buttarti dal balcone per vedere se sai volare, perché sai che sei sveglio e non più dentro un sogno. Anche se mentre sogni non sei cosciente, comunque quando ti svegli sei consapevole di aver fatto un sogno e, anche se fosse stato brutto, non è pericoloso per la tua realtà, perché ora sei sveglio! Per la stessa ragione non bisogna temere di immaginare qualcosa, perché saprai riconoscere cos’è un pensiero da cos’è successo veramente nella realtà. I migliori artisti e più famosi geni visualizzavano molto per poter arrivare alle loro più incredibili scoperte. Le menti brillanti lo fanno tutt’ora ed è proprio per questo che diventano tali. 

Pagina 2 su 8

La visualizzazione è molto importante perché ti permette di simulare qualcosa prima di farlo realmente; pensa ad esempio a tutti i campioni sportivi che prima di svolgere una gara, o un combattimento, visualizzano nella loro mente le mosse che faranno e quelle dei loro avversari, perché dedicando quella mezz’ora, o più, di tempo nel fare ciò, si renderanno conto di quali mosse dovrebbero fare per vincere o quali non fare se non vogliono perdere la gara, scoprendo già prima che accada quali saranno le mosse del proprio avversario per poterle anticipare. La visualizzazione è una tecnica vera e propria che non dura due-tre secondi, come facciamo di solito quando pensiamo a una frase che vogliamo dire a qualcuno prima di parlargli. È una tecnica che va praticata per almeno 10\20 minuti nella quale stai già praticando qualcosa nella tua mente affinché, quando lo farai nel concreto, sarai molto più sicuro e forte in ogni tua mossa. I cantanti, gli attori, i politici visualizzano l’andamento della loro performance o del loro discorso per intero, prima di tenerlo davvero. In questo modo permettono alla loro mente di calcolare cosa succederà nel mentre e cosa dovrebbero migliorare per far sì che tutto vada al meglio per loro. Per esempio visualizzano il loro concerto accorgendosi che, mentre si immaginano di ballare il loro pezzo, qualcosa non va e potrebbero migliorarlo facendo un passo diverso, indossando scarpe diverse da quelle prefissate, cambiando quindi qualcosa che prima sembrava andasse bene ma che ora, visualizzando, si accorgono che potrebbe rovinare tutto. I politici visualizzano il loro discorso prima di farlo, per comprendere le reazioni che le persone potrebbero avere ascoltando quelle parole, così da cambiare termini, postura, i movimenti del loro corpo affinché le persone che ascolteranno vengano maggiormente colpite dal discorso e seguano lui piuttosto che un altro. 

La visualizzazione è una tecnica usata da tanti, anche se viene chiamata con termini diversi. Nella spiritualità utilizziamo la visualizzazione per attrarre ciò che vogliamo o per creare ciò che desideriamo. Sempre per la legge dell’attrazione, concentrandoti ad immaginare di ottenere un determinato posto di lavoro o qualcosa che ti piace, visualizzi come ti sentiresti dopo averlo ottenuto e come ti piacerebbe che proseguisse, imprimendo questo pensiero dentro di te come se già fosse accaduto. Nella realtà sai che non è ancora successo, però, visualizzandolo molto intensamente, qualcosa di strano accadrà per fare in modo che quello che desideri davvero si avvicini a te nella dimensione fisica, quindi che diventi davvero reale e non rimanga più soltanto un desiderio. La visualizzazione ti permette di creare. Ora comprenderai il significato della celebre espressione: “Il pensiero crea”. 

I primi tempi di pratica sulla visualizzazione si può pensare che si tratti solo di immaginazione e nient’altro, e in parte è vero perché dipende da quant’è forte la tua mente (che potrebbe esserlo meno di quanto pensassi); con l’allenamento, però, la visualizzazione diventa una tecnica più forte capace di modellare gli avvenimenti della vita reale proprio come li hai immaginati, rendendo realtà un tuo semplice pensiero, anche il più assurdo o strano. Se impari le tecniche, niente è più impossibile. La visualizzazione è una tecnica e non solo un pensiero quotidiano, altrimenti avresti già realizzato tutti i tuoi pensieri e desideri e, come vedi, non è successo (talvolta è una fortuna!). Quindi la visualizzazione non è solo immaginazione ma allo stesso tempo non è neanche realtà, non ancora almeno. Si tratta di un’immaginazione molto più avanzata perché non consiste solo nel fantasticare, ma implica anche di muovere energia attraverso quelle immagini. Quando stai fantasticando, il più delle volte stai solo immaginando senza muovere energia, per questo la maggior parte dei tuoi pensieri non si realizza, perché sono soltanto pensieri! Ti sarai però accorto che qualche volta, che sia in positivo o in negativo, un tuo pensiero si è realizzato, pur essendo molto strano o difficile che accadesse. Diresti che lo hai desiderato così tanto, o lo hai temuto a tal punto che è successo. 

Pagina 3 su 8

Ma come è accaduto davvero? Senza rendertene conto, in quel momento, oltre a immaginare, hai anche mosso energia, motivo per il quale il pensiero si è realizzato nella realtà. Ciò che crea non è il pensiero ma l’energia che c’è dietro, che in questo caso chiameremo intento. L’intento è un sentimento, un desiderio molto forte, che talvolta potrebbe essere inconscio se non ci accorgiamo di quello che stiamo provando. Un esempio lampante potrebbe essere il momento in cui stiamo litigando con qualcuno: ci ritroviamo a non saper tenere la bocca chiusa e spariamo parole aggressive senza il giusto controllo, perché senza rendercene conto l’intento che si cela dietro è proprio quello di ferire l’altra persona, anche se coscientemente pensiamo solo di dire la verità e di fare la cosa giusta. Puntualmente, più tardi, ci pentiamo delle parole dette, pensando che effettivamente fossero eccessive. Quindi chi comanda non è il pensiero, non è la parola, ma è l’intento, ovvero quel sentimento misto ad energia che decide gli avvenimenti. La paura, ad esempio, è un intento che ci viene contro, perché fa accadere proprio quello che noi temiamo, quindi realizza ciò che noi non vorremmo mai vedere. La paura è molto pericolosa per noi stessi, perché ci ritroviamo a farci del male più di quanto possa farcene qualcun altro. 

Poiché non hai controllo sul tuo intento, questo fa accadere ciò che vuole. Quindi, anziché realizzare tutti i tuoi desideri, per lo più li ignora e ne concretizza solo uno ogni tanto, tra cui spesso anche le tue paure. Il tuo nemico non è l’intento, ma la tua incapacità di utilizzarlo. Che ti piaccia o no l’intento esiste e tu non riuscirai mai a sfuggirgli, perché fa parte di te, del mondo e dell’intero universo: l’intento è un sentimento composto di energia ed è la lingua che tutto l’universo parla. Se ti fai furbo, però, anziché scappare e rinnegare la tua vera natura, ti fai avanti e decidi di imparare a sfruttarlo per i tuoi interessi. Non c’è niente di male nel saper utilizzare le proprie capacità: il problema non è chi sa usarle, ma chi non è capace e per invidia spinge gli altri a non agire a loro volta. La visualizzazione è una capacità naturale che in realtà già usi e hai usato tantissime volte nella tua vita, forse lo fai anche tutti i giorni, soltanto che non sei capace di indirizzarla nel verso giusto e quindi finisci per concretizzare le cose sbagliate. Come per tutte le doti mentali, la visualizzazione va allenata per far sì che ti porti solamente alle creazioni positive che tu desideri, eliminando gli eventi negativi creati dalla tua stessa mente. In altre parole la visualizzazione ti permette di modellare la tua vita già solamente immaginandola. Se ti stai chiedendo se essa può essere un’arma pericolosa per te stesso, ti rispondo di sì: lo è perché la utilizzi tutti i giorni senza sapere che devi visualizzare solo eventi positivi e mai quelli negativi; poiché nessuno te lo ha insegnato prima, hai quasi sempre fatto il contrario, avvicinando e creando nella tua vita continui eventi negativi, dai più piccoli ai più devastanti. Il più delle volte i problemi sono accaduti perché tu gli hai permesso di entrare, facendoli passare prima per la tua mente e poi agganciandoli alla tua vita. So che è facile dare sempre la colpa agli altri, che siano altre persone o esseri che non vedi, eppure scoprirai che tanti problemi avresti potuto evitarli se solo fossi stato cosciente del tuo pensiero, piuttosto che caderci in pieno. Comunque non siamo qui per parlare del passato ma per creare un futuro migliore, e potrai farlo decidendo di prendere il comando sulla tua mente. Sei tu a decidere: puoi scegliere di rimanerne succube, oppure di diventare capo del tuo pensiero e delle sue attività. 

Dato che la visualizzazione non è qualcosa di semplice da imparare a controllare, visto che altrimenti lo avresti già fatto ormai da tempo senza bisogno di alcuna guida, avrai bisogno di allenamento e, passo dopo passo, ti insegnerò i metodi da utilizzare. Con la pratica scoprirai che il migliore amico della visualizzazione è proprio il non pensiero, anche se può sembrarti un controsenso! Questo perché il non pensiero non è soltanto un blocco totale, ma puoi imparare a regolarlo, scegliendo ad esempio di non pensare più a certe cose, oppure scegliendo di non pensare assolutamente a niente in una precisa data, o ancora decidendo di pensare soltanto ad una determinata cosa. 

Pagina 4 su 8

Per fare un esempio, imparando ad utilizzare la tecnica del non pensiero, puoi scegliere di non pensare più negativamente, quindi di non creare eventi sfavorevoli con la tua mente; puoi decidere di passare un giorno, un’ora o un intero periodo senza pensare a nessun genere di impegno, problema, mansione da fare, perché vuoi dedicare quel tempo a concentrarti in una precisa attività che vuoi svolgere senza ricevere nessun genere di distrazione mentale; inoltre, puoi decidere di pensare solamente ad una questione anziché farti distrarre da altro, per esempio quando vuoi creare qualcosa di nuovo e non vuoi deconcentrarti in nessun modo perché desideri che l’ispirazione ti assalga. Se sei un’artista capisci meglio cosa intendo, specialmente perché potrai decidere quando farti venire l’ispirazione anziché dover aspettare che arrivi quando vuole lei. Sarai tu a decidere. Ecco perché chi pratica solamente la visualizzazione comunque non risolve tutti i problemi della sua vita, mentre imparare sia la visualizzazione che il non pensiero migliora incredibilmente l’andamento della propria vita. Quindi ti insegnerò passo per passo sia la visualizzazione, o meglio ancora, l’utilizzo dell’intento. Ti insegnerò il non pensiero, ma soprattutto ti insegnerò l’utilizzo dell’intento in non pensiero. 

Tutto però ha inizio da una base solida, quindi pratichiamo insieme una sessione di visualizzazione, affinché tu comprenda concretamente cosa significhi visualizzare con decisione – e non da incosciente –  e i miglioramenti che porta al tuo benessere mentale e anche a quello fisico. Anche se questa tecnica potrebbe piacerti molto, ricordati che non è assolutamente alla pari della meditazione, perché gli obiettivi sono differenti: attraverso la visualizzazione impari a dirigere il tuo pensiero verso la giusta direzione, ma solo attraverso l’energia pura e forte presa dalla meditazione puoi concretizzare i tuoi desideri più difficili e renderli realtà. Più la tua energia è forte più l’intento riuscirà a rendere realtà i tuoi voleri ma, senza energia pranica presa dalla meditazione, l’intento non potrà essere costantemente forte e gran parte dei tuoi desideri non si realizzeranno, a parte qualcuno per pura fortuna. Dato che qui non aspettiamo la fortuna, ma vogliamo concretizzare ciò che desideriamo e quando lo desideriamo, bisogna diventare capaci di utilizzare le proprie doti attraverso l’allenamento costante e grandi quantità di energia che si possono prendere esclusivamente meditando. Se credi il contrario, continua pure a subire la vita, mentre altri decidono di praticare per conquistarla. Alcuni preferiscono illudersi che la visualizzazione sia essa stessa una meditazione, ma non è così, perché sarebbe come credere che mangiare e bere siano la stessa cosa solo perché entrambe le azioni fanno sì che alcune sostanze entrino dalla bocca. Allo stesso modo si pensa che visualizzare e meditare siano la stessa cosa soltanto perché si praticano entrambe ad occhi chiusi. Non ha alcun senso. La meditazione ti permette di prendere energia e diventare cosciente; la visualizzazione ti permette di migliorare la tua capacità di pensare e decidere cosa immaginare, per capire quello che vuoi e rinforzare il tuo intento, che senza energia continuerebbe a rimanere debole. La forza dell’intenzione e l’energia devono andare di pari passo, perché è normale che pur avendo energia ma rimanendo indeciso, debole mentalmente e insicuro, potresti fare poco, ma ancora meno faresti se avessi una bella decisione ma nessuna energia pranica. L’intento è un sentimento deciso che, più possiede energia, più diventa forte e concreto, sino a realizzare ciò che desideri concretizzandolo nella vita fisica. Senza energia, l’intento rimane solo un pensiero per la maggior parte delle volte. Imparare a visualizzare ti permette però di capire cos’è l’intento, perché attualmente non ne hai ancora il controllo perfetto, così riuscirai ad imparare come si utilizza l’intento e, attraverso la meditazione e quindi all’energia che ti offre, potrai concretizzare i tuoi voleri. Potrei continuare a descriverti il significato a parole ma è molto meglio se inizi a praticare per avere prove concrete. 

Pagina 5 su 8

Iniziamo da un semplice esercizio di visualizzazione, per poi andare avanti, nei prossimi articoli, con esercizi sempre più complessi. Ti renderai conto infatti che moltissime tecniche che ti insegnerò durante questo percorso iniziano spesso con la visualizzazione, come anche la meditazione stessa, ma lo scopo finale è quello di imparare ad ottenere ottimi risultati senza più bisogno di pensare, ottenendoli direttamente con l’intento (il sentimento senza pensiero). Tutto inizia da una base solida, proprio come prima di imparare a correre dovevi iniziare a gattonare, e sebbene ora gattonare non ti serve più perché sai camminare e correre utilizzando bene la forza delle tue gambe, e addirittura ti sentiresti stupido a farlo, non puoi negare che il tempo passato a gattonare sia stato di fondamentale importanza nei primi tempi per portarti al livello in cui ti trovi oggi: in piedi sulle tue gambe. Perciò non sentirti in dovere di sbrigarti e riconosci che per arrivare ad alti livelli devi prima iniziare dalle basi. 

Mettiti comodo e sistemati a dovere, perché stiamo per cominciare una sessione di visualizzazione che durerà all’incirca 10-15 minuti. Fai in modo di non ricevere alcuna distrazione per questo tempo di pratica. 


Iniziamo. 

  

Rilassati. 

  

Respira profondamente e inizia a rilassarti, per almeno un minuto. 

  

Inizia a desiderare l’energia bianca, luminosa, l’energia che ti fa sentire in pace… 

  

Desiderala profondamente, immaginando che questa si avvicini a te. 

  

Immagina l’energia bianca, purissima, che direttamente dall’universo viene richiamata qui, nella tua stanza. 

  

Visualizza tonnellate di energia bianca, luminosissima, che dal cielo viene richiamata in casa tua, per riempire la stanza in cui ti trovi. 

   

Visualizza l’energia bianca entrare nella tua stanza, proveniente da tutte le direzioni, sia dal cielo che dappertutto intorno a te. 

  
Pagina 6 su 8

Concentrati a richiamare quanta più prana possibile. 

Senti come la sua presenza ti fa sentire pieno e protetto, tranquillo e sereno. 

Ti riempie di gioia. 


  
Con un profondo respiro, richiama come un fortissimo vento tutta l’energia intorno a te. 

Falla muovere intorno a te. 

  

Aumenta l’intensità del tuo intento, desidera più forte che l’energia entri nella tua stanza, fanne arrivare maggiori quantità. 

  

Richiama più energia di prima. 

  

Visualizza un’altra valanga di energia che entra in casa tua, riempiendo ogni angolo e ogni zona della camera di una luce luminosissima, quasi accecante. 

  

Sentiti protetto dalla presenza di tanta energia. 



Concentrati e continua a richiamare prana dentro casa: non è mai abbastanza, fanne entrare ancora e sentiti sempre più protetto e felice per la sua presenza. 

  

Immagina ora tutta questa energia della stanza iniziare a muoversi intorno a te, come per circondarti, compiendo dei giri lenti e continui intorno a te. 

  

Non deconcentrarti: visualizza l’energia che si muove come un cerchio tutto intorno a te. 

 

Pagina 7 su 8

Ora concentrati a muovere l’energia dal verso opposto, perciò se prima andava in senso orario ora andrà in senso antiorario. 

  

Rimani concentrato e visualizza l’energia che si muove intorno a te compiendo un cerchio. 

  

Visualizza l’energia avvicinarsi a te, riempiendo di prana quello spazio fra te e l’energia che prima era vuoto. 

  

Visualizza questa prana così bianca, così luminosa da diventare accecante, ricoprendoti di bianco e rendendo impossibile vedere altro nella stanza. Vedi solo luce. 

  

Ora richiamala ancora più vicina a te. Visualizzala molto vicina a te, come se ti stesse toccando. 

  

Assorbi dentro di te tutta questa energia, facendola entrare da ogni punto del tuo corpo. 

  

Visualizza l’energia luminosissima entrare dentro di te, come se al tuo interno ci fosse uno spazio infinito che attende di essere riempito. 

  

Riempiti di prana. 

  

Concentrati ad assorbire tutta la prana che era dentro la stanza, facendola entrare dentro di te. 

  

Respira profondamente e rilassati.  

Pagina 8 su 8

Ecco fatto. La prima sessione è terminata. Chiaramente la visualizzazione è molto di più, ma ci arriveremo a piccoli passi. Ripensando a ciò che abbiamo appena fatto, in particolare al momento in cui hai fatto girare l’energia della stanza intorno a te, in cerchio, probabilmente hai iniziato ad immaginare un cerchio largo ma molto sottile di energia bianca che ti girava intorno, nonostante poco prima avessi visualizzato di riempire la stanza con tonnellate di energia. Non pensi che quel cerchio fosse troppo fine? Considerando tutta l’energia richiamata, avresti dovuto visualizzare un’intera stanza di prana girare intorno a te. Immagino che poi tu abbia iniziato a visualizzare una spirale, e non più un cerchio, che girava intorno a te formando una spirale in movimento. Eppure la consegna diceva di visualizzare un cerchio e non una spirale. O ancora, è possibile che tu stessi vedendo te stesso in terza persona, visualizzando l’energia che ti girava intorno, e non in prima persona come avresti dovuto fare. Tutto ciò è molto semplice: la tua visualizzazione ha preso il sopravvento senza più rispettare i tuoi ordini. Ciò dimostra che hai ancora tanto lavoro da fare per imparare a tenere l’assoluto controllo del tuo pensiero. Questo non deve farti preoccupare: è normale, hai appena iniziato! Ben diverso sarebbe se tu praticassi da anni, perché a quel punto significa che non hai praticato davvero bene per tutto questo tempo, ed è giunto il momento di iniziare a fare sul serio. Se invece hai visualizzato un’intera stanza di prana girarti intorno, un massiccio quintale di energia luminosissima che ti girava intorno in un perfetto cerchio, è un ottimo segno, ma non pensare di essere arrivato a destinazione, perché abbiamo appena iniziato. 

Come vedi la visualizzazione è una tecnica vera e propria che ti permette di concentrarti meglio su qualcosa che vorresti ottenere. Quando hai aperto gli occhi non hai visto l’ammasso di prana accecante, però, se hai praticato davvero bene, è probabile tu abbia visto tanti pallini bianchi grigi e neri che si muovevano nella stanza, tra cui anche delle piccole strisce luminose che velocemente si sono spostate da un lato all’altro della stanza. Se l’hai vista, sono davvero felice per te, perché quella è energia! Continuando a praticare la visualizzazione, richiamando la prana e rinforzando il tuo intento, riempirai la tua stanza di energia sempre più forte sino a vederla molto bene anche ad occhi aperti. È vero che hai soltanto visualizzato, immaginato di richiamare l’energia, ma il pensiero è molto potente e anche se non lo vedi subito hai davvero richiamato energia reale nella tua stanza. Questa è solo la tua prima esperienza, ma continuando a praticare riuscirai a vederla, toccarla e sentirla davvero. Non ti resta che praticare! 

Fine pagina 8 su 8. Se hai gradito l’articolo, commenta qui sotto descrivendo le tue sensazioni durante la lettura o la pratica della tecnica proposta.

1470 commenti
  • Antoine Medaglia per aver completato lo Step 1 Medaglia per aver completato il libro Prendiamo Coscienza degli ALIENI - Vol. 7 - 12:42 01/05/24

    Ho trovato lo svolgimento di questo esercizio molto interessante, dato che vi erano continue consegne da praticare che lasciavano poco spazio a pause in cui c'era il rischio di perdersi in pensieri futili. Purtroppo devo ancora allenarmi molto sul non pensiero. Ho cercato di seguire le consegne il più fedelmente possibile. Ho visualizzato il più possibile in prima persona. Il cerchio l'ho visualizzato distante dal mio corpo ma fine, dunque non come avrei dovuto correttamente immaginarmelo. La sensazione di sfioramento e di assorbimento della Prana è stata piacevole e mi ha fatto sentire più rilassato. È sicuramente una tecnica da praticare molte volte per imparare meglio a visualizzare e dunque essere più sicuri quando si svolgono tecniche come ad esempio la Protezione Psichica. La spiegazione che è stata data sul concetto di visualizzazione è molto chiara. Ho capito meglio cosa si intende quando nelle consegne viene richiesto di visualizzare la luce bianca che si avvicina a noi. Oltre ad immaginarla bisogna desiderarla.

  • Alep - 14:59 27/04/24

    Quando dovevo muovere l'energia intorno a me l'ho fatto come per la Bolla, cioè facendo una sfera d'energia e muoverla intorno a me essendo io l'asse della rotazione, poi invece ho fatto una specie di ciambellone ed ho poi fatto girare quest'energia intorno a me. Infine quando ho assorbito l'energia che ho richiamato nella stanza, ho richiamato altra prana al fine di assorbirla, perché la prana non finisce mai. Continuo a respirare prana usando il solo intento.

  • Giusy - 07:17 16/04/24

    Avevo letto questo capitolo tempo fa ma è interessante come adesso che è passato tempo e sono andata avanti con gli argomenti e le meditazione come rileggerlo è stato diverso. Certi passaggi sono state proprio dei chiarimenti su eventi che mi cono accaduti in questi giorni. Ogni cosa al momento giusto tornare a rileggerlo è stato molto riempitivo per il mio percorso. La meditazione sulla visualizzazione mi è piaciuta molto. Praticare con più conoscenze su questo tecnica penso che dia più risultati. Grazie come sempre Angel per tutti gli argomenti che tratti

  • jedi70 Medaglia per aver completato lo Step 1 Medaglia per aver completato il libro Prendiamo Coscienza degli ALIENI - Vol. 7 - 23:09 15/04/24

    Penso di aver letto questo articolo già alcuni mesi fa, ma come spesso mi accade quando rileggo qualcosa, mi rendo conto di ricordarmi poco e niente di ciò che avevo già letto: incredibile! Ad ogni modo e per quanto riguarda questa lettura, posso solo dire che si tratta di un articolo davvero interessante, prezioso direi. Soprattutto per l'introduzione che fa capire come l'immaginazione sia davvero importante per permettere alla mente per mettere in atto tutte le soluzioni e strategie per raggiungere i propri obbiettivi, oppure in situazioni in cui si visualizzano concetti che ancora non si conoscono nella realtà, come ad esempio per la prana se ancora non si è sviluppata la propria vista per vedere l'energia e quindi la prana. Inoltre la tecnica dell visualizzazione è davvero importante anche per ciò che concerne la pratica della legge dell'attrazione, proprio mediante la quale e la pratica della visualizzazione è possibile ottenere e raggiungere i propri obbiettivi: partendo infatti dalla visualizzazione di un qualcosa e immedesimandosi al punto da provare le emozioni che si proverebbero se tale situazione fosse già accaduta, è possibile esaudire i propri stessi desideri. Quindi immaginare non è una semplice fantasticheria senza senso, ma una vera e propria tecnica per reizzaee se stessi e ottenere ciò che si desidera. Per quanto riguarda questo esercizio di immaginzione guidato, posso solo dire che come detto nell'articolo, ci vuole tanto allenamento, visto che ho fatto diversi errori, nonostante mediti e stia visualizzando da mesi ormai, ad esempio non ho visualizzato una grande quantità di energia pranica mentre mi girava intorno, ma solo mentre riempiva la stanza. Invece molto bene per quanto riguarda la prospettiva, ovvero il punto di vista che è stati quello mio, pertanto quello frontale, non dall'alto o da un'altra angolazione.

  • caiocaio Medaglia per aver completato lo Step 1 per la 2ª volta - 18:53 14/04/24

    Mi è piaciuto particolarmente il fatto che è stato ripresa la musica e la voce della prima mediazione in non pensiero sui chakra, è veramente strabiliante il suo effetto e sicuramente non è fatto a caso. Devo dire che è veramente complicato riuscire a visualizzare, o meglio, capire quale sia il metodo giusto e ottimale per riuscire al meglio. L'unica cosa che riesco a immaginare di aver capito è che bisogna stare nel Qui e Ora senza andarsi a perdere in troppi pensieri, ma quando si immagina la luce nell'universo è doveroso perdersi un po, o immaginare la prana che arriva dal cielo. In ogni caso è sicuramente un passaggio fondamentale che va affrontato insieme al rilassamento, all'intento e alla respirazione della prana. Come in ogni cosa ci vuole tempo, costanza e determinazione, non ci si può aspettare risultati dopo un paio di sessioni

  • tykest - 17:53 12/04/24

    Molti aspetti interessanti e importanti sono stati enunciati , visualizzazione, intento, meditazione in non pensiero, sulla questione visualizzazione devo dire che faccio parecchia fatica a visualizzare in modo fermo e preciso ad esempio il prana che è sempre descritto come bianco, luminoso, scintillante riesco a malapena a visualizzarlo bianco ma non luminoso e scintillante e spero col tempo di migliorare la mia capacità di visualizzazione, in ogni caso ho sperimentato moltissime volte gli effetti di una visualizzazione (anche se non di 1° qualità) sia positiva che negativa, ad esempio quando cerco un parcheggio e non mi faccio prendere dalla rabbia e dallo sconforto per non averlo trovato, ho come una sensazione di essere prossimo a trovarlo e invariabilmente lo trovo, magari istintivamente percorro una strada trafficata e davanti a me un passante esce dal marciapiede e apre la portiera di un'auto proprio davanti a me e mi lascia il posto. Poi l'ho anche soerimentata in modo estremamente negativo x il fatto di non avere in tutta la mia vita di avere chiaro cosa mi interessa realmente e cosa voglio fare o perlomeno ho sempre considerato di serie B le cose che mi piaceva fare realmente e questa sensazione negativa mi ha fatto immaginare spesso le peggio cose, che si sono puntualmente e stradannatamente verificate, per cui ho un grosso carico di dolore e di tristezza per il tempo perso e bruciato inutilmente, e questa immagine non fa che peggiorare ulteriormente le cose, occorrerebbe avere l'intuizione di cosa si può fare adesso, di cosa sarebbe utile fare per se stessi senza continuare a sprecare tempo, ma è proprio questa intuizione questa ispirazione che mi manca, forse un metodo è lasciare andare le cose negative della propria vita, tanto indietro non si torna e forse ci sarebbe spazio per una intuizione, una ispirazione utile

  • Galanasoul Medaglia per aver completato lo Step 1 - 17:41 12/04/24

    Questo esercizio di visualizzazione è molto efficace. Mi aiuta molto a rilassarmi e superare una sorta di "ansia da prestazione" che mi prende quando pratico la visualizzazione. Mi aiuta anche a sostenere meglio la concentrazione e creare l´immagine mentale gradualmente, senza avere fretta.

  • Miriel Medaglia per aver completato lo Step 1 Medaglia per aver completato il libro Prendiamo Coscienza degli ALIENI - Vol. 1 Medaglia per aver completato il libro Prendiamo Coscienza degli ALIENI - Vol. 4 Medaglia per aver completato il libro Prendiamo Coscienza degli ALIENI - Vol. 5 - 18:35 07/04/24

    La tecnica della visualizzazione è davvero potente, fin da bambina mi divertivo a immaginare eventi, cose e luoghi in cui decidevo di andare. Il mio intento, ora che ci penso, era quello di stare bene e fantasticare per ore era l’unica cosa che mi faceva allontanare la tristezza. Lo facevo con l’innocenza di una bambina e in parte questo mi è rimasto, tant’è che non provo fatica a visualizzare ad esempio la pena che mi circonda o che entra dentro di me come proposto nell’esercizio. Quello che mi resta difficile è rimanere concentrata, con il tempo la mia capacità di “stare” è andata scemando e quando sono diventata adulta per un periodo è sparita. Fino a quando ho conosciuto ACD. Ho cominciato a pensare che tutto sommato non era matta come pensavo di essere perché stavo troppo a visualizzare cose belle, era solo che non lo facevo consapevolmente. Adesso mi risulta più complicato combinare visualizzazione e intento, se da un lato sono consapevole, dall’altro questa consapevolezza mi crea più frustrazione perché non riesco a praticare come vorrei e dovrei.

  • Zerocalk - 23:01 05/04/24

    Questa tecnica è spiegata veramente bene, sopratutto dopo averla praticata per la prima volta ti spiega cosa devi e cosa non devi visualizzare per non commettere errori! In questo momento sono agli inizi pertanto non riesco ancora a visualizzare il Prana, causa sicuramente molta stanchezza dal lavoro e inizio delle lettura a tarda sera! Spero di cambiare la mia vita anche grazie a queste tecniche interessantissime!

  • KouteiMar Medaglia per aver completato lo Step 1 - 11:26 05/04/24

    Questa tecnica è molto utile per capire a che livello si è con il non pensiero e l'intento, finché non riesco a stare concentrato tutto il tempo e a visualizzare costantemente, l'intento e il non pensiero possono essere ancora migliorati con questa pratica. Non ho difficoltà a visualizzare tanta prana, ma a tenere la concentrazione alta e costante tutto il tempo invece ancora sì purtroppo. Va anche a periodi, perché alcuni giorni sono molto più in grado di tenere la mente ferma, ma sto cercando di abbassare i giorni meno produttivi. Mi ha fatto venire in mente che in ogni tecnica bisogna cercare di visualizzare più prana possibile, perché così l'intento viene maggiore.

  • Iris - 06:35 04/04/24

    Veramente veramente interessante. Mi ero ripromessa di riascoltarlo meglio e più a fondo prima di scrivere. Questo articolo spiega benissimo il significato di visualizzazioni, intento, meditazione e come ognuna di queste cose si pratichi e si realizzi e cosa porti.

  • chakana - 09:48 02/04/24

    Questo articolo é meraviglioso, le parole di cui avevo bisogno in questi giorni, ti spiega davvero l'importanza dei nostri pensieri che si tramutano in Intento , se pensiamo a cose negative queste accadono quindi rimaniamo positivi, cosi la vita sara sempre più bella. Questa tecnica é bellissima aiuta molto svolgerla prima della meditazione per avere un risultato ancora più forte. Sono un po' di giorni che ero un po' abbattuto per delle vicende personali, questo articolo mi ha dato una grande carica e mi ha fatto capire quanto é importante tirarsi su e pensare positivamente cosi questi pensieri con la giusta pratica si tramutano in eventi positivi nella nostra vita.

  • cippalippa - 11:34 29/03/24

    Bello bello bello, non volevo uscire da questo stato pieno di luce e serenità. Sentire e imparare a guidare questa energia, non vedo ora

  • erianthe - 14:19 27/03/24

    Avevo letto e fatto varie meditazioni relative all'articolo, ma stamani era come se avessi dimenticato e lo avessi fatto per la prima volta, è bellissimo. Grazie

  • Cora - 07:57 27/03/24

    La tecnica è sublime .Mentre cambiavo il senso di rotazione ho percepito lo spostamento,, hai la sensazione che entri in una nuova dimensione