031 – I Viaggi Astrali – Primo tentativo con tecnica guidata (3 parte)

Questo articolo è disponibile anche in formato Audio, se desideri ascoltarlo clicca qui

Pagina 1 su 15

Nella lezione di oggi ti guiderò nel compimento di un Viaggio Astrale. Ti consiglio di praticare questa tecnica guidata circa un’ora prima di andare a dormire, così che non avrai l’ansia di concludere in fretta per svegliarti presto domani mattina, in quanto questa tecnica può richiedere necessariamente del tempo per riuscire. Potresti anche decidere di praticare questa tecnica nel pomeriggio, così che se riuscissi ad addormentarti per compiere il Viaggio Astrale non avrai preoccupazioni di doverti svegliare presto. Quando sei pronto per praticare, ascolta questa guida e azzera completamente tutte le tue aspettative, affinché non rovinino l’esperienza che potrebbe accadere anche molto diversa da come l’avevi immaginata.

Prima di sdraiarti per compiere il viaggio astrale, assicurati di essere andato in bagno, aver bevuto acqua perché la sete non ti disturbi e avere indossato vestiti comodi. Silenzia il cellulare e fai in modo che niente e nessuno possa disturbarti mentre stai praticando, perché uno squillo al telefono, al citofono, o qualcuno che bussa alla porta significherà che la tecnica verrà rimandata ad un altro giorno, perché oggi non riuscirai a concentrarti abbastanza per uscire dal corpo. Per questa ragione è consigliabile praticarlo di notte ma, se riesci a mantenere un’atmosfera tranquilla e silenziosa anche di giorno, ad esempio la mattina presto o il pomeriggio, va benissimo praticare la tecnica anche in quegli orari; anzi, praticare la mattina appena svegliato o il pomeriggio potrebbe anche risultarti più semplice per una questione di sicurezza: la notte fa paura a molti e se il buio ti disturba potrebbe essere un grande vantaggio praticare di giorno. Ovviamente non bere caffè o bevande gassate prima di praticare questa tecnica, perché ti risulterà difficile entrare in quella paralisi del corpo necessaria per compiere il viaggio astrale.

Per iniziare, sdraiati nel letto e sistemati comodo. Non tenere le mani sopra la pancia, ma tienile anch’esse poggiate sul letto. Tieni le gambe distese, non piegate né incrociate. Se riesci, ti consiglio di sdraiarti di pancia così che potrai compiere il viaggio uscendo dalla schiena, in quanto risulta più semplice; dipende però se riesci ad addormentarti in quella posizione. Ti consiglio di provarci, quindi di posizionarti con la pancia sotto e, in questo caso, le mani possono stare sotto al cuscino oppure accanto al busto, l’importante è che non ostacolino l’energia della schiena; perciò non tenere il braccio poggiato dietro alla schiena. A seconda della posizione in cui ti sei sdraiato, la tecnica cambierà, perciò te le spiegherò entrambe in questo documento. Puoi anche decidere di iniziare la preparazione alla tecnica stando sdraiato a pancia in su, dopodiché, quando partiremo con la tecnica vera e propria, ti consiglierò di cambiare posizione e sdraiarti con la pancia sotto. La tecnica verrà suddivisa in due fasi: durante la prima fase ti guiderò con la mia voce, mentre la seconda fase andrà compiuta senza guida, perché la voce potrebbe rischiare di distrarti. Perciò conclusa la seconda fase ti spiegherò cosa dovrai fare affinché potrai proseguire la tecnica senza bisogno della guida.

 

Iniziamo.

Ora chiudi gli occhi ed esegui ogni consegna, svolgendola in modo calmo e rilassato. Non farti prendere dalla fretta.

Se desideri ascoltare la tecnica guidata versione Audio con il sottofondo musicale, clicca qui, altrimenti se vuoi ascoltare la versione senza musica clicca qui .

Inizia a respirare prana dentro di te…

 

E sentiti rilassare…

 

Concentrati sul respiro…

E rendilo sempre più profondo…

 

Respira…

E senti la prana bianca che entra in te, ad ogni tuo respiro…

 

Rilassati…

E non pensare a niente…

 

Sai, che se resti agitato, o emozionato, non riuscirai a compiere un viaggio astrale…

E quindi devi rilassarti…

 

Respira profondamente.

 

E continua a restare concentrato sul tuo respiro.

 

Dentro di te… senti che vorresti uscire in astrale…

E concentrati su quel desiderio.

Senza pensarci, ma tieni impresso questo intento…

 

Sentilo come desiderio, ma senza pensarci troppo…

Così che il desiderio rimanga nel tuo petto, ma la tua testa non resti piena di pensieri…

 

Tieni il silenzio mentale.

 

E rilassati…

 

Senti le braccia diventare pesanti…

Le spalle diventano pesanti…

 

E l’intero corpo diventa pesante…

 

E tu lo lasci fare… lo lasci rilassare…

Ti lasci rilassare dentro e fuori…

 

E respiri prana…

Senza forzarti, senti la prana bianca che entra ad ogni tuo respiro.

 

Senti la testa diventare pesante.

Il collo diventa pesante.

E pian piano abbandoni il volere di muoverti…

 

Senti come ogni muscolo del tuo viso e del tuo corpo non vada più mosso… e vuoi restare fermo…

Perché tutto… si sta rilassando.

 

E dentro di te resta il sentimento di voler uscire dal corpo…

Ma devi rilassarti…

 

Senti il cuore rilassarsi…

 

Mentre respiri prana, il cuore si calma…

Tutto si calma, dentro e intorno a te.

 

E tutto diventa più pesante…

Anche l’aria intorno a te… diventa più pesante.

 

E senti… come diventa difficile muovere il corpo…

E senti… che per rilassarti è giusto stare fermo… e non provare a muoverti… così che resti rilassato…

 

Concentrati sull’energia delle gambe…

Non muoverle fisicamente, ma concentrati sull’energia interna…

Mentre resti rilassato.

 

Senti l’energia pranica che entra nelle tue gambe.

 

Senti l’energia che entra… e si muove all’interno delle gambe.

 

Senti come l’energia entra dalle dita e lentamente si muove per raggiungere il ginocchio.

 

Senti l’energia che si muove all’interno delle gambe…

 

Continua a far entrare l’energia dalle dita…

E falla muovere sino ad arrivare alle ginocchia.

 

E dalle ginocchia falla scendere… senza farla uscire dai piedi…

 

E di nuovo… fai salire l’energia dai piedi sino alle ginocchia.

 

E falla riscendere…

Sentendo il movimento all’interno delle gambe.

 

Senti come l’energia si muove…

 

Tenendo le gambe fisiche ferme, prova a sentire le gambe energetiche uscire da quelle fisiche.

 

Concentrati soltanto a sentire i piedi e le gambe, sino al ginocchio, uscire dal corpo fisico.

 

Senza fretta, metti solo l’intento…

Senza pensieri per la testa…

Concentrati solo sull’intento di far uscire le gambe.

 

E anche se all’inizio non ci riesci, senti questa sensazione fisica alle gambe…

Sembra quasi un dolore, ma molo leggero…

Ed è un buon inizio, perché sono le tue gambe energetiche che stanno iniziando a compiere i loro primi movimenti.

 

Quindi non avere fretta…

 

Ora rilassati…

Rilassa le gambe…

E riprendi a far entrare l’energia dai piedi… facendola salire sino alle ginocchia.

 

Falla muovere dai piedi, salendo su…

 

Poi falla scendere giù, falla tornare nei piedi.

 

Falla tornare su… e supera le ginocchia, sino ad arrivare alle cosce…

Lentamente…

 

Fai entrare prana dai piedi…

E lentamente falla salire su, sino alle cosce.

 

E concentrati sui movimenti di energia che stai compiendo dentro le gambe.

 

Riempi le tue gambe di prana…

Più possiedi prana all’interno più sarà semplice muoverla…

E sentirne i movimenti fisici, anche se fisicamente non ti stai muovendo.

 

Eppure più ti concentri su questo movimento di energia, più ti sembrerà diventare fisico.

 

Rilassati…

 

E ora prova ad alzare le gambe energetiche… tenendo ferme quelle fisiche.

 

Rilassati, mentre lo fai… non farti prendere dalla fretta.

 

Senti i piedi, le gambe, le ginocchia, le cosce, uscire…

 

Senti l’energia uscire…

 

Torna a rilassarti… e respira prana… rilassandoti.

 

Ora concentrati, dalla punta della spina dorsale…

E con calma e delicatezza, senti l’energia spostarsi lungo la spina dorsale.

 

Parti dalla punta sino ad arrivare al centro della spina dorsale…

Con calma, riempila di energia…

E questa energia muovila dal basso verso l’alto.

 

Dall’alto verso il basso…

 

Concentrati a sentire l’energia che si muove, dal basso verso l’alto…

Seguendo la spina dorsale.

 

E ora con calma, sali lungo il resto della spina dorsale…

Respira per rilassarti.

 

E senti l’energia che dal centro della schiena sale lungo la spina dorsale…

Sino ad arrivare al collo.

 

E ora continua a salire…

Sentila dietro la testa… sino ad arrivare alla Corona.

 

Ritorna al centro della schiena, e ricomincia a far salire l’energia… lentamente.

 

Arriva sino al collo… e poi sali… sino alla Corona.

 

Ritorna al centro della schiena…

E con maggiore intensità, porta su l’energia…

 

Ora concentrati sulla punta della spina dorsale…

E lentamente porta su l’energia sino a raggiungere la Corona…

 

Segui la spina dorsale… e senti il movimento che compie l’energia.

Seguilo, per ogni centimetro della tua spina dorsale.

 

E quando hai finito… ricomincia dalla punta…

Porta l’energia su, per tutta la spina dorsale.

 

E concentrati davvero, per tutta la lunghezza, a sentire il movimento di energia.

 

Ora rilassati…

Non pensare a nient’altro…

 

Rilassati e stai in silenzio mentale…

 

Concentrati ora sull’intento di voler far uscire dal corpo le gambe energetiche…

Seguite dal busto energetico…

 

Quindi senti tutto il corpo tranne la testa… uscire energeticamente dal corpo fisico.

 

Stando fermo fisicamente… senti le braccia sollevarsi…

Senti le gambe sollevarsi…

Il bacino segue…

E tutta la schiena cerca di sollevarsi…

 

Respira mentre lo fai…

Non trattenere il fiato…

 

E continua a sentire le braccia sollevarsi…

Insieme a tutto il resto del corpo.

 

Senti come se il copro fisico fosse troppo pesante…

Mentre il corpo energetico è leggero e inizia a sollevarsi…

 

Ti senti come galleggiare in aria…

 

L’unica cosa che ti trattiene è la testa energetica connessa a quella fisica…

Ma tutto il resto si sta sollevando…

 

E lo senti dai movimenti energetici che stai compiendo dentro di te.

 

Continua…

 

Con calma… senti piano piano anche la testa energetica distaccarsi…

 

Rilassa la testa…

E non pensare più a niente…

 

Ora fai entrare energia dalla Corona…

E senti questa energia muoversi all’interno della testa.

 

Sentila muovere dal basso verso l’alto…

Dall’alto verso il basso…

E continua così, a muovere l’energia all’interno della testa.

 

Ora cambia genere di movimento, fallo partire dalla nuca…

E questo movimento deve raggiungere il chakra della Mente…

 

Quindi senti l’energia mentre oltrepassa tutta la testa…

A partire dalla nuca, e arriva sino al chakra della Mente.

 

Continua a rilassarti, mentre compi questo movimento interno.

 

Ora dal chakra della Mente senti questa energia muoversi…

Sino ad arrivare alla nuca.

 

Sentila come si sposta…

 

Riparti dalla nuca e sposta l’energia facendola arrivare alla fronte…

 

Ora respira prana dalla Corona…

E senti come riempie tutta la testa di energia, che ti aiuterà a fluire meglio.

 

Respira… e rilassati…

 

Mentre la prana entra nella tua testa…

E si riempie…

 

Continua a sentire tutto il corpo molto pesante…

Così pesante che ne perdi il controllo…

 

Non lo muovi più, senti solo che vuoi uscire da questo corpo…

E ti senti diventare leggero… mentre il corpo è pesante…

 

Ora concentrati… a partire dalle gambe…

Concentrati a sollevarle…

Insieme alle braccia.

E mentre il corpo fisico è rilassato…

Tu inserisci questo intento di voler uscire dal corpo…

 

E senti le braccia… e le gambe sollevarsi.

Il bacino segue…

E tutto il busto…

 

E il collo…

E la testa…

 

Sentiti sollevare tutto, con l’intento di uscire dal corpo…

 

Respira…

Non trattenere il fiato…

 

Ora si conclude la prima fase… e puoi iniziare la seconda.

 

Ora inizia la seconda fase della tecnica, la fase più importante perché dovrai compierla da solo. Il mio consiglio è di proseguire cambiando posizione fisica, quindi sdraiandoti con la pancia sotto, così che tu possa compiere il viaggio astrale uscendo dalla schiena. Se non te la senti puoi proseguire con la posizione assunta sinora. Nel caso tu decida di uscire dalla schiena, la seconda fase della tecnica si baserà sul muovere l’energia, di tutto il corpo, con l’intento di uscire dalla schiena. Sentiti quindi sollevare, tirandoti in alto attraversando la schiena. Questa posizione sarà più semplice soprattutto per l’uscita della testa, in quanto uscire in oobe direttamente dalla nuca è più veloce rispetto ad uscire dalla fronte. Se invece continuerai la tecnica nella stessa posizione assunta sinora, potrai proseguire l’uscita in astrale sollevandoti esattamente come abbiamo compiuto fino ad ora. Ricordati che l’importante è rilassarti e non trattenere il fiato, perché solo da rilassato il corpo riuscirà a far fluire meglio l’energia, che servirà per farti uscire in astrale. Ora dovrai proseguire da solo, senza cuffie, perché tu possa sentire i suoni dimensionali che ti aiuteranno ad uscire in astrale con maggiore semplicità; perciò le tue orecchie devono restare libere e capaci di sentire i suoni. Prosegui la tecnica senza timore, e domani torna qui a leggere il seguito di questa lezione. Pratica questa tecnica sino a quando ti addormenterai, con l’intento di uscire dal corpo. Buon viaggio astrale!

Pagina 15 su 15

Bentornato! Spero che la tecnica ti sia riuscita al primo colpo, ma se così non fosse, non ti preoccupare. La prima volta serve soprattutto a prendere confidenza con gli spostamenti di energia, che non sono tanto semplici da attuare. Infatti, questa prima esperienza ti è servita per comunicare al tuo corpo le tue intenzioni riguardanti il viaggio astrale; è come se gli avessi detto: “Da oggi ho intenzione di uscire dal corpo”, e poco a poco si abituerà sempre di più, sino a che non riuscirai a compiere l’oobe senza più fatica. Non è facile uscire in astrale già dal primo tentativo, quindi se non ci sei riuscito non ti devi preoccupare, questa è solo la prima volta e andrà sempre meglio le prossime. La chiave per riuscire nell’oobe è abituare il corpo ai movimenti di energia interni, così che durante l’uscita in astrale il corpo non si “spaventi”e non entri in difensiva; in questo modo ti lascerà libero di far uscire la sonda di energia e non si bloccherà dalla paura. È molto importante che durante la tecnica per compiere l’oobe, ti concentri a non provare forti emozioni che ti facciano battere forte il cuore, perché se il cuore batte troppo veloce il corpo si rifiuterà di farti uscire, in quanto fraintenderà quel battito accelerato per un pericolo, per cui bloccherà l’oobe. Di conseguenza, per “ingannare” il tuo corpo, è importante restare quasi impassibile, ovvero non essere troppo emozionato ed eccitato per quello che stai facendo, ma restare con un sentimento quasi distaccato, come se “non ti importasse nulla”; così facendo, il cuore resterà calmo (il battito sarà regolare) e non avrai le pulsazioni accelerate dall’eccitazione. Ovviamente se il cuore batte più veloce non succede niente di male o di pericoloso, semplicemente il corpo trattiene l’energia e quindi non riuscirai nell’oobe, ma nulla più di questo.

Per riuscire nell’oobe bisogna stare completamente rilassati, calmi e con gli occhi chiusi. È importante che non apri mai gli occhi, perché se li apri potresti perdere tutto il lavoro fatto sino a pocanzi. Inoltre è fondamentale che non trattieni mai il fiato, com’è tipico fare quando si tenta di uscire in astrale; ma devi respirare sempre regolarmente, restando cosciente del tuo respiro. Questa prima esperienza ti è servita per iniziare a muovere l’energia dalle gambe e dalla schiena, così poco a poco riuscirai sempre meglio a muovere il corpo energetico, sino a quando sarai in grado di distaccarlo dal corpo fisico e quindi partire in astrale. Inoltre hai scoperto che è possibile uscire in astrale anche dalla schiena, e che anzi, è proprio la posizione più favorevole per compiere un viaggio astrale. Detto questo, non ti resta che provare ancora, sino alla perfetta riuscita dell’oobe. Nel frattempo, se ti va di raccontarmi la tua prima esperienza con questa tecnica guidata, anche se non sei uscito completamente, puoi farlo qui sotto attraverso un commento. Raccontami com’è andata la tua prima volta e sarò felice di leggere e – nel caso servisse – di consigliarti un migliore approccio. I dettagli delle sensazioni fisiche sono fondamentali!

Fine pagina 15 su 15. Se hai gradito l’articolo, commenta qui sotto descrivendo le tue sensazioni durante la lettura o la pratica della tecnica proposta.
Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©
34+

110 Commenti

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *

Nome *
Email (opzionale)


  1. Ho seguito l’audio.. all inizio, siccome i viaggi astrali sono la mia passione, probabilmente ero euforica.. parlo dei primi dieci minuti, poi dopo man mano mi sono rilassata sempre piu.
    Ho provato a far uscire fuori l energia e a fare gli spostamenti.
    A fine audio mi sono stesa a pancia sotto e sentivo fischi più o meno forti, lunghi, lunghissimi.. non si fermavano proprio.
    ho atteso di nuovo la rigidità del corpo dato che dopo l audio c’è una parte parlata in cui viene suggerito di cambiare posizione e quindi ero diventata un po’ piu vigile inevitabilmente.
    quando ho sentito la rigidità del corpo, ho provato ad uscire dalla schiena… ma niente.
    2/3 volte, in diversi momenti della nottata ci ho provato..
    ci voglio riuscire,stasera metterò anche foglio e penna accanto al letto perché voglio andare in astrale e ricordarmelo