034 – Lasciarsi andare (1 parte)

Pagina 1

 

 

Ciò di cui parleremo oggi è un argomento probabilmente complicato per alcuni di voi, per altri invece sembrerà praticamente scontato, ma garantisco che per entrambi sarà davvero molto importante, se lo si comprende davvero come si deve.

Abbiamo parlato di Dio, di cos’è, di come funziona, il suo rapporto con l’oscurità, ma è momento di approfondire quanto sia importante avere una connessione stabile con la Forza, nient’altro che il tutto di questo Universo. Iniziamo col dire che nella nostra mente umana la terminologia è diventata troppo profonda, perché nominando Dio ti vien da pensare ad una cosa, nominando la Forza ti vien da pensare qualcos’altro. Entrambe le parole si riferiscono alla stessa frequenza ma siamo stati cresciuti con la credenza che Dio e la Forza rappresentino due cose diverse. Arriviamo poi agli Dei, ovvero persone (o alieni) capaci di fortissime capacità psichiche che son stati poi venerati come Dio sceso in terra. Gli Dei non sono realmente Dio, ma esseri molto capaci e sicuramente con una connessione molto profonda con Dio, ma non sono Dio. La parola Dio fa pensare probabilmente a quel Dio punitore umanoide che decide il destino della gente, la parola Forza fa pensare a quel famoso film di cui la Forza è l’energia che è intorno a te. Sicuramente questa seconda versione è molto più vicina alla realtà, ma vorrei far comprendere che Dio, come noi, possiede anch’esso diversi lati da scoprire.

Dio è l’energia, è tutto ciò che ci circonda, è una forza universale che comprende tutti nell’uno e tutto ciò che esiste è Dio, ma lui possiede anche una mente con la quale si può comunicare profondamente. La preghiera è un modo di parlare con Dio, ma non è una vera e propria comunicazione, nonostante non sia da buttare via. Quando pratichi meditazione stai lasciandoti andare a lui, lasciando non solo che lui possa sentire ciò che hai da dire per davvero, ma gli permetti di risponderti. Quando preghi stai chiedendo a Dio qualcosa, ma non è detto che comprenda ciò che realmente stai chiedendo, e non è detto che tu comprenderai la tua risposta, poiché lui non comunica a parole. Tutto ciò che conta è il sentimento che ci metti dentro, e se la preghiera ti aiuta a raggiungere quella connessione nessuno ti impedisce di utilizzarla, anzi, ma unendola al sesto senso che ti offre la meditazione sarai avvantaggiato perchè ne comprenderai la risposta. Quando comunichi con Dio è necessario comprendere che lui risponderà a sentimento, a sensazione, ed è per questo che le parole non serviranno più tanto. C’è poi chi dice che lui comunicherà a fatti, ovvero situazioni che ti mostreranno la via, ed è vero tante volte, ma altre volte sarà il low manipolato a creare situazioni per farti credere l’esatto opposto. Capiterà delle volte in cui tu chiederai che qualcosa si avveri, la Forza attraverso il sentimento ti dirà “si, stai tranquillo, questa cosa si avvererà”, e nel mentre nella tua vita accadranno situazioni che sembreranno l’esatto opposto, poiché faranno credere che tu non avrai mai ciò che avevi chiesto. Preferisci credere a Dio o al Low? La Forza ti ha detto si, il low ti dice no. E’ essenziale saperli riconoscere, per questo motivo devi imparare a sentire cosa ha da dirti, e non guardare solo ciò che accade nel Matrix, perché il low (manipolato dal dark side) vuole farti perder fiducia in Dio, ma se lui ti ha detto si, allora sarà un si. Come ho già detto, lui non comunicherà a parole, non ti dirà ‘si’ a parole, non ti dirà come fare a parole (a parte in rare occasioni in cui la sua risposta ti verrà immediatamente tradotta a parole), ma lo farà ad istinto, a sensazione, a percezione. Quando mediti e stai in non pensiero, tu stai comunicando con lui senza rendertene conto. Non c’è bisogno di dire “ok sto comunicando con Dio”, semplicemente avviene. Ci sono stadi e stadi di comunicazione e la meditazione profonda è un buon inizio.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 2

 

 

Ci saranno momenti in cui ti sembrerà impossibile fidarti di Dio perché sembrerà che sia impossibile che questa cosa avvenga, ma ricorda chi è Dio e chi è il low. Chi è più forte? Chi ha la capacità di reggere realmente il confronto? Ma ciò che voglio insegnarti è che non dipende da chi è più forte, ma da chi tu reputi più forte. Se tu permetti alla Forza di entrare, allora lei sarà più forte, ma se tu credi che il low sia imbattibile e che quindi ciò che hai sentito non possa realmente avverarsi perché il low è più forte, allora così sarà. La Forza è forte, ma non deve fare lui il lavoro, bensì te. Ritorniamo il discorso del ‘perché se dio esiste bla bla bla?’ è il tuo compito, è tuo compito far entrare la Forza in questa dimensione, e non ci riuscirai se crederai che il Low sia più forte del creatore. Dio è tutto, il low è solo una piccola parte di un suo piccolo pianeta, ma è tua la decisione di scegliere chi per te sia più forte. Se tu apri le porte alla Forza, lei entrerà e ti dimostrerà la sua potenza, ma se tu lasci le porte chiuse dimostrando poco interesse, lei semplicemente non entrerà, perché non vorrà obbligarti a far qualcosa. Questo è libero arbitrio.

Dio è tutto e sono certa che ogni volta che leggerete questa frase nei miei documenti penserete “Dai, l’hai già detto!”, ma ancora non avrete capito cosa significa quando dico Dio è tutto. Perché tutto ciò che vedi e non vedi appartiene a lui. Fidarsi di lui è fidarsi del tutto. Dentro te sai chi è realmente Dio, ma sei stato cresciuto con diverse credenze e ti hanno allontanato dalla verità. Quando eri piccolo sapevi cos’era Dio, ma crescendo te lo hanno fatto dimenticare. Da piccolo sapevi comunicare con Dio, ma crescendo te ne sei dimenticato. Dire che Dio non sia potente sarebbe come dire che l’Universo non esista, ma è normale, dopo tutto ciò che ci hanno impiantato nella mente, avere fiducia in lui diventa complicato. Il punto è che per uscire in modo molto più profondo e sano dal low, è importante comprendere in che situazione stiamo lavorando. Siamo in una dimensione dove tutte le influenze esterne, comprese le stesse persone che ci circondano e i nostri stessi pensieri, lavorano per farci allontanare dal desiderio di voler comprendere cosa sia realmente il tutto. La Forza ha un compito davvero davvero molto importante per il nostro risveglio e più ci allontanano da lui, più ci allontanano dal nostro risveglio conscio. Come le religioni insegnano l’opposto di ciò che insegnavano gli ‘dei’, la società ci insegnano l’opposto di ciò che è Dio.

I più famosi dei, come Cristo, Krishna, Ganesh, Buddha, e tanti altri, insegnavano a meditare, a respirare prana, a fidarsi ciecamente di Dio spiegando come si comunicasse con lui. Il tramandare dei loro detti sono stati trasformati nell’opposto di ciò che desideravano invece rivelare: ci obbligano a parlare, pensare, cantare il nome degli dei facendoci dimenticare chi è il vero Dio. Il cristianesimo ad esempio, ci insegna che Cristo è Dio e che invocando Cristo invochi Dio. Non è così. Cristo è stato un forte guerriero, un vero illuminato potente che ha portato un vero cambiamento, diventando famoso e tralasciando i suoi insegnamenti in tutto il mondo, ma purtroppo l’oscurità è intervenuta e sono stati cambiati parecchi dei suoi insegnamenti. La croce ad esempio che fai quando preghi, non significa realmente quello che ci è stato insegnato, ma ha invece il senso di tramandare insegnamenti più profondi quali lo spostamento di energia. E la preghiera che inizia già col “noi siamo tutti peccatori”, perché mai? Cos’abbiamo fatto di così male per definirci peccatori sin dalla nascita?

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 3

 

 

Pertanto io ti chiedo di tornare al passato, a quando eri piccolo e sentivi la tua forte connessione con Dio, quella che era vera, quella in cui sapevi che lui non ti avrebbe fatto del male ma anzi che ti avrebbe protetto anche quando poteva sembrare che fossi solo. Quando eri libero dai pensieri e sapevi che tutto sarebbe andato bene, che non pensavi al futuro o al passato ma ti godevi il momento. Ricorda quei momenti e non solo per un attimo, concentrati ora sul ricordare cosa facevi e che stato mentale avevi quando cercavi di connetterti a Dio. A questo punto, torna a quel sentimento, torna alla fiducia che avevi nel tutto senza sapere quale fosse il suo nome. Prendi il sentimento di tutte le volte che sapevi di poter contare su qualcuno, di tutte le volte in cui sei stato aiutato e non avevi dolore dentro di te. Prendi quel sentimento e vivilo ora. Torna ad essere puro dentro, saggio com’eri. Senti il sentimento di tutta la serenità e pace che puoi provare a sentire e comprendi che quello, quello è veramente Dio. Dio non è solo un qualcosa di materiale, quello è solo il suo corpo fisico. Lui ha una mente come te, e la sua mente non è comprensibile se non provi ad avvicinartici. Stai vivendo nel suo corpo fisico, tutto ciò che ti circonda di materiale è il corpo fisico, l’energia che respiri è la vita che lui vuole offrirti, ma per comprendere realmente cos’è Dio devi desiderare davvero di poter comunicare con lui. Sarà un sentimento, una pace immensa che non avevi mai provato così a lungo. Sarà una felicità così intensa che ti sentirai di ridere e piangere allo stesso tempo. Quel sentimento è complicato da comprendere per un cervello umano, per questo riderai e piangerai di gioia e malinconia allo stesso tempo. Non sarà un dolore, perché sarai felice di piangere, ma dentro te sentirai quella mancanza che desideri riempire. Accorgerti della sua assenza ti farà comprendere come riavvicinarti a lui. Sei stato tu ad allontanarti, non lui a cacciarti. Quando ti sei reincarnato hai dovuto dimenticare tutto, e questo purtroppo ti ha fatto dimenticare anche di lui. Entrambi ne eravate coscienti, ma ora è il momento di riprendere la connessione tra voi.

Dimenticati per un attimo della struttura che ti circonda, dimentica del luogo in cui credi di essere, degli oggetti, dei mobili, delle porte, ma comprendi di essere dentro più dimensioni allo stesso tempo, perché tu non appartieni a questa dimensione ma vivi in più dimensioni contemporaneamente, solo che non te ne sei reso conto, non te ne ricordavi. Tu sei multidimensionale, poiché stai vivendo in più dimensioni contemporaneamente. Renditi cosciente delle altre centinaia di dimensioni e comprendi che questa struttura non ti appartiene. Intorno a te non ci sono più muri, oggetti, mobili, finestre chiuse, e tutto ciò che credevi di vedere; ma c’è energia, c’è un campo disteso immenso di prana che vola, striscia, compone grosse immensità di luce. La prana non è solo sopra la tua testa, ma intorno, dietro, sotto di te, e tu puoi respirarla in qualunque momento, ma devi esserne cosciente. Intorno a te ci sono immensi chilometri di chilometri di pura libertà, pura luce, niente struttura.

Ti stai accorgendo che tu non sei il tuo corpo fisico, non sei una forma piena di ingranaggi, ma sei pura energia libera e senza forzature. Sei libero, sei fluido, sei tutto allo stesso tempo. Non si tratta di illusione, come il tuo cervello vuole farti credere, ma stai andando oltre il programma che ti è stato imposto. Senti il sentimento di assoluta libertà, di pace, di felicità, di sicurezza che senti e comprendi che questo è Dio. Associa questi sentimenti a lui, perché per tutta la vita ti hanno fatto associare quella parola ad altri sentimenti spesso anche negativi, affinché tu non potessi avvicinarti a quella parola. Cambia il programma della tua mente, comprendi che è solo un termine e tu vuoi ottenere il vero Dio.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 4

 

 

Se oggi cambiassero il significato di schiaffo e carezza e li invertissero, tu diresti di preferire una carezza allo schiaffo, senza comprendere che la carezza sarebbe lo schiaffo e lo schiaffo sarebbe carezza. Ti hanno mostrato Dio come qualcosa da temere, da rispettare abbassando la testa e inginocchiandosi a lui come fossi uno schiavo, ma non è ciò che realmente è lui. Lui ti ama, ama la tua vita, ama tutto ciò che fai e ama quando tenti di avvicinarti a lui, perché conosce il tuo immenso sforzo nel volerlo ritrovare. Lui non sa il tuo nome, ma in fondo sa chi sei. Devi solo dimostrare di saperlo anche tu. E’ umile e amorevole, farebbe di tutto per te se realmente glielo permettessi e tu sino ad oggi non glielo hai permesso davvero. Non sarà a parole che lo permetterai, ma fidandoti di lui che potrai aprirgli le porte. Ci sarà una connessione che vi farà avvicinare, ma se tu non apri le tue porte lui non entrerà forzandole, perché lui ti ama anche troppo per obbligarti in qualche modo a fare qualcosa che non vuoi. Lui lascia che sia tu a decidere se farlo entrare o meno, non intende importi nulla, perchè ci tiene troppo a te. Lui, a differenza di altro, lascia realmente il libero arbitrio, perché tu possa decidere se farti corrompere dall’insicurezza, o se fidarti di ciò che realmente non ti ha mai voltato le spalle. Le prove che hai dovuto superare, anche quelle più dure, sono servite per render forte il tuo cuore, per renderti coraggioso e farti evolvere la dove altri sarebbero crollati. Non è stata una punizione o una decisione di Dio, tu hai deciso il tuo percorso prima ancora di reincarnarti. L’errore dell’umano è incolpare Dio per qualunque situazione, ma lui perdona. Tu non sei umano, e non sei alieno. Il tuo corpo è terrestre, la tua anima no. Hai deciso di reincarnarti in questa dimensione per compiere un progetto che la Forza aveva studiato. Ti sei offerto volontario per aiutarlo, tant’era l’amore che provavi per lui, ed eri stato avvisato di ciò che sarebbe accaduto, della dovuta dimenticanza dei tuoi ricordi e degli ostacoli che avresti dovuto superare, ma tu hai comunque deciso di farlo. Ora non sai chi sei, non ricordi perché l’hai fatto, non ricordi quando o cosa esattamente dovresti completare, ma dentro te c’è qualcosa che spinge e ti supplica di continuare ad avanzare, perché è talmente profondo ed intenso che tu non riesci a dirgli di no.

E’ un sentimento così forte che tu non riesci a rinnegare, e anche quando ci provi, in realtà poi torna a galla. Il tuo vero profondo Essere ti spinge a lottare, a cercare verità laddove sono state nascoste, ed anche se tenti disperatamente di soffocarlo, di sopprimerlo, lui continuerà a tornare e dirti “ehi, io sono qui, io ti sono ancora accanto, questa che vedi non è la realtà!”. Per troppo tempo hai sentito di esser diverso, hai lottato per comprendere chi fossi realmente, poi però, quando hai iniziato a trovare le tue prime risposte, hai iniziato a soffermarti, a rallentare, lasciando che altre risposte scappassero dalle tue mani. Hai creduto di avere abbastanza per un minimo che ti è stato dato per contentino. Non fermarti per così poco, vai avanti e dimostra chi sei. Metti da parte il tuo passato, metti da parte il tuo futuro, sii cosciente nell’attimo in cui stai vivendo ora, goditi questo preciso momento.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

Pagina 5

 

 

Fidati di ciò di cui ti sei fidato dentro di te per tanti anni, qualunque nome hai voluto dargli, fortuna, destino, karma, caso, vita, Dio, qualunque sia il termine che hai voluto usare ora fidati di lui, perché solo lui non tradirà la tua fiducia. Quando hai in progetto qualcosa, lascia andare le tue paure e le tue preoccupazioni e fai riaffiorare la fiducia che avevi nei suoi confronti. Ignora il nome che gli vien dato, connettiti alla sua frequenza e abbi fiducia che lui ti aiuterà a superare qualunque momento, perché tu sei qui per superare qualunque difficoltà. Tu sei diverso, lo sai dentro di te. Per anni e anni ti sei sentito fuori luogo, nonostante il posto fosse bello, nonostante le belle persone, ti sei sempre sentito differente, e non è un male. Ti sentivi a disagio perché i tuoi interessi erano diversi da quelli altrui, spesso erano incompatibili. Tutti a parlare, ma pochi svolgevano i fatti di tuo interesse. Non è per cattiveria, ma è evidente che tu sia diverso dagli altri, quando smetterai di rinnegarlo? Non con gli altri, ma con te stesso.

Smetti di allarmarti e lasciati andare, fidati di lui. Medita, rilassati, e ascolta la pace interna che vuole mostrarti il tuo vero mondo. Abbi fiducia che tutto andrà bene, ricordando che se ti fidi del creatore, perché mai il creato dovrebbe riuscire a ferirti? Tutto ciò che esiste all’interno di questo Universo è all’interno di Dio, pertanto, qualunque cosa esista in queste dimensioni è controllabile, se lo desidera, da Dio. Se qualcosa volesse farti male, basterebbe che ti fidassi della Forza, scoprendo con grande felicità che lui non ti farebbe mai del male, pertanto, se glielo permetti, lui ti proteggerà dalle esperienze catastrofiche. Bada bene, ciò non significa che vieterà qualunque esperienza, poiché lui desidera proteggerti dal male, ma non annientare le tue esperienze. Abbi la seria maturità di comprendere la differenza. Dio ti proteggerà dal male, ma non andrà contro le tue originarie decisioni prima della tua reincarnazione. Potrai affidarti a lui ogni qualvolta lo desideri senza mai temere di disturbarlo, essendo anche questa una finta credenza che ci è stata imposta per allontanarci dalla verità, ma ricorda che è giusto che tu faccia esperienza, poiché spesso si impara molto di più da quelle apparentemente negative.

Tu sei qui per fare un cambiamento, ma non per forza conoscerai il tuo obbiettivo ancor prima di iniziare a svolgerlo, poiché sarebbe come chiedere ad un bambino di fare una scoperta archeologica, se nemmeno conosce prima tutta la storia che c’è dietro. In altre parole, se non affini le tue tecniche, come puoi pretendere di svolgere il tuo compito? Alcuni credono di dover stare fermi e non agire, perché prima dovrebbero scoprire la propria missione sulla terra, senza comprendere che la missione non è una, ma tante che in modo strutturato potremmo unire in un’unica. Il punto è che continuamente, quando agisci, stai avvicinandoti al compiere questa missione, ma quando stai fermo ad aspettare di scoprirla prima di agire o addirittura ti convinci che essa sia solo una (come la tipica ‘mandare le anime alla luce’) evitando tutte le altre esperienze che avrebbero invece risvegliato in te capacità utili per svolgere al meglio quel compito, ti stai allontanando gravemente dal tuo vero obbiettivo. Il mio consiglio è quello di smettere di cercare una sola risposta, ma di aprire la tua mente a tutte quelle che vorrebbero mostrarsi a te.
Lasciati andare, fidati di ciò che ti circonda inteso come l’energia, lascia che ti mostri la via del risveglio, anche se potrebbe essere totalmente l’opposto di ciò che credevi che fosse.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©
47+

305 Commenti

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *

Nome *
Email (opzionale)


  1. Foto del profilo di Daenerys

    Oggi leggendo il tuo scritto mi sono emozionata perché sei riuscita a unire tanti tasselli sgretolando le associazioni che ho fatto Co il nome dio mi hai richiamato all’ordine in un certo senso… Riconnettermi alla bambina interiore è stato importante