• Home
  • Step 1
  • 32 – La Paralisi Notturna – Perché resti paralizzato quando ti svegli dal sonno (1 parte)

32 – La Paralisi Notturna – Perché resti paralizzato quando ti svegli dal sonno (1 parte)

 

Nella lezione di oggi ti spiegherò che cos’è la Paralisi Notturna e perché sembra spaventosa, per chi non sa cosa sia e perché accada, ma può diventare anche tanto utile quando si impara a sfruttarla a proprio piacimento.

La paralisi notturna innanzitutto è una paralisi del corpo che avviene di natura tutte le volte che ci addormentiamo, infatti viene chiamata paralisi “notturna” proprio perché si tratta di una paralisi che avviene durante il sonno. Ovviamente non accade solo di notte, ma ogni singola volta che ti addormenti, quindi a prescindere che tu dorma di giorno o di notte, la mattina o di pomeriggio, la paralisi avviene perché tu possa stare fermo durante il sonno. La paralisi notturna infatti è del tutto naturale, in quanto è la paralisi totale del corpo che serve proprio a proteggerti dai movimenti che compiresti durante le ore di sonno. La paralisi ti permette prima di tutto di non compiere movimenti bruschi e di non farti male mentre dormi, ad esempio sbattendo la testa o cadendo dal letto; inoltre ti protegge da tutti i movimenti fisici che potresti compiere mentre stai sognando, così che grazie alla paralisi quando ad esempio sogni di correre, fisicamente non stai correndo davvero ma sei sdraiato nel letto “bloccato”, perché il corpo è paralizzato. Non appena suonerà la sveglia o ti sveglierai spontaneamente, il corpo si “sbloccherà” dalla paralisi e tu potrai muoverti liberamente, proprio come accade ogni mattina quando ti svegli.

Quando si parla di paralisi notturna però ci si riferisce particolarmente ad una fase che può succedere in periodi di vita particolarmente stressanti e/o nei periodi in cui si è vittima di presenze che, ad occhio poco allenato, non risultano subito riconoscibili. Si tratta di una fase che può accadere poco prima di addormentarsi o poco dopo essersi svegliati, in cui il corpo rimane paralizzato per pochi secondi, più raramente per pochissimi minuti, seppure la mente sia completamente sveglia e lucida. La fase della paralisi notturna accade quando il corpo è troppo stanco, così può succedere che poco prima di addormentarsi, o di svegliarsi completamente, il corpo entri in paralisi seppure la persona sia sveglia e possa controllare piccoli movimenti del corpo, come ad esempio aprire gli occhi e muoverli seppure con difficoltà. Di solito la paralisi notturna da svegli è provocata dallo stress o dal troppo sonno, infatti anche la troppa stanchezza può provocare questi piccoli problemi. Di sicuro ti sarà capitato qualche volta nella vita di essere andato a letto estremamente stanco e, seppure avessi molto sonno, non riuscissi ad addormentarti; questo perché anche il troppo sonno certe volte può provocare paradossalmente una breve insonnia, infatti certe volte essere troppo stanco può provocarti una difficoltà iniziale ad addormentarti. In certi casi, o per via di periodi in cui ti senti molto angosciato perché pensi troppo ai tuoi problemi personali, quindi in periodi stressanti, può succedere di entrare in paralisi notturna poco prima di addormentarti o poco prima di svegliarti. Durante la paralisi, che dura massimo qualche minuto, succede che apri gli occhi e ti svegli completamente, eppure il tuo corpo non risponde come se fosse bloccato, immobile, che non risponde ai tuoi comandi.

La paralisi notturna per molte persone è una fase davvero angosciante, perché non sanno di cosa si tratta. Quindi entrano in panico, cercano di urlare, di muoversi con forza, ma in verità tutto questo movimento brusco non fa altro che peggiorare la paralisi e provocare addirittura dolori fisici. La paralisi notturna è una difesa del corpo, perciò più compi movimenti bruschi e più il corpo si paralizza, per impedirti di “farti del male mentre dormi”. Se non sai di che cosa si tratta, è normale spaventarsi e provare angoscia, perché ti svegli come tutte le mattine ma, improvvisamente ti accorgi che il corpo è bloccato e non risponde ai tuoi segnali di movimento, per cui è normale spaventarsi perché finisci per pensare al peggio. Ma non c’è nulla di cui preoccuparsi! Non sei rimasto paralizzato a vita, né è accaduto qualcosa di male al tuo corpo mentre dormivi! Però in quel momento è normale spaventarsi, perché ti svegli immobile nel tuo letto che non riesci a muovere nulla, se non gli occhi e qualche altro piccolo movimento, seppure con grande difficoltà. Ovviamente si può imparare a uscire dalla paralisi diventando consapevole dei movimenti che lo bloccherebbero di più, e dei movimenti che invece aiuterebbero a sbloccarlo. Oltretutto, è importante conoscere la ragione per la quale invece può risultare molto utile sfruttare al meglio l’occasione della paralisi notturna.

Per prima cosa, durante la paralisi notturna viene spontaneo cercare di urlare e chiamare aiuto. Questo sforzo fisico però non fa altro che indurire ancor di più il corpo, in quanto secondo il sistema di difesa stai cercando di urlare mentre dormi; per cui ti viene impedito dalle stesse difese naturali del tuo corpo. È fondamentale capire che la paralisi non è pericolosa per nessuna ragione, non rischi di morire in paralisi, o di soffocare, o di perdere per sempre il controllo del tuo corpo; la paralisi è assolutamente naturale proprio come accade tutte le notti da tutta la tua vita, solamente che non te n’eri mai accorto perché dormivi. Anche cercare di muoversi bruscamente per alzarsi o girare la testa rischia di peggiorare il blocco fisico, in quanto viene riconosciuto dalla difesa naturale del corpo come un tentativo di muoversi nel sonno, per cui vieni bloccato con maggiore forza. Se diventi consapevole che la paralisi non è assolutamente pericolosa, ma è del tutto normale, e che fra l’altro non può durare per sempre ma solo per pochissimi istanti, capisci che agitarsi non fa che peggiorare le cose ed è l’ultima cosa che andrebbe fatta. Per questa ragione è fondamentale restare rilassati e non forzare il collo, la schiena, e nessuna parte del corpo, perché questo rischierebbe di farci provare dolori fisici molto forti. Durante la paralisi è fondamentale restare rilassati, perché solo così il corpo capirà che non c’è ragione di entrare in difesa in quanto non c’è nessun pericolo; se ti agiti, il corpo entra in difesa perché avverte il pericolo, quindi si irrigidisce e provoca dolori, ma se ti rilassi il corpo capisce che non c’è alcun pericolo e ragione di restare bloccati, così è più facile uscire dalla paralisi.

Ovviamente dirsi è facile ma, quando ti trovi paralizzato a letto, è normale provare angoscia e cercare di agitarsi e urlare dalla paura; ma in questo modo non farai altro che peggiorare le cose e vivere l’esperienza della paralisi nella maniera peggiore in assoluto, che invece potresti vivere come un’opportunità positiva. Questo perché la paralisi, oltre ad essere naturale, è anche un grandissimo vantaggio per riuscire a compiere tecniche interessanti come il Viaggio Astrale, potendola sfruttare come trampolino di lancio che semplifica di gran lunga l’esperienza. Quindi prendere confidenza con la paralisi è ottimo, oltre per restare tranquillo quando ti accade, anche per poterla sfruttare per i vantaggi che offre. Infatti durante la paralisi notturna è molto più facile riuscire a compiere un o.o.b.e., perché la gran parte del lavoro è già stato fatto: il corpo è già in paralisi e non ti resta che uscire! Naturalmente esistono altre ragioni per cui si finisce per entrare in paralisi notturna e te le spiegherò nella prossima lezione.

Nel caso ti dovesse capitare di entrare in paralisi notturna, e non hai intenzione di sfruttarla per compiere un Viaggio Astrale ma desideri piuttosto concludere presto la paralisi, ci sono dei consigli importanti che dovresti seguire.

Per prima cosa non agitarti, né fisicamente né mentalmente, ma rimani calmo e rilassato. Respira con calma, senza farti prendere dall’ansia e dalla paura di non riuscire a respirare, perché così facendo ti sembrerà più difficile respirare seppure con la calma riusciresti a respirare normalmente. Quindi non respirare con l’affanno, ma respira come fai sempre, con calma, senza farti prendere dall’angoscia; il corpo è bloccato quindi se cerchi di gonfiare troppo la pancia o il petto per respirare più profondamente ti renderai conto che è più faticoso di quanto lo sia invece respirare normalmente, quindi non agitarti. Anziché cercare di urlare, e sprecare le tue energie per compiere un’azione che non ti sarà utile – in quanto non riuscirai ad urlare, ma peggiorerai il blocco! – rilassati completamente e concentrati a respirare prana. Se respiri prana, ti renderai conto come la paralisi si sbloccherà quasi subito, in quanto ti serviva solo un po’ di rilassamento (amplificato dall’energia guaritrice) che ti permetterà di sbloccarti dalla paralisi rapidamente.

È molto importante che non sforzi la spina dorsale, quindi non agitare il collo né la schiena, perché cercare di forzare i movimenti del collo e della schiena durante la paralisi, possono provocarti dolori anche molto forti in queste zone. Non hai ragione di procurarti dolori mentre ti trovi comodamente disteso nel letto, quindi non farti prendere dal panico ma respira e rilassati, perché dalla paralisi ci esci per certo; devi solo calmarti. Quindi non sforzarti di alzare la testa o di girare il collo, perché la zona del collo è molto delicata e se la sforzi quand’è rigida puoi rischiare di provocarti dolori che resteranno anche per tutta la giornata o per i giorni a seguire; quindi sii delicato con il collo, tienilo fermo e non rischiare di compiere movimenti bruschi. La stessa regola vale per la schiena, quindi tenta di tenerla bassa e non arcuarla verso l’alto con il tentativo di alzarti dal letto, perché potrebbe indurti ad un fastidio fisico, anche doloroso, ma tenta di tenerla quanto più rilassata e poggiata al letto.

Detto questo, restando rilassato e calmo, il corpo si sbloccherà dalla paralisi in brevissimo tempo, ma se desideri imparare a sfruttare al meglio la paralisi notturna per compiere un viaggio astrale, ti consiglio di leggere i prossimi articoli che riguardano l’argomento. Nel frattempo, ti ricordo di respirare prana quando ti accade di svegliarti in paralisi, perché ti aiuterà a rilassare il corpo e la mente con maggiore facilità, che di conseguenza concluderanno la paralisi più velocemente.

Se questa lezione ti è stata utile ti invito a condividere il link di questo articolo con i tuoi amici o sul tuo profilo Social. Ti ringrazio!

97+

518 Commenti

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *

Nome *
Email (opzionale)


  1. Io non ricordo delle mie paralisi notturne: Anche se, come spiega Angel, le abbiamo avute ma non ce le ricordiamo. Grazie della lezione, riletta volentieri

  2. Non ricordo, ovviamente, di aver avuto una paralisi, o , perlomeno, non riuscivo a riconoscerla come tale, data l’ ignoranza in merito ai tempi…E’ bello sapere che il corpo si blocca per evitare di trovarsi sopra un armadio al mattino!! Grazie per la splendida spiegazione!

  3. In passato ho avuto molte paralisi notturne, le prime volte ero terrorizzato, non mi potevo muovere e neanche gridare, svegliandomi sempre agitato nel bel mezzo della notte. C’è stato un periodo in cui mi svegliavo sempre alle 3:33 (strane coincidenze) Riguardo alle paralisi mi ricordo che la maggior parte non accadeva nulla e dopo un po’ passavano da sole (questo quando avevo preso quel poco di coscienza essendomi abituato). Mi ricordo che mentre dormivo o nella vita reale o sogno vidi il lenzuolo del letto sollevarsi e una mano sbucò dal materazzo trascinandosi di forza il mio corpo con se. Le sensazioni erano identiche a quelle della paralisi per via del mio corpo bloccato e perché non potevo gridare. Poi un’altra esperienza è che mentre ero consapevole di avere una paralisi ho percepito ad occhi chiusi dell’energia uscire dal mio corpo come se qualcosa stesse per sollevarmi sentendo una sensazione stranissima, dopodiché non ricordo più nulla.
    Circa un mese fa ho sognato una donna che credo mi parlasse di argomenti spirituali, e nel sogno sentivo che la donna mi donasse energia, qualche settimana fa prima di svegliarmi ho sentito dentro la mia testa la voce di una donna, che mi dava consigli e mi parlava di tematiche importanti, ma purtroppo non ricordo nulla di queste parole, però c’è sempre un però, credo vivamente che il mio inconscio abbia assorbito le informazioni e che la donna non sia altro che la rappresentazione dell’anima

  4. Questa è un’esperienza che non ho mai fatto per quanto so che esistano.

  5. Beh, questa è un’esperienza che non ho mai fatto per quanto so che esistano.

  6. Non ho mai sperimentato paralisi notturne, o almeno non ne ho ricordo, ma informandomi sui viaggi astrali ho capito che sono uno step di passaggio per questi e quindi prima o poi ne farò esperienza

  7. Da piccola mi divertivo molto durante le paralisi notturne, provavo a parlare ed uscivano a fatica lamenti distorti. Per fortuna le ho vissute sempre come un momento di gioco e mai di paura, grazie anche a mia madre che le ha sempre avute. Crescendo e documentandomi ho appreso di poter sfruttare questi momenti per avere viaggi astrali. La verità è che non solo non sono mai riuscita ad avere un viaggio astrale a partire da una paralisi notturna, ma non ho più avuto esperienze di paralisi. Quando le aspettative rovinano l’esperienza…

  8. Ho sempre avuto paura delle paralisi non perché mi siano capitate , ma per il semplice fatto che ,come dici tu, tutti ne parlano male, che sono esperienze terribili, anche delle mie amiche mi raccontavano cose orribili durante le paralisi. E mi sono sempre detto fortuna non mi capita e spero che non capiti mai !
    Dopo aver letto questo articolo un po mi sono rassenerata ma devo dire la verità solo un po.
    Purtroppo tutto questo fa paura solo perché sono sempre stata attaccata alla vita materiale di tutti i giorni. E perché ogni volta che capita qualcosa di diverso dalla vita in cui viviamo ora ho sempre quella paura improvvisa e batti cuore che poi riesco a calmare da sola ripetendo come un mantra che è una cosa naturale che abbiamo da sempre e non tocca farla prendere a male.
    Purtoppo è vero vado sempre a pensare male mi faccio prendere dal panico e stavo peggiorando seriamente fino a quando non sono arrivata su questo sito che mi sta aprendo tantissime opportunità. E mi sta cambiando positivamente sono sui passi giusti per l evoluzione. X me è impossibile non avere paura affatto subito, penso di non essere la sola, con la calma e la pazienza so che riuscirò a comprendere meglio.

  9. Anche a me è capitato diverse volte di voler urlare nel sonno e di non riuscirci..come se il suono vocale fosse bloccato e la bocca non potesse aprirsi..non so se fosse paralisi e sinceramente non mi ricordo nemmeno il perchè avessi questo bisogno di urlare..mi sembra che ci fosse qualcuno in casa ed io volevo urlargli contro ma non ci riuscivo..ma non sono sicura di tutti i dettagli.Questo mi capita ancora di tanto in tanto..per il resto la sensazione di paralisi di tutto il corpo da sveglia non l’ho mai provata, o meglio non mi ricordo di averla provata.

  10. Mhhh e io che credevo di non aver avuto mai esperienze simili. Ricordo qualche volta di essere entrata in paralisi ma purtroppo non ricordo i dettagli. Mentre il sentire delle altre voci in quello che sembra uno stato di dormiveglia, allora sì. Peeerò! Forse dovrei imparare a sfruttarlo a mio favore. Grazie mille!!!

  11. Non mi sembra di averne mai avuta una, spero mi capiti 🙂

  12. Riletto! Interessante e ben spiegato questo argomento! Io ricordo solo di aver avuto , ma raramente, la sensazione di essere paralizzata, di voler muovere le mani o urlare e dopo un po’ mi risvegliavo! È capitato, in effetti, in periodi molto stressanti quindi potevano anche non essere esperienze paranormali! Grazie sempre per queste preziose delucidazioni! 🤗

  13. Mi è successo alcune volte, ma non avevo approfondito l’argomento. Oggi nel pomeriggio è di nuovo accaduto in modo piuttosto intenso. Non sono spaventata ma piuttosto incuriosita e dopo una ricerca sul web ho trovato risposte “inquietanti”, la vostra spiegazione, al contrario, la ritengo molto più vicina al mio essere. Grazie!

  14. Woow io non ricordo di aver mai avuto una paralisi.

  15. Onestamente fatico a comprendere questo argomento ed ho anche un poco di invidia perché non ricordo mi sia mai successo nulla del genere, oppure non me ne ricordo , ma il risultato è lo stesso per me. Grazie come sempre per le spiegazioni chiarissime.

  16. Non ho ricordi in merito, credo di non averle mai provate

  17. A me è capitato non molto tempo fa di “svegliarmi “nel cuore della notte, ma di non sapere dove andare.Mi spiego meglio: avevo coscienza di “essere”,ma non sapevo dove dirigermi. Dopo qualche secondo sono rientrata nel corpo e mi sono detta:”Ah!Ecco è qui che devo andare!”mi chiamo Francesca,vivo nel tal luogo etc etc….Quando la mente ha ripreso il controllo francamente mi sono spaventata. Mi sono chiesta:e se non fossi più tornata?In pratica sono rimasta sospesa per qualche secondo tra una dimensione e l’altra……

  18. Sono entrato almeno 2 volte in paralisi, senza rendermi conto di preciso cosa fosse ma non ricordo piacevolmente queste esperienze, grazie Angel questo doc mi ha dato maggior chiarezza!

  19. Bellissimo articolo, grazie. Ho ricercato volontariamente la paralisi per poter compiere un viaggio astrale, ma mi è riuscita solo in parte. Ogni volta, come si stava per compiere, un dolore fortissimo sopra la testa, in corrispondenza del chakra della Corona, mi obbligava a desistere. Ho poi lasciato perdere, mio malgrado. Mi piacerebbe poter avere spontaneamente una paralisi notturna!

  20. ….si infatti credo che quella che ho avuto fosse dovuta ad un eccesso di stanchezza, poi non è più capitato, però peccato che non ero riuscita a capire, non avevo queste informazioni. Grazie Angel per tutto quello che ci insegni 🙂

  21. Io ho avuto delle paralisi notturne l’anno scorso ed ho visto cose assurde..dopo aver letto questa lezione credo che appartenessero ad un altra dimensione.

  22. proprio ieri sera mentre leggevo il documento dell’entità di notte ho avuto una paralisi per ben 2 volte a poco distanza,
    questo articolo l’ho riletto ora ma già l’avevo letto, quindi ho controllato la mia paura e mi sono rilassato e vedevo ombre girare e poi mi è vibrato tutto il corpo molto forte, poi mi sblocco
    ma avevo voglia di riaddormentarsi come se mi calasse un sogno profondo e mi ricapita non so quanto tempo è passato e di nuovo questa volta ero più rilassato e vedevo nuovamente ombre girare e di nuovo il corpo vibrare ma in modo più leggero e il corpo si è sbloccato,
    voglio approfondire la cosa