• Home
  • Step 2
  • 016 – Vedere l’Aura – La miglior forma di Comunicazione (2 parte)

016 – Vedere l’Aura – La miglior forma di Comunicazione (2 parte)

immagine-1-come-vedere-aura-con-diritti

 

Questo articolo è disponibile anche in formato Audio, se desideri ascoltarlo clicca qui

Pagina 1 su 6

Prima di spiegarti come imparare a vedere l’Aura, con maggiore impatto rispetto alla precedente Lezione, desidero iniziare a spiegarti come questa funzioni.

L’aura è la più semplice forma di comunicazione espressiva, che permette ad ognuno di noi di comprendere quello che l’altro sta provando, nel preciso istante in cui ce lo chiediamo.

Come sai, attraverso lo studio del linguaggio del corpo, si può imparare a non mostrare alle persone che ci circondano quello che stiamo pensando dentro di noi, come ad esempio la reazione spontanea che avremmo dovuto avere dopo le parole che ci sono state dette, o il comportamento che avremmo assunto in situazioni difficili che non ci aspettavamo se non fossimo stati attenti ai dettagli. Le persone che studiano il linguaggio non verbale sono consapevoli che le espressioni del viso e i movimenti del corpo comunicano molto di più di tante parole, per questa ragione passano anni e anni ad allenarsi per imparare ad assecondare con il fisico ciò che dicono con la voce: per imparare a mentire sia a parole che con il corpo. I venditori, per esempio, studiano attentamente l’atteggiamento da assumere durante l’approccio con il cliente, perché la posizione eretta, i movimenti sicuri e lo sguardo sempre dritto e attento, li rende persone in apparenza serie e affidabili agli occhi degli altri, nonostante stiano vendendo uno straccio puzzolente al prezzo dell’oro. Se il venditore avesse un linguaggio del corpo teso, nervoso, insicuro e impressionabile dal primo cliente un po’ più sveglio che si trova davanti, nessuna persona comprerebbe da lui nemmeno se vendesse oro a pochi centesimi. I movimenti del corpo sono molto importanti perché fanno comprendere a coloro che abbiamo davanti se siamo compatibili oppure no; per questo motivo ci sono degli studi appositi di comunicazione non verbale, perché imparando a riconoscere lo stile dell’altra persona e i suoi gesti abituali, possiamo per esempio imitarli e farle credere di essere più simili a lei, così che ci riterrà più sinergici e compatibili, sentendosi infine spinta ad accettare quello che stiamo dicendo, o a comprare quello che stiamo vendendo, per pura simpatia nei nostri confronti. In fondo questa è semplice psicologia. C’è una cosa però che non si può mascherare né nascondere: l’Aura! Infatti non si può ingannare chi è capace di vedere l’aura!

Seppure si possa imparare a reagire agli stimoli in modo differente da come avremmo fatto istintivamente, diventando più rigidi alle emozioni e fingendo di essere distaccati nonostante dentro stiamo soffrendo, o viceversa, l’espressione dell’aura è talmente immediata e inconsapevole che non è affatto facile controllarla. Chi studia psicologia o il linguaggio del corpo a livelli avanzati, si avvicina vagamente a comprendere che, oltre alla postura e ai gesti del corpo, c’è qualcos’altro, ma nei fatti non comprendono di cosa si tratti e non imparano a modificarla se non di pochissimo. Per fortuna!

Pagina 2 su 6

Tuttavia, alcune persone spirituali che conoscono le capacità dell’aura, possono modificare l’apparenza dei primi strati di energia per ingannare chi gli sta vicino. È questo il motivo per il quale dobbiamo assolutamente imparare a vedere le aure degli altri e a comprenderle al meglio: per impedire anche al più esperto praticante di ingannarci con i suoi metodi ipnotici.

Quando ci troviamo in un contesto molto positivo per noi, dove ci sentiamo a nostro agio, circondati da persone che ci apprezzano e ci fanno sentire bene, la nostra aura si allarga e si espande verso tutte le direzioni, perché sprizza felicità da tutti i pori nel vero senso della parola. Quando invece ci sentiamo molto a disagio, infastiditi, in un ambiente nel quale quasi ci reputiamo presi in giro o giudicati, la nostra aura si abbassa e si rimpicciolisce, come se iniziasse a poco a poco a scomparire. Tutto questo è visibile con gli occhi ed è necessario imparare a vedere l’aura per poter riconoscere le emozioni degli altri, che, nonostante si creda siano invisibili, in realtà si possono vedere con molta chiarezza; ma solo con occhio allenato. Sebbene esse non appaiano come nuvolette con scritta all’interno la parola del sentimento a cui sono associate, come è ovvio, le emozioni si manifestano con forme in movimento e colori che compaiono all’improvviso nell’aura. L’aura, infatti, può variare di colore anche in breve tempo, a seconda del sentimento predominante nel momento o nel periodo che il soggetto sta passando. Comunque, l’aura è composta da tantissimi strati e alcuni di essi rimangono all’incirca dello stesso colore per molto tempo, mentre altri cambiano di continuo.

Togliamoci dalla testa l’idea che l’aura standard di una persona normale sia quella tipicamente rappresentata in una qualunque immagine presente sul web, dove ognuno ne possiede una identica a quella già disegnata da altri, con tutti gli strati perfettamente lisci e compatti, senza alcuna imperfezione né sbavatura di colore. Ognuno di noi deve obbligatoriamente avere 7 strati di aura, essendo questa una legge rigorosissima, perché il numero 7 è bello e significativo e nessuno ha il diritto di avere più di sette strati, altrimenti gli verranno censurati affinché la gente non scopra che si possono avere più livelli e più dimensioni. Ma non ditelo a nessuno! Ormai queste usanze sono vecchie, apriamo la nostra mente e rendiamoci conto che molte informazioni che ci vengono date sono tutt’oggi tramandate da persone che non hanno la benché minima esperienza pratica, ma che parlano e raccontano quello che a loro volta gli è stato detto da falsi guru che non hanno mai passato più di 5 minuti a guardare l’aura. Essi non amano la libertà e l’anti struttura che l’energia ha di natura, pretendono di poter organizzare tutto sotto forma di strane leggi umane per chiudere l’universo in una gabbia di metallo, per poterlo capire meglio. Non si può comprendere l’universo se si ha la mente chiusa! Non si può rinchiudere l’energia in un contenitore sperando che non ci sia bisogno di sapere altro! L’energia è libera, non ha regole, non ha chiusure, non si può comprimere in una piccola boccetta, non la si può obbligare a diventare qualcosa di comprensibile per noi. Siamo noi a dover aprire la nostra mente per abbracciare le nuove esperienze e assimilarle per quello che sono. Questo è l’aura.  Essa non ha vincoli e può mutare da un momento all’altro, e può avere – ovviamente – molto più di 7 strati. Essa difficilmente è perfetta, tantomeno quella di chi non pratica.

L’aura è composta da diversi strati e generalmente le persone ne possiedono più di 5, nonostante ci sia sempre l’eccezione riguardante le persone gravemente malate. Una persona in salute e che vive una vita sana possiede di solito oltre 8 strati. Alcuni di questi cambiano colore molto spesso perché appartengono alla sfera emotiva che, ovviamente, varia da un momento all’altro, a seconda degli stimoli che riceviamo durante la giornata. Il colore della felicità è diverso dal colore della sofferenza, ma non possiamo basare la nostra cognizione dell’aura sulla differenza di colore, perché questo è troppo limitato per spiegare i motivi che spingono l’energia a cambiare.

Pagina 3 su 6

Teniamo bene a mente che stiamo parlando di energia e di dimensioni, non di pastelli colorati passati sulla carta. Pertanto, oltre a guardarla e giudicarla dall’apparenza, dobbiamo anche percepirla ed estrarne le informazioni che ci servono per conoscerla davvero. Durante le prime sessioni di visione dell’aura, è molto difficile vederne i dettagli precisi, perché non siamo abituati a vedere l’energia e i nostri occhi ci impediscono di vedere tutto e subito. La visione accurata dell’aura dipende dall’allenamento che svolgiamo, non di certo dal tempo che scorre tra una sessione e l’altra, dato che questo non fa altro che riportarci punto e a capo, perdendo i progressi fatti.

Dato che questa è solo la seconda lezione basata sulla tecnica del vedere l’aura, non mi aspetto che tu sappia riconoscerne i livelli o rintracciare subito i buchi e le varie imperfezioni del tuo campo energetico, quindi non aspettartelo nemmeno tu. L’inizio è difficile per tutti, perché si tratta di fare un allenamento che non si è mai svolto prima. Non puoi aspettarti di saper fare la spaccata se non ti sei mai allenato: non ce la puoi fare, perché il tuo corpo non è abituato a quello sforzo e ti impedirà di scendere più di un certo limite. Se desideri raggiungere obiettivi importanti, devi allenarti, perché altrimenti continuerai a non saper fare la spaccata e dire che è inutile, che sei tu il problema, che le tue gambe non sono adatte per svolgere certe azioni, che sia impossibile assumere quella posizione e che nessuno ce la farà perché è troppo complicata. Concludi le tue lamentele dettate dalla pigrizia e spalanca gli occhi, se hai intenzione di vedere la realtà alla quale sei pronto ad aprirti.

Piuttosto che pretendere tutto e subito, impara a vedere l’aura passo per passo, superando i piccoli ostacoli che riescono a tenere bloccata la maggior parte della gente. Per aiutarti a riconoscere l’aura e a focalizzarti meglio sulla sua forma e sui suoi colori, ho deciso di disegnare per te quello che io vedo con i miei occhi quando guardo le aure. Tieni presente che io non ho iniziato ieri ma diversi anni fa, e che ho una passione e un interesse irrefrenabile nel voler conoscere la verità in ogni modo essa si presenti, a differenza di chi ama leggere definizioni teoriche ma non sopporta metterle in pratica. Per questa ragione, ti consiglio di non demotivarti se non riuscirai a vedere in pochi giorni quello che ho rappresentato nelle immagini qui sotto, perché sarà più che normale. È molto importante che tu sappia che disegnare un’aura non è mai come vederla dal vivo, perché alcune emozioni tradotte in colori compaiono e scompaiono nel giro di pochi istanti, quindi sarebbe impossibile riprodurre perfettamente il campo energetico di una persona senza tralasciare nulla. Oltretutto, non avrebbe alcun senso mostrarti immediatamente un esempio preciso e dettagliato di quello che vedo durante la sessione di visione delle aure ad alti livelli, perché non solo ti risulterebbe difficile da capire, ma rischierebbe addirittura di confonderti e crearti eccessive aspettative che bloccherebbero totalmente la tua evoluzione.

Per questa ragione, inizierò col mostrarti disegni semplificati che rappresentano le primissime esperienze che ho avuto con l’aura, per andare a poco a poco sempre più a fondo nei prossimi articoli in cui ti mostrerò maggiori dettagli e disegni più curati. Renditi conto che per riconoscere queste esperienze come reali devi praticare le tecniche durante le tue giornate e non soltanto leggere, perché altrimenti continueresti la lettura senza comprendere minimamente quante informazioni siano presenti e quanto esse siano importanti. A tal proposito, ti invito a non guardare le immagini dedicate all’aura dei prossimi articoli soltanto per curiosità, nel caso tu non abbia nemmeno messo in pratica i consigli appresi nelle lezioni precedenti, perché i disegni non hanno lo scopo di suggestionarti, bensì di confermarti che quello che stai vedendo è giusto. Non forzare a velocizzare la tua evoluzione sperando che solamente guardando qualche disegno la tua esperienza possa accelerare: se vuoi le prove che tutto questo sia reale, devi praticare in prima persona.

Pagina 4 su 6

La prima immagine che vorrei mostrarti è il modo in cui vengono rappresentate le aure solitamente.

 

immagine-2-come-vedere-aura-con-diritti-2

Come puoi notare, l’aura viene rappresentata come una forma perfettamente regolare che circonda completamente il nostro corpo con la stessa densità, colore e luce in ogni punto. In realtà, le tue prime esperienze ti dimostreranno che la sua forma sarà molto più sfocata, imprecisa e irregolare, pressappoco come l’immagine qui sotto.

 

immagine-3-come-vedere-aura-con-diritti-2

Durante le tue prime esperienze, noterai la difficoltà nel vedere l’aura anche solamente per qualche secondo, figuriamoci se potessi vederla perfettamente regolare come se ci avessero verniciato sopra. In altre immagini potresti notare che l’aura viene rappresentata come fosse una sagoma che ci circonda ma non ci riempie, come l’immagine che segue:

 

immagine-4-come-vedere-l'aura-con-diritti-2

 

Anche in quest’immagine, l’aura viene mostrata come perfetta e uniforme. In questo caso è possibile fraintendere la zona bianca dell’aura convincendosi che si tratti della distanza vuota tra il corpo e l’aura celeste: in realtà, la striscia bianca fa parte anch’essa dell’aura, volendo rappresentare sia la luce emanata dal soggetto, sia il secondo strato che in questo caso è di colore celeste. Quindi non è uno spazio vuoto. Comunque, se volessimo rendere un pochino più realistico il disegno, verrebbe in questo modo:

 

immagine-5-come-vedere-l'aura-con-diritti-2

 

Pagina 5 su 6

Nelle immagini sopra, può sembrare che l’aura circondi il corpo senza però penetrarlo, come se l’energia fosse una parte aggiuntiva ed esterna che non ci appartiene davvero. In realtà, se volessimo mostrare l’aura nella sua completezza, dovremmo vedere tutto il corpo riempito di aura sia all’interno che all’esterno, quindi dello stesso colore del primo strato, che in questo caso è celeste, perché ogni strato dell’aura nasce prima dall’interno per poi espandersi all’esterno. Perciò, se volessimo vedere l’energia al completo dovremmo immaginare qualcosa del genere:

 

immagine-6-come-vedere-l'aura-con-diritti-2

 

Poiché l’energia ci riempie e ci completa, essa è dentro e fuori. A questo punto, dovremmo aggiungere un altro strato di aura di diverso colore per poterlo riconoscere, sebbene non sia obbligatoriamente così anche nella realtà: alcuni strati potrebbero essere del medesimo colore, ma per semplicità te li mostrerò con due colori differenti.

 

immagine-7-come-vedere-l'aura-con-diritti-2

 

Anche in questo caso vediamo come l’aura ci viene mostrata sul web e come invece la potremmo vedere dal vivo con i nostri occhi:

 

immagine-8-come-vedere-l'aura-con-diritti-2

Stiamo già parlando di livelli più avanzati rispetto alle prime esperienze che otterresti appena iniziato a praticare. Comunque, quando sarai in grado di vedere il primo strato e ti spingerai un po’ più avanti, potresti intravedere il secondo, che si mostrerà pressappoco come nel disegno. In questo caso possiamo notare sia la luce bianca, sia il secondo strato, che il terzo. Considerando che anche il terzo strato (quello verde) nasce dall’interno del corpo, per poi espandersi molto più ampiamente di quello celeste (ed è per questo che ne riconosciamo la differenza), dovremmo immaginare l’interno del corpo umano pressappoco così:

 

immagine-9-come-vedere-l'aura-con-diritti-2

 

Attraverso un disegno è difficile mostrare la sovrapposizione dei colori, infatti essi si mischiano e non si riconosce più l’uno dall’altro. In realtà, però, i colori dell’aura non si mischiano in questo modo, perciò all’interno del corpo vedremo sia il celeste che il verde come due livelli distinti. Chiaramente i colori sono stati scelti a caso e così anche il loro ordine, per cui in ogni persona risulteranno colori diversi. Se infine volessimo aggiungere un altro strato, questo sarebbe l’effetto:

 

immagine-10-come-vedere-l'aura-con-diritti-2

 

Ci tengo a precisare che questi disegni sono solamente degli schizzi in cui ho evitato di aggiungere particolari che non avresti immediatamente afferrato: avrei fatto l’aura della testa molto più allungata e quella dei piedi accorciata, avrei cambiato colore nella zona delle spalle e sfumato maggiormente i contorni, se ne avessi avuto lo spazio. Infatti, nel disegno può sembrare che gli strati siano distanti tra loro di pochissimi centimetri, ma in realtà alcuni di essi sono distanti anche qualche metro l’uno dall’altro. A questo punto, bisogna comprendere che prima di vedere gli altri strati bisognerà allenarsi per vedere bene almeno il primo.

L’alone bianco di solito è il primo livello che si può notare, perché si espande dal corpo come una luce che si vuole mostrare, continuando ad allungarsi verso l’alto sino a quando non sbatterai le palpebre. Ogni persona però possiede diversi colori dell’aura e anche il modo di vederle è differente: alcune volte potresti notare prima l’alone bianco e poi il resto, altre volte il primo alone che si mostrerà potrebbe essere giallo o, in alternativa, celeste. Comunque, alla fine, appartengono tutti al primo strato di luce che si espande. Per ritenersi soddisfatti dalla propria visione, si dovrebbero vedere almeno 10 centimetri di spessore bianco prima di pretendere un passo successivo. Dopodiché, allenandoti sempre allo stesso modo, potresti iniziare a vedere i colori, poiché questi in genere sono un po’ più lenti da raggiungere. Ci vuole molta pazienza, perché l’occhio non è allenato a vedere l’energia, perciò ci impiegherà un po’ di tempo per abituarsi.

Pagina 6 su 6

Ovviamente i miglioramenti arriveranno se stiamo parlando di persone che decidono di praticare, altrimenti la vista energetica non si evolverà mai. In ogni caso, bisogna impegnarsi senza arrendersi, perché i primi tempi sarà complesso vedere i colori e mantenere la visuale attiva, ma quando imparerai a vederli, se continuerai ad allenarti, sarà sempre più semplice riconoscerli impiegando meno tempo.

Sia chiaro che il colore dell’aura non si può inventare: essa possiede un colore principale e tutti, se lo guardassero, lo vedrebbero uguale. Ti ricordo che non è facile rappresentare fedelmente un’aura attraverso un’immagine, perché quando la guardi dal vivo si può parlare di attimi in cui un nuovo colore si presenta e poi scompare, mentre nel disegno dovrei inserirli tutti assieme e diventerebbe un miscuglio nel quale non si capirebbe più nulla, per questo dovrò andare per passi e disegnare volta per volta nuovi modelli; altrimenti sarebbe come fotografare qualcuno che sta sbadigliando e credere che quella sia la vera forma della sua faccia. In questi disegni ho voluto colorare le aure senza buchi e imperfezioni per pura praticità, ma dalle prossime lezioni ti mostrerò disegni sempre più realistici, aggiungendo dettagli visivi importanti che imparerai a vedere con il tempo. Sia chiaro che non dovrai metterti fretta finendo per suggestionarti: svolgi le tecniche di pari passo alla teoria per poterne riconoscere la veridicità attraverso la tua stessa esperienza personale. Detto ciò, la lettura dei documenti non ti impone di praticare, perciò, se tu desiderassi leggere gli articoli a te accessibili anche solo per cultura, nessuno te lo impedirebbe. Il mio consiglio però è di iniziare a praticare, per almeno 10 minuti al giorno dopo la meditazione, affinché l’energia accumulata durante la meditazione ti permetta di vedere l’energia con molta più rapidità e semplicità.

Nella prossima lezione risponderò a tutte le tue domande sull’Aura. Dopodiché, ti parlerò più dettagliatamente delle aure colorate e dei loro significati.

Fine pagina 6 su 6. Se hai gradito l’articolo, commenta qui sotto descrivendo le tue sensazioni durante la lettura o la pratica della tecnica proposta.
Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©
134+

686 Commenti

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *

Nome *
Email (opzionale)


  1. Vorrei tanto vedere l’Aura con più chiarezza e cominciare a scorgerne i colori, però vedo ancora solo lo strato bianco/trasparente e neanche troppo ampio. La tecnica di visione dell’Aura purtroppo non la pratico spesso quanto vorrei, mi concentro su altre e mi rendo conto che questa non la sto seguendo in maniera costante tanto quanto all’inizio. La lettura dell’Aura è una cosa estremamente affascinante, perchè è a tutti gli effetti una tecnica di comunicazione, una delle poche che non può mentire.. devo allenarmi di più!! Grazie!

  2. Tantissime sono le forme di comunicazione.

    Oggigiorno chiunque di noi, in un modo o nell’altro, fa comunicazione. Chi per questioni di carattere lavorativo, chi per diletto, chi inconsciamente.

    Certo è che, pur conoscendo le tecniche di comunicazione più raffinate, propinate da mostri sacri o testi specializzati sull’argomento, l’esperienza con la visione dell’aura è qualcosa di davvero incredibile e affascinante. E’ comunicazione allo stato puro, primordiale e questa energia, oltre a metterci in contatto con il mondo esterno, ci mette davvero in contatto con il sè più profondo.

    Devo ancora imparare tantissimo su questo argomento, ma mi sono posto l’obiettivo di far si che la pratica sia costante e sono certo che continui miglioramenti si manifesteranno.

    Grazie!

  3. Su di me e sui miei cari avevo visto solo l alone bianco ora che so che ci sono anche altri strati colorati non vedo l’ora di poterli visualizzare sono molto curiosa

  4. All’inizio innervosisce un po’ perché come sbatto le palpebre va via…

  5. E bisogno di impegno e volonta…. Tanta…

  6. Lezione interessante anche perché mi ha confermato il fatto che un colore può cambiare velocemente. Infatti provando a guardare da una persona ho notato che da un colore verde acqua si passava a un rosso sbiadito, simile al pastello molto chiaro. Ho anche notato che nel cambio di questo colore non era omogeneo ma si allargava o restringeva in un punto dove io focalizzavo.

  7. Ricordo di aver cominciato ad allenare la vista subito dopo la mia prima meditazione in Accademia: vedevo 2-3 cm di contorno bianco trasparente sia su di me che su un oggetto a caso, nulla di più. Al quarto giorno sono saltata: ho cominciato a vedere attorno alla mia mano dopo un bel pò di esercizio, un’aura verde chiaro che più si avvicinava al contorno della mano e più risultava scuro, come se ci fosse un azzurro sotto (guardacaso, ora che leggo l’articolo mi è capitato l’esempio quasi identico a quello che ho visto io).
    Sono quasi 2 settimane che pratico, ora vedo attorno a me circa 10 cm (un pò di più dopo aver meditato) di aura, ma non riesco a capirne il colore. Vedo bianco forse un verde o blu accennato, ma non ne sono sicura perchè il colore è davvero sfuggente. In compenso però, ogni tanto noto l’aura anche davanti: quando mi guardo allo specchio con l’intento di vedere l’aura, noto che essa non è solo un contorno ma a tratti la noto anche davanti a me, a mo’ di nebbiolina. Mi è successo poi di allenarmi a vedere l’aura di un altro oggetto, che era un lilla appena accennato, ma come una nebbiolina che lo circondava. Spero di migliorare 🙂

  8. Come tutti all’inizio, sono riuscita a vedere l’aura per i primi 3-4 cm, ora cercherò di allenarmi assiduamente per poter vedere almeno i primi 10 cm , come indica Angel, e spero di riuscire ad allenarmi adeguatamente da poter riuscire poi a vedere anche i colori.

  9. Faccio difficoltà con questa pratica perché malgrado veda anche se poco quello che dovrebbe essere l alone bianco temo che sia una conseguenza del effetto della luce sull oggetto su cui mi concentro

  10. Finalmente credo di aver capito.
    Tempo fa ho iniziato a vedere “aloni bianchi” in corrispondenza di alcune persone. Ho pensato fosse l’aura e ho cominciato a informarmi. Ma confrontandolo con i disegni dell’aura trovati in alcuni libri non pareva essere la stessa cosa perché di solito non vedo colori e non percepisco qualcosa “intorno” alla persona ma in corrispondenza di essa, che si estende all’esterno, per qualcuno di più, per altri di meno. La descrizione che leggo qui è invece piuttosto simile a ciò che vedo io, che quindi se ho capito bene è il primo strato, quello bianco.
    Grazie per le spiegazioni, sono davvero utili.

  11. Bella lezione, mi ha fatto capire ulteriori cose sull’aura. Mi allenerò a vedere anche gli altri strati, ma prima è meglio che mi concentri meglio a vedere bene il primo strato perché molto spesso faccio fatica.

  12. Per adesso posso vedere la prana ”nell’aria” e il primo strato dell’aura senza molte difficoltà. Ogni tanto ho accesso al secondo strato, ma in generale per vedere l’aura mi servono degli sfondi non troppo complicati o non riesco a distinguere nemmeno il primo strato. Anche a distinguere i colori sto pian piano imparando.: a volte vedo macchie o meacchiette colorate nell’aria, puntini non solo bianchi (che ho capito esser prana), ma anche neri che appaiono e spariscono in un attimo…

  13. Mi devo allenare di più…ieri mi è venuto un forte mal di testa, dopo la pratica della visione aurica. Non vedo l’ora di superare lo scoglio che mi blocca e vedere le auree, le energie mi riescono più semplici da vedere le auree fatico molto di più. Devo perseverare

  14. Al momento vedo solo il primo strato bianco e quello successivo azzurro ma è molto sottile, continuo a praticare e sicuramente riuscirò a vedere oltre.
    Molto interessante il discorso relativo al linguaggio del corpo e l’aura.

  15. La lettura dell’aura è una cosa che mi interessa molto. Da quando ho iniziato il percorso in acd sono riuscito a vedere il primo strato bianco e il secondo celeste. Più pratico e più velocemente l’aura mi si presente. Ho notato che respirando lo strato di aura aumenta. Ieri vedendo l’aura di mia moglie che era seduta a leggere un libro ho visto per la prima volta che laura celeste era anche sul libro. Credo che gli oggetti abbiamo solo l’aura bianca e quindi mi ha sorpreso vedere l’aura celeste nel libro che aveva in mano. Forse gli oggetti possono prendere l’aura delle persone che sono vicine. Non saprei. Comunque grazie Angel dei tuoi insegnamenti , mi stanno aprendo la mente a cose che non credevo esistessero.V

  16. buongiorno letto l’articolo, interessantee ho capito che ci vuole molta pazienzae tempo oltre che praticare per vedere l’aura e i sono molte sfaccettature, grazie Angel

  17. Ritengo che la visione energetica dell’Aura sia fantastica, soprattutto se tramite questa si può aiutare il prossimo. Abbisogna solo di tanto allenamento e non è una cosa da poco. Purtroppo c’è sempre qualche ostacolo del Low da superare.
    Grazie

  18. bellissimo articolo e anche molto chiaro.. io fino ad ora sono riuscito a visualizzare solo un sottile srato bianco mettendomi di fronte allo specchio.. si vede che mi sono allenato poco e devo impegnarmi un po di più! E cercherò di praticare 10 minuti dopo la meditazione! Grazie di tutto e dei consigli 🙂

  19. Riuscire a vedere l’aura è emozionante. Devo ancora fare tanta tanta pratica però!

  20. per ora mi sono dedicato una sola volta alla visualizzazione dell’ aura purtroppo senza risultati senza vedere nulla ,ma ci tengo approfondire,mi allenero’ e vi faro’ sapere grazie Angel un grazie anche allo staff.

  21. Ho riletto questo articolo a distanza di due mesi e mezzo… Davvero molto utile, ora che ho praticato un po’ di più sulla vista energetica sono in grado di comprenderlo più a fondo. Grazie !

  22. Per il momento riesco a vedere solo il primo strato e non uniforme.
    Grazie

  23. Grazie per la precesione delle illistrazioni di tuo pugno e la spiegazione fantastica.

  24. Molto affascinante..non riesco ancora a vedere i colori..solo il primo strato bianco luminoso che si allunga verso l’alto..devo sicuramente impegnarmi di più nella tecnica perchè mi dimentico spesso di farla.

  25. Tecnica da sviluppare essendo molto, molto importante. L’energia va saputa vedere, ti apre un’universo nascosto a chi non sa vedere! In quest’epoca siamo ciechi e dobbiamo tornare a vedere. Grazie Angel!

  26. Difficile questa pratica…ma c’è il detto tutto è difficile prima di essere facile…Onestamente mi sono applicata poco e niente…alone trasparente per pochi secondi, ed un’aura villetta sulla fede nuziale….bella😊😊😊😊

  27. Riuscire a vedere l’aura dev’essere molto emozionante, per il momento riesco solo
    a vedere l’ alone bianco di oggetti molto semplici , ma , non demordo continuo gli allenamenti.