054 – Domande sui Tarocchi (1 parte)

Pagina 1 su 5

Studente: Ciao Angel. L’articolo sulla cartomanzia rispecchia completamente la realtà. Io sono stata molto attratta dalla cartomanzia, mi piacciono i tarocchi e ne ho una vastissima collezione. Sono molto belli dal punto di vista pittorico e non solo. Li ho utilizzati molto in giovane età per esprimere ciò che non potevo dire alle persone ma che vedevo molto chiaramente. Non mi sono mai fatta pagare ma era l’unico modo per aiutare delle persone alle quali non potevo arrivare in altra maniera, alle quali era molto più facile dire la verità dietro un gioco come le carte, piuttosto che dirgli: “Ehi ciao, sai che quel tuo parente morto è sempre vicino a te?”, per fare un esempio. Poi ho avuto paura di due cose: la prima era che le persone diventavano dipendenti da ogni mio consulto e la seconda era l’energia di cui si impregnavano i tarocchi. Credo che dopo il tuo documento mi si siano chiariti tantissimi dubbi, anche il fatto che i tarocchi impediscono la crescita evolutiva perché si rischia di diventarne succubi. A me non sono bastati e credo anche a tutti coloro che vogliono qualcosa di più dalla spiritualità. La mia domanda è: i tarocchi possono essere un tramite di energie negative? Non parlo di quelle personali ma di qualcosa che nasce da solo e vive tramite i tarocchi. Grazie.

Angel: Ciao! Tutto dipende dalla persona che li utilizza e da come vengono utilizzati, ma sì, i tarocchi sono troppo connessi a vibrazioni terrene e talvolta negative. Ciò non significa che essi siano negativi, ma utilizzandoli troppo si rischia di rimanere su basse vibrazioni. Poi c’è chi utilizza i tarocchi invocando entità, o comunque facendosi aiutare da queste per prevedere meglio il futuro; il problema è che pur invocando entità positive, non è detto che siano le uniche ad arrivare – specie se chi sta usando le carte non sa proteggersi benissimo da loro – perciò si possono intrufolare anche energie molto negative che si nascondono dietro apparenze buone. Comunque desidero ringraziarti per essere stata sincera, perché tu utilizzavi le carte come copertura, per poter dire alle persone ciò che tu pensavi di loro a fin di bene; altri però utilizzano lo stesso metodo per dare consigli sbagliati di propria iniziativa ed esporre il proprio pensiero fingendo che sia quello di un’entità superiore o dei tarocchi stessi, abusando del loro potere sulle menti delle persone che, ingenuamente, crederanno ciecamente alle parole che gli verranno dette dalla cartomante, medium o veggente di turno e penseranno che siano frutto di una voce superiore, senza sospettare che siano parole dette alla leggera da una mente umana e molte volte poco evoluta. Bisogna prestare attenzione a questi casi.

Studente: Ciao Angel. Ho usato i tarocchi per molti anni, poi ho smesso anni fa all’improvviso perché si erano insinuate una paura e una paranoia assurde. Li ho buttati. Poi li ho ripresi tempo dopo ma con distacco e non per leggere il futuro. In seguito ho letto che in realtà sono essi stessi un programma. Ed è proprio questo che voglio chiedere. In quanto gestiti da Gaia, che ha un percorso prestabilito per chi resta bloccato nel Matrix, possono programmare la mente delle persone che ascoltano una lettura? Cioè è possibile che le persone autoconvinte facciano accadere ciò che le carte hanno prescritto e non viceversa?

Angel: Certo, questo può accadere, perché se le persone si fissano su ciò che gli è stato predetto dalle carte, possono far accadere quel futuro perché loro stessi lo hanno influenzato inconsciamente. Per questo dicevo che non bisogna fidarsi ciecamente di ciò che dicono i tarocchi, perché, se dovessero sbagliare, tu finiresti per sbagliare a causa loro. D’altro canto dipende da persona a persona, perché il punto non è che prevedere il futuro rischia di renderlo uguale a quello predetto e di conseguenza è meglio non prevederlo; il vero problema è fissarsi troppo su ciò che è stato detto solamente perché si crede che, siccome lo hanno detto i tarocchi, allora il futuro sia indelebilmente scritto e non si possa in alcun modo modificare.

Pagina 2 su 5

A parole nessuno crede a ciò che dicono i tarocchi, poi, però, se qualcuno gli legge le carte, ecco che si fissano su quel futuro predetto anche a costo di rovinarsi la vita. Bisogna andarci con cautela.

Studente: Le carte possono essere influenzate dalla cartomante, coscientemente o inconsciamente?

Angel: Sì, assolutamente. Come detto precedentemente, dipende molto dallo stato mentale di chi sta usando le carte ma anche dalle persone che desiderano ricevere risposta e da tutti coloro che assistono alla seduta. Perciò non devi assolutamente pensare che le carte vengano influenzate solo da chi le tiene in mano, perché sono influenzate anche da tutte le persone presenti nella stanza che stanno assistendo alla seduta e sono coinvolte, nonostante la domanda non li riguardi. La stessa identica cosa succede quando si usa il pendolo, la tavola e via dicendo. Se nella stanza sono presenti 5 persone, anche se tutte in silenzio e nessuna di loro pone domande a parte una, comunque tutte stanno influenzando inconsapevolmente l’andamento della seduta, il più delle volte in modo negativo. Ciò porterà le carte a non rispondere correttamente o a non riuscire a beccare le informazioni reali. Questo succede perché le persone non sanno tenere il non pensiero; ma c’è chi diffida dai tarocchi, c’è chi spera in una risposta precisa, c’è chi sta pensando ai propri problemi proprio mentre gli altri girano i tarocchi, quindi l’atmosfera della stanza è di assoluto Low e purtroppo le carte non riusciranno a dare risposte evolute perché, come spero abbiate compreso, non si può pretendere di praticare seriamente qualcosa di spirituale se nella stanza regna il Low. Ecco perché i cartomanti invitano ad entrare nella loro stanza una persona per volta, in modo che la pesantezza degli altri non influenzi negativamente la seduta. Quando si fa una seduta di qualunque tipo, è bene essere in 2 o massimo 3, rischiando comunque che la terza persona influenzi pesantemente l’atmosfera e abbassi anche l’energia degli altri. Quando si è in troppi, già 4-5 in totale, a meno che tutti non siano perfettamente coordinati – ed è rarissimo – almeno uno di loro porterà “Low” nella stanza, facendo fallire la seduta o, perlomeno, facendola andare diversamente da come sarebbe dovuta essere. Comunque, a prescindere, tutti influenzeranno l’atmosfera, chi più, chi meno. Perché tutto vada per il meglio, è necessario che tutti tengano uno stato mentale fermo e assolutamente silenzioso, cosa che purtroppo in pochi sanno fare, specialmente quando in troppi si esaltano di saper fare qualcosa che nei fatti non conoscono per niente.

Studente: I miei parenti spesso leggevano le carte recitando sotto voce alcuni versi; dicevano però che fare le carte attirava esseri negativi, per questo potevano farlo solo poche volte. È una cosa vera? Forse derivava dai versi che recitavano?

Angel: Ognuno usa metodi diversi per leggere i tarocchi: c’è chi è solito fare un rito con candele e preghiere, chi recita dei versi spargendo del sale, c’è chi prende i tarocchi in mano e basta; ognuno li utilizza a modo proprio: c’è anche chi per leggerli invoca entità coscientemente, chi invoca gli angeli (ma non è detto che arrivino soltanto loro), chi non invoca nessuno. Certo, a prescindere, le entità possono avvicinarsi anche se non le hai invocate di tua iniziativa, semplicemente perché non glielo puoi impedire solamente a parole. Chiaramente stiamo parlando di persone che non praticano tecniche psichiche, quindi non sanno come proteggersi dalle entità. Diciamo che i tuoi parenti vanno a tentativi: se usano i tarocchi poche volte pensano di non invocare nulla, temendo che se li usassero troppo rischierebbero di attirare qualcosa di indesiderato. La verità è che l’entità può arrivare già dalla prima volta, come dopo un sacco di tempo e andarsene via subito. Non c’è una regola.

Pagina 3 su 5

Studente: Questo concetto di attirare entità in base al sentimento che provi, è valido anche per quando semplicemente si parla di queste cose? Se ad esempio, con gli amici, parli di fantasmi o cose simili che ti spaventano, può capitare di attirare qualcosa?

Angel: Sì, può capitare. Infatti, è bene rimanere sempre in stato mentale distaccato, ma non devi preoccuparti né temere di pensare ad argomenti simili solo per paura di attrarre qualcosa, perché altrimenti finiresti per non parlare mai di spiritualità e diventare il tipico bigotto a cui non è nemmeno possibile nominare certi argomenti. Noi, a differenza di quel tipo di persone, abbiamo la possibilità di proteggerci dalle entità, anche se per errore dovessimo attirarle, ovviamente praticando le tecniche di protezione anche subito dopo aver avuto un’accesa discussione sulle entità che temiamo possa averle avvicinate. Attenzione: nominare le entità non equivale ad attirarle; non guardare troppi film horror. In caso però tu abbia molta paura delle entità, è più probabile che le attirerai. Sottovalutarle non equivale ad allontanarle, bensì a farti manipolare senza che te ne renda conto, tanto è forte il tuo ego. Le entità sono ovunque e può capitare di attirarle; non importa, proteggiti affinché nessuna riesca ad entrare nel tuo spazio privato.

Studente: Ciao Angel. È la prima volta che prendo parte alle tue lezioni e ti ringrazio infinitamente per tutte le risposte che ci dai. Vorrei solo dare la mia testimonianza, dato che sono cartomante da più di 30 anni. Per me tutto ha avuto inizio da piccola quando comprai il mio primo mazzo di tarocchi. Nel guardare e toccare quelle carte, io sentivo una grande familiarità con loro, una forza empatica che mi permetteva di interpretare cose che nessuno mi avesse mai insegnato. Dopo qualche anno cambiai casa insieme alla mia famiglia e giunsi in un luogo in cui non conoscevo nessuno. Nel tentativo di fare amicizia con la gente del posto, un giorno lessi le carte a una vicina di cui non sapevo nulla. Dopo la prima stesura lei sgranò gli occhi dicendomi: “Dio mio! Hai iniziato a parlare prima di aprire le carte e mi hai detto cose che solo io conosco!”. Quell’episodio mi mise addosso un forte timore, mi spaventava sapere e avere conferma di tutto ciò che mi stava accadendo. Presa dal panico, nei giorni successivi bruciai quelle carte che per tre anni mi avevano accompagnata. Ma la cosa non ebbe fine lì. Ripresi con le carte per vari motivi, migliorando le mie letture. Purtroppo, però, come dici tu, le carte non possono rivelare tutto, né spingersi oltre un certo limite. Quindi è importante affidarsi al sesto senso e non solo ai tarocchi.

Studente 2: Vorrei dare anch’io conferma alle parole di Angel, dato che praticavo i tarocchi dall’età di 13 anni e riuscivo a predire tutto sugli altri fin nei minimi dettagli, tanto che persino i più scettici si stupivano; ma quando si trattava di me, o era una risposta molto dubbiosa, oppure negativa. Le risposte più negative le ebbi l’anno prima di entrare in A.C.D.: quando chiedevo cosa sarebbe successo l’anno dopo, mi davano delle risposte estremamente negative, che mi hanno fatto spesso molto male, perché ero molto legata a quei tarocchi visto che li avevo da più di dieci anni. Infatti, dopo poco, li dovetti lasciar stare perché mi facevano solo male. Per fortuna l’anno dopo ho scoperto che invece la mia vita non sarebbe andata in quel modo disastroso, visto che ho trovato A.C.D., che mi ha salvato la vita per molti motivi. Un’altra cosa che notavo, era che le altre persone a cui facevo i tarocchi si ossessionavano, venivano a chiedermi di leggergli le carte di continuo, tanto che spesso dovevo litigare per farle smettere. Forse questo è ciò di cui parlavi. Desidero anche farti una domanda. Hai detto che il futuro di un Celeste praticante è poco prevedibile a differenza di quello di un Gaia’s low; ma quando è o non è prevedibile il futuro di un Celeste che non pratica?

Pagina 4 su 5

Angel: È una domanda molto generale, perché dipende sempre da caso a caso. C’è da considerare che ciò che cambia il futuro è in parte la grandezza dell’anima della persona, ma soprattutto la pratica costante di tecniche psichiche che le permettono di cambiare il futuro andando contro il Matrix. Come pensi di cambiare i piani del Matrix senza tecniche psichiche? L’ego non porta cambiamento. Perciò il Matrix crea il futuro di tutti; Gaia’s o Celesti che siano, tutti stanno dentro al Matrix e gli viene costruito un futuro scelto da lui; poi, ognuno di loro può scegliere se impegnarsi per cambiarlo attraverso un percorso spirituale, oppure rimanere sottomessi al Low. Quindi è chiaro che un Celeste che non pratica riceverà lo stesso trattamento di un Gaia’s, con giusto qualche cosa di diverso, ma pur sempre un destino prevedibile.

Studente 3: La mia storia è un po’ simile a quella di Studente 2. Da piccola avevo il terrore del buio, perché dicevo a mia mamma che vedevo delle persone, dei mostri di cui tutt’oggi ho il ricordo… Poi, crescendo, sono svaniti. Ho cominciato per gioco a leggere i tarocchi e ogni qualvolta li toccavo avevo la sensazione dell’energia nelle mie mani, e anche io riuscivo a parlare prima di toccare o girare le carte. Dopo aver terminato mi dimenticavo tutto quello che avevo predetto; ovviamente riuscivo benissimo quando chi mi chiedeva il consulto era una persona di cui non conoscevo assolutamente nulla, mentre se lo facevo su di me non vedevo nulla. Una notte sognai mio cugino, che si era suicidato anni prima e a cui avevo predetto la morte, che mi esortava a non mischiare il sacro con il profano, così abbandonai le carte. Avevo paura. Dopo un certo periodo ho ripreso ad avere le “visioni” di ciò che gli altri non vedevano, non percepivano: visi sui muri, percezione di dolori e stati d’animo altrui; per esempio, nella tenda di camera mia vedo tanti volti, come fossero delle foto, ma non riesco ad interagirci. Ci sono alcuni periodi in cui addirittura non riesco nemmeno ad entrare nella mia camera e dormo sul divano in cucina, perché ho delle strane sensazioni. Ho ripreso con le carte, ma è come se avessi perso quel contatto speciale che mi lega a loro. Ho nuovamente paura anche del buio, come se non mi sentissi sicura o protetta. Cosa devo fare? Continuare, sperimentare? Perché mio cugino mi ha detto, in sogno, di non legger più i tarocchi? È sbagliato farlo?

Angel: Il mio consiglio è quello di non rinunciare alle esperienze e, allo stesso tempo, di non chiuderti solo su quelle, ma aprirti a qualcosa che può dimostrarti di essere più evoluto, come la meditazione. Comprendo bene perché tuo cugino ti disse così. I tarocchi possono essere anche molto decisi e rivelare informazioni veritiere, ma altre volte sbagliano, soprattutto se si tratta di guardare il futuro di qualcuno che può evolversi molto di più di un semplice destino prescritto dal Matrix. Le persone che praticano meditazione possono anche totalmente cambiare il loro futuro e per loro diventa pericoloso affidarsi ciecamente ai tarocchi, perché essi possono rivelarti un futuro che in realtà potresti aver già cambiato, ma loro si baseranno ancora sul vecchio programma, sul vecchio disegno che fece il Matrix. Fidandoti di loro andrai a credere che quello sia il tuo destino, finendo per convincertene e renderlo davvero così. I tarocchi sono carte, possono commettere errori, ma il tuo Sesto Senso, se evoluto a dovere, non sbaglia perché si connette direttamente alle conoscenze di Dio e non solo del Matrix di questo pianeta. Il tuo sogno, probabilmente, voleva dirti: “Sviluppa il tuo Sesto Senso, anziché affidarti solamente alle carte!”.

Studente: Secondo me la maggior parte delle volte le carte vengono interpretate in un modo così generico che chiunque potrebbe ritrovarsi in quelle domande.

Pagina 5 su 5

A me è capitato di farmele leggere una volta (si fa per dire, perché la cartomante me ne ha fatte estrarre solo due) e mi son sentita dire cose nelle quali tutto sommato potrebbero rispecchiarsi tutti, in un modo o nell’altro. Mi chiedevo quindi in base a cosa le cartomanti vengono riconosciute brave nel loro lavoro. È proprio un mondo che per me è estraneo, non me ne sono mai interessata.

Angel: Certo, è ovvio. Una cartomante può reputarsi brava quando non si ferma a dare solo informazioni scontate, come un “c’è qualcuno che ami” o “qualcuno che ti ama”, ma si spinge a darti informazioni che possono riguardare solo te. Ti ripeto, però, che la cartomante non è un’indovina ma, tutto sommato, sta solo leggendo le carte e, come ti ho già spiegato, i tarocchi non possono sempre dare tutte le risposte giuste, tantomeno riguardo il futuro. Scoprire un’informazione del presente o già successa nel passato è un conto, prevedere il futuro è un altro. Vedere il futuro con la tua mente, quindi con il tuo sesto senso, è estremamente più evolutivo di vederlo con le carte. Esse non potranno portarti a risvegliare ciò che è dentro di te, cosa che invece le tecniche psichiche possono fare.

Studente: Se noi possiamo influenzare con l’energia i tarocchi, non si può fare in modo che possano dire il vero, anche ad un Celeste praticante? So che è limitato perché terreno, ma se facciamo una protezione affinché non ci siano interferenze da parte di terzi o per via dell’umore del cartomante, potrebbe essere più preciso e magari dirci cose che accadrebbero se facessimo determinate scelte, o comunque non può?

Angel: Il problema non sono solo le influenze esterne, ma proprio che i tarocchi non possono superare un certo limite. Di sicuro proteggere la seduta ti garantirà un maggiore successo, con l’intento che le carte si spingano il più possibile a trovare le risposte, senza essere bloccate da energie basse, tra cui anche quelle di entità esterne; certamente può migliorare davvero tanto. Tu però stai chiedendo di prevedere il futuro ad un Celeste praticante, ovvero una persona che potrebbe decidere di rivoluzionare la sua vita all’improvviso e farla uscire completamente dagli schemi. Cosa potrebbero dire i tarocchi su di lui? Che avrà un futuro importante, che avrà successo, che diventerà forte; ma queste informazioni sono riconducibili a tutti. Se vogliamo parlare di una previsione seria del futuro, dettagliata e piena di informazioni utili, non farti troppe aspettative, perché solo attraverso il sesto senso sviluppato puoi raggiungerle. I tarocchi daranno sicuramente molte risposte, ma non è detto che saranno tutte veritiere e senza capacità psichiche lo scoprirai solo quando ormai saranno accadute.

Studente: Saper leggere i tarocchi si può paragonare a saper interpretare un sogno? Penso che sia simile, anche se i sogni si prestano a occasionali interpretazioni perché non sempre vogliono dire qualcosa e succede per lo più spontaneamente. C’è qualche similitudine tra loro?

Angel: Mi è sempre piaciuto interpretare i sogni, perché da essi si può scoprire davvero tanto sulla personalità dell’altra persona e anche su se stessi. Personalmente non ci vedo somiglianze, perché nel primo caso si tratta di guardare le carte ed esporre ciò che esse dicono, sicuramente mettendo anche le proprie sensazioni, ma basandosi principalmente su ciò che mostrano le carte; nel secondo caso ti concentri sui simboli che compaiono nel sogno. Per esempio la porta rossa significa una cosa, il cancello blu un’altra, sognare tua madre è diverso da sognare un cugino e dipende dal colore dei loro abiti, dal loro tono di voce, dalla sensazione che ti dà il sogno.

Insomma, interpretare perfettamente un sogno richiede molto più impegno e non è immediato perché c’è tutto un discorso psicologico da fare, mentre per le carte no.

La lezione è conclusa, se avete altre domande potete inviarcele attraverso i contatti appositi; risponderò ai vostri quesiti inserendoli direttamente nel prossimo articolo!

Fine pagina 5 su 5. Se hai gradito l’articolo, commenta qui sotto descrivendo le tue sensazioni durante la lettura o la pratica della tecnica proposta.

 

Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©
21+

33 Commenti

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *

Nome *
Email (opzionale)


  1. Foto del profilo di Marcello

    E’ molto importante leggere le domande che a me non vengono in mente, e ancor più leggere le risposte di Angel. Grazie.

  2. Foto del profilo di Luce Bìos

    È stato molto interessante leggere i racconti e le domande degli altri studenti, mi sono ritrovata in molti racconti, dove un anno prima di trovare ACD non riuscivo a leggere le carte e mi davano sempre riscontri molto negativi quasi catastrofici!! Mi sono stupita proprio di leggere che anche ad altri è successo, questo fa capire quanto il low corebbe spaventarcibe buttarci giù! Grazie della lezione stupenda!!

  3. Foto del profilo di Manu 80

    Grazie bella lezione è importante conoscere le varie esperienze ti aiuta a crescere.

  4. Foto del profilo di Giacomo

    Trovo l’argomento affascinante. Grazie per i chiarimenti in questo doc!

  5. Foto del profilo di Chiara Calien

    Lezione molto esplicativa, mi ha aiutato a capire meglio l’argomento. I tarocchi sono interessanti, ma allo stesso tempo hanno i loro limiti essendo connesse alla mente di Gaia. Grazie!

  6. Foto del profilo di Tiziana

    È un argomento su cui mi è capitato di riflettere poco, sinceramente… però ugualmente interessante. È qualcosa collegato fortemente a Gaia, al Matrix dei Gaia’s.. grazie mille, per semPre 🙂