025 – Domande su Vedere l’Energia – Riconosci ciò che è Vero (1 parte)

Pagina 1 su 7

Angel: Benvenuti in questa prima lezione su Vedere l’Energia.  Potete iniziare con le vostre domande.

Studente: Ciao Angel, grazie per queste nuove lezioni sulla visione di cui ho molto bisogno. La mia domanda è sulle miodesopsie di cui hai parlato come eventuale problema ottico. Premetto che lo statico come descritto nel documento, lo vedo ma ancora poco luminoso, nel senso che i puntini bianchi li vedo più sul grigio. Comunque volevo raccontare la mia esperienza di visione dell’energia avuta fino ad ora. La prima volta che ho provato a vedere l’energia, seguendo le indicazioni della tecnica guidata, fissando lo sguardo su una lampada da tavolo nera, ho visto dei pallini minuscoli e bianchi che ci battevano contro e rimbalzavano su di essa, come fossero “fisici”. Li ho visti anche altre volte, in seguito, ma raramente e con molta fatica. Continuando a praticare, ho cominciato a vedere l’energia come una pioggia fitta che cadeva sempre in diagonale, da destra a sinistra o viceversa, ma sempre dall’alto in basso, sia all’interno di una stanza, sia guardando all’esterno. Inoltre, qualche mese fa, un giorno che ero in gita in montagna, mi sono steso dopo pranzo sul prato e ad un certo punto, guardando il cielo, ho visto un sacco di puntini bianchi che sembravano danzare. In seguito, in altre occasioni, riprovando sono sempre riuscito a vederlo, e nell’ultima occasione anche avendo come sfondo il panorama (montagne) e non solo il cielo, come capitava le prime volte. Ora leggendo il documento sulla visione dell’energia, non riesco a capire che cosa posso aver visto in realtà. Non credo siano miodesopsie, perché comunque vedo anche quelle. Non credo nemmeno di essermi immaginato tutto per via di aspettative, in quanto non ho mai avuto ben chiaro cosa dovessi vedere. In parte hai già risposto nei vari articoli, ma volevo chiederti se potessi darmi un tuo parere. Grazie!

Angel: Ciao! All’inizio è normale che succeda, perché gli occhi devono ancora abituarsi a questa novità di voler vedere oltre, di voler vedere l’energia, quindi dategli tempo. L’importante è praticare per allenare gli occhi a restare aperti più tempo possibile così che vedrete sempre più informazioni! Riguardo l’esperienza che hai detto, se sei sicuro che non siano miodesopsie, allora si trattava di prana. Ovviamente la prana è ovunque, è anche in cielo, è anche in mezzo alle montagne, anzi! Se osservi un luogo naturale, dove non c’è smog, dove non c’è caos, proprio come in mezzo alla natura, o nel cielo, la prana è anche più forte e abbondante, quindi è più facile vederla. Nel documento ho precisato che è meglio allenarsi prima di tutto in casa, in ombra o al buio, perché tu possa partire subito con il vedere l’energia, senza il rischio di confonderti con le miodesopsie e simili. Se fossi partito subito sin dalla prima volta con il fissare il cielo, allora di sicuro ti saresti confuso. Perciò ora che sai vedere l’energia in casa, al buio, puoi vederla ancor meglio alla luce senza il rischio di confonderla con altre cose. Però vorrei essere sicura che tu stia vedendo davvero l’energia e non ti stia confondendo con le miodesopsie che possono mostrarsi sia allungate che come pallini bianchi, perciò ti consiglio di fare un altro po’ di prove per capire se è davvero energia. La prova del nove è guardare l’energia al buio: vedi quei puntini bianchi e neri, che si muovono nello spazio della stanza? Allora è energia; se non li vedi, ma li vedi solo guardando il cielo durante il giorno, allora ti stai confondendo con le miodesopsie. Di sicuro non puoi immaginarti tutto solo per via delle aspettative, perché queste non sono esperienze mentali bensì visive, perciò o vedi o non vedi; bisogna solo capire se stai vedendo l’energia o se stai vedendo “le mosche” degli occhi, che vedi solo di giorno fissando il cielo.

Studente: Sì, sono sicuro che non fossero miodesopsie, ma mi era venuto il dubbio anche per una frase della scorsa lezione. Adesso sono più tranquillo. Grazie Angel!

Pagina 2 su 7

Studente2: Ciao Angel. Mi sono reso conto che riesco a vedere l’energia meglio di giorno, al buio proprio non riesco bene, come mai?

Angel: Al buio in realtà è molto più semplice iniziare a vedere l’energia che si muove, proprio perché non c’è la luce del sole (o le lampadine puntate negli occhi) a confonderti con altri effetti ottici; probabilmente non riesci perché sono le tue prime esperienze, quindi ti basterebbe soltanto allenarti un po’ di più. Riprova con un po’ più di pazienza, poi mi farai sapere.

Studente3: In effetti anche a me risulta molto più facile guardare lo statico alla luce del sole, mi sta venendo il dubbio.

Angel: Intendi guardando il sole? Perché in tal caso non stai guardando lo statico, ma le miodesopsie.

Studente3: Guardando un cielo limpido ad esempio, oppure guardando un muro bianco illuminato direttamente dal sole. Mi capita di vedere dei cosini nel cielo che si muovono.

Angel: Sì ho capito, quella non è l’energia, sono miodesopsie. Ti consiglio di allenarti al buio per comprendere visivamente la differenza fra le due cose. Ti incollo una descrizione delle miodesopsie, così che possa esserti utile. Cito: “Le miodesopsie sono un fenomeno entoptico dovute ad una non perfetta trasparenza del corpo vitreo. Infatti, addensamenti dell’umor vitreo che riempie il bulbo oculare proiettano delle ombre mobili sulla retina e, quindi, si presentano nel campo visivo sotto forma di punti, di filamenti, di macchie, di ragnatele o di mosche volanti, come vengono comunemente definite. Sono percepite maggiormente quando si guarda una superficie uniformemente chiara o luminosa, ad esempio guardando il cielo azzurro, una parete chiara o uno schermo bianco di computer. Se si cambia la posizione dello sguardo, i corpi mobili seguono i cambiamenti di posizione per poi fermarsi quando l’occhio si ferma. Questo può disturbare a volte la lettura, in quanto le miodesopsie possono nascondere i caratteri tipografici.”
Detto questo, c’è solo un modo per scoprire se quello che vedi è energia o no: guarda al buio, se non riesci più e vedere queste cose allora non era statico; ti garantisco però che le miodesopsie non ti impediranno di vedere la vera energia, quindi ti consiglio di praticare, così tu possa imparare a vedere l’energia senza più confonderti.

Studente3: Grazie infinite Angel.

Angel: Figurati! Ci tengo che voi impariate a vedere la vera energia, senza confonderla con altro, perché l’energia esiste e si può vedere, chiunque può imparare a vederla se solo praticasse per allenare i propri occhi per vedere, quindi non avrebbe senso inventarsi esperienze visive o confonderne una per un’altra. Attraverso la pratica imparerai senz’altro a vedere l’energia e capirai subito la differenza!

Studente: Ciao Angel, innanzitutto grazie per queste lezioni, sono un’occasione unica e te ne sono immensamente grata! Proprio oggi, praticando questa tecnica, invece dei pallini bianchi e neri ho visto quasi subito come delle ragnatele luminose e colorate in movimento; erano di un colore blu azzurrino e anche verdino/giallino e il loro movimento era lento ma le vedevo a intermittenza, cioè duravano una manciata di secondi e poi sparivano, poi ritornavano e sparivano nuovamente. Credo si tratti di un effetto ottico, perché non è seguito alla vista di pallini bianchi e neri che aumentano, come nelle rappresentazioni del tuo documento, ma sono comparse poco dopo aver iniziato la tecnica. Erano simili alle rappresentazioni che si vedono spesso dell’Universo e delle varie galassie, non so se mi sono fatta capire. Volevo comunque un tuo parere a riguardo.

Pagina 3 su 7

Angel: Ciao! Descritta così mi sembra proprio un effetto ottico infatti, però l’unico modo per esserne certi è riprovarci: pratica di nuovo in quella stanza e vedi un po’ se succede subito, o se succede solo dopo un po’ che stai fissando lo statico. Così capirai se si tratta di vera energia, o di un effetto ottico che può accadere anche per ragioni normali, se l’occhio è stanco, se ti è rimasta impressa un’altra immagine, etc. Certe volte, per esempio, potresti vedere una sorta di “ragnatela” perché c’è davvero energeticamente, ma altre volte ciò che stai vedendo non è una ragnatela energetica, bensì un effetto ottico come quello che ho citato poco fa fra le miodesopsie. Per esempio anche sul web ci sono le immagini che rappresentano queste ragnatele sopra citate, causate da effetti ottici che potresti vedere anche ad occhi aperti, ma è diverso da quando vedi l’energia. Inoltre, quando si tratta di un effetto ottico è come se questo ti seguisse dove sposti lo sguardo, mentre se stai vedendo l’energia questa non ti segue, quindi non segue il movimento del tuo sguardo. Ti consiglio di informarti riguardo le miodesopsie così che tu sappia bene cosa sono, affinché riprovando a praticare la tecnica per vedere l’energia tu possa concentrarti sulla vera energia e non farti confondere con gli effetti/problemi ottici.

Studente: Le sferette blu, puntini blu e bianchi che vedo al buio fanno parte dell’energia, giusto?

Angel: Sì, anche perché le miodesopsie non si vedono al buio, quindi ciò che vedrai sarà solo l’energia statica.

Studente: L’energia si vede meglio senza occhiali?

Angel: Sì, ovviamente è più semplice guardarla senza occhiali perché non c’è l’effetto ottico e quindi l’inganno della lente, ma puoi farlo benissimo anche con gli occhiali, senza problemi. Io ti consiglio di praticare sempre senza occhiali, però se hai problemi di vista tanto gravi che non riesci davvero a stare senza occhiali/lenti a contatto, allora puoi praticare con quelle addosso, non c’è problema.

Studente: Ciao Angel e grazie per i doc e le lezioni sulla visione che mi stanno facendo comprendere molto meglio l’importanza della visione e mi spronano tantissimo a praticare. Seguendo la lezione di oggi, mi è venuto in mente che alcune volte in montagna quando iniziavo una meditazione, chiudendo gli occhi vedevo tutto rosso. Sapendo che non è positivo vedere tutto rosso, mettevo un forte intento di sostituire quel rosso con il bianco, e piano piano in qualche minuto riuscivo a farlo, così poi mi dedicavo a meditare. Secondo me era solo un effetto ottico, ma nel dubbio volevo eliminarlo. Tu che ne pensi?

Angel: Ciao! Sì stai tranquillo, non c’è nulla di cui preoccuparsi, devi sapere che quando chiudi le palpebre è normale vedere tutto rosso, sono proprio le palpebre; se ti capita di avere la luce puntata addosso poi (specie ad esempio quando hai il sole puntato, o la luce della lampada) te ne accorgi anche meglio, perché vedi proprio rosso rosso, ma ovviamente non è l’energia ma sono proprio le palpebre fisiche che all’interno sono rosse, mentre quando non hai troppa luce puntata vedi tutto più “roseo”. Quindi non c’è da preoccuparsi; non è energia, ma è il colore fisico delle palpebre.

Pagina 4 su 7

Studente: Sì infatti come quando si guarda prima il sole; mi sembrava solo un po’ strano succedesse lo stesso. Grazie!

Studente: Ho appena letto il doc sulla visione dell’energia che con la tecnica guidata insegni a vederla. Ci sono rimasta malissimo nel capire che quello spettacolo meraviglioso che vedevo nel cielo non è energia ma praticamente un difetto della vista. A questo punto volevo capire se anche ciò che vedo nelle pareti dei mobili quando c’è molta luce (anche se il raggio di sole non colpisce in modo diretto il mobile) è sempre dovuto a quel difetto oppure è davvero energia.

Angel: È molto importante riconoscere se ciò che stai vedendo è davvero l’energia, oppure se sono effetti ottici oppure è addirittura la polvere, che si può vedere quando il raggio di sole colpisce un mobile. Hai presente la mattina quando il raggio di sole entra in camera, e vedi questa scia luminosa che sembrano tanti puntini svolazzanti? Ecco, quella è polvere, e puoi capirlo anche perché se gli scatti una fotografia con il cellulare, questo fascio di luce pieno di puntini bianchi sarà ben evidente anche nella foto, quindi è chiaro che non si tratti di energia, bensì di polvere. Se cerchi su internet “pulviscolo” nient’altro che la polvere, e guardi le immagini capisci cosa intendo. Riguardo invece alle miodesopsie, ovviamente non si possono vedere in foto dato che sono problemi dell’occhio, quindi non è polvere o un effetto esterno ma è proprio un effetto interno all’occhio. Come già detto, sinché proverete a guardare l’energia solo fissando il cielo o durante il giorno, non capirete la differenza; quindi vi invito a praticare al buio: noterete una distesa di pallini bianchi che diventa sempre più visibile, sempre più luminoso, tanto da sembrare che la stanza stia illuminando. A quel punto starete vedendo l’energia! Se guardate il pulviscolo, quello è e rimane così, a prescindere da quanto tempo e da quanto attentamente la guardate; perciò se fosse polvere si comporterebbe allo stesso modo! Inoltre, la polvere a mezz’aria riesci a vederla solo se c’è un raggio di sole/di luce che illumina con un fascio diretto, proprio come nelle immagini che ho citato prima cliccando su “pulviscolo”. Le miodesopsie invece le vedete solo se puntate gli occhi al cielo, quando c’è il sole, oppure dopo aver tenuto gli occhi fissi per molto tempo davanti ad uno schermo (pc, cellulare, tablet..). Il modo per essere sicuri di vedere l’energia e non questi effetti/problemi ottici è concentrarsi a vedere l’energia al buio o penombra.

Studente: La mia domanda sulla vista energetica è la seguente, l’altro giorno dopo una meditazione ho aperto gli occhi e vedevo tutto annebbiato, come se in camera mia ci fosse nebbia è durato un paio di ore, la mia vista non era chiara ma vedevo offuscato, volevo capire cos’è era stavo utilizzando la vista energetica?

Angel: Sì, dopo la meditazione hai un tonale molto più alto, perciò anche senza fatica vedi più facilmente l’energia dentro la stanza in cui stavi praticando, anche perché mentre meditavi stavi richiamando prana, perciò è molto più semplice poi riuscire a vederla. Quella nebbia che vedevi era la distesa di prana bianca!

Studente: Vedere l’energia richiede uno stato di non pensiero piuttosto prolungato, quindi diciamo che diventa difficile farlo in un luogo affollato, quindi si acquisisce una visione più buona sviluppando molto bene anche le altre tecniche. Essendo una tecnica fondamentale per l’evoluzione spirituale, a livelli avanzati quindi si dovrebbe poter fare in qualsiasi luogo?

Pagina 5 su 7

Angel: Certo che sì, si potrà praticare in qualsiasi luogo, ma è scontato che all’inizio bisogna praticare questa tecnica in un luogo silenzioso e in atmosfera calma, ovvero a casa tua mentre sei da solo; se parti subito in un luogo affollato, magari con la luce puntata addosso e mentre la gente ti parla, è chiaro che sia molto più difficile concentrarsi per vedere l’energia per la prima volta.

Studente: Forse la mia è una domanda sciocca. Mi chiedevo se per riuscire a vedere la prana o l’aura si usasse il terzo occhio anche se non è ancora molto sviluppato. Intendo dire che all’inizio riusciamo a vedere la prana anche con poco allenamento, viene comunque utilizzato il terzo occhio per questo?

Angel: Certo, per vedere l’aura come per l’energia statica, stai utilizzando la Vista energetica che appartiene al Terzo occhio. Non si tratta di avere un Terzo occhio poco sviluppato per poter vedere l’energia, bensì che allenandoti per vedere l’energia stai sviluppando il Terzo occhio. In altre parole non devi aspettare che la vista si evolva per farti vedere l’energia, bensì devi praticare per vedere l’energia così che la vista si evolva.

Studente: Ciao Angel e ciao a tutti. Ti ringrazio di cuore per avermi dato la possibilità di partecipare a queste lezioni. Quello che fai è che doni a noi è fantastico, e come minimo sento di dover dare il massimo. Ho dei problemi a visualizzare l’energia statica, i puntini, li vedo ma molto piccoli e se fisso un punto con l’intento di vederla ovunque dopo un po’ l’immagine si scurisce, ma niente puntini ovunque. Forse sbaglio con l’intento. Ho provato al buio e anche in questo caso ho visto i puntini, molto fini però, e insistendo ieri sera ho visto dei movimenti di luce, concentrici verso il centro e altre forme che girando diventavano tipo delle rose con delle linee più luminose all’interno. Ho visto anche qualche piccola forma colorata, color arcobaleno, se è possibile. Quindi il mio dubbio è che non avendo visto bene lo statico, che è il primo passo, forse anche tutto quello che ho visto dopo potrebbe non essere energia ma dovuto a problemi visivi o altro.

Angel: Ciao! Va bene se tutto intorno a te si inscurisce, perché quello è proprio il momento in cui passi da uno stato dimensionale ad un altro, quindi prosegui così, devi solo “fidarti” di ciò che sta succedendo, senza farti aspettative. Probabilmente il tuo problema è proprio questo, che ti fai aspettative, ti aspetti che debba succedere in un certo modo, ma siccome non succede così come te lo aspetti, ti blocchi da sola le esperienze e non prosegui con la pratica. Invece, prova a restare più calma, ad aspettare, a pazientare: osserva un punto della stanza, ferma il tuo sguardo lì e aspetta, con l’intento di vedere l’energia, ma aspetta con calma che la visione si evolva. Con più allenamento vedrai sempre meglio, devi solo avere pazienza.

Studente: Quando guardo l’energia statica di notte capita che si sposta, scompare e riappare, mi alleno a guardarlo e sembra che giochi con me.

Pagina 6 su 7

Angel: Sì, in certi momenti sembra proprio che giochi, ed è divertente. Continua ad allenarti e avrai esperienze sempre più belle!

Studente: Io quando guardo l’energia vedo delle piccole scie di fumo, come se una persona avesse lasciato una sigaretta accesa, è immaginazione?

Angel: Non è immaginazione, dato che hai gli occhi aperti; sono proprio quelle scie di cui ho parlato Qui, ovvero quella sorta di strisce bianche che si muovono in aria.

Studente: Io mentre guardo lo statico vedo altre cose che non mi so spiegare. Sono tipo dei segni trasparenti.

Angel: Sì non hanno una forma precisissima, e si muovono come a comporre un disegno.

Studente: Esatto. Cosa sono?

Angel: È energia, semplice energia che prende forma. L’energia è in continuo movimento e può cambiare forma tutte le volte che vuole, quindi vedrai continui movimenti che sembrerà proprio come se stessero componendo un disegno nello statico.

Studente: Li vedo sin da piccolo e a volte mi preoccupavo. Pensavo di avere problemi alla vista.

Angel: Non devi preoccuparti, è normalissimo vedere l’energia, specialmente quando eravamo bambini.

Studente: Ciao Angel e ciao a tutti! Grazie per darci la possibilità di sviluppare la Vista energetica, passo fondamentale per il nostro Risveglio. Volevo chiederti: quando provo a vedere l’energia statica, all’inizio la vedo come dei pallini bianchi e neri come tu fai vedere nell’articolo, anche se non in modo così evidente, ma poi la prana blu prende il sopravvento; cioè dopo un po’ vedo l’energia blu come fosse foschia, e fin qui credo vada bene, ma poi vedo dei pezzi di energia trasparenti muoversi a grande velocità. Che cosa sono? Grazie Angel!

Angel: Ciao! Quelle parti trasparenti che vedi muoversi è sempre energia che però, anziché vederla solo ferma, la vedi proprio in movimento. Ma non devi preoccuparti perché è proprio l’energia che si muove. Più vai avanti e più la vedrai muoversi sempre più rapidamente, sfrecciando da una parte all’altra della stanza, oppure creando dei simboli, o vedrai una forte pioggia, ogni volta potrai vedere movimenti diversi e ognuno sarà più interessante dell’altro! Ma non temere, si tratta sempre di energia!

Studente: Non temo! Grazie Angel!

Angel: Per oggi concludiamo qui la lezione, ma se avete altre domande non esitate a inviarmele Qui. Buonanotte e a presto!

Pagina 7 su 7

Studente: Grazie Angel e buonanotte a tutti.

Studente: Grazie per questa fantastica lezione Angel! Buonanotte a tutti.

Studente: Grazie Angel splendida lezione, buonanotte. Buonanotte a tutti.

Studente: Grazie veramente di tutto, sei la luce per tutti noi.

Studente: Grazie della lezione, davvero bellissima!

Studente: Grazie Angel, è stata una lezione fantastica e mi hai caricato un sacco!!! Ci volevano proprio queste lezioni!

Studente: Grazie Angel!!! Che bella lezione grazie mille!!!

Studente: Grazie Angel, mi sento arricchita ad ogni lezione! Buonanotte a tutti!

Fine pagina 7 su 7. Se hai gradito l’articolo, commenta qui sotto descrivendo le tue sensazioni durante la lettura o la pratica della tecnica proposta.
Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©
41+

122 Commenti

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *

Nome *
Email (opzionale)


  1. Domande e risposte lette e rilette piu volte in 2 mesi..molto interessanti . ma ‘ ancora non mi è chiaro quali sono tutte le miodesopsie che ci confondono e distraggono. La confusione principale nasce sulle sfere.. (per articoli letti sulle miodesopsie) . Che per difetto visivo dovuto a del collagene (che e’ distaccato) galleggiando all interno dell occhio possono confondere dando impressione di movimento in più direzioni..mi resta solo interrogatorio dal vivo ad un oculista per svelare l arcano… alla fine (almeno per me) anche se in quasi totale buio temo(sempre e solo per sfere) che sia un riflesso dovuto ad un problema visivo.Grazie per articolo.

  2. Vedere l’energia con i propri occhi ci permette di capire che c’è molto di più dietro ad ogni cosa che vediamo. È un primo passo per riconoscere che siamo dentro al Low.
    Grazie per aver condiviso questa lezione con noi!

  3. io al buio vedo solo delle chiazze molto piccole,stile dalmata… ma non vedo movimento.. è come se vedessi tutta la realta a granuli

  4. Grazie Angel per questa splendida lezione, per aver spiegato la differenza tra vedere l’energia e effetti ottici come le miodeopsie. Grazie per averci chiarito tantissimi dubbi, adesso non ci resta che praticare!

  5. Un po di tempo fa,mentre ero concentrata a vedere i giochi della prana colorata(ere qualche decina di cm sopra il mio viso e non ero abituata a vederla così poco distante),ho visto una pallina luminosa che si è lasciata cadere sulla mia faccia!..sono sobbalzata !!!sembrava sentisse che ero in soggezione per la poca distanza e mi è letteralmente caduta addosso!forse mi ha fatto un dispetto perchè ricordarlo mi fa sorridere!!

  6. Rispondendo agli studenti togli qualche dubbio anche a chi legge, anche a me è evidente una maggior capacità visiva dopo la meditazione. Grazie per queste lezioni.

  7. Risposte importanti utili nella pratica.
    Grazie

  8. anche io, dopo aver praticato la meditazione l ho vista con più facilità. io per ora solo pallini

  9. Non ho pazienza di aspettare e quindi mi rovino l’esperienza, sia nel vedere l’aura che per l’energia dopo qualche minuto subito perdo la concentrazione perché vedo che non succede niente e passo a fare altro. Grazie per i consigli proverò ad allenarmi di più