Seleziona la porzione di testo da chiarire (max 80 parole)
Step 2 - N° 40

Vedere l'Energia – Impara a vedere l'energia (1 parte)

Pagina 1 su 4

Durante la lezione sulla Vista Energetica, ti ho spiegato che è possibile vedere l'energia attraverso i propri occhi, praticando determinate tecniche che ti permettono di sviluppare la vista energetica. Vedere l'energia è diverso dal vedere l'aura, perché richiede molta più concentrazione e silenzio mentale. 

Durante la visione dell'aura è richiesta concentrazione, ma i primi risultati si possono ottenere sin da subito senza grande sforzo, anche in pochi minuti. Vedere l'energia è un po' più complesso, perché appena ti deconcentri, o ti metti a pensare a qualcosa, il livello di visione si abbassa rapidamente e ritorna quasi a zero. Questo succede perché per riuscire a vederla bene c'è bisogno di un tonale alto, e non appena lo abbassi, anche la vista energetica perde colpi. In questa lezione ti spiegherò come vedere l'Energia e a riconoscerla realmente da eventuali problemi di vista o effetti ottici, che conducono alcune persone a confondersi. Se osservi attentamente le immagini a inizio capitolo, probabilmente ti renderai conto che è un fenomeno che hai già visto almeno una volta nella vita, ma che non hai mai saputo spiegare o semplicemente hai ignorato, senza dare peso alla ragione per cui lo vedessi. Di sicuro hai pensato a problemi di vista, ma non è così. 

Definiamo questo tipo di energia come energia statica, perché le prime volte che ti fermi ad osservarla ti sembrerà di vedere lo statico dei vecchi televisori, nel momento in cui non funzionavano i canali, non c'era segnale o non prendeva la giusta frequenza. In questo modo potremmo distinguere l'energia statica da quella pranica, perché c'è un'importante differenza fra loro. Come ti ho spiegato durante le lezioni sull'Energia, non esiste luogo in cui non sia presente, perché in ogni casa, in ogni città, in ogni foresta, essa è presente. Tutto è energia! Come nelle immagini che trovi a inizio articolo, ti basterà fissare un punto della tua stanza per qualche secondo e sin da subito noterai la presenza di questi pallini bianchi e neri, che sottilmente si muovono. Ti invito a dedicare qualche secondo ad osservare un qualsiasi punto della stanza in cui ti trovi. 

Bene, hai prestato attenzione solo per pochi secondi, eppure hai già visto che l'energia statica è presente anche nel luogo in cui ti trovi. Naturalmente pochi secondi non bastano per renderti conto di quanto realmente essa sia presente nella tua stanza, ma c'è bisogno in un periodo più lungo. Eppure, pochi secondi ti sono bastati per accorgerti che, effettivamente, lo statico c'è. 

Praticando sulla visione dell'energia, potrai imparare a vederla in qualunque luogo e in qualunque momento della giornata. Per iniziare, però, ti devo spiegare come muovere i primi passi per vivere reali esperienze e come fare per non confonderti con gli effetti ottici. Per prima cosa, ti consiglio di osservare l'energia durante le ore notturne, o anche semplicemente in una zona d'ombra, perché nel buio l'energia è molto più evidente. Ciò che non devi fare, invece, è osservare il cielo, specie di giorno, nella speranza di vederla meglio, perché quei puntini e filamenti che vedrai osservando il cielo di giorno non sono energia, ma sono le Miodesopsie. Se impari a vedere l'energia, riconosci subito la differenza, perché l'energia statica e le Miodesopsie hanno delle forme e dei movimenti molto diversi fra loro. Inoltre, l'energia statica è visibile solo dopo un periodo di concentrazione assoluta, mentre le Miodesopsie non richiedono concentrazione: ti basta guardare il cielo ed ecco che subito noterai questi puntini e filamenti che si muoveranno velocemente. L'energia si può vedere solo alzando il proprio tonale o vibrazione e quindi concentrandosi sul volerla vedere, mentre i problemi di vista non vengono a comando, ma sono perenni. Se ritieni di vedere "lo statico" ogni giorno, ad alti livelli, senza bisogno di concentrarti, è probabile che tu non stia osservando l'energia statica, ma che si tratti di un effetto ottico o problema di vista. Il mio consiglio è di non fossilizzarti sull'idea: "Io lo so fare, quindi neanche ci provo! Perché io non ho bisogno di allenarmi per vedere l'energia! Io già la vedo", perché, così facendo, non scoprirai mai la differenza fra la vera visione dell'energia, e i problemi di vista. 

Pagina 2 su 4

Un esempio di effetto ottico può accadere quando fissi per qualche secondo il lampadario, la lampadina, il sole, oppure uno schermo luminoso (come un cellulare, un tablet, un pc) e, dopo aver passato diversi secondi a fissare questa fonte luminosa, spostando lo sguardo verso un'altra direzione, una macchia nera rimarrà impressa nell'occhio e seguirà il tuo sguardo, scomparendo solo diversi secondi dopo. Questo è un effetto ottico, non è energia. Se vedi le "mosche volanti" solo quando osservi il cielo o altri punti molto luminosi, non stai guardando l'energia, bensì stai vedendo le Miodesopsie. È molto importante saper riconoscere sin da subito la vera energia dagli effetti ottici, problemi di vista, o tutt'altro. Per fare un altro esempio, se la mattina osservi il raggio di sole che entra dalla finestra, noterai che all'interno di quel fascio di luce sono presenti tantissimi piccoli pallini che si muovono velocemente, ed è un fenomeno che non vedi all'ombra. Quel fenomeno in realtà è polvere! Quando un raggio di sole illumina la stanza, noti subito i pallini di polvere che si muovono velocemente, e questo ovviamente non c'entra nulla con il vedere l'energia. 

Proprio per evitare che tu confonda l'energia con la polvere visibile al raggio di sole, effetti ottici e altro, ti consiglio di praticare le prime volte in una stanza in ombra (non necessariamente del tutto buia, va bene anche di giorno ma con le luci spente) oppure di notte, così sei certo che quello che stai vedendo non sono effetti ottici dovuti alla luce del sole. Dopo che avrai visto con i tuoi occhi come si comporta realmente l'energia, sarà molto più facile per te riconoscere quando la stai vedendo, da quando invece stai osservando gli altri fenomeni (per esempio le "mosche volanti"), perché, oltre ad essere di forma diversa, si comporta anche in modo diverso. L'energia, infatti, inizierà successivamente a muoversi, creando delle forme che diventeranno sempre più visibili ai tuoi occhi, tanto che inizierai anche a vedere dei puntini colorati; quella è energia. Dopo che avrai compreso – per tua esperienza visiva personale – com'è fatta l'energia, potrai decidere di osservarla ovunque ti trovi. Potrai ad esempio affacciarti alla finestra e osservare lo statico che si muove anche in lontananza, per esempio vicino agli alberi, oppure vicino alle altre case. Ciò che non devi fare è alzare gli occhi e puntarli al sole o al cielo, mentre il sole è ancora presente, perché in questo caso non stai guardando l'energia, ed è davvero importante che tu comprenda le differenze sin dalle prime esperienze. 

Imparare a vedere l'energia è fondamentale per l'evoluzione spirituale, prima di tutto perché ti permette di comprendere davvero che è presente sempre, in qualunque luogo ti trovi, in qualunque circostanza, in qualunque momento, sei sempre circondato da essa. Questo è molto importante, specialmente quando hai necessità di sentirti protetto e di ricordarti che l'energia c'è e puoi utilizzarla a tuo vantaggio. Ma prima di spiegarti altro riguardo l'energia statica, ti invito a praticare la tecnica per vederla, affinché tu possa fare esperienza in prima persona e imparare a riconoscerla. Puoi decidere se ascoltare l'audio che ti guiderà passo per passo, oppure se leggere la consegna scritta e poi praticarla subito dopo. Nel caso però tu decida di leggere la consegna senza ascoltare l'audio, ti consiglio di leggere attentamente tutta la consegna e, solo dopo aver concluso la lettura, di metterti a praticare. Questo perché lo schermo tecnologico del pc, del telefono, del tablet, disturba la tua Vista energetica e la abbassa, impedendoti così di avere risultati ottimali durante la visione energetica. Per questa ragione, ti consiglio di non fissare il cellulare mentre pratichi le tecniche visive come questa, perché disturba e riduce la tua Vista energetica. Detto questo, possiamo iniziare. 

Pagina 3 su 4

Scegli un punto comodo in cui sederti, dal quale puoi osservare il centro della stanza, senza essere disturbato da raggi di luce o altre fonti troppo luminose. 

Ricordati che per praticare la Visione energetica è fondamentale tenere gli occhi aperti, quindi cerca di sbattere le palpebre meno volte possibile. 
 



Concentrati su un punto della stanza, non su un mobile o un oggetto in particolare, ma concentrati proprio sulla zona vuota della stanza. 

Per esempio, concentrati ad osservare quello spazio vuoto che c'è fra te e il muro davanti a te. 

  

Mentre osservi questo spazio vuoto della stanza, respira profondamente dentro di te, tenendo gli occhi aperti. 

  

Focalizzati sull'intento di voler vedere l'energia statica, rimanendo in silenzio mentale. 

  

Non avere fretta, ma abbi pazienza, restando concentrato sul punto che hai scelto. 

  

Non ti preoccupare se di tanto in tanto gli occhi si muoveranno e perderai di vista il punto che avevi scelto. 

Continua a concentrarti, con il desiderio di vedere l'energia. 

  

Tieni gli occhi aperti, e nel mentre, respira prana. 

  

Concentrati a respirare prana dentro di te, con l'intento di alzarti di vibrazione ed essere capace di vedere meglio l'energia. 

  

Continua a fissare quel punto, senza perdere la concentrazione. 

  

Rimani in silenzio mentale, mentre osservi l'energia. 

  

È possibile che tu stia già iniziando a vedere l'energia che si muove, quindi osserva tutti questi puntini bianchi e neri che si muovono, quasi danzando fra di loro. 
 

Pagina 4 su 4  

Ti renderai conto che puoi vedere questi puntini in movimento non solo nel punto che stai fissando, ma tutto intorno a te, riempiendo completamente la stanza in cui ti trovi. 

  

Respira prana dentro di te, tenendo gli occhi fissi sull'energia statica. 

  

La guida si conclude qui, ma puoi decidere di proseguire la tecnica per qualche minuto ancora. 

  

Bentornato dalla tua prima sessione di visione energetica! La prima volta è diversa per ognuno: alcuni hanno già iniziato a vedere l'energia in movimento, altri hanno trovato più ostacoli di concentrazione, quindi hanno visto meno; ma questo non ti deve far preoccupare. È solo la prima volta! Praticando nuovamente questa tecnica, noterai che ogni volta riuscirai a raggiungere un traguardo migliore di quello precedente. 

Il mio consiglio è di praticare questa tecnica un pochino tutti i giorni. Puoi decidere se svolgerla da seduto, oppure da sdraiato mentre fissi il soffitto prima di dormire; l'unica cosa che conta è che ogni volta, seppure pratichi per pochi minuti, rimani concentrato su ciò che stai vedendo senza farti distrarre dai pensieri. Se ti perdi nei pensieri, la tua vibrazione si abbassa, per cui vedrai l'energia con più difficoltà. Se invece rimani concentrato, l'energia sarà più visibile, e continuerà a diventarlo minuto dopo minuto. Il mio consiglio è di praticare 10 minuti tutti i giorni (o tutte le notti!), inserendo un timer sul cellulare che suona conclusa la sessione stabilita, così che tu non debba distrarti osservando il cellulare per vedere quanto tempo è trascorso, perché come già detto, ti abbassa la Vista energetica. Se invece preferisci trattenerti molto di più di 10 minuti, fai pure! Perché più tempo trascorri ad osservare l'energia, più in alto ti alzerai di vibrazione e comincerai a vedere movimenti di energia molto diversi dalle volte precedenti. Per il momento, non ti anticipo altro, ma nella prossima lezione ti spiegherò tante altre informazioni sull'Energia, oltre a descrivere i livelli successivi che potrai riscontrare praticando questa tecnica con determinazione. Nel frattempo, ti consiglio di praticarla senza rimandare troppo, perché imparare a vedere l'energia è molto più importante di quanto sembri. Buona Visione! 

Fine pagina 4 su 4. Se hai gradito l’articolo, commenta qui sotto descrivendo le tue sensazioni durante la lettura o la pratica della tecnica proposta.

946 commenti
  • mirko-gaeta - 22:48 11/07/24

    Mi sono sempre chiesto cosa fossero quello che credevo fossero effetti ottici… Allo stesso tempo si può praticare anche il silenzio mentre. Rimanendo a osservare l’energia statica come fossero numerosi pixel lampeggianti, notavo ogni tanto delle ondine d’aria che si notavano nel punto in cui fissavo. È sorprendente riconoscere che tutto è sempre stato davanti ai miei occhi che guardavano senza vedere, perdendomi questo gusto per molti anni, poiché mancavo di coscienza, pur se con dei brevi intervalli di lucidità . Grazie Angel per avermi insegnato anche questa tecnica. Ne farò tesoro!

  • jeji Medaglia per aver completato lo Step 1 Medaglia per aver completato il libro Prendiamo Coscienza degli ALIENI - Vol. 7 - 14:19 09/07/24

    Articolo e esercizio molto interessante, devo ammettere che attualmente sono molto concentrata e ho preso bene la costanza di meditare, proteggere e tagliare i fili tutti i giorni, mettendo una ripulizia energetica nella settimana, ma aver tralasciato la vista energetica da sviluppare, prima leggendo il vol sulle vite passare e la visione delle facce ero molto più motivata e convinta nell'esercitarmi, ma purtroppo mi sono persa e quello che aveva raggiunto è svanito. Non voglio darmi per vinta, ma come sostieni tu vedere l'energia è una parte fondamentale dell'evoluzione che vogliamo raggiungere e cercherò di mettercela tutta, iniziando ad aver praticato questo esercizio di notte dopo una meditazione e devo dire che mi ha fatto stare molto bene, non posso affermare con certezza di aver avuto un grande successo e aver visto tutto il tempo l'energia statica, ma ho visto dei movimenti dovuto da pallini bianchi e neri e la cosa mi ha resa molto soddisfatta!! Cercherò di legare questa visione dell'energia alle pratiche serali, che come sostieni è meglio e rischiamo di confonderci di meno e appena presa più "confidenza" attuerà la visione anche l'esterno di giorno senza fissare il cielo o il sole che effettivamente da quel senso di "ciecaggine" che poi porta a vedere pallini, ma molto fastidiosi! Grazie mille Angel un caro abbraccio <3

  • FeBo - 17:54 08/07/24

    Questo articolo mi è servito molto per capire effettivamente quelli che possono essere gli effetti ottici e saperli distinguere dalla vera energia; ogni qualvolta l'effetto o la luce che vedi segue lo spostamento del tuo sguardo significa che quella non è energia ma è semplicemente dovuto a un'interferenza con la retina o a "problemi di vista". Ringrazio Angel per avermi aperto gli occhi su questa cosa! Detto ciò, l'energia statica sono riuscita a vederla fin da subito, ma la cosa interessante è che, prima di iniziare la meditazione, rimango per qualche minuto a osservare la stanza e lo statico che c'è e riesco a vederlo abbastanza bene; conclusa la meditazione, rimango per altri minuti ad osservare la stanza e lo statico lo riesco a vedere molto di più e molto meglio rispetto a quando avevo iniziato! Inoltre riesco a vedere l'energia che si muove, filamenti bianchi che corrono in mezzo alla stanza e riesco a vedere dei fasci luminosi di vari colori che fluttuano tutto intorno a me; non so se quest'ultimi sia imputabili sempre a energia o siano degli effetti ottici, la cosa certa è che essi si muovono a prescindere dal movimento delle mie palpebre, sembrano quindi essere delle manifestazioni a se stanti. Credo che riuscire a vedere l'energia sia una pratica veramente fondamentale per comprendere quanto altro esista oltre a quello che riusciamo a percepire semplicemente con i nostri 5 sensi! Grazie Angel

  • Lion Medaglia per aver completato lo Step 1 - 12:10 05/07/24

    Ho provato questa tecnica e inizialmente ho avuto delle difficoltà a vedere l'energia statica, dopodiché ho voluto riprovare dopo una meditazione ed è stata tutt'altra esperienza, sono riuscito a mantenere il silenzio mentale, ed ho iniziato a vedere dei puntini bianchi, neri e anche qualcuno sul blu chiaro, mi sono concentrato anche sul respirare prana e ad ogni respiro i puntini erano sempre più visibili, è stata davvero una bella esperienza. Questa tecnica aiuta tantissimo a vedere l'energia, migliora il nostro silenzio mentale e tutte le altre tecniche visive. Grazie mille!

  • rik - 12:04 05/07/24

    Ho eseguito questa tecnica con discreto successo. I migliori risultati sono venuti dopo diverse sessioni eseguite tutte in serata, con luce soffusa. In alcune situazioni sono anche riuscito a vedere l’aura (solo bordo bianco di pochi centimetri) intorno all’oggetto che avevo preso “di mira”. Grazie Angel per questo articolo dagli interessanti contenuti. Credo che l’argomento verrà approfondito nelle prossime lezioni e voglio essere pronto con nuove e più complete esperienze.

  • ~Sabrina~ - 09:36 05/07/24

    È importante riuscire a vedere l’energia per la nostra evoluzione spirituale. Per questo motivo, è necessario imparare a riconoscerla per non confonderla con le miodesopsie o con gli altri effetti ottici che possono ingannarci (es. la polvere). Per ora io riesco a vederla in penombra oppure al buio totale. L’esercizio l’ho trovato molto utile. Grazie per i consigli condivisi!

  • Elisa🌺 - 08:48 05/07/24

    Questa è una tecnica che mi piace tantissimo, da quando l’ho scoperta tre o quattro anni fa leggendo gli articoli l’ho sempre praticata! E quindi mi risulta abbastanza immediato adesso vedere lo statico. La prima cosa dopo aver visualizzato i puntini bianchi e neri, è il movimento dei puntini e poi improvvisamente cominciano ad accendersi dei piccoli puntini luminosi.. Poi se mi concentro sempre di più inizio a vedere i punti colorati e poi chiazze di colore. Ci vuole un po’ di concentrazione all’inizio ma rimanendo concentrati sul voler vedere l’energia statica a me viene dopo pochino abbastanza automatico. È vero pero’ che se ti deconcentri un attimo la vista già si abbassa tantissimo e devi di nuovo riconcentrarti per tornare a livello precedente. Ovviamente dopo aver meditato e praticato è molto più rapido e veloce a volte è quasi istantaneo! Mentre invece se il tonale è basso ci vuole un po’ di più confermo assolutamente quello che e’ stato detto. Grazie mille 🙏🩷

  • Cassidy Medaglia per aver completato lo Step 1 - 11:49 25/06/24

    Purtroppo credo di avere il problema opposto nel senso che ho sempre avuto difficoltà a vedere lo statico. Anche dopo la pratica quando provavo a vedere l'energia vedevo la Prana (Blu o Bianca) mentre lo statico no, o meglio vedevo qualcosa di perfettamente immobile. Sapendo invece che l'Energia statica si muove ho sempre pensato di avere questo "problema" con lo statico. Per le Miodesospie ho questo problema sin da piccola e dopo una lunga ricerca in passato avevo scoperto che si trattava appunto di Miodesospie che effettivamente è una dinamica molto diversa dallo statico (basandomi, per quanto concerne lo statico, sulle foto qui presenti). Puntini colorati a volte mi è capitato di vederli, non apposta, capita per caso non avendo la Vista Energetica allenata. Fra l'altro ho avuto un periodo iniziale in cui praticavo questa tecnica praticamente tutti i giorni, poi ho sospeso per motivi di studio ma ora sto riprendendo infatti cerco di praticare le tecniche sempre al buio (chiudendo le imposte) perché quando lo faccio inizio a vedere la Prana se sto concentrata e non mi distraggo e quindi un po' mi rendo conto se sto lavorando bene o se mi lascio trasportare dalle distrazioni di pensiero. Tuttavia lo statico è un traguardo che devo ancora arrivare a raggiungere, proprio perché quel qualcosa di simile che vedo è immobile quindi non credo sia "lui". Non demordo con la Pratica 💪🏻 anche perché da piccola mi ricordo che lo facevo e ricordo che tutto tutto "spariva" attorno a me, nel senso che era come se fosse tutto ricoperto di energia e non si vedesse nient'altro che energia...mi ricordo che mi divertivo molto a guardare tutto sparire e diventare tipo bianco. Grazie per la lezione Maestra!

  • Saras2021 Medaglia per aver completato lo Step 1 - 20:59 24/06/24

    Premetto che era un po' che non la praticavo. Più che i puntini ho visto delle forme geometriche che si espandevano e si rimpicciolivano, che cambiavano forma mentre si avvicinavano o si allontanavano. Ho visto la luce abbassarsi come uno strato dimensionale ma quando perdevo la concentrazione dovevo riniziare ma con più facilità. La parte più difficile è rimanere senza pensare per me. Ogni volta che ti distrai devi ricominciare. Siccome respiravo per alzare il tonale mi sento molto rilassato al momento e con voglia di praticare. Questo almeno è quello che mi ha trasmesso questa volta ☺️ grazie Angel e grazie ACD.

  • mochi - 12:46 24/06/24

    È stato incredibile,una bellissima esperienza, vedere l energia è differente dal vedere gli effetti ottici,e lo si capisce tramite la pratica.Tra l altro mi sono ricordata che a volte al buio vedevo l energia muoversi,ma non ci ho fatto caso, nonostante è una cosa che si è ripetuta

  • dafnead - 18:26 23/06/24

    Mi è sembrato di vedere i puntini ma non sono certa che sia energia, dovrò fare più pratica per capirlo... Vedevo tante cose diverse quindi mi è un po' difficile per il momento capire se si trattassero semplicemente di effetti ottici o se era effettivamente tutta o in parte della energia. Vedevo forme colorate che si muovevano ma non saprei... Comunque sono molto curiosa di svolgere questa tecnica più volte per cominciare a percepire e comprendere meglio quello che sto guardando e soprattutto se la sto svolgendo per bene come si deve. Forse proverò sia di notte che di giorno per capire meglio le differenze tra possibili effetti ottici o energia reale :)

  • Energy Medaglia per aver completato lo Step 1 Medaglia per aver completato il libro Prendiamo Coscienza degli ALIENI - Vol. 1 Medaglia per aver completato il libro Prendiamo Coscienza degli ALIENI - Vol. 4 Medaglia per aver completato il libro Prendiamo Coscienza degli ALIENI - Vol. 5 - 13:57 18/06/24

    Dopo aver svolto la visione dell'aura, ho voluto proseguire la visione guardando l'energia nella stanza, e per farlo ho deciso di usare nuovamente la guida presente in questo articolo. Quando sono riuscito a raggiungere il silenzio mentale, la visione è migliorata notevolmente, e ho iniziato a vedere delle macchie azzurrine che si muovevano, in particolare una macchia dai bordi sfrangiati (non definiti) che da grande diventava piccola, poi di nuovo grande e poi di nuovo piccola, poi ha invertito e da piccola diventava grande, poi tornava piccola e poi di nuovo grande. Ho deciso allora di guardarla meglio e il suo movimento ha rallentato, iniziando a fare piccole variazioni di dimensione. Intorno alla macchia poi vedevo come delle onde di colore azzurro trasparente che si muovevano ovunque. È stato bellissimo, e mi ha fatto rendere conto di quante cose ci siano nel mezzo tra me e quella parete che vedo ogni giorno. La visione dell'energia è troppo importante ed è un'abilità che va assolutamente sviluppata, che fa vivere meravigliose esperienze evolutive. Ripraticare questa tecnica con la guida è stato fondamentale, in quanto anche qui, come nella visione dell'aura, avevo scordato qualche passaggio, che invece mi ha fatto vedere molto più di quanto vedo solitamente. È stato bellissimo! Devo proseguire con la visione con molta costanza per raggiungere livelli superiori. Grazie di cuore Maestra per insegnarci queste importantissime tecniche!

  • jessica-tta - 15:09 13/06/24

    L ho Provato già quando ne parlasti in un capito precedente, cliccando sulla parola chiave e la sera ci provai... Ebbe si la vidi e mi resi conto poi che non era la prima volta che avevo visto ciò 🥰

  • ceci - 17:55 10/06/24

    Non sono riuscita a vedere quasi niente o comunque molto poco. Vedevo solo i contorni delle cose tutti sfuocati. Inoltre gli occhi aperti sempre, senza sbattere le palpebre, dopo un po' mi danno un po' fastidio. Insisterò nel provarci! Grazie!

  • trix - 16:40 04/06/24

    Ho fatto un po’ fatica a vedere L energia statica, qualche puntino L ho visto ma gli occhi non riescono a star fermi per troppo tempo e ogni volta dovevo ricominciare. Sono certa di non confondere L energia con altro perché avendo da molti anni il cristallino raggrumato conosco perfettamente i filamenti e il loro movimento mentre guardò qualcosa di particolarmente luminoso. Non so a cosa serva vedere L energia, magari ci sono fino molto più alti di quello che immagino, ma in questo momento particolare della mia vita mi aiuta a sentirmi parte di qualcosa, a sentirmi protetta. Cercherò di praticare questo esercizio dopo aver meditato, magari il corpo e la mente sono più rilassati e posso vedere meglio. Da piccola vedevo puntini, anche leggermente colorati, danzare nella mia camera la mattina poco dopo sveglia, ma non ho mai prestato troppa attenzione. Vediamo che succede..