• Home
  • Step 2
  • 075 – Il Terzo Occhio – Differenza fra Vista Energetica e Visione Mentale (3 parte)

075 – Il Terzo Occhio – Differenza fra Vista Energetica e Visione Mentale (3 parte)

Questo articolo è disponibile anche in formato Audio, se desideri ascoltarlo clicca qui altrimenti clicca play sul video qui sotto:

Pagina 1 su 5

Nelle lezioni precedenti sul Terzo Occhio, ti ho spiegato alcune definizioni molto importanti per comprendere al meglio che cosa sono il Terzo occhio, la Vista Energetica, il Sesto senso, ma cosa più importante per comprendere che il Terzo occhio non è il chakra della Mente. Perché tu apprenda meglio i significati è necessario un breve ripasso prima di affrontare i livelli successivi che riguardano il Terzo occhio.

Abbiamo detto che i Chakra sono zone del corpo che possono contenere grandi quantità di energia, per cui è importante meditarci. Il chakra della Mente non è il Terzo occhio, ma è un chakra, proprio come lo sono il chakra del Cuore, il chakra del Plesso, e via discorrendo, senza alcuna differenza; perciò il chakra della Mente non si trasforma in Terzo occhio, ma rimane e resterà sempre un chakra, chiamato infatti chakra della Mente, non il chakra dell’occhio. Meditare sui chakra ti permette di assorbire prana affinché questa energia venga poi utilizzata dal Sesto senso per evolversi e quindi ampliarsi in tutte le sue facoltà psichiche. Quindi il Sesto senso utilizza l’energia di tutti i chakra, in particolar modo di quelli alti (chakra della Mente e chakra della Corona, ma senza escludere gli altri!) per evolversi, in quanto il sesto senso ha un grandissimo bisogno di energia per funzionare, altrimenti rimane limitato. I chakra alti, quali chakra della Mente e Corona, sono specializzati per aumentare le facoltà mentali sia “normali” che “psichiche”. Infatti meditare sul Mente e sulla Corona aiuta molto anche a migliorare la propria memoria, la propria intelligenza, ti rende una persona più sveglia e attiva mentalmente, per cui oltre ad essere utili per evolvere le facoltà psichiche, questi chakra aiutano molto anche le facoltà mentali che utilizziamo tutti i giorni.

Ogni chakra è specializzato verso una determinata via, ma non per questo esclude le altre. Per esempio il chakra Chi è specializzato ad aumentare la forza fisica della persona, che intende anche la salute fisica e non solo la forza muscolare; ma non per questo si tratta di un chakra utile unicamente all’aspetto fisico, perché infatti è un chakra estremamente utile anche durante le pratiche energetiche, come ad esempio la Protezione Psichica: infatti grazie alla meditazione che permette al Chi di assorbire energia, riusciamo a sfruttare questa energia per praticare una Protezione molto più forte sia nella dimensione fisica che nelle altre dimensioni. Di conseguenza è importante comprende che ogni chakra è fondamentale per il nostro percorso, difatti meditiamo sui 5 chakra principali e non soltanto su di uno. Naturalmente però ogni chakra è orientato soprattutto su un determinato settore, infatti i chakra alti sono specializzati nel permetterci di scoprire, conoscere e comprendere informazioni “più elevate”, quindi informazioni che vanno oltre la dimensione fisica alla quale siamo abituati. Anche per questo il chakra della Mente viene, erroneamente, associato al Terzo occhio come se fossero la stessa cosa, ma così non è! Infatti il chakra della Mente è un centro energico che permette al Sesto Senso di usare quell’energia, che poi sfrutterà per evolvere anche il Terzo occhio. Di conseguenza il filo conduttore è molto più lungo e complesso e non deve essere sintetizzato erroneamente con la credenza che i due termini indichino lo stesso elemento.

Ciò significa che se credi di avere già un grande Sesto senso senza neanche bisogno di meditare, non hai la più pallida idea di come diventerebbe evoluto se invece meditassi. Tante volte ci limitiamo da soli pensando di aver già ottenuto il massimo dalla vita, quando invece basterebbe davvero poco per superare i nostri limiti e raggiungere risultati estremamente più gratificanti e soddisfacenti per noi e per la nostra vita. Non si tratta solo di accontentarsi o pretendere di più, ma si tratta di comprendere che se puoi ottenere di più dalla vita non c’è ragione per cui tu debba limitarti con le tue stesse mani; piuttosto prenditi tutto ciò che ti spetta. Il Sesto senso è tuo di diritto, ma devi guadagnartelo, perché stare fermo ad accontentarti del poco che hai da tutta la vita non basta per raggiungere i tuoi obiettivi: resterai fermo ad un limite che ti sei imposto da solo per semplice pigrizia.

Pagina 2 su 5

Puoi allenarti e raggiungere livelli molto più alti e che ti permetteranno di avere un grande potere sulla tua vita, togliendo questo potere dalle mani di chi lo stava usando per portarti malesseri e sofferenze. Con la pratica puoi decidere di essere l’unico ad avere il potere della tua vita, togliendo questi permessi a chi sino ad ora ha messo le mani nella tua vita senza che tu lo sapessi.

Meditare sui chakra ti permette di prendere energia, che servirà al Sesto senso per evolversi e sviluppare le sue più immense capacità. Infatti il Sesto senso si divide in diversi settori, ed uno di questi è il Terzo Occhio. Quest’ultimo è un settore del Sesto senso che a sua volta si divide in molteplici capacità. Il Terzo occhio non è fisico perciò non comparirà un terzo occhio in fronte né sostituirà la posizione del chakra della Mente; le immagini in cui il Terzo occhio viene rappresentato in fronte, al posto del chakra della Mente, sono solo a scopo illustrativo, ma l’inesperienza della gente ha fatto in modo che il messaggio venisse confuso e interpretato erroneamente, tanto da credere che il chakra della Mente si trasformi nel Terzo occhio. Ma non sarà così! Le rappresentazioni delle Divinità con il Terzo occhio disegnato in fronte avevano come unico scopo il poter descrivere quella Divinità come capace di vedere Oltre la vita terrena, perciò è un disegno simbolico che vuole raccontare le alte facoltà psichiche di quel personaggio storico e/o Divinità.

Il Terzo occhio è quindi la capacità che permette di “vedere” cosa c’è oltre la vita terrena, quindi permette di vedere oltre ciò che vedono normalmente gli occhi umani. A questo punto però è fondamentale comprendere l’enorme importanza del Terzo occhio, in quanto le capacità che ne appartengono si dividono fondamentalmente in due: Vista Energetica e Vista Mentale. Della Vista Energetica, che sfrutta la Visione energetica, ne ho già parlato nelle lezioni precedenti. Ciò che è fondamentale ricordare è che la Vista energetica ti permette di vedere l’Energia, vedere le Aure, e tutto ciò che si deve vedere con gli occhi aperti. Quindi la Vista energetica serve ad amplificare la propria vista quotidiana affinché si riesca a vedere con i propri occhi la verità che ci circonda. La Vista Mentale non può e non deve sostituire la Vista energetica, solo per questione di pigrizia, ma deve essere utilizzata per tutte quelle facoltà in cui la Vista energetica non è specializzata. Ci sono cose che si devono guardare ad occhi aperti, altre, invece, non si possono guardare ad occhi aperti, quindi si devono osservare ad occhi chiusi. Il punto è che tanta gente confonde il potere con la svogliatezza, difatti finisce per “guardare” con la mente ciò che invece andrebbe guardato con gli occhi e viceversa, commettendo un grave errore di fondo. Per spiegare meglio questo concetto, è fondamentale capire quali tecniche vanno applicate con gli occhi aperti e quali invece con gli occhi chiusi. Le tecniche come guardare le Aure, l’Energia statica, visione delle Facce delle vite passate, come anche vedere le Entità, vanno praticate con gli occhi, in quanto è necessario imparare a vedere questi tipi di energia con gli occhi aperti, sfruttando quindi la Vista energetica. Questo perché la Vista energetica ti permette di vedere realmente le energie che hai davanti, per vivere esperienze che ti permettono di evolverti velocemente senza più ombre di dubbio. Se invece parliamo di tecniche quali Visione Remota, vedere il Futuro, come in parte anche la Visualizzazione, sono tecniche che si possono praticare ad occhi chiusi in quanto non stai utilizzando gli occhi fisici per osservare questi generi di flussi, ma stai utilizzando il sesto senso. Ma prima di riconoscere quand’è vero sesto senso e quand’è immaginazione, ci vuole tanta pratica.

La tecnica della Visualizzazione inizialmente è una tecnica che usa “l’immaginazione” creativa, che sfruttiamo per far sì che la nostra mente si abitui a formulare degli intenti precisi affinché le tecniche riescano meglio. Come ben sai, il nostro Pensiero Crea, perciò puoi decidere se creare quelle zone di realtà con incoscienza, oppure se crearle con tua coscienza e volontà sfruttando la tecnica della Visualizzazione per ottenere risultati positivi per migliorare la tua vita.

Pagina 3 su 5

Per cui inizialmente la Visualizzazione si basa sull’immaginare, ma è importante perché immaginando inizi a stimolare dentro di te un intento e quindi un tipo di energia creatrice. Molte persone però si lasciano cullare dalla Visualizzazione, come se fosse essa stessa realtà innegabile. In realtà la Visualizzazione può mentire e può sbagliare eccome! Infatti parte da un principio di immaginazione, per cui comprendi bene che l’immaginazione può creare brutti scherzi. È questa la ragione per cui è troppo importante evolvere la Vista energetica e non solo la Vista mentale.

La Vista energetica non può mentire, non può sbagliare! La Vista energetica va applicata ad occhi aperti, per cui a meno che non si tratti di persone che si trovano sotto effetto di droghe (o con seri problemi mentali), non si può immaginare qualcosa talmente forte da vederla davanti a sé con i propri occhi, perché con gli occhi vedi soltanto la realtà! Ti ho già consigliato mille volte di non utilizzare droghe proprio per evitare che ciò che vedi con gli occhi (quindi la realtà) venga confuso dalle allucinazioni causate dalle droghe, per cui è fondamentale non usare droghe proprio perché tu possa vedere la vera verità, e non le immaginazioni causate dalla droga. Inoltre, se vogliamo parlare anche delle persone che possiedono dei problemi mentali tali che portano ad avere visioni immaginarie anche ad occhi aperti, stiamo parlando di persone che le visioni le hanno costantemente, per cui sono persone già riconosciute per avere dei problemi mentali. In altre parole i problemi mentali non sfociano solo dal momento in cui quelle persone provano a guardare le Aure, o l’energia; i problemi mentali sono perenni, per cui non possiamo dubitare dell’esistenza delle facoltà visive solamente perché al mondo esistono anche persone con problemi mentali che “vedono cose” che non sono reali, anche ad occhi aperti. Se poi vogliamo chiederci se ciò che quelle persone vedono sia davvero immaginazione o esperienze reali, dovremmo soffermarci sull’analisi caso per caso, in quanto alcune persone definite matte, non sono davvero matte, perché vedono realmente le entità, ma nessuno gli crede. Altre di loro, invece, purtroppo possiedono davvero gravi problemi psicologici, per cui non si può credere a nessuna parola che viene detta da loro. Di conseguenza non possiamo fare di tutta l’erba un fascio, perché ogni singolo caso è diverso.

Proprio per questo è troppo importante che sviluppiamo la Vista energetica affinché ciò che vediamo con gli occhi aperti sia Reale, e non sia solo causato da una nostra visualizzazione ad occhi chiusi, rischiando quindi che sia immaginaria. Troppe persone credono che non ci sia differenza, che non ci sia problema ad osservare le Aure con gli occhi chiusi, perché sono convinte che sia “la stessa cosa”. Ma come può essere la stessa cosa? Quando guardi il viso di tuo marito, quando guardi il viso di tuo figlio, quando guardi tua madre, lo fai con gli occhi aperti o con gli occhi chiusi? Di sicuro con gli occhi aperti; e perché li guardi con gli occhi aperti? Se non c’è differenza, se è la stessa cosa, perché non chiudi gli occhi per sempre e inizi a parlare con loro con gli occhi chiusi senza mai più guardarli in faccia con gli occhi aperti? Per il semplice fatto che con gli occhi aperti puoi vedere il loro vero volto, mentre se li chiusi rischieresti di dimenticarti il loro vero volto, rischieresti di immaginartelo, di non vedere i cambiamenti fisici che il tempo apporta al loro viso. Quindi ti rendi conto che è troppo importante imparare a vedere con gli occhi aperti, e che ciò che si guarda con gli occhi aperti non potrà mai essere rimpiazzato da una visualizzazione. Saper Vedere è troppo importante!

Ci sono tecniche che vanno svolte ad occhi aperti ed altre che vanno svolte ad occhi chiusi, perciò bisogna rispettare certe tecniche anziché volerle scombussolare e cambiare radicalmente a proprio piacimento, solo per dare sfogo a ragioni personali che hanno come unico scopo quello di nutrire la propria svogliatezza, apatia e ignoranza. Praticare per evolvere la Vista energetica richiede tempo e impegno, e non tutti ne hanno voglia, perciò tante persone preferiscono fingere che visualizzare l’Aura possa valere quanto vederla ad occhi aperti. Per cui tante persone dicono di saper vedere l’Aura, di vederne i colori, di saperla leggere, e tutto questo lo fanno ad occhi chiusi.

Pagina 4 su 5

Come? Immaginandosi tutto. Ma Noi non siamo qui per immaginarci tutto, Noi siamo qui per evolverci, quindi per evolvere le nostre facoltà psichiche per davvero e non per finta. Il nostro obiettivo è quello di evolverci per Risvegliarci; non è quello di far finta di essere evoluti solo per dare aria alla bocca e fingere di saperne qualcosina sulla spiritualità. Le tecniche praticate con gli occhi chiusi non sono da considerare nulle o fasulle a priori, ma sono molto più complesse da evolvere in quanto risulta estremamente facile immaginarsi tutto, rispetto invece alle tecniche praticate ad occhi aperti in cui l’energia che vedi è reale, non è immaginaria, perché la stai vedendo ad occhi aperti. Questo non deve far perdere valore alle tecniche che vanno praticate ad occhi chiusi, come ad esempio la capacità della Visione Remota, in quanto invece si tratta di tecniche molto importanti, difatti le insegno tutte attraverso questi Steps perché sono tecniche che funzionano davvero, ma bisogna prima imparare a riconoscere quali sono i flash reali da quali sono le visualizzazioni immaginate.

Questa lezione infatti non ha lo scopo di allontanarti dalle pratiche da attuare con gli occhi chiusi, bensì a farti riconoscere la differenza fra le due capacità affinché tu possa evolverti davvero e non per modo di dire. Troppe persone si ritengono Risvegliate senza saper fare nulla di psichico! Si ritengono Risvegliate, ma non hanno la ben che minima capacità psichica. Allora dov’è questo Risveglio? Dov’è l’evoluzione spirituale in coloro che non hanno un briciolo di sesto senso attivo? Basterebbe ritenersi evoluti per diventarlo sin da subito? Certo che no, ed è questo che bisogna comprendere: possiamo vivere in un mondo illusorio dove ci illudiamo di essere evoluti anche senza fare niente, e di sapere tutto di tutto, oppure possiamo aprire gli occhi e comprendere che non siamo affatto evoluti solo perché lo pensiamo – dato che ci torna comodo – ma che per evolverci bisogna fare qualcosa: allenarsi, praticando per evolvere il proprio Sesto senso. Dal momento in cui comprendi che ci sono tecniche che vanno praticate ad occhi aperti, senza girarci troppo intorno, e tecniche che vanno praticate ad occhi chiusi, stai partendo con il piede giusto, perché sei consapevole che ogni facoltà psichica va evoluta con precisissime tecniche che non possono variare a seconda di ciò che ci sembra più comodo.

D’altro canto, questa è l’Era in cui ognuno sceglie di inventarsi nuove conoscenze completamente false e sbagliate e diffonderle apertamente al mondo intero, solo per giustificare la propria pigrizia o le proprie pessime abitudini. Proprio come chi dice che fare sport fa male alla salute, solo per non ammettere di essere pigri, nullafacenti, di non avere voglia di muovere un dito e quindi finisce per criticare lo sport tanto da volerlo far passare come sbagliato e negativo. Oppure come chi dice che bere birra e vino fa bene alla salute, solo per non ammettere di essere alcolizzato; o chi dice che le droghe leggere facciano bene per evolversi spiritualmente con maggiore rapidità, solo per non ammettere di essere dipendente da droghe e quindi drogato; o peggio ancora chi dice che le droghe allucinogene quali ayahuasca non siano droghe ma solo bevande allucinogene, sì, droghe da bere che possono fotterti la mente per sempre e rovinarti la vita peggio di quanto pensi. Non importa se sono pasticche, polveri, liquidi o bevande, si tratta sempre di droghe e, a prescindere dal modo in cui le assumi, queste ti rovinano la vita per sempre, nulla a che vedere con l’evoluzione spirituale! Questa è l’Era in cui ognuno diventa esperto di medicina, ognuno diventa nutrizionista, ognuno diventa professore di vita altrui solamente perché ha letto qualche articolo sul web o perché studia all’università, dimenticandosi di essere uno studente, non uno scienziato riconosciuto per le sue grandi scoperte. Ci troviamo nell’Era del web, dove ognuno può inventarsi liberamente conoscenze fasulle solo per trovare una scusante ai propri vizi, ai propri difetti, ai propri errori, e cerca di farle passare per verità assolute. Noi dobbiamo andare controcorrente e cercare la vera Verità, non quella che ci viene più comodo, ma quella vera, quella che ci permetterà alla fine dei conti di Risvegliarci per davvero.

Pagina 5 su 5

Un giorno tutti gli altri si renderanno conto che inventare una conoscenza non equivale a renderla reale, così si accorgeranno che la droga non li ha fatti evolvere ma solo rovinare; che l’alcool non gli ha fatto bene alla salute, ma li ha condotti all’ospedale; che le bevande allucinogene non gli ha fatto aprire il terzo occhio, ma gli ha distrutto il cervello; che temere lo sport come fosse malvagio non li ha resi superiori, ma li ha condotti a malattie gravi causate dall’eccessiva sedentarietà; ed infine, inventarsi conoscenze spirituali e illudersi di essere Risvegliati non li ha condotti a Risvegliarsi davvero, ma solo ad immaginarsi tutto.

Perseguire la via della Verità è molto più difficile che rilassarsi sulle proprie illusioni convincendosi di Essere e Sapere tutto. Però, alla fine di tutto questo, chi aveva perseguito la Verità fino in fondo, l’avrà trovata, mentre tutti gli altri no. Cercare la verità è molto più difficile che stare fermi a fare niente; eppure sarà l’unica via che ti darà concrete realizzazioni, reali esperienze e soddisfazioni che ti dureranno per tutta la vita e per tutte le vite a venire. La Visione Mentale, se allenata correttamente, può offrirti flash molto veritieri e precisi, nulla a che vedere con i flash confusi e che ti lasciano sempre addosso un mucchio di dubbi, che potresti avere avuto sinora. Proprio per imparare a riconoscere cos’è vero e cosa no, sarà fondamentale praticare la Vista Energetica di pari passo, così che i tuoi occhi vedano la realtà e tu sappia comprendere cos’è vero e cos’è immaginario. Il Silenzio mentale in tutto questo giocherà un ruolo più che fondamentale, perché grazie al Non Pensiero imparerai a riconoscere quali sono flash reali, arrivati grazie al Sesto senso, da quali invece sono flash immaginari, che ti sono stati infilati in mente per confonderti ancor di più.

Nella prossima lezione approfondiremo le facoltà che riguardano la Visione Mentale perché tu possa conoscere l’importanza di tali pratiche. Nel frattempo però ti consiglio di iniziare a praticare le tecniche che riguardano la Vista Energetica, affinché tu possa imparare a guardare la realtà con i tuoi occhi, senza più avere dubbi, così da abbassare il tuo Regolatore e aumentare le esperienze visive. Le esperienze visive sono molto importanti e non dovranno mai essere sostituite da quelle appartenenti alla visione mentale.

Fine pagina 5 su 5. Se hai gradito l’articolo, commenta qui sotto descrivendo le tue sensazioni durante la lettura o la pratica della tecnica proposta.
Questo documento è di proprietà di https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Accademia di Coscienza Dimensionale, A.C.D. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©
62+

291 Commenti

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *

Nome *
Email (opzionale)


  1. Molto chiaro articolo sulla differenza fra vista energetica e vista mentale … e le diverse tecniche sia ad occhi aperti(Aura, energia statica, entità ) occhi chiusi (Visione remota, vedere futuro, visualizzazione ….. ma anche molto altro
    :::Grazie:::

  2. La visione mentale mi affascina molto, anche se non avevo mai capito cosa fosse prima di questo articolo. Dobbiamo sviluppare il nostro terzo occhio sia ad occhi aperti che chiusi.

  3. Oggi mi sono chiesta come facciamo a capire se si tratta di un flash o del low, non avevo ancora letto l’articolo, neanche il titolo e come sempre mi hai risposto subito.Questo articolo è stato molto chiaro! Dovrei davvero riprendere con la vista energetica, anche dopo qualche sessione neanche troppo lunga, i giorni seguenti mi sembra che la pratica abbia effetto anche fuori la sessione. È una pratica troppo importante! Grazie per ricordarci di volta in volta tutte le tecniche.

  4. Molto interessante l’aver precisato quelle che sono le differenze tra la visione energetica (vedere l’energia ad occhi aperti) e quella che è la visione remota (ad occhi chiusi). Queste differenze le ho ritrovate anche in articoli precedenti e penso di aver capito bene le differenze, quindi grazie per l’ulteriore chiarimento. Vorrei riuscire a vedere meglio l’energia, visto che ad oggi non riesco completamente, ma sono consapevole che ci vuole molta energia (accumulata dalle meditazioni) e tanta pratica. Continuerò fino a quando non ci sarò riuscito.

  5. Articolo di fondamentale importanza che chiarisce la differenza tra terzo occhio , reparto del sesto senso e chakra mente che un chakra come tutti gli altri . Cercherò di riprendere con la visione energetica. Grazie infinite

  6. Bellissimo articolo …come ho scritto in altri articoli la pratica prima di tutto, siamo qui per evolverci e conoscere noi, evolvere le nostre facoltà psichiche ,molto altro :::Grazie:::

  7. articolo chiarificante, devo cancellare ogni precedente nozione… Grazie Angel

  8. Bene, queste parole sono di grande aiuto per la motivazione, che purtroppo ha alti e bassi ma credo che all’inizio sia normale. Non c’è cosa peggiore di avere un flash e non capire da dov’è venuto, se fidarsi o meno, a volte nella visione mentale compaiono cose talmente strane che proprio non hanno logica.

  9. Questo articolo mi stimola a riprendere l’allenamento con la vista energetica. Stavo andando così bene accidenti… Ricomincerò esattamente ADESSO!

  10. E continuò a leggere, ad assorbire teoria, ma mi sembra che la pratica non vada di pari passo. Ogni giorni provo un po’ a sviluppare la visione energetica, devo dire senza grossi risultati. Ho deciso di incrementare per un periodo le meditazioni sul mente, per rinforzare le visioni ad occhi aperti. Per quanto riguarda la visione mentale, sono ferma all’immaginazione, ma di pratica non ne ho ancora fatta. Sono convinta che insistendo e continuando, i risultati arriveranno.

  11. Ho capito la differenza tra visione mentale e vista energetica, sino ad ora ho avuto più riscontro nella vista energetica invece nella visione mentale ho difficoltà fatico bel visualizzare che è la base figuriamoci in tecniche più complesse, per ora .mi alleno a praticare poi vediamo i miglioramenti

  12. Ho capito molto bene la differenza tra visione mentale e vista energetica. È vero, le tecniche visive sono molto importanti perché velocizzano molto la nostra evoluzione; quando qualcosa si vede non ci sono più dubbi, perché in quel momento saprai per certo che quella cosa esiste, anzi servirà poi da stimolo per la continuazione della pratica. Il sesto senso ci appartiene, ma non per questo è già evoluto, c’è bisogno quindi di pratica costante, solo così si può evolvere davvero e comprendere la vera realtà che ci circonda. Grazie

  13. In questo documento si parla di un’importante differenza tra vista energetica e visione mentale. Ora mi è molto chiara e il discorso è molto schietto e coerente, anche perché per scoprire la verità occorre avere le prove e le prove devono essere concrete. Grazie per metterci a disposizione tutti gli strumenti per poter scoprire la verità autonomamente! Mi rendo sempre più conto che grazie a questo percorso la barriera tra visibile e invisibile di sta sempre più assottigliando.. non vedo l’ora di oltrepassarla del tutto!

  14. Ho compreso bene la differenza tra vista energetica e visione mentale.. Per ora alleno la vista energetica e solo una volta ho avuto in mente in modo spontaneo un simbolo che non scompariva, che ho potuto osservare bene, anche se io non sono brava a visualizzare. Non era una visualizzazione era proprio reale…

  15. 🙂🙂🙂Il terzo occhio è una capacità che ci permette di vedere cosa c’è oltre la vita terrena. Questa capacità si suddivide in:
    – Vista Energetica (che non può sbaglia re -si vede ad occhi aperti) vedere: aura, energia statica, facce vite passate, entità
    – Vista Mentale (si vede ad occhi chiusi) vista remota, vedere futuro, visualizzazio ne (immaginazione creativa applicando l’intento per creare la realtà)🙃🙃🙃

  16. la visualizzazione incrementa l’intento…importantissimo!!!Questa è una nozione chiave per capire come si debba lavorare.
    grazie anche per aver specificato che cos’è e come si possono fare evolvere il senso senso e terzo occhio….

  17. Grazie Angel è tutto molto chiaro.. sono chiare le differenze tra vista energetica e visione mentale. Il fatto di allenare per bene la nostra vista energetica è fondamentale perchè solo così potremo capire che ciò che vediamo quando mettiamo in pratica la tecnica non sono cose immaginarie bensì è la realtà. Devo allenarmi meglio con la vista energetica mentre con la visualizzazione sta andando abbastanza bene, anche perchè è stata una delle prime tecniche imparate iniziando con l’immaginare prana che si avvicina. Devo mettere più concentrazione nel non pensiero durante la visione energetica ma soprattutto devo non sbattere le palpebre così tante volte per evitare di perdere quel poco che si stava materializando.

  18. Anche su questo argomento Angel ha fatto finalmente chiarezza, prima ricordo che le poche cose che avevo letto parlavano tutte di aprire il terzo occhio che si trovava in fronte ecc. Chiarissima la distinzione tra visione energetica e mentale, e l’importanza di sviluppare entrambe. io trovo la visualizzazione ancora tanto difficile, è una di quelle capacità che non mi ha dato subito un piccolo riscontro, quindi purtroppo non la sento ancora come un’arma a mia disposizione ma come una sfida da superare, spero di migliorarla presto. La vista energetica mi ha dato più o meno da subito prove, in tutte le varie pratiche fatte fino ad ora. Questo mi dà modo anche di praticarla con più serenitá, solo che l’allenamento che gli ho dedicato fino ad ora non posso definirlo “serio” come sto facendo per esempio con meditazione, taglio fili e protezione, ed ho deciso di motivarmi a fare di più perchè sento che sia una capacità molto importante da sviluppare al più presto. Quindi voglio farmi un programmino in cui gli dedico un’ora al giorno, e vediamo come va.

  19. Trovo spesso difficoltà nel praticare la visione mentale, appunto essendo molto mentale ho livelli bassi di concentrazione, lavoro molto sulla pratica del non pensiero e del rilassamento proprio per riuscire a praticare poi anche le altre tecniche…..ma ci sono ancora delle difficoltà per ora!!!

  20. Voglio essere sicura che ciò che vedo o che percepisco sia reale, sempre. È la priorità, con le illusioni non si va da nessuna parte. Credo sia questione di tempo oltre che di continua pratica, pian piano si fa tutto